La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 ALPCITY INTERREG III B Alpine Space Programme LA SCUOLA DI MONTAGNA: PROGETTOSCUOLA INTERNAZIONALE ALPI MARITTIME.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 ALPCITY INTERREG III B Alpine Space Programme LA SCUOLA DI MONTAGNA: PROGETTOSCUOLA INTERNAZIONALE ALPI MARITTIME."— Transcript della presentazione:

1 1 ALPCITY INTERREG III B Alpine Space Programme LA SCUOLA DI MONTAGNA: PROGETTOSCUOLA INTERNAZIONALE ALPI MARITTIME

2 2 Progetto Alpcity INTERREG III B Alpine Space Programme Scuola Internazionale delle Alpi Marittime GRUPPO DI LAVORO Coordinatore: Walter Cesana Direttrice Parco: Patrizia Rossi Docente Universitaria Facoltà Scienze dell Educazione: Daniela Maccario Dirigente IC Grandis di Borgo: Maddalena Gerardi Insegnanti scuola primaria: Margherita Rabbia, Bruna Lovera Insegnanti scuola secondaria di primo grado: Maria Luisa Ghibaudo, Carlo Bottasso, Claudio Fiabane Funzionario del Parco responsabile di didattica: Alessandro Barabino Tesista di Scienze dell Educazione: Federica Appendino

3 3 PRIMA FASE (giugno – luglio – agosto 2005) costituzione gruppo di lavorocostituzione gruppo di lavoro organizzazione logistica ripartizione incarichi allinterno del gruppo individuazione obiettivi generali

4 4 COSTITUZIONE GRUPPO DI LAVORO Un coordinatore La direttrice del Parco Naturale Alpi Marittime Una persona incaricata del collegamento e della documentazione Due insegnanti di scuola primaria Due insegnanti di scuola secondaria di primo grado, poi divenuti tre Un funzionario del Parco esperto in progetti didattici ambientali Il dirigente scolastico dellIstituto Comprensivo di Borgo S.Dalmazzo (comprendente le scuole di Valdieri ed Entracque) UN PRIMO ALLARGAMENTO: Una docente universitaria della Facoltà di Scienze dellEducazione FUTURO ULTERIORE ALLARGAMENTO DEL GRUPPO A PERSONE QUALIFICATE per aspetti gestionali e finanziari

5 5 ORGANIZZAZIONE LOGISTICA il Parco Alpi Marittime ha messo a disposizione del gruppo di lavoro: - un locale per le riunioni di gruppo - uno spazio per la conservazione dei documenti prodotti - uno spazio per la persona incaricata di fare da punto di collegamento - attrezzatura informatica il Parco ha inoltre messo a disposizione del gruppo di lavoro tutti i materiali cartacei, informatici, documentativi inerenti le tematiche che il gruppo intende affrontare il gruppo lavora attraverso: riunioni plenarie, per sottogruppi tematici, oppure attraverso scambi e confronti individuali tra i componenti o contatti con esperti esterni il coordinatore del gruppo fa riferimento in modo costante alla direzione del Parco per calendario riunioni, convocazioni ed aggiornamento dello sviluppo del progetto

6 6 RIPARTIZIONE INCARICHI Il coordinatore predispone le griglie di lavoro, propone mappe concettuali, relaziona nelle riunioni plenarie del gruppo facendo sintesi dei vari contributi pervenuti dai componenti, è il portavoce del gruppo ed opera in stretto collegamento con la direzione del Parco Alpi Marittime La studentessa laureanda è incaricata di tenere i collegamenti tra i membri del gruppo e di raccogliere la documentazione, di ricercare (anche tramite internet) altre esperienze in Italia ed allestero che possano collegarsi al progetto in elaborazione, di creare strumenti di analisi del bisogno della comunità locale Gli insegnanti forniscono un contributo di programmazione educativo-didattica per i vari ordini di scuola secondo le prospettive del progetto e partendo dalla realtà attuale che ben conoscono Il funzionario del Parco offre il collegamento operativo con le esperienze didattiche e culturali già poste in essere dal Parco La docente universitaria esperta in processi di formazione di personale educativo è il riferimento per mantenere il livello di eccellenza pedagogica che viene ipotizzato Si sono coinvolti altri esperti specifici per settore (finanziario-censimento strutture).

