La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UMTS: ostacoli giuridici allinnovazione tecnologica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UMTS: ostacoli giuridici allinnovazione tecnologica."— Transcript della presentazione:

1 UMTS: ostacoli giuridici allinnovazione tecnologica

2 Telecomunicazioni mobili linstallazione, lesercizio e la fornitura di rete di telecomunicazioni, nonché la prestazione dei servizi ad essa relativi accessibili al pubblico, rappresentano attività di preminente interesse generale (art.2 del D.P.R. 318 del 1997); gli impianti installati dai gestori per le predette attività rivestono il carattere di opere di pubblica utilità (art.231 del cod. postale e D.P.R. 156 del 1973); il possesso di licenza governativa per la gestione ed erogazione dei servizi di telefonia mobile costituisce dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità e urgenza delle opere di realizzazione delle relative reti di telecomunicazioni (L. 249 del 1997 e testo licenze UMTS).

3 Alcuni principi costituzionalmente coinvolti Tutela della salute Tutela delliniziativa economica privata Servizio pubblico di telecomunicazioni Sviluppo urbanistico-edilizio Tutela dellambiente Necessità: punto ottimale di TRADE - OFF

4 Macro aree di regolamentazione Sanitaria ambientale Livelli di regolamentazionecomunitariostataleregionalelocale Urbanistico edilizia

5 Richiesta e presentazione relativi documenti Operatore Richiesta e presentazione relativi documenti Richiesta e presentazione relativi documenti ARPA Comune ASL Viene rilasciato un nulla osta tecnico sanitario NOTS Viene rilasciato un parere tecnico preventivo PTP A tale struttura si possono sovrapporre ulteriori controlli dovuti alla eventuale presenza di vincoli di tipo paesaggistico/idrogeologico Viene rilasciata una concessione/autorizzazione

6 Mercato delle comunicazioni a) Si ha sviluppo di mercato quanto più è diffuso il prodotto tra i consumatori b) Si ha diffusione quanto più è capillare la rete di comunicazione Investimenti Reti Utenti Profitti MERCATO

7 Regolamentazione comunitaria Liberalizzazione del mercato e apertura alla concorrenza Introduzione servizi UMTS Raccomandazione del 12/7/99 su esposizione a onde elettromagnetiche

8 Regolamentazione nazionale Norme di recepimento delle direttive comunitarie Legge n. 249 del 31/7/1997 – Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Decreto Interministeriale 381/98 Legge quadro n. 36 del 22/2/2001

9 Legge n.36 del 2001 Funzioni dello Stato (art. 4): determinazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità in considerazione del preminente interesse nazionale alla definizione di criteri unitari e di normative omogenee; istituzione del catasto nazionale delle sorgenti fisse e mobili dei campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici; determinazione dei criteri di elaborazione dei piani di risanamento; individuazione delle tecniche di misurazione e di rilevamento dellinquinamento elettromagnetico; realizzazione di accordi di programma con i gestori.

10 Legge n. 36 del 2001 Competenze delle Regioni (art.8): le modalità per il rilascio delle autorizzazioni alla installazione degli impianti; la realizzazione dei catasti regionali delle sorgenti fisse; lindividuazione degli strumenti e delle azioni per il raggiungimento degli obiettivi di qualità (come criteri localizzativi, standard urbanistici, prescrizioni ed incentivazioni per lutilizzo delle migliori tecnologie disponibili); il concorso allapprofondimento delle conoscenze scientifiche relative agli effetti per la salute

11 Legge n. 36 del 2001 Competenze dei Comuni (art. 8, comma VI): I comuni possono adottare un regolamento per assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti e minimizzare lesposizione della popolazione ai campi elettromagnetici

12 Le leggi regionali in vigore Val dAostaL.R. n. 31 del 21/08/00 PiemonteL.R. n. 6 del 23/11/89 e D.P.G.R. n. 1/R del 14/04/00 LombardiaL.R. n. 11 del 11/05/01 D.G.R. n. VII/7351 del 11/12/01 LiguriaL.R. n. 11 del 24/02/00 VenetoD.G.R. n del 29/12/98 Circolare n. 12 del 12/07/01 Friuli Venezia Giulia L.R. n. 13/2000, art. 6, comma 23 Provincia Autonoma di Trento D.P.G.R. n.13 del 29/06/00, e relative modifiche nel 2001 Emilia Romagna L.R. n. 30 del 31/10/00 Umbria D.G.R. n. 588 del D.G.R. n. 872 del

13 ToscanaD.G.R. n.12 del 16/01/2002 MarcheL.R. n. 25 del 13/11/01 AbruzzoL.R. n. 22 del 6/7/01 MoliseDelibera Legislativa del 1 marzo 2000 LazioD.R.G. 1138/2000 D.G.R. 1846/2000 D.R.G 1943/2000 L.R. 21/02/2001 Regolamento n. 2/2001 CampaniaL.R. n. 14 del 24/11/01 BasilicataL.R. n. 30 del 05/04/00 SiciliaCircolare n del 17/04/00 Le leggi regionali in vigore

