La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto Regionale Unitario in ambito risicolo Progetti in ambito prevalentemente urbano, gestione di 13 progetti su 17 Progetto Regionale Unitario zanzara.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto Regionale Unitario in ambito risicolo Progetti in ambito prevalentemente urbano, gestione di 13 progetti su 17 Progetto Regionale Unitario zanzara."— Transcript della presentazione:

1

2 Progetto Regionale Unitario in ambito risicolo Progetti in ambito prevalentemente urbano, gestione di 13 progetti su 17 Progetto Regionale Unitario zanzara tigre Attività sperimentali e di ricerca Deliberazione della Giunta Regionale 7 marzo 2011, n Deliberazione della Giunta Regionale 21 aprile 2011, n ATTIVITA' ANNO 2011

3 PROGETTO REGIONALE UNITARIO IN AMBITO RISICOLO ATTIVITA DI LOTTA IN COLLABORAZIONE CON I RISICOLTORI 1) Distribuzione di insetticida con la semina 2) Distribuzione di insetticida con antigerminello 3) Gestione della falsa semina 4) Gestione delle asciutte 5) Creazione dei solchi La superficie interessata dai trattamenti del quadriennio pari a ha è stata estesa nel 2011 a ha I centri operativi sono stati ridotti da 4 a 2 ATTIVITA DI LOTTA TRAMITE TRATTAMENTI AEREI 1)Bti in microgranuli idrodispersibili (mezzo aereo ad ala rotante) 2)Bti granulare (mezzo aereo ad ala fissa) 3)Aumento del perimetro delle aree trattate (Novara e Biella)

4 ATTIVITA DI LOTTA IN COLLABORAZIONE CON I RISICOLTORI Distribuzione di insetticida durante la semina e con antigerminello Alcuni problemi riscontrati: 1) Utilizzo del prodotto non diluito in acqua 2) Utilizzo del prodotto a concentrazioni diverse su alcune parti dellazienda

5 ATTIVITA DI LOTTA TRAMITE TRATTAMENTI AEREI

6 DATI CATTURE OCHLEROTATUS CASPIUS PIEMONTE ORIENTALE Confronto catture alate di Oc. caspius nel Monferrato e Vercellese

7 Confronto catture alate di Oc. caspius a Torino DATI CATTURE OCHLEROTATUS CASPIUS PIEMONTE OCCIDENTALE

8 I trattamenti aerei (elicotteri + aerei) interesseranno ha di territorio risicolo TRATTAMENTI IN COLLABORAZIONE CON LE AZIENDE Diflubenzuron: su almeno ha; Bti in microgranuli idrodispersibili con il fungicida: 3500 ha con 1750 Kg TRATTAMENTI AEREI AREE NORD 4 elicotteri Schweizer 300 C: ha; Bti in microgranuli idrodispersibili: Kg TRATTAMENTI AEREI AREE SUD 2 aerei per distribuzione Bti granulare: ha Bti granulare: Kg; 2 elicotteri Schweizer 300 C per ha con Bti in microgranuli idrodispersibili per finitura aree non trattate dagli aerei; Bti in microgranuli idrodispersibili: Kg ATTIVITA' ANNO 2012 Attività generale

9 Diflubenzuron: almeno ettari superficie rispetto al 2011 numero di aziende rispetto al 2011 Collaborazione con le aziende risicole Distribuzione del Bti in microgranuli idrodispersibili Culex con i fungicidi, rivolto anche alle Culex nellottica febbre del Nilo di ridurre i vettori della febbre del Nilo consolidarerapportiaziende E necessario consolidare i rapporti con le aziende: spandimento ridurre interventi mezzo aereo. ad esempio spandimento del Bti in concomitanza delle operazioni colturali al fine di ridurre il più possibile gli interventi tramite il mezzo aereo. ATTIVITA' ANNO 2012 Collaborazione con i risicoltori Sperimentazione sulla distribuzione di Diflubenzuron Diflubenzuron tramite le bocchette. seguireaziende E necessario seguire le aziende in modo Preciso, sia sui tempi sia sui quantitativi di Diflubenzuron. distribuzione di Diflubenzuron.

10 Diflubenzuron alla bocchetta Stesso prodotto usato alla semina (Juvenox SC15), ma ad una dose maggiore (300 mL/ha) Sempre per colpire Oc. caspius Primo trattamento alla sommersione dopo il radicamento Secondo trattamento alla sommersione dopo diserbo Il prodotto viene pre-sospeso in acqua in proporzione 1:2

11 La sospensione viene messa in un bidone dotato di rubinetto regolabile Il flusso della sospensione viene regolata utilizzando il rubinetto dedicato In questo modo la soluzione rimane sul pelo dellacqua La distribuzione avviene quando la camera è già saturata e inizia a aumentare di livello

12 Nel 2011 sono stati effettuati test in 3 aziende e 2 momenti diversi (dopo asciutta di radicamento e dopo asciutta di diserbo) Dopo radicamento - Dopo diserbo - Controllo 0IIIIIIIVV

13 Elicotteri Schweizer 300 C Riduzione del numero di elicotteri a discapito degli aerei, in vista del fatto che avrà sicuramente più possibilità la diffusione del prodotto granulare rispetto al liquido. Aereo Dromadair per distribuzione Bti granulare Verrà utilizzato su tutta larea sud del progetto risicolo. Anche economicamente sarà vantaggioso soprattutto quando il riso è alto. Inoltre verrà ridotto il quantitativo a ettaro a 6 kg di Bti granulare. Elicotteri Schweizer 300 C Verrà comunque utilizzato lelicottero per le operazioni di finitura. ATTIVITA' ANNO 2012 Mezzi aerei

14 Obbligo per tutti i mezzi aerei di montare GPS e di registrare le tracce di volo Base notturna Base temporanea Per determinare il percorso effettivo

15 On sul bersaglio On fuori bersaglio Off Per calcolare lesatta sovrapposizione delle passate del trattamento


Scaricare ppt "Progetto Regionale Unitario in ambito risicolo Progetti in ambito prevalentemente urbano, gestione di 13 progetti su 17 Progetto Regionale Unitario zanzara."

Presentazioni simili


Annunci Google