La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DOTTOR MAURIZIO PISCITELLI DIRIGENTE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Sulmona, 9/11/11 Formazione Lingue e Linguaggi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DOTTOR MAURIZIO PISCITELLI DIRIGENTE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Sulmona, 9/11/11 Formazione Lingue e Linguaggi."— Transcript della presentazione:

1 DOTTOR MAURIZIO PISCITELLI DIRIGENTE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Sulmona, 9/11/11 Formazione Lingue e Linguaggi

2 Europa 2020 Se agiremo insieme potremo reagire e uscire più forti dalla crisi. Abbiamo i nuovi strumenti e una rinnovata ambizione. Ora dobbiamo trasformare i nostri obiettivi in realtà. José Manuel BARROSO La Direzione Generale per il Personale Scolastico è impegnata in una fitta serie di progetti ed iniziative che si possono collocare nella cornice della nuova strategia dell'UE "Europa 2020", in particolare lIniziativa Faro "Youth on the move", finalizzata a migliorare l'efficienza dei sistemi di insegnamento e agevolare l'ingresso dei giovani nel mercato del lavoro. MIUR

3 LE LINGUE… MIUR

4 PIANO DI FORMAZIONE PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE LINGUISTICO-COMUNICATIVE E METODOLOGICO-DIDATTICHE DEI DOCENTI DI SCUOLA PRIMARIA METODOLOGICO-DIDATTICHE DEI DOCENTI DI SCUOLA PRIMARIA MIUR

5 Il nuovo percorso di formazione Successivamente alle attività del Piano di formazione iniziato nellanno scolastico , nellanno scolastico è iniziato il nuovo percorso di formazione a seguito del Regolamento approvato con D.P.R. 81 del 20 marzo 2009 recante Norme per la riorganizzazione della rete scolastica e il razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane, che ha reso attuativo il Piano Programmatico formulato ai sensi dellart. 64 comma 4 del Decreto legge 112/08, convertito con L.133/08. MIUR

6 1° contingente di docenti (5.140 docenti) 1° contingente di docenti (5.140 docenti) La Direzione Generale del Personale Scolastico ha dato lavvio alle attività di formazione della prima annualità nel mese di giugno 2010 (2.040 hanno iniziato la formazione a giugno, hanno iniziato la formazione a dicembre 2010). E stata avviata la seconda annualità del percorso formativo per i docenti che hanno già iniziato la formazione. MIUR

7 Gli UU.SS.RR. sono stati invitati a comunicare lavvio delle attività di formazione sia dei percorsi linguistico-comunicativi che di quelli didattici, effettuando al contempo, un monitoraggio della situazione a livello regionale. MIUR

8 2° contingente di docenti 2° contingente di docenti Considerato lelevato numero di docenti ancora da formare, la Direzione Generale del Personale scolastico collaborerà con la Direzione Generale degli Affari Internazionali – Autorità di Gestione PON – Istruzione, per i docenti delle quattro Regioni Obiettivo Convergenza. Si prevede di formare circa docenti ( DGPER e Autorità di gestione PON Istruzione). MIUR

9 Ulteriori piani di formazione Sarà inoltre avviato un Piano con le risorse finanziarie residue dei vecchi piani di formazione gestiti dagli UU.SS.RR. (saranno formati circa docenti). Considerato che alcuni Direttori regionali hanno già ridotto gli insegnanti specialisti, sarà attivato un ulteriore Piano con 150 classi per corsisti. MIUR

10 IL BANDO TUTOR SELEZIONE PUBBLICA PER L'INDIVIDUAZIONE DI FORMATORI/TUTOR - PIANO DI FORMAZIONE PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE LINGUISTICO- COMUNICATIVE E METODOLOGICO-DIDATTICHE IN LINGUA INGLESE DEGLI INSEGNANTI DI SCUOLA PRIMARIA Scade il: Sul sito dellANSAS INDIRE: MIUR

11 FORMAZIONELINGUISTICO-COMUNICATIVAE METODOLOGICO-DIDATTICA SECONDO LA METODOLOGIA CLIL MIUR

12 Il quadro normativo DD.PP.RR. attuativi della Riforma della Scuola Secondaria di secondo grado nn. 87/2010, 88/2010 e 89/2010. E introdotto linsegnamento di una disciplina non linguistica (DNL) in una lingua straniera nellultimo anno dei Licei e degli Istituti Tecnici e negli ultimi tre anni dei Licei Linguistici. MIUR

13 Il progetto di formazione La Direzione Generale ha attivato la programmazione di percorsi formativi finalizzati allacquisizione di competenze linguistico-comunicative e metodologico- didattiche rivolti a docenti di discipline non linguistiche secondo la metodologia CLIL. MIUR

14 La pianificazione La D.G. ha costituito un Gruppo di Lavoro CLIL (Decreto AOODGPER 7236 del 29 LUGLIO 2010), a cui è stato affidato il compito di strutturare la programmazione del percorso formativo e di pianificare lavvio della prima fase della formazione. MIUR

15 Il pacchetto formativo Si tratta di un pacchetto formativo integrato, che si fonda sul binomio inscindibile: competenze linguistiche + competenze didattico-metodologiche MIUR

