La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 D.M. 03/03/05. Requisiti di idoneità alla donazione di sangue tradizionale e con aferesi. Dott. D. Vincenzi SIT Ravenna.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 D.M. 03/03/05. Requisiti di idoneità alla donazione di sangue tradizionale e con aferesi. Dott. D. Vincenzi SIT Ravenna."— Transcript della presentazione:

1 1 D.M. 03/03/05. Requisiti di idoneità alla donazione di sangue tradizionale e con aferesi. Dott. D. Vincenzi SIT Ravenna

2 SELEZIONE DEL DONATORE RACCOLTA DEL SANGUE ESAMI DI VALIDAZIONE PREPARAZIONE E CONSERVAZIONE EMOCOMPONENTI ASSEGNAZIONE EMOCOMPONEN TI E TEST PRE- TRASFUSIONALI DISTRIBUZIONE EMOCOMPONENTI TRASFUSIONE EMOCOMPONENTI FOLLOW-UP DEL RICEVENTE

3 3 Art.4, D.M. 03/03/05 Presso ogni struttura trasfusionale e di raccolta, verificata la volontà del candidato donatore di effettuare la donazione di sangue, deve essere attuata una procedura di selezione che ne garantisca lidoneità. La procedura si articola come di seguito: Accertamento dellidentità del candidato donatore e compilazione del questionario; Valutazione delle condizioni generali di salute del candidato donatore; Accertamento dei requisiti fisici per laccettazione; Definizione del giudizio di idoneità alla donazione; Acquisizione del consenso informato alla donazione e al trattamento dei dati personali.

4 4 Requisiti fisici per laccettazione del candidato donatore di sangue intero ETA: anni La donazione di sangue da parte di soggetti di età superiore può essere autorizzata dal medico, così come il reclutamento di un nuovo donatore di età superiore ai 60 anni. PESO: non inferiore a 50 kg P.A. sistolica: mm Hg P.A. diastolica: mm Hg POLSO: ritmico regolare, pulsazioni/min EMOGLOBINA: donne a 12,5 g/dl, uomini a 13,5 g/dl

5 5 Requisiti fisici per laccettazione del candidato donatore di plasma STESSI REQUISITI PREVISTI PER LIDONEITA ALLA DONAZIONE DI SANGUE INTERO. IN CASO DI PLASMAFERESI CON INTERVALLI DI TEMPO SUPERIORI A 90 GG, LIDONEITA PUO ESSERE VALUTATA CONSIDERANDO VALORI DI Hb NON INFERIORI A 11,5 g/dl NELLA DONNA E 12,5 g/dl NELLUOMO. IL CANDIDATO DONATORE INSERITO IN UN PROGRAMMA DI PLASMAFERESI CONTINUATIVO DEVE POSSEDERE I SEGUENTI REQUISITI: ETA: ANNI PROTIDEMIA 6 g e quadro elettroforetico non alterato

6 6 Requisiti fisici per laccettazione del candidato donatore di piastrine STESSI REQUISITI PREVISTI PER LIDONEITA ALLA DONAZIONE DI SANGUE INTERO. NORMALE CONTEGGIO PIASTRINICO NON INFERIORE A 150*10^9/lt. ALLA PRIMA DONAZIONE E SUCCESSIVAMENTE OGNI ANNO DEVE ESSERE VERIFICATA LA NORMALITA DI PT E PTT.

7 7 Definizione del giudizio di idoneità Art.8 comma 1, D.M. 03/03/05 Il medico responsabile della selezione accertata lidentità del candidato donatore, acquisiti e valutati i dati anamnestici, valutate le condizioni generali di salute del donatore, accertato il possesso dei requisiti fisici e tenendo conto, ove disponibili, di dati clinici e di laboratorio relativi a precedenti donazioni, esprime formalmente il giudizio di idoneità alla donazione.