7 7 1.Costruire un modello educativo eccellente ed innovativo 2.Mantenere e riqualificare il corpo docente locale ed attrarre insegnanti da altre aree 3.Delineare un percorso formativo incentrato sulle lingue europee (inglese, francese, spagnolo, tedesco) 4.Promuovere ed inserire la scuola in rete con altre realtà scolastiche ed educative italiane ed estere 5.Valutare opzioni e programmi di residenzialità degli studenti 6.Creare un legame forte con il contesto territoriale OBIETTIVI GENERALI

8 8 1.Costruire un modello educativo eccellente ed innovativo: indirizzata a tutti gli ordini di scuola dalla scuola primaria alla scuola superiore (formazione liceale accanto alla formazione professionale) per la popolazione studentesca locale e per quella che si intende attrarre dalle aree limitrofe: provincia di Cuneo, regione Piemonte, Liguria di ponente. Sperimentare orari, ritmi di insegnamento/apprendimento diversificati, uso quotidiano di strumenti informatici e tecnologie multimediali, utilizzo di spazi interni ed esterni alla struttura scolastica attraverso laboratori, uscite, partecipazione ad attività educative specifiche del territorio montano. L educazione può contribuire a processi di empowerment promuovendo acquisizione di competenza nellambito della cultura locale e dei linguaggi.

9 9 2.Mantenere e riqualificare il corpo docente locale ed attrarre insegnanti da altre aree: formazione iniziale e continua dei docenti da realizzare in collegamento anzitutto con lUniversità degli Studi di Torino ed anche con altre università francesi ed europee, tenendo come sfondo integratore professionale la specificità del contesto ambientale alpino ed attivando laboratori, stages, seminari, convegni in loco. Delineare un modello di scuola capace di vivere un rapporto continuativo di reciprocità con le agenzie e le risorse educative presenti sul territorio, nel quale insegnanti motivati e professionalmente preparati si percepiscano come protagonisti importanti del contesto socio-ambientale e sappiano interagire come operatori di rete ed assumere la specificità della montagna come risorsa trasversale del loro agire che dovrà essere riconosciuto anche attraverso specifiche attestazioni. OBIETTIVI GENERALI

10 10 OBIETTIVI GENERALI 3.Delineare un percorso formativo incentrato sulle lingue europee: assunzione del plurilinguismo come valore fondante della specificità alpina transfrontaliera e come risorsa comunicativa essenziale a livello europeo; valorizzare le lingue nazionali europee oltre litaliano (inglese, francese, spagnolo, tedesco) e nel contempo le lingue minoritarie dellarco alpino a cominciare da quella occitana tipica delle Alpi Marittime.

11 11 4.Promuovere ed inserire la scuola in rete con altre realtà scolastiche ed educative italiane ed estere: potenziamento dei collegamenti e scambi già esistenti fra le scuole del territorio ed altre realtà transnazionali, e rinforzo di tali legami con nuove offerte di visite, soggiorni, attività specifiche in loco legate allo sport, al turismo, alleducazione ambientale, alla cultura locale. Inserimento delle attività di scambio come momenti continuativi del percorso scolastico e delle attività di rete come metodologia importante dei percorsi di insegnamento/apprendimento. Stesura di un protocollo co-educativo tra Ministero Pubblica Istruzione- Direzione Scolastica Regionale ed altre agenzie del territorio, prime fra tutte il Parco delle Alpi Marittime ed il Parco del Mercantour OBIETTIVI GENERALI

12 12 OBIETTIVI GENERALI 5.Valutare opzioni e programmi di residenzialità degli studenti: soggiorni temporanei, stagionali, diversificati, sia durante lanno scolastico e sia nella stagione estiva rivolti ai bambini, ai ragazzi e agli studenti universitari italiani ed europei con un programma mirato ad attività di studio, di sport, di svago e tempo libero come scoperta delle risorse del territorio (dalle tradizioni socio-culturali a quelle enogastronomiche).

13 13 OBIETTIVI GENERALI 6.Creare un legame forte con il contesto territoriale: realizzazione di attività specifiche ed originali che uniscano le risorse ambientali, socio-economiche, culturali, sportive presenti sul territorio con le attività educativo-didattiche scolastiche, ad esempio con la realizzazione di laboratori artigianali, di percorsi turistici, di animazione teatrale, musicale, di espressione artistica grafico-pittorica, di corsi e attività sportive non solo sci, ecc. superare episodiche collaborazioni ed interagire in modo costante con gli enti quali Comuni, Comunità Montane, Parco Alpi Marittime e con le associazioni ed i gruppi operanti sul territorio puntando a proporre il valore della specificità montana come risorsa di vita futura per i giovani a livello europeo ed il percorso scolastico come occasione di formazione e stimolo a nuovi spazi di creatività per uno sviluppo socio-economico montano armonico con lambiente.

