La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COMUNICARE E GESTIRE LA CONOSCENZA Firenze 15 e 16 Novembre 2008 Knowledge Management – KM Franco Bussetti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COMUNICARE E GESTIRE LA CONOSCENZA Firenze 15 e 16 Novembre 2008 Knowledge Management – KM Franco Bussetti."— Transcript della presentazione:

1 COMUNICARE E GESTIRE LA CONOSCENZA Firenze 15 e 16 Novembre 2008 Knowledge Management – KM Franco Bussetti

2 ibridismo I MODELLI FLESSIBILI sono levoluzione di forme organizzative fortemente caratterizzate da elementi non omogenei «ibridismo» in cui si riscontra «La costante connivenza culturale del vecchio, del nuovo e del più che nuovo (oltremodernità). I MODELLI FLESSIBILI Knowledge Management – KM I MODELLI FLESSIBILI P. Malizia

3 ALCUNE FORME ORGANIZZATIVE FLESSIBILI Knowledge Management – KM ALCUNE FORME ORGANIZZATIVE FLESSIBILI orizzontaleLorganizzazione orizzontale, interconnessione di gruppi di lavoro. translocaleLorganizzazione translocale, dimensione transnazionale; pluralità di presenza di forme culturali e capacità di trasformare queste diversità in vantaggio competitivo. a reteLorganizzazione a rete, prevale lelemento del network come elemento strutturale dellorganizzazione. F. Maimone

4 ELEMENTI COMUNI NELLE FORME ORGANIZZATIVE FLESSIBILI Knowledge Management – KM ELEMENTI COMUNI NELLE FORME ORGANIZZATIVE FLESSIBILI comunicazione La centralità della comunicazione che diventa strutturale e linfa vitale per lorganizzazione (F. Maimone) conoscenza diffusa Lincremento della conoscenza diffusa, (come creazione, scambio e condivisione). ( G. Alessandrini )

5 LORGANIZZAZIONE A RETE Knowledge Management – KM LORGANIZZAZIONE A RETE A base gerarchica A base gerarchica, in cui domina la struttura organizzativa interna (organizzazione con elevato livello di decentramento) A centro di gravità concentrato A centro di gravità concentrato (il peso dellorganizzazione più grande è prevalente sulle altre) A centri di gravità multipli A centri di gravità multipli (una rete policentrica) Organizzazione senza centro Organizzazione senza centro (vedi i distretti industriali e/o socio – sanitari) F. Butera

6 LAPPROCCIO ALLA FORMAZIONE Knowledge Management – KM K.M.: QUALI CONOSCENZE? (CATEGORIE E TIPOLOGIE) LAPPROCCIO ALLA FORMAZIONE Z. Bauman Nel mondo liquido – moderno, la formazione, per avere una qualche utilità, dovrebbe essere: costante CONTINUA (costante) illimitata INFINITA (illimitata) per tutta la vita PERMANENTE (per tutta la vita)

7 A. Volterrani LA COMUNICAZIONE SOCIALE E DELLA SOCIALITA Knowledge Management – KM K.M.: QUALI CONOSCENZE? (CATEGORIE E TIPOLOGIE) LA COMUNICAZIONE SOCIALE E DELLA SOCIALITA La comunicazione sociale e della socialitàLa comunicazione sociale e della socialità è un ambito più complesso e difficile degli altri perché si intreccia profondamente con molti aspetti che hanno a che fare con la nostra vita quotidiana, con il senso comune, con quello che spesso diamo per scontato...

8 IL PROCESSO DI GESTIONE NELLE ONP Knowledge Management – KM IL PROCESSO DI GESTIONE NELLE ONP Strumenti informatici Combinazione di: Modelli organizzativi Valorizzazione delle Risorse Umane (A. Savoldelli, F.Borga, E. Littieri)

9 K.M.: LO STATO DELLARTE - Il sistema K. M. AVIS Knowledge Management – KM K.M.: LO STATO DELLARTE - Il sistema K. M. AVIS 1600 Sedi Avis * Sede nazionale: 1600 Sedi Avis in indirizzo e mail. 200 chiamate mensili. Numero Verde: circa 200 chiamate mensili. 284 AVIS soci Osservatorio Associativo (dati 2007). Su AVIS, a cui afferiscono iscritti, hanno comunicato i propri dati 284 AVIS per un totale di soci gli accessi sito internet 281 Sito internet: gli accessi del 2007 rispetto ai del Le AVIS che a vario livello gestiscono un sito internet sono 281, il 65% lo aggiornano con regolarità. 488 passwords. A marzo 2008 richieste ed assegnate 488 passwords.

10 K.M.: LO STATO DELLARTE - Il sistema K.M. AVIS Knowledge Management – KM K.M.: LO STATO DELLARTE - Il sistema K.M. AVIS i destinatari La NEWSLETTER della Sede Nazionale è diffusa mensilmente, i destinatari nel 2007 hanno raggiunto la quota di 6.101, tra persone, organizzazioni non profit ed altri enti ed istituzioni. tiratura copie abbonati 780 HOUSE ORGAN: (AVIS SOS) da 4 (2007) a 6 numeri (2008) annui; tiratura copie, regolarmente pubblicato nel sito web, abbonati 780. Molte altre riviste associative sono edite territorialmente.

11 IL BILANCIO SOCIALE Knowledge Management – KM IL BILANCIO SOCIALE Due obiettivi: 1) Reperire dati ed informazioni (fotografia di ciò che è stato realizzato); occasioni di conoscenza 2) Stimolare, modificare le occasioni di conoscenza, confronto e discussione … (anche in una visione di sviluppo prospettico. C. Schena

12 IL KM COME VIA DELLECCELLENZA Knowledge Management – KM IL KM COME VIA DELLECCELLENZA ambiente positivo. 1) SVILUPPA la costante ricerca in un ambiente positivo. miglioramento continuo. 2) FAVORISCE lattivazione di processi di miglioramento continuo. E FATTORE IMPRESCINDIBILE PER LA CRESCITA DEL VALORE ORGANIZZATIVO

13 Grazie per il cortese ascolto e ricordate!!! Quelli che sinnamorano di pratica senza scienza, son come il nocchiere, chentra in un naviglio senza timone o bussola che non mai han certezza dove si vada. Sempre la pratica deve essere EDIFICATA sopra la buona teorica Leonardo Da Vinci


Scaricare ppt "COMUNICARE E GESTIRE LA CONOSCENZA Firenze 15 e 16 Novembre 2008 Knowledge Management – KM Franco Bussetti."

Presentazioni simili


Annunci Google