La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

APRIAMO LA COMUNICAZIONE Istituto Professionale per lAgricoltura e lAmbiente S. Salvati – Monteroberto – (AN) Progetto per lintegrazione di alunni autistici.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "APRIAMO LA COMUNICAZIONE Istituto Professionale per lAgricoltura e lAmbiente S. Salvati – Monteroberto – (AN) Progetto per lintegrazione di alunni autistici."— Transcript della presentazione:

1 APRIAMO LA COMUNICAZIONE Istituto Professionale per lAgricoltura e lAmbiente S. Salvati – Monteroberto – (AN) Progetto per lintegrazione di alunni autistici sarea03

2 Cosa è lAutismo LAutismo o Disturbo Autistico è un severo e precoce disturbo generalizzato dello sviluppo di origine neurologica che colpisce un bambino su 2000 e le cui conseguenze durano tutta la vita. Il disturbo Autistico (puro o associato) consiste in una severa e persistente alterazione nel modo di percepire (iper o ipo sensibilità sensoriale), nel modo di comprendere (apprendimento atipico) il mondo e le persone, nel modo di comunicare (dal mutismo ad un linguaggio ecolalico o bizzarro), nel modo di interagire con gli altri e di interpretare il loro comportamento (isolamento, paura, allontanamento, aggressività difensiva). La scienza ha ormai con certezza appurato che il cuore del problema dellAutismo si trova nel ridotto funzionamento o nellimmaturità delle strutture e dei circuiti cerebrali che presiedono alla comprensione, allinterazione e alla comunicazione sociale. sarea03

3 Lo stereotipo sullAutismo ancora diffuso nella nostra Società è intessuto di disinformazione, di vaghe credenze e di miti e, per contro, si traduce concretamente in reali atteggiamenti e comportamenti di esclusione, fondati sulla preoccupazione, la paura, il rifiuto, più o meno imbarazzato, di farsi carico del bisogno di partecipazione sociale di questo tipo di persone diversamente abili, che appaiono così poco comprensibili. Il senso di incompetenza in sostanza autorizza il disimpegno dei più. Se infatti lAutismo è considerata una malattia complicata e incomprensibile, se il comportamento di questi ragazzi è imprevedibile e pericoloso, se comunicare con loro è quasi impossibile, occuparsene diventa compito degli specialisti, e il meccanismo di esclusione/delega da parte della comunità diviene sempre più rigido nel tempo e irreversibile. sarea03

4 La filosofia di molti diventa allora: se non cè nulla che noi possiamo fare, la cosa non ci riguarda. La Scuola Italiana grazie a 25 anni ormai di esperienza di integrazione anche di soggetti autistici, grazie alla predisposizione di Programmi Individualizzati, grazie alla presenza degli Insegnanti di sostegno e degli assistenti per lautonomia, ha ormai realizzato che lAutismo la riguarda. Il nostro Istituto che ospita tre ragazzi autistici, intende offrire un servizio di qualità agli stessi garantendone lintegrazione e contribuendo al pieno sviluppo delle potenzialità. sarea03

5 Favorire la possibile integrazione degli studenti affetti da autismo attraverso: 1.Sensibilizzazione/informazione sul tema dellAutismo 2.Corsi di aggiornamento per i docenti di sostegno e curriculari sullutilizzo di tecniche di comunicazione facilitata 3.Attività didattica integrata 4.Attività ludica extrascolastica Obiettivi del progetto sarea03

6 Azione relativa allobiettivo 1: Incontri di sensibilizzazione indirizzati a tutti i soggetti da coinvolgere nel progetto, realizzati con la partecipazione di esperti. Fasi dettagliate: 1a- incontri preparatori con referenti e testimoni appartenenti ai diversi contesti; 1b- incontri informativi, realizzati con il coinvolgimento di esperti e di associazioni locali Destinatari: Scuole, Famiglie, Educatori Soggetti attuatori: Genitori, Associazioni, Professionisti esperti. Metodologie: momenti informativi diretti; valorizzazione di testimonianze dirette significative e positive (di famigliari, di Associazioni) ; coinvolgimento attivo dei partecipanti in situazioni esperienziali o in gruppi di lavoro attivi. Per la verifica saranno considerati i seguenti indicatori: - numero di incontri realizzati; - numero di partecipanti; - valutazione dei cambiamenti indotti a livello di conoscenze e atteggiamenti rispetto ai temi proposti; sarea03

7 Azione relativa allobiettivo 2: Corsi di formazione e di aggiornamento per i docenti di sostegno e curriculari sullutilizzo di tecniche di comunicazione facilitata Fasi dettagliate: 2a- Partecipazione di un insegnante di sostegno e di un educatore al Corso Base di primo livello di C.F organizzato dallASL n°20 di Verona e coordinato dal Dr. Maurizio Brighenti; 2b- Tutoraggio in sede con supervisore di comunicazione facilitata per insegnante ed educatori coinvolti Destinatari: Insegnanti, Educatori Soggetti attuatori: Professionisti esperti. Per la verifica saranno considerati i seguenti indicatori: - numero di insegnanti coinvolti - valutazione dei cambiamenti indotti a livello di conoscenze e atteggiamenti rispetto ai temi proposti; sarea03