14 14 SECONDA FASE (settembre-ottobre-novembre-dicembre 2005) Focus gruop del gruppo di lavoro e incontri più frequenti tra alcuni membri del gruppo ricerche e analisi di casi simili italiani e francesi creazione dello strumento di rilevazione del bisogno (il questionario) primo incontro di monitoraggio del progetto presso la Regione

15 15 FOCUS GROUP Gli incontri del gruppo di lavoro si sono intensificati in questa seconda fase del lavoro, soprattutto i momenti di confronto tra alcuni componenti del gruppo: tra il coordinatore e la tesista, tra questi e gli insegnanti; con la docente universitario prof.ssa Daniela Maccario, con la quale la tesista ha collaborato per la stesura del questionario; con la direzione del Parco per attivare i contatti con altri enti. Gli incontri di verifica sono serviti ai partecipanti al lavoro per tenere aggiornati i colleghi sullandamento dello studio e per scambiarsi opinioni e punti di vista sulle tappe successive da affrontare. Le riunioni con tutti i membri hanno avuto luogo ogni tre mesi circa, mentre quelle specifiche si sono tenute ogni quindici giorni circa.

16 16 RICERCHE CASI SIMILI Attivando contatti, si sono potute ottenere informazioni circa gli istituti italiani e stranieri che presentano caratteristiche simili alla formula Scuola di Montagna. La ricerca è avvenuta in quelle zone in cui è presente una situazione culturale, ambientale e sociale simile (piccoli paesi di montagna, vicinanza con una parco naturale, esiguo numero di abitanti, attività didattico-formative di alto livello…) I casi italiani sono: - nove istituti che adottano la formula Sky college in tutta italia; - il college Val Maira di Stroppo; - l Istituto comprensivo di Egna; - l Istituto comprensivo di Perosa Argentina; - Scuola Forestale di Ormea I casi francesi sono: - College Jean Franco di St. Etienne de Tinèe; - Liceo della montagna di Valdeblore; - Scuola Internazionale di Grenoble

17 17 Il gruppo di lavoro ha deciso di dare maggiore importanza a due casi francesi, St. Etienne de Tinèe e Valdeblore, per diversi motivi: - sono situati entrambi in piccoli centri montani oltralpe; - Collaborano con il Parc National Du Mercantur, con il quale peraltro anche il Parco delle Alpi Marittime è in collaborazione; - Sviluppano curricola formativi incentrati sulle lingue, le attività montane, lo sport e la cultura locale; - Offrono agli studenti lopportunità di utilizzare servizi di residenzialità permanente; - Sono dotate di servizi, laboratori, palestre… a disposizione degli studenti; - Sono strutture pubbliche aperte tutto lanno che organizzano anche attività culturali e formative extra scolastiche (inoltre le scuole medie di Valdieri effettuano già scambi culturali con St. Etienne ) I CASI RITENUTI MOLTO INTERESSANTI

18 18 LICEO della MONTAGNA – Valdeblore

19 19 LICEO della MONTAGNA – Valdeblore (biblioteca)

20 20 LICEO della MONTAGNA Valdeblore (laboratorio elettrotecnico)

21 21 LICEO della MONTAGNA – Valdeblore (palestra)

22 22 LICEO della MONTAGNA – Valdeblore (stanze)

23 23 COLLEGE JEAN FRANCO – St. Etienne de Tinèe

24 24 Il questionario è uno degli strumenti essenziali per la completezza di una ricerca così complessa. Lo strumento di rilevazione del bisogno è stato indicato come mezzo per sondare le opinioni dei residenti di Valdieri ed Entracque, che usufruiscono del servizio scolastico locale. La creazione del questionario ha seguito diverse fasi lunghe e complesse: - prima stesura di una serie di costrutti che permettessero di sondare gli aspetti rilevanti per la ricerca; - Stesura di una batteria di domande che potessero toccare tutti i costrutti scelti; - Scelta delle opzioni di risposta; - Analisi delle domande e scrematura delle stesse, in modo da rendere il questionario il più completo possibile, ma anche il più semplice possibile; - Confronto con il resto del gruppo; - Ulteriori modifiche; - Test di prova ad un gruppo di cinque/sei famiglie ed ultime modifiche CREAZIONE DEL QUESTIONARIO