8 8 Allegati 3 e 4, D.M. 03/03/05 Criteri di esclusione permanente e temporanea: - a tutela della salute del donatore (alleg. 3) - a tutela della salute del ricevente (alleg. 4)

9 9 Prima cera un semplice elenco di grosse patologie Mancavano punti di riferimento certi Molto si basava sui giudizi personali del medico selettore Ora si facilita loperatore addetto alla selezione con standardizzazione Comportamento univoco nellambito di ogni categoria di grosse patologie Segnalazione di situazioni specifiche che nel passato avevano creato problemi di interpretazione

10 10 ALLEGATO 3 Criteri di esclusione permanente e temporanea del candidato donatore ai fini della protezione della sua salute.

11 Gravidanza Un anno dopo il parto, 6 mesi in caso di interruzione

12 12 ALLEGATO 4 Criteri di esclusione permanente e temporanea del candidato donatore ai fini della protezione della salute del ricevente

13

14 14 Criteri di esclusione temporanea INFEZIONI: dopo malattia infettiva i donatori sono esclusi dalla donazione per almeno 2 settimane a decorrere dalla data della completa guarigione clinica. GLOMERULONEFRITE ACUTA: 5 anni dalla completa guarigione. BRUCELLOSI, OSTEOMIELITE, FEBBRE Q, TUBERCOLOSI : 2 anni dalla completa guarigione. FEBBRE REUMATICA: 2 anni dopo la cessazione dei sintomi in assenza di cardiopatia cronica. TOXOPLASMOSI, MONONUCLEOSI INFETTIVA, M.di LYME: 6 mesi dopo la data di guarigione

15 15 FEBBRE > 38 °C: 2 settimane dopo la cessazione dei sintomi. AFFEZIONE DI TIPO INFLUENZALE: 2 settimane dopo la cessazione dei sintomi. VIAGGI IN ZONE ENDEMICHE PER MALATTIE TROPICALI: - 3 mesi dal rientro - stato di salute del donatore VIRUS DEL NILO OCCIDENTALE (WNV ): - sospensione 28 giorni dopo aver lasciato zona endemica - sospensione 28 giorni dalla guarigione

16 16 MALARIA: Malaria: - individui che sono vissuti in zona malarica nei primi 5 anni di vita o per 5 anni consecutivi della loro vita. - individui con pregressa malaria. - visitatori asintomatici di zone endemiche. Esclusione dalla donazione di sangue intero, emazie e piastrine per i 3 anni successivamente al ritorno dallultima visita in zona endemica a condizione che la persona resti asintomatica. E ammessa la donazione di plasma da inviare al frazionamento industriale (*). Possono donare plasma da inviare al frazionamento industriale (*). Sei mesi dopo avere lasciato la zona di endemia.

17

18 18 Vaccinazioni

19 19 Altre esclusioni temporanee Intervento chirurgico minore: 1 settimana Cure odontoiatriche: 1 settimana (estrazione, devitalizzazione, interventi analoghi) se di minore entità, da parte di dentista o odontoigenista, esclusione per 48 ore Terapie: - principio attivo medicinali presc. - farmacocinetica - malattia oggetto di cura Allergie a farmaci con particolare riguardo alla penicillina. Rinvio di un anno dopo lultima esposizione Situazioni epidemiologiche particolari (p.e. focolai di malattie)

20 20 Considerazioni Sicuramente questi decreti hanno portato miglioramenti su due fronti: - per il medico selettore più indicazioni - per i donatori ridotti i tempi di sospensione per situazioni molto frequenti (endoscopie, contatto con sangue o aghi, tatuaggi, body piercing, contatto domestico con persone affette da epatite B)

21 21 Riduzione del periodo finestra di HCV,HIV e HBV a seguito dell introduzione del test NAT Virus Periodo finestra (giorni) Riduzione (%) ElisaNAT HCV* HIV* HBV** * Velati C et al. Transfusion 2002; 42: ** Tosti ME et al. Br J Haematol 2002; 117: 215-9

22 22 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "1 D.M. 03/03/05. Requisiti di idoneità alla donazione di sangue tradizionale e con aferesi. Dott. D. Vincenzi SIT Ravenna."

Presentazioni simili


Annunci Google