La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La rivoluzione dei trasporti. abbiamo alle spalle un mondo in cui le distanze erano segnate dai limiti della possibilità di spostarsi (a piedi, a cavallo,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La rivoluzione dei trasporti. abbiamo alle spalle un mondo in cui le distanze erano segnate dai limiti della possibilità di spostarsi (a piedi, a cavallo,"— Transcript della presentazione:

1 La rivoluzione dei trasporti

2 abbiamo alle spalle un mondo in cui le distanze erano segnate dai limiti della possibilità di spostarsi (a piedi, a cavallo, con le navi a vela: giorni da Roma a Napoli, mesi dallEuropa allAmerica, e così via); oggi non più (jet; internet, tv) la maggioranza delle terre era sconosciuta (le zone bianche delle carte), il mondo era prevalentemente lontano, diverso, esotico; lorizzonte normale delluomo era il villaggio, la valle, il mercato più vicino; leconomia era prevalentemente di autoconsumo

3 A un certo punto: navi a vela sempre più veloci lo sviluppo dellimprenditorialità (rischio e assicurazione) il commercio triangolare le strade a pedaggio i canali

4 Infine, la ferrovia come elemento dellindustrializzazione e della modernizzazione (Inghilterra: 1830 Manchester-Liverpool, Stati Uniti, Russia, Italia, Berlino-Badgdad)

5 Sviluppo ferrovie al 1840

6 Sviluppo ferrovie al 1888

7 Le navi a vapore (USA: 1807; GB: 1812): fino al 1830 solo tratti brevi Il telegrafo: prima il telegrafo ottico di Chappe 1806, poi 1840 Morse Il francobollo: 1841

8 Lurbanesimo

9 il mondo che ci ha preceduto era un mondo prevalentemente agricolo, la società rurale dominava sulla società urbana, la campagna sulla città città sempre esistite, ma ora spinta irresistibile verso lurbanizzazione in Europa allinizio del XIX secolo ci sono due sole città con più di abitanti; nel 1914 saranno 149

10 Ancora di più, in Europa nel 1801 ci sono 23 città con più di abitanti (il 2% della popolazione); nel 1850 sono 42; nel ; nel 1913 vi vive ormai il 15% degli europei Il cambiamento non riguarda solo le dimensioni (il che non è poco: sussistenza, approvvigionamenti, circolazione, fogne, illuminazione, alloggi, amministrazione, ordine pubblico) ma la natura della città coinvolgendo il lavoro, il tempo libero, le relazioni sociali

11 Alcuni fattori spiegano il fenomeno: Esodo rurale e bisogno di manodopera, rivoluzione trasporti (senza ferrovia niente approvvigionamenti), rivoluzione tecnica (concentrazione manodopera) Ma anche altro: banca, nodi ferroviari, posta e commerci, istruzione (insomma, i servizi) Ci sono poi fattori psicologici: lattrattiva della libertà e della solitudine

12 Enormi le conseguenze sociali: A) Modificazioni dello spazio: Fine della città chiusa (crescita anarchica, speculazione sui terreni, ma anche ruolo del mercato: specializzazione quartieri e non più il caos della città di antico regime) Il passo umano non è più proporzionato alle dimensioni della città: risistemazioni di Hausmann a Parigi (velocità delle comunicazioni e ordine pubblico); omnibus, mezzi meccanici Dimensioni approvvigionamento: il rapporto città/ contado; ora il treno e il mercato; lacquaiolo non è più a livello delle esigenze: acquedotti, canali; il problema dei rifiuti

13 B) Gli effetti della concentrazione: Ammasso umano con potenziali effetti di catastrofe sociale: incendi, epidemie, criminalità e delinquenza La folla urbana pone problemi politici: Ordine pubblico oltre che trasporti: viali per la cavalleria e il cannone; asfalto al selciato; polizia urbana Suffragio universale: riduce la potenzialità eversiva della città

14 C) Conseguenze: Prima, dipendente dalla terra che la circondava; ora indipendente Da millenni la campagna matrice di equilibrio e di ogni cultura; ora la società tende a trasformarsi in società urbana Nasce uno dei fenomeni più grandiosi fino ai nostri giorni

15 E il mondo rurale? Non bisogna esagerare: fino agli ultimi decenni del secolo in molti paesi europei continua a dominare (la città ancora isola) Il mondo rurale continua a essere importante, anche se perde progressivamente di rilievo: in Francia nel 1846 il 75% della popolazione; nel 1921 ancora la maggioranza assoluta; solo in GB dopo il 1918 meno della metà

16 Il ruolo dei contadini

17 Più difficile farne la storia perché non parla, non lascia traccia Una storia a-temporale? Stessi arnesi dal medioevo I problemi della condizione contadina: fame (meno in Europa); terra-esodo (urbanizzazione, colonizzazione, Siberia, emigrazione); forme di propietà (piccola proprietà, mezzadria, braccianti) Trasformazione industriale dellagricoltura, ma con forti limiti: zone (USA)

18 Contadini e politica: Numero, ma dispersione, ignoranza, separatezza, dipendenza Lemancipazione (caso francese, caso russo) Diffusione democrazia: paradosso: suffragio universale quando lesodo rurale ne ha ridotto enormemente il peso Fiducia élites tradizionali: ruolo conservatore Città/campagna = democrazia/conservatorismo


Scaricare ppt "La rivoluzione dei trasporti. abbiamo alle spalle un mondo in cui le distanze erano segnate dai limiti della possibilità di spostarsi (a piedi, a cavallo,"

Presentazioni simili


Annunci Google