25 25 PRIMO INCONTRO MONITORAGGIO ALPCITY Il primo incontro che il nostro gruppo ha svolto, per l analisi dellavanzamento lavori, è avvenuto il 14 ottobre Alla riunione erano presenti altri progetti della Regione Piemonte, che naturalmente sono entrati in Alpcity già nel Per il progetto Scuola di Montagna si era ancora in una fase molto embrionale. Lincontro è servito al coordinamento del gruppo per avere ulteriori informazioni riguardo le tappe successive da realizzare, per confrontarsi con altri gruppi di lavoro riguardo problematiche comuni, per avere spunti ulteriori circa le Buone Pratiche.

26 26 Distribuzione questionario e analisi dei dati; incontri con Assessorato alla Montagna della Regione Piemonte; incontri con il CSA di Cuneo; primi incontri con gli amministratori locali; secondo incontro di monitoraggio del progetto presso la Regione TERZA FASE (gennaio – febbraio – marzo 2006)

27 27 DISTRIBUZIONE DEL QUESTIONARIO La distribuzione è avvenuta nel mese di gennaio: si sono ricercati tramite gli uffici anagrafici dei due comuni di riferimento (Valdieri ed Entracque) i nuclei famigliari residenti con almeno un figlio in età scolare. Il questionario è stato inviato via posta, accompagnato da una lettera di presentazione al progetto che spiegasse il significato del questionario, sottoscritta dalla Preside dell I.C. Grandis di Borgo, dai Sindaci di Entracque e Valdieri, dal Presidente del Parco delle Alpi Marittime.

28 28 ANALISI DEI DATI DEL QUESTIONARIO Il questionario è strutturato in 4 parti: A – Informazioni generali sulla famiglia B – Servizi e territorio C – La scelta della scuola D – Qualità del servizio scolastico Il campione: Il questionario è stato distribuito a tutte le famiglie di Entracque e Valdieri con almeno un figlio frequentante le scuole della Valle, che sono 87. Sono tornati compilati 52 questionari, circa il 60% del campione.

29 29 A – INFORMAZIONI GENERALI In questa prima parte vengono analizzate le caratteristiche delle famiglie residenti in Valle: luogo di residenza e domicilio composizione del nucleo famigliare (quanti e quali membri) informazioni riguardo ai figli (età e scuola che frequentano) curriculum scolastico e professionale del padre (attestato di studio, professione e luogo di lavoro) curriculum scolastico e professionale della madre (attestato di studio, professione e luogo di lavoro)

30 30 A – INFORMAZIONI GENERALI Comune di residenza della famiglia Valdieri Entracque

31 31 A – INFORMAZIONI GENERALI Quanti membri compongono la famiglia? Tre Quattro Cinque Sei

32 32 A – INFORMAZIONI GENERALI Fasce di età dei figli zero-cinque sei-dieci undici-quindici sedici-venti ventuno-venticinque Le percentuali maggiori si riferiscono a bambini della scuola dellinfanzia ed a bambini delle elementari

33 33 A – INFORMAZIONI GENERALI Scuola frequentata dai figli Università Superiori Medie Cuneo Medie Valdieri Elementari Entracque Elementari Valdieri Scuola dinfanzia

34 34 A – INFORMAZIONI GENERALI Attestato di studio del padre Elementare Media Superiore Laurea Formazione professionale

35 35 A – INFORMAZIONI GENERALI Professione del padre Servizi Industria Edilizia Commercio Artigianato Agricoltura Altri (pensionati)

36 36 A – INFORMAZIONI GENERALI Distanza Valdieri-luogo di lavoro del padre meno di 6 km 7-12 km km km km più di 30 km

37 37 A – INFORMAZIONI GENERALI Attestato di studio della madre Elementare Media Superiore Laurea Formazione professionale

38 38 A – INFORMAZIONI GENERALI Professione della madre Servizi (impiegata) Istruzione Commercio Altri (pensionate, casalinghe)

39 39 A – INFORMAZIONI GENERALI Distanza Valdieri-luogo di lavoro della madre meno di 6 km 7-12 km km km km più di 30 km

40 40 A – INFORMAZIONI GENERALI I dati che abbiamo ricavato dalle informazioni precedenti sono stati indispensabili per: ricavare le informazione riguardanti il nucleo famigliare. Quanti genitori con figli iscritti alle scuole di Valle hanno risposto al questionario. Sondare lopinione di famiglie con figli di età differenti e iscritti in scuole differenti Sapere quanti genitori lavorano fuori zona e hanno la necessità di portare i figli a scuola fuori dalla Valle.