14 Tutela della salute Posizione OMS una revisione dei dati scientifici svolta dalloms nellambito del progetto internazionale Cem ha concluso che sulla base della letteratura attuale, non cè nessuna evidenza convincente che lesposizione e radiofrequenze abbrevi la durata della vita umana, né induca o favorisca il cancro – Promemoria OMS n.193/2000 Percezione del rischio D.I. 381/1998 Legge n.36 del 2001

15 Tutela della salute e limiti di esposizione Raccomandazione Cee del 12/7/99 Comparazione tra limiti internazionali e italiani Limiti di campo elettrico E (V/m) Limiti di campo magnetico H (A/m) Limiti di densità di potenza (W/m 2 ) 900 MHz1800 MHz900 MHz1800 MHz900 MHz1800 MHz ICNIRP CENELEC DIN/VDE (Germania) NRPB (Regno Unito) Italia - Limite di esposizione (sanitario)

16 Opportune procedure di valutazione di impatto ambientale Art. 2 bis legge 189/1997 Normazione in materia di v.i.a. Direttiva del Consiglio del 27 giugno 1985 concernente la valutazione dellimpatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati 85/337CEE Direttiva del Consiglio del 3 marzo /11/CEE Legge 8 luglio 1986 n. 349, art.6, comma II. D.P.R 12 aprile Atto di indirizzo e coordinamento D. Lgs. n.112 del 1998, art.71

17 Opportune procedure di valutazione di impatto ambientale Art. 2 bis legge 189/1997 Interpretazione giurisprudenziale 1.Non è possibile applicazione diretta 2.V.i.a. preventiva da parte delle regioni (presupposto indispensabile) 3.Necessità di disposizioni regionali di attuazione Nuovi interventi normativi 1.L. 36 del Legge costituzionale n.3 del Legge Lunardi

18 Titolo abilitativo Prima della legge quadro n. 36 del Autorizzazione 2. Concessione 3. d.i.a. Fase successiva 1.Legge quadro 2.T.U. in materia edilizia permesso di costruire 3.Legge Lunardi super d.i.a.

19 Provvedimenti comunali e giurisprudenza 1.Provvedimenti di diniego del titolo ad edificare impianti per la telefonia mobile 2.Provvedimenti di divieto e/o sospensione delle autorizzazioni, concessioni o provvedimenti di assenso concernenti impianti per telefonia mobile 3.Regolamenti: a) per l'installazione di antenne e annessi apparati per la telefonia cellulare; b) per la tutela della salute e dell'ambiente da esposizioni a campi elettromagnetici 4.Provvedimenti che impongono un divieto generalizzato di installazione di impianti

20 Problematiche emerse 1.Coesistenza di tre diverse macro aree di regolamentazione che, al loro interno, vedono l'applicazione di normative ingiustificate e/o incoerenti, che hanno originato un aumento del contenzioso Profili sanitari: a)limiti inferiori rispetto a quelli internazionali b)valori d attenzione e obiettivi di qualità Tutela dellambiente: a)incoerenza dellart.2 bis con la legislazione italiana e comunitaria b)differenti regoalmentazioni regionali Profili urbanistico-edilizi a)mancanza di chiarezza sul titolo abilitativo b)mancanza di graduazione dei provvedimenti assentivi c)Diversi criteri regionali per localizzazione e zonizzazione

21 Problematiche emerse 2. la stratificazione disciplinare (coesistenza di fonti nazionali, regionali e locali) determina problemi di incostituzionalità e da un punto di vista pratico, la coesistenza di diverse regolamentazioni sul territorio nazionale in ragione della differente disciplina a livello regionale e comunale incertezza per i soggetti titolari delle licenze individuali UMTS che devono osservare normative differenti da regione a regione costi aggiuntivi, dovuti alle asimmetrie informative generate dalla differente regolamentazione a livello amministrativo decentrato

22 I punti nodali di ostacolo all'implementazione delle reti Pluralità e diversificazione dei limiti sanitari ad opera degli enti locali Incoerenza delle norme sulle procedure di valutazione di impatto ambientale Mancanza di individuazione certa del titolo abilitativo per gli impianti Divieti di zonizzazione e localizzazione diversi da regione a regione e da comune a comune

23 Possibili scenari di regolamentazione eliminazione delle incoerenze normative: unicità dei limiti di esposizione su tutto il territorio nazionale, senza restrizioni o ulteriori limiti da parte delle legislazioni regionali; abolizione dell'art. 2 bis della legge 189/1997; razionalizzazione delle procedure autorizzatorie per l'installazione degli impianti di telecomunicazioni su tutto il territorio nazionale, affinchè siano certi sia l'iter procedimentale, sia i tempi per la conclusione dei relativi procedimenti amministrativi: previsione di autorizzazione o dichiarazione di inizio attività in relazione alla potenza di emissione o alle dimensioni dell'impianto; definizione dei criteri per la scelta delle zone di allocazione degli impianti.

24 Enti Competenti Operatore Presentazione dei documenti ed autocertificazione dei requisiti prescritti Denuncia Inizio Attività 1 A tale struttura si possono sovrapporre ulteriori controlli dovuti alla eventuale presenza di vincoli di tipo paesaggistico/idrogeologico 1 Comune ARPA


Scaricare ppt "UMTS: ostacoli giuridici allinnovazione tecnologica."

Presentazioni simili


Annunci Google