16 La formazione linguistica Obiettivo della formazione: Raggiungimento delle competenze linguistiche di livello C1 del Quadro Comune europeo di riferimento per le Lingue. Verranno attivate 50 classi composte da 20/25 corsisti ciascuna. MIUR

17 I tempi della formazione linguistica almeno quattro anni per i docenti in possesso di competenze linguistico-comunicative di livello B1; almeno due anni per i docenti in possesso di competenze linguistico-comunicative di livello B2. MIUR

18 La formazione didattico-metodologica La formazione didattico-metodologica Richiamo allart. 14 del Decreto 249 emanato il 10 settembre 2010 dal Ministro dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca (Regolamento sulla formazione iniziale degli insegnanti). Il Decreto prevede un corso di perfezionamento di 1500 ore (60 CFU). MIUR

19 La soluzione prevista La Direzione Generale ha previsto la programmazione di un percorso abbreviato, della durata di 500 ore (20 CFU), rivolto a docenti di discipline non linguistiche di Scuola secondaria di secondo grado: a tempo indeterminato a tempo determinato in possesso di abilitazione e inseriti a pieno titolo nellanno scolastico nelle graduatorie ad esaurimento previste dallart. 1, c. 605, lettera C della Legge 27 dicembre 2006 n. 296 e destinatari del D.M. 68 del 30 luglio MIUR

20 I requisiti di accesso alla formazione didattico-metodologica Docenti in possesso delle competenze linguistiche di livello C1ovvero docenti in possesso delle competenze linguistiche di livello B2, purché impegnati in un corso di formazione linguistica B2-C1. Saranno attivati 30 corsi di perfezionamento didattico-metodologico. MIUR

21 La formazione allestero Il MIUR offrirà 100 borse di studio, in aggiunta ad altre 100 finanziate dal Progetto Comenius, per permettere ai docenti formati, la frequenza di corsi di formazione allestero, finalizzati allapprofondimento della metodologia CLIL. MIUR

22 Le autocandidature Sono pervenute alla Direzione Generale circa autocandidature di docenti a tempo indeterminato; circa di docenti a tempo determinato MIUR

23 Lo stato dellarte La D.G per il personale scolastico in collaborazione con lANSAS sta procedendo alla definizione dei criteri per lindividuazione dei docenti da avviare alla formazione e alla dettagliata elaborazione del piano dellofferta formativa previsto dal corso di perfezionamento di 20 CFU. E stato costituito un Comitato Tecnico Scientifico chiamato a svolgere questi compiti. MIUR

24 Il Decreto CLIL Sarà a breve emanato un Decreto CLIL a firma del Ministro, che disciplinerà nel dettaglio i corsi di perfezionamento di 60 CFU che potranno attivare le Università. MIUR

25 … E I LINGUAGGI MIUR

26 Educazione e musica Ciò che caratterizza la musica in quanto linguaggio, oggetto di studio, metodi si costituisce a partire dal valore educativo della musica. MIUR

27 La musica relegata per anni ai margini del sistema formativo Unantica consuetudine pedagogica ha negato per Unantica consuetudine pedagogica ha negato per anni il ruolo della musica anche nella formazione ed evoluzione dei gruppi (e quindi nella partecipazione) anni il ruolo della musica anche nella formazione ed evoluzione dei gruppi (e quindi nella partecipazione) e nello sviluppo della creatività e dellimmaginazione e nello sviluppo della creatività e dellimmaginazione che contribuiscono a definire lidentità soggettiva ed intersoggettiva. che contribuiscono a definire lidentità soggettiva ed intersoggettiva.

28 MIUR Superate le riserve che relegavano la musica ai margini del sistema educativo, la scuola italiana, di recente, sta cercando di riportare la musica agli studenti: unoperazione che coniuga la tradizione con linnovazione privilegiando la qualità, con lobiettivo di guardare al futuro. Superate le riserve che relegavano la musica ai margini del sistema educativo, la scuola italiana, di recente, sta cercando di riportare la musica agli studenti: unoperazione che coniuga la tradizione con linnovazione privilegiando la qualità, con lobiettivo di guardare al futuro.

29 La musica a scuola: perché? Edgar Morin: linsegnamento ha il compito di creare una antropo-etica capace di riconoscere il carattere ternario della condizione umana, che consiste nellessere contemporaneamente individuo-società-specie. La musica dà un contributo chiave per realizzare quel che Morin definisce il potenziamento congiunto delle autonomie individuali, delle partecipazioni comunitarie e della coscienza di appartenere alla specie umana MIUR

30 La musica a scuola: in che modo? La musica a scuola: in che modo? ? Si rafforza laspetto pratico delleducazione musicale, riducendo la componente teorica che fino a poco tempo fa prevaleva: il fatto musicale è sapere e fare, socialità in atto, virtualità che scavalca il reale.

31 La musica ha una valenza educativa? La musica è strumento di cittadinanza attiva? La musica è unarte per pochi o un potente mezzo di espressione e di comunicazione? MIUR

32 Le coordinate della musica nel curriculum DM 8 DM 8 Innovamusica InnovamusicaMilleCori MIUR

33 Grazie per lattenzione! Dottor Maurizio Piscitelli MIUR


Scaricare ppt "DOTTOR MAURIZIO PISCITELLI DIRIGENTE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Sulmona, 9/11/11 Formazione Lingue e Linguaggi."

Presentazioni simili


Annunci Google