41 41 B - SERVIZI e TERRITORIO Questa seconda parte analizza i giudizi che le famiglie hanno circa i servizi presenti sul territorio: aspetti positivi di un piccolo comune perché ci si trasferisce in un piccolo comune aspetti negativi di un piccolo comune cosa spinge una famiglia a lasciare la Valle cosa dovrebbe offrire di più il comune ai giovani

42 42 B - SERVIZI e TERRITORIO Quali sono gli aspetti positivi del vivere in un piccolo comune? Conoscere lintera comunità La tranquillità Il rispetto dellambiente La sicurezza personale Il contatto con la natura Non ci sono aspetti positivi

43 43 B - SERVIZI e TERRITORIO Cosa spinge una famiglia a trasferirsi in un piccolo paese di montagna? La necessità di una vita tranquilla Lamore per lambiente montagna e la sua natura Il lavoro Unofferta formativa valida per i propri figli La ricerca delle proprie origini e le tradizioni culturali locali Non so I minori costi delle abitazioni (acquisto, affitto…)

44 44 B - SERVIZI e TERRITORIO Quali sono gli aspetti negativi del vivere in un piccolo comune? Difficoltà spostamenti La mancanza di luoghi culturali (es. teatro, cinema…) La mancanza di punti di ritrovo per i giovani La mancanza di lavoro Lassenza di scuole La conoscenza dellintera comunità Non ci sono aspetti negativi

45 45 B - SERVIZI e TERRITORIO Cosa spinge una famiglia a cambiare il luogo di residenza, lasciando la Valle? La mancanza di servizi efficienti La mancanza di una buona scuola per i figli La mancanza di lavoro La mancanza di luoghi divertimento Limpossibilità di confronto con i concittadini Non so

46 46 B - SERVIZI e TERRITORIO Cosa dovrebbe offrire di più il Comune ai giovani? Una scuola superiore Una scuola dellobbligo efficiente Una discoteca Centro di aggregazione giovanile Un teatro Un cinema Più impianti sportivi Più possibilità dimpiego lavorativo nella zona di residenza Più possibilità di comunicazione con le città più grandi Più contatto con il patrimonio culturale e naturale della zona Nulla di più di ciò che già cè Più servizi commerciali

47 47 B - SERVIZI e TERRITORIO Punti positivi: la natura, la tranquillità e la quiete, le tradizioni socioculturali, la possibilità di vivere lambiente di montagna in tutte le sue dimensioni. Punti negativi: carenze da parte degli enti locali in relazione ad alcuni servizi, punti di ritrovo per i giovani, spazi culturali diversificati, ma soprattutto sulle opportunità di lavoro, che costringe i residenti a continui spostamenti anche difficoltosi e può essere uno dei motivi che spingono le persone a lasciare la Valle.

48 48 C - LA SCELTA DELLA SCUOLA La terza parte analizza le opinioni riguardanti la scelta del percorso formativo per i propri figli: i criteri che hanno spinto alla scelta di una determinata scuola si vorrebbe continuare la scuola in Valle i motivi per continuare o meno la scuola in Valle la scuola per la crescita personale dei figli come viene vista la scuola per la formazione dei figli quali prospettive future nella vita dei propri figli quale tipo di lavoro si vorrebbe per il proprio figlio

49 49 C - LA SCELTA DELLA SCUOLA In base a quali criteri ha scelto la scuola per mandarvi suo/a figlio/a? Perché è vicina Perché altre famiglie hanno scelto la stessa scuola Perché offre un orario compatibile con il nostro lavoro Perché offre una buona preparazione culturale Perché mio figlio mi ha chiesto di frequentare quella determinata scuola

50 50 C - LA SCELTA DELLA SCUOLA Vorrebbe che suo/a figlio/a continuasse a frequentare le scuole della Valle? Sì No Indifferente Perché sì: la scuola in Valle è un diritto, per mantenere vivo il paese, perché la preparazione culturale è allo stesso livello delle scuole di città. Perché no: la città offre più opportunità di confronto e di socializzazione, ma anche una preparazione culturale di più alto livello.

