La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BOVINI PODOLICI: PASSAGGIO A NORD-EST (FRIULI VENEZIA GIULIA) Loszach S., (1), Corazzin M., (1), Bianco E., (2), Bovolenta S., (1) (1) DIAN – Dipartimento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BOVINI PODOLICI: PASSAGGIO A NORD-EST (FRIULI VENEZIA GIULIA) Loszach S., (1), Corazzin M., (1), Bianco E., (2), Bovolenta S., (1) (1) DIAN – Dipartimento."— Transcript della presentazione:

1 BOVINI PODOLICI: PASSAGGIO A NORD-EST (FRIULI VENEZIA GIULIA) Loszach S., (1), Corazzin M., (1), Bianco E., (2), Bovolenta S., (1) (1) DIAN – Dipartimento di Scienze Animali, Università degli Studi di Udine (2) ERSA – Agenzia Regionale per lo Sviluppo Rurale, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Matera 11 Luglio 2009

2 Origini Podolia (Ucraina) Ungheria Dalmazia Nord Italia (FVG) Invasioni Barbariche (452 d.C.) Legioni romane Sud Italia 376 d.C.

3 Osteologicamente vicino Pugliese del Veneto (ceppo podolico) Uro (Bos Primigenius) progenitore selvatico delle razze bovine europee Origini

4 900 Friuli Venezia Giulia Standard di Razza della Pugliese del Veneto 1931 MantelloGrigio con varie gradazioni. Nei tori il mantello è grigio scuro con tinta più carica sul contorno degli occhi. Corna Di media lunghezza (cm ), diretti in avanti e in lato a Lira allargata, con la punta rivolta indietro. Colore bianco avorio alla base e nere in punta dopo il quarto anno. Musello, fiocco della coda e unghioni neri. MISURE E PRODUZIONIVACCHETORI Lunghezza tronco cm Altezza al garrese cm Peso vivo kg Produzione lattea nei 5 mesi dopo il parto per allattamento kg Attitudine Forte potenza dinamica e carne I dati si riferiscono ai soggetti migliori e erano intesi come punto di arrivo anziché espressione della situazione del momento.

5 Verona, Vicenza, Padova, Rovigo Est Europa Primi del 900

6 Torviscosa azienda Conti Corinaldi di Torre di Zuino – e nellazienda SNIA, (Anonimo, 1903) 900 Bassa Pianura Friulana

7 Aquileiaazienda Leo Economo di Ca Vescovo di Aquileia (Sansoni, 1942) Latisana e Lignanotenuta Valle Pantani-Lovato - … attualmente vengono allevati nella tenuta 222 capi bestiame così suddivisi: bovini da lavoro (Pugliese) e cavalli capi 80 … - (Minutello, 1934) 900 Bassa Pianura Friulana

8 Grande bonifica idraulica (legge Mussolini o della bonifica integrale, 1928) Scarse risorse foraggiere tipiche di ambienti palustri Terreni profondi e tenaci Bovini podolici docili, adatti a consumare scarse risorse foraggere e capaci di esprimere una notevole forza dinamica 900 Bassa Pianura Friulana

9 Non risulta la presenza di Bovini di ceppo Podolico presso i centri di monta allora attivi in Regione, è da escludersi una qualsiasi opera di miglioramento o selezione genetica locale 900 Bassa Pianura Friulana

10 Nei primi anni del 900 sono documentati tentativi di miglioramento dei bovini di ceppo Podolico locale con un toro di razza Romagnola (Arnerysch, 1900) 900 Carso

11 Dopo la I a Guerra Mondiale, per ricostituire il patrimonio bovino acquisti di bestiame sul mercato di Sežana Bovini Podolici Istriani Bovini non identificati forse di ceppo Podolico da Ungheria, Serbia e Montenegro Nel 1800 venivano incrociati con tori podolici italiani. Verso la fine dell800 con tori delle Marche e del Polesine. Dal 1905 tentativo di incroci con tori Maremmani e Romagnoli. Incroci finiti dal 1931 quando per la selezione si usa solo il bovino Istriano autoctono (Brajković, 1999) 900 Carso

12 Legge n.126 del , vietava luso dei riproduttori che appartenevano a razze che non avevano un loro Libro Genealogico, favorì una forte riduzione del numero di bovini Podolici La meccanizzazione determinò la progressiva scomparsa dei ceppi podolici. In provincia di Gorizia negli anni cinquanta si contavano 250 bovini Pugliesi del Veneto, molti dei quali incrociati con la razza Romagnola (Montanari, 1954). Scomparsa

13 Allevatori del carso triestino e goriziano stanno manifestando un rinnovato interesse per la reintroduzione di questo bovino. Clima : Temperature medie annue di 12.5 o C. Velocità del vento 2.5 m/sec. Deficit pluviometrico 100/170 mm. Altitudine 100/400 m slm. Pendenze 3/15 % Suolo : terre rosse, suoli argillosi o limoso-argillosi che ricoprono con spessori variabili i substrati calcarei o dolomitici. Sottili, contatto con la roccia si trova entro i 25 cm. Forte aridità per la grande permeabilità della roccia calcarea Prospettive future, Carso Caratteristiche paragonabili al Carso Pugliese dove la razza viene allevata tuttora

14 Prospettive future, Carso Fino agli anni 50 nella zona tra Doberdò sul Lago, Ronchi e Redipuglia pascolavano circa 1000 bovini da Maggio a Novembre Altri 250 bovini pascolavano nella zona di Basovizza Oggi sono presenti poche stalle di vacche da latte, che utilizzano mangimi extraziendali e foraggio secco

15 Reintroduzione della Podolica Sfruttare le risorse foraggere scarse e discontinue Valido strumento a basso impatto per il recupero e il mantenimento paesaggistico- ambientale di queste aree tendenti alla marginalità Recupero della biodiversità Prospettive future, Carso

16 Reintroduzione della Podolica Offerta agrituristica Fattoria didattiche Memoria storica Prospettive future, Carso

17 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "BOVINI PODOLICI: PASSAGGIO A NORD-EST (FRIULI VENEZIA GIULIA) Loszach S., (1), Corazzin M., (1), Bianco E., (2), Bovolenta S., (1) (1) DIAN – Dipartimento."

Presentazioni simili


Annunci Google