8 Azione relativa allobiettivo 3: Programmazione di moduli didattici Fasi dettagliate: 3a- Costituzione di un gruppo di lavoro per la realizzazione di materiale e proposte didattiche nelle varie classi in cui sono integrati gli alunni autistici 3b- Sperimentazione nei gruppi classe e sostegno nella attuazione Destinatari: Le classi, gli alunni autistici Soggetti attuatori: Il gruppo di lavoro, esperti esterni Per la verifica saranno considerati i seguenti indicatori: - Materiale prodotto - Livello di coinvolgimento delle classi - Qualità dellintegrazione sarea03

9 Fasi dettagliate: 4a- Costituzione di un gruppo ludico/sportivo di istituto in orario extrascolastico anche in rete con le scuole medie di Pianello 4b- Partecipazione a competizioni organizzate da scuole e associazioni ricreative 4c- Sensibilizzazione delle associazioni sportive territoriali Destinatari: Tutti gi alunni dellIstituto e di scuole del territorio comunale Le associazioni sportive territoriali Soggetti attuatori: Insegnanti di ed. fisica e animatori Per la verifica saranno considerati i seguenti indicatori: - Numero di alunni coinvolti - Associazioni coinvolte Azione relativa allobiettivo 4: Attività ludica extrascolastica sarea03

10 Tempi Ott.Nov.Dic.Genn.Febb.Mar.Apr.Mag. Azioni relative allobiettivo 1 Incontri di sensibilizzazione Azioni relative allobiettivo 2 Formazione sulla comunicazione facilitata Azioni relative allobiettivo 3 Didattica integrata - gruppo di lavoro Azioni relative allobiettivo 4 Attività ludico/sportiva extrascolastica due ore settimanali sarea03

11 Disponibilità alla formazione Responsabilità dellattuazione del progetto Monitoraggio dellandamento del progetto Interazione con coordinatore e cons. di classe degli alunni autistici Raccolta materiale didattico e multimediale Coordinamento del Gruppo di Lavoro Rapporti con le associazioni sportive territoriali Preparazione test verifica dei risultati ottenuti Relazioni quindicinali Compiti specifici : il coordinatore sarea03

12 Il Gruppo di lavoro sarea03 Composizione: Il coordinatore Due insegnanti di sostegno Due insegnanti Due educatori Compiti: Elaborare strategie e metodologie Seguire la sperimentazione Relazioni quindicinali sullattività Rapportarsi con lesperto

13 Attuazione del progetto nelle classi di competenza Preparazione e gestione del materiale didattico specifico Relazionarsi con il coordinatore del progetto Relazionarsi con il coordinatore di classe e cons. di classe Compiti specifici: ins. di sostegno sarea03

14 Attuazione del progetto Formazione sulla comunicazione facilitata Relazionarsi con linsegnante di sostegno e il coordinatore del progetto Compiti specifici : Educatori sarea03

15 Programmare lattività Gestire il gruppo ludico/sportivo Relazionarsi con il coordinatore del progetto Approntare test specifici Relazionarsi con le associazioni sportive territoriali Compiti specifici : ins. Ed. Fisica sarea03

16 Programmare gli interventi allinterno dellattività del gruppo ludico/sportivo Coordinarsi con lins. di ed. fisica Relazionarsi con il coordinatore del progetto Compiti specifici: Animatore sarea03

17 Realizzazione materiale didattico Realizzazione Cd rom Consulenza alla necessità Compiti specifici: Tecnico lab. informatico sarea03

18 Curare laggiornamento Sostenere la formazione degli insegnanti disponibili a specializzarsi sulluso della comunicazione facilitata Consulenza tecnica al gruppo di lavoro Compiti specifici : Esperto esterno sarea03

19 Risorse e costi RisorseN° h sett.li numero di sett. h totaliCosto h.Costo comp. Coordinatore (1)4 x 1 coor Esperti (1)-…………. Gruppo di lavoro (7)2 x 7 comp Tecnico computer (1)2 x 1 tec Insegnanti sostegno (2)2 x 2 ins Educatori (2)2 x 2 ed Insegnanti Curr. (2)1 x 2 ins Insegnanti ed. fisica (1)2 x 1 ins 3468 Animatore (1)2 x 1 anim 3468 TOTALI

20 Risultati attesi Un innalzamento delle conoscenze e competenze degli insegnanti e di altre figure educative sullautismo, con ricadute positive sullintegrazione scolastica attraverso a) lincremento dei tempi di permanenza in classe b) attività e condizioni formative comuni al gruppo Sul piano metodologico lindividuazione di variabili significative e di strategie efficaci per realizzare una piena integrazione didattica dei ragazzi con autismo. Un più ampio e diffuso inserimento dei soggetti con disturbo autistico nelle attività del tempo libero e in concomitanza un incremento delle loro abilità di interazione sociale ed una riduzione dei comportamenti-problema. sarea03


Scaricare ppt "APRIAMO LA COMUNICAZIONE Istituto Professionale per lAgricoltura e lAmbiente S. Salvati – Monteroberto – (AN) Progetto per lintegrazione di alunni autistici."

Presentazioni simili


Annunci Google