51 51 C - LA SCELTA DELLA SCUOLA Indichi il suo grado di accordo sulle seguenti affermazioni La scuola è uno strumento per avere un lavoro ben pagato La scuola è crescita personale La scuola permette di accrescere il proprio bagaglio culturale La scuola aiuta a responsabilizzare lindividuo La scuola sviluppa il senso di appartenenza al contesto sociale in cui si vive La scuola aiuta a sviluppare relazioni con i coetanei

52 52 C - LA SCELTA DELLA SCUOLA Quali prospettive vede nel futuro di suo/a figlio/a? Vorrei che andasse a lavorare dopo le medie inferiori Vorrei che continuasse a studiare Vorrei che facesse quello che desidera Vorrei che la scuola fosse unoccasione per intrecciare una fitta rete di amicizie Vorrei che la scuola contribuisse ad aver un lavoro sicuro e ben retribuito

53 53 C - LA SCELTA DELLA SCUOLA Perché sondare questo aspetto: per comprendere come viene percepita la scuola in Valle, se cioè è una scuola di qualità, se è considerato un servizio fondamentale, se viene utilizzato... Perché si mandano i figli a scuola in Valle: perché è vicina. La scuola è concepita come un servizio fondamentale, un diritto, uno strumento per mantenere in vita il paese e offrire ai giovani una formazione culturale di qualità, base indispensabile per il loro futuro. Coloro che non usufruiscono del servizio scolastico: pochi hanno espresso un opinione che descriva il loro punto di vista.

54 54 D - QUALITÀ del SERVIZIO SCOLASTICO In quest ultima parte si analizzano i seguenti aspetti: cosa manca alla scuola attuale del figlio Quali sono gli aspetti positivi di tale scuola cosa rende una scuola eccellente quali servizi e strutture deve offrire un istituto scolastico quale offerta formativa quali modelli pedagogici attraverso una serie di domande aperte si sondano le opinioni dei genitori riguardo ciò che vorrebbero che i figli imparassero dalla scuola.

55 55 D - QUALITÀ del SERVIZIO SCOLASTICO Cosa manca alla scuola che frequenta suo/a figlio/a? Più ore di lezione Più attività extrascolastiche Modalità più efficaci di assegnazione dei compiti per casa Più alunni La possibilità di apprendere attraverso attività pratiche Nulla, va bene così Un organico di docenti relativamente stabile Docenti stabili: problema sentito soprattutto alle Medie, ma riguarda lintero sistema scolastico nazionale, non solo le piccole realtà dove comunque le difficoltà sono ancora maggiori. Obiettivo del progetto: garantire la continuità del lavoro degli insegnanti e tutelare la formazione degli studenti.

56 56 D - QUALITÀ del SERVIZIO SCOLASTICO Quali sono gli aspetti positivi della scuola di suo/a figlio/a? Ci sono pochi studenti Gli insegnanti sono molto preparati I ragazzi possono seguire dei percorsi didattici alternativi rispetto ai soliti tradizionali La tranquillità e larmonia dellambiente scolastico Una buona relazione insegnanti - alunni Gli studenti possono usufruire di un buon livello di preparazione culturale

57 57 D - QUALITÀ del SERVIZIO SCOLASTICO Cosa rende una scuola eccellente? Apertura a nuove e diverse culture Dove si insegnano sempre nuove discipline Divertente per i ragazzi Il personale specializzato ed aggiornato Verifiche ed interrogazioni Lezioni pratiche Lezioni teoriche Buona armonia tra compagni

58 58 D - QUALITÀ del SERVIZIO SCOLASTICO Quale tipo di servizi e strutture dovrebbe offrire? Una buona mensa scolastica Un collegio in cui potersi fermare tutta la settimana Una rete di scuole in continua comunicazione Un vero e proprio apparato organizzativo aperto tutto lanno, che offra ai giovani opportunità di lavoro Trasporti pubblici più efficienti Un servizio di doposcuola per i compiti Un servizio di pre-ingresso (anticipazione entrata a scuola) mattutino gestito dal personale scolastico, per venire incontro agli orari di lavoro dei genitori Il tempo pieno

59 59 D - QUALITÀ del SERVIZIO SCOLASTICO Quale offerta formativa dovrebbe offrire? Una preparazione plurilinguistica Attività extrascolastiche Uso di nuove tecnologie e studio dellinformatica Approfondimento della cultura locale tradizionale

60 60 D - QUALITÀ del SERVIZIO SCOLASTICO Quali modelli pedagogici e didattici ? Attività che suscitino interesse e motivazione allo studio da parte dei ragazzi Insegnamento di regole e valori che riguardano il rispetto nei confronti degli altri, dellambiente e di sé stessi Uso di metodologie attive in cui gli studenti possono imparare facendo La messa in atto di progetti di studio (scambi interculturali, ricerche sul campo, stage…) Confronto continuo con gli insegnanti Attenzione alle caratteristiche personali dellalunno

61 61 D - QUALITÀ del SERVIZIO SCOLASTICO Dati rilevanti: per la maggior parte delle famiglie uno degli aspetti positivi della scuola di Valle è la tranquillità e larmonia che si viene a creare in piccole classi, proprio perché tra insegnanti ed alunni si instaura una relazione forte e positiva. Gli studenti possono essere seguiti in modo più personalizzato e conseguire con maggior successo una preparazione culturale di buon livello. La Scuola di Montagna: sensibilizzare le persone su nuove e ricche opportunità che i giovani possono avere nel frequentare una scuola con specificità e risorse ambientali uniche. Ad esempio il liceo della montagna di Valdeblore ha impostato l intera struttura proprio sulla valorizzazione del territorio montano e sulla formazione culturale di alto livello. Sfatare luoghi comuni: le scuole di città si pensa che possano offrire una migliore preparazione culturale e più opportunità di fare nuove e diverse esperienze.

62 62 D - QUALITÀ del SERVIZIO SCOLASTICO Struttura proposta: la Scuola di Montagna dovrebbe essere concepita come un vero e proprio apparato organizzativo aperto tutto lanno, in grado di offrire ai giovani prospettive concrete ed opportunità di lavoro, inserito in una rete di scambi ed inter-azioni con altre scuole ed altre agenzie formative ed educative.

63 63 Nel mese di gennaio 2006, è stato invitato presso la sede del Parco a Valdieri, l Assessorato alla Montagna della Regione Piemonte. A farci visita sono stati due rappresentanti dell ass. Bruna Sibille, Vittorino Cerutti e Renata Salvano. Il loro punto di vista sulla Scuola di montagna è stato molto positivo: mancano le risorse finanziarie per sostenere tutte le piccole scuole di montagna, ma l assessorato vorrebbe puntare su progetti di ampio respiro, che portino in sé un cambiamento rilevante nelle comunità di Valle e nei piccoli centri alpini, e quindi si è registrata piena sintonia con la nostra finalità. INCONTRO CON ASS. ALLA MONTAGNA

64 64 INCONTRO CON IL CSA Nel mese di marzo è stato invitata, presso la sede del Parco di Valdieri, la dott. ssa Laura Sordello, in rappresentanza del dott. Meduri responsabile del CSA di Cuneo Lincontro avvenuto in presenza della Preside dellI.C. di Borgo Maddalena Gerardi era finalizzato a discutere riguardo il Protocollo dIntesa che il Parco stipulerà con il CSA, per garantire nelle scuole di Valle lo svolgimento delle attività di educazione ambientale, di cui il responsabile della didattica (Alessandro Barabino) ha mostrato tutti gli strumenti utilizzati durante le lezioni nelle scuole. Il CSA potrà dare una veste più formale ed istituzionale ai progetti didattici che già si svolgono nelle scuole, non solo di Valle. Lincontro è stato anche un motivo per permettere allospite di visitare le sedi del Parco a Valdieri ed Entracque, ed alcune strutture che potrebbero ospitare la scuola ipotizzata.

65 65 La Dott.ssa Rossi in più di un occasione ha convocato i sindaci dei due comuni principali per comunicare loro che il Parco si è reso promotore di questo studio di fattibilità. Lintenzione era quella di iniziare a coinvolgere le autorità locali per eventuali futuri cambiamenti che il progetto avrebbe portato. I sindaci sono stati messi al corrente, già allinizio dellanno, che i cittadini avrebbero ricevuto a breve un questionario, che poi gli stessi sindaci hanno sottoscritto. Inoltre sono stati informati sulla durata del progetto, sulle prospettive future, sugli incontri con la Regione e sullo studio di reperibilità di possibili strutture da adibire ad edifici scolastici. PRIMI INCONTRI CON GLI AMMINISTRATORI LOCALI

66 66 SECONDO INCONTRO MONITORAGGIO ALPCITY Attorno la metà di marzo è avvenuto il secondo incontro presso la Regione con i responsabili del progetto Alpcity. Allincontro erano presenti i rappresentanti del nostro gruppo di lavoro, Rossi, Cesana e Appendino. La riunione è servita per analizzare il progresso del lavoro, gli ultimi sviluppi descritti in precedenza e le tappe ancora da affrontare. Lo studio di fattibilità sulla scuola è risultato alla dott.ssa Sena di grande interesse: in quanto è stato da noi percepito il significato delle buone pratiche da mettere in atto. Importante è risultato il coinvolgimento della cittadinanza, lo studio di altri casi simili e tutta una serie di collegamenti che si stavano attivando con enti locali, istituzioni e scuole. Il riscontro sul lavoro fino a quel momento è stato valutato molto positivamente e la Regione ha invitato il gruppo a consolidare le speranze sulle future prospettive del progetto.

67 67 Piano finanziario e censimento strutture; Visita scuole di Valdeblore e St. Etienne de Tinèe; consegna Buone Pratiche e chiusura del progetto. QUARTA FASE (aprile – maggio – giugno 2006)

68 68 Lanalisi finanziaria e della condizione delle strutture da adibire ad edificio scolastico è stata affidata al dott. Armando Mariotta, il quale ha presentato un ipotetico piano economico sul recupero di alcune strutture della Valle (lex polveriera di Entracque, le strutture di S. Anna di Valdieri e le scuole di Valdieri) e sulla possibile forma giuridica della scuola: il gestore ottimale è unentità di diritto privato, a prevalente capitale pubblico, senza scopo di lucro (consorzio; società consortile a responsabilità limitata; associazione senza fine di lucro; società di capitali; fondazione). Per realizzare lintera opera sarà necessario il concorso di sponsor privati e pubblici (banche, fondazioni, enti locali, ministero…). PIANO FINANZIARIO – CENSIMENTO STRUTTURE

69 69 VISITA ALLE SCUOLE FRANCESI Tra aprile e maggio è stato possibile per alcuni componenti del gruppo (Gerardi, Rossi, Appendino, Cesana, Barabino) visitare il Liceo della montagna di Valdeblore, di cui sono già state inserite alcune fotografie; ed in seguito gli insegnanti delle scuole medie hanno visitato il college di St. Etienne in occasione dello scambio culturale con le medie di Valdieri. Entrambi gli incontri hanno fornito alla ricerca maggiori informazioni riguardo queste realtà oltralpe così bene organizzate. Le informazioni che siamo riusciti a raccogliere riguardano: lordinamento della scuola; servizi ed offerta didattica; attività extrascolastiche e laboratoriali; organigramma e ruolo degli insegnanti e/o educatori; enti contribuenti e finanziatori della scuola; collegamenti con il Parco francese del Mercantur; chi gestisce la scuola; quanti ragazzi ci sono e da dove provengono; quali sbocchi lavorativi offrono i due istituti. Lo scopo era quello di adottare gli aspetti positivi dei due istituti e comprendere le difficoltà che hanno avuto, anche in unottica di future collaborazioni e scambi culturali.

70 70 La scheda delle Buone Pratiche è stata inviata alla dott. Sena a inizio maggio. Alcuni problemi nella compilazione ci sono stati, perché risultava difficile compilare tutti i criteri della scheda, ma soprattutto spiegare un progetto così ampio in poche righe. La speranza come già è stata espressa dal coordinatore del progetto è che lo studio di un anno non rimanga sospeso, ma dia lopportunità ai cittadini della Valle di usufruire quanto prima di un servizio formativo di alto livello, che permetta ai giovani di rivalutare il mondo della scuola e di conseguenza il contesto sociale. CONSEGNA BUONE PRATICHE


Scaricare ppt "1 ALPCITY INTERREG III B Alpine Space Programme LA SCUOLA DI MONTAGNA: PROGETTOSCUOLA INTERNAZIONALE ALPI MARITTIME."

Presentazioni simili


Annunci Google