La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA CURA DEL DIABETE GIOVANILE: UN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE TERAPEUTICO- EDUCAZIONALE RIVOLTO AL RAGAZZO DIABETICO E ALLA SUA FAMIGLIA Dr. Barbara Longo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA CURA DEL DIABETE GIOVANILE: UN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE TERAPEUTICO- EDUCAZIONALE RIVOLTO AL RAGAZZO DIABETICO E ALLA SUA FAMIGLIA Dr. Barbara Longo."— Transcript della presentazione:

1 LA CURA DEL DIABETE GIOVANILE: UN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE TERAPEUTICO- EDUCAZIONALE RIVOLTO AL RAGAZZO DIABETICO E ALLA SUA FAMIGLIA Dr. Barbara Longo U.O.C. di Psicologia Dr. Claudia Arnaldi U. O. di Pediatria U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti 10 anni dellUnità Operativa Complessa di Psicologia Gennaio 2008

2 Anno internazionale del bambino e delladolescente con diabete Come può, un bambino con diabete, crescere libero se il mondo intorno a lui non conosce la sua realt à ? U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti

3 Giornata mondiale del diabete: Dal mondo… allItalia La Giornata Mondiale del Diabete, la prima riconosciuta ufficialmente dallONU, si è accesa di blu anche in Italia. Dal presente al futuro: Piano Nazionale Diabete Approccio integrato multidisciplinare di presa in carico del paziente con diabete U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti

4 D.ssa C. Arnaldi, D.ssa E.Goldoni – D.ssa C. Arnaldi, D.ssa E.Goldoni – U.O. Pediatria U.O. Pediatria D.ssa B. Longo – U.O.C. Psicologia D.ssa B. Longo – U.O.C. Psicologia Dietista E.Gardino – U.O.D. S. Dietista E.Gardino – U.O.D. S. I.P. A.Gatti – U.O. Pediatria I.P. A.Gatti – U.O. Pediatria Un percorso multidisciplinare intervento integrato di intervento integrato ai giovani pazienti con diabete e alle loro famiglie Team multidisciplinare Approccio integrato multidisciplinare di presa in carico del paziente con diabete U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti U.O. di Pediatria

5 facilitare il raggiungimento di obiettivi significativi adeguatezza psicosociali di adeguatezza del paziente con diabete: approccio terapeutico multidisciplinare: obiettivi area affettivo-relazionale area ludico-ricreativa/attività fisica area di gestione misurata dello stile alimentare area gestione e monitoraggio della glicemia ridurre il rischio che la patologia possa favorire lespressione di diversità e di limitazione vissuti di diversità e di limitazione che genera ulteriore malattia: U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti

6 Il SISTEMA EQUIPE Sistema equipe ordinecomunicazione condivisione Nella gestione sistema della malattia cronica si crea un sistema circolare e dinamico che si costruisce sulla base delle esperienze di relazione acquisite U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti la routine operativa dellequipè multidisciplinare dinamica per la sua natura dinamica necessita di una continua osservazione, monitoraggio e ridefinizione.

7 La multidisciplinarietà…. Il riconoscimento ed il rispetto delle singole professionalità, assumendosi la responsabilità del proprio ruolo in uno spirito di collaborazione equipe multidisciplinare (equipe multidisciplinare) offre al paziente e ai suoi familiari ordine e sicurezza e non confusione multidisciplinarietà la multidisciplinarietà costituisce dunque collante quel collante che offre alle diverse discipline cliniche valore aggiunto un valore aggiunto U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti

8 Assistenza globale al ragazzo con diabete Tutelare la crescita di ogni singolo ragazzo aiutandolo ad realizzare un armonico sviluppo della sua personalità con la patologia diabetica U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti CONOSCENZA Acquisizione di Informazioni inerenti la Patologia e gli Strumenti CONSAPEVOLEZZA Riconoscimento ed Integrazione della Patologia e degli Strumenti ADEGUATEZZA Capacit à di Gestione della Patologia mediante una Valutazione degli Strumenti APPROPRIATEZZA Raggiungimento di una Integrazione armonica di tutti gli Aspetti inerenti la Patologia

9 ADEGUATALATITANTE CHIUSA e RIGIDA INSICURA E PROTETTIVA EQUIPE come MODULATORE delle azioni e dei vissuti dei familiari Assistenza globale alla famiglia del ragazzo con diabete del ragazzo con diabete A fronteggiare le diverse fasi della malattia a favorire la realizzazione di questo PROCESSO di APPRENDIMENTO delle capacità di AUTOGESTIONE ed AUTOCONTROLLO del bambino che diviene ragazzo Lequipe si trova a confrontarsi con diverse tipologie di famiglia: U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti Le delicate FASI della malattia ESORDIO Accoglienza - Empatia Professionalità – apprendimento ROUTINE Educazione permanente Progressiva delega - Osservazione Lapprendimento della gestione della quotidianità

10 Pediatra diabetologo Team multidisciplinare Infermiera pediatrica psicologo Dietista U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti Oculista Neurologo Cardiologo pediatra Laboratorio analisi PACCHETTO DI PRESTAZIONI

11 U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti Attività ambulatoriale multidisciplinare Colloqui psicologici individuali e di gruppo (per ragazzi e familiari) Incontri di rete e di informazione sul diabete (scuola, convegni, ecc.) Aggiornamento professionale ECM di approfondimento della gestione da parte degli operatori dedicati Lavoro di rete con associazione dei familiari dei ragazzi con diabete Campi scuola Linee guida ISPAD e SIEDP Principali strumenti di educazione terapeutica per utenti ed operatori dedicati Dalla cura della malattia diabete Al prendersi cura del ragazzo con diabete

12 Risultati raggiunti ad oggi: questo è il nostro presente …su cui struttureremo futuro il nostro futuro U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti sul piano della risposta da parte dellutenza (buona compliance terapeutica dei pazienti seguiti, crescita del Servizio) sul piano delle iniziative realizzate (campi, convegni, riconoscimenti ricevuti) sul piano dellaggiornamento e messa in atto di procedure ed ausili tecnici sempre più moderni e aggiornati migliorativi della Q di V del paziente e della sua famiglia la significatività e il valore del lavoro multidisciplinare

13 U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti Quanti nuovi pazienti allesordio della malattia ha accolto il nostro Servizio ?

14 E quanti pazienti provenienti da altri Servizi ? U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti

15 U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti... fino ad oggi

16 offrire momenti di approfondimento delle tematiche correlate alla gestione della cura rinforzare la vita di gruppo U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti aiutare i genitori a delegare la cura dei propri figli Azioni previste Obiettivi Strumenti realizzare un monitoraggio dello status della patologia nelle 24 ore …dai nostri CAMPI EDUCATIVO-TERAPEUTICI

17 U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti Dalle prime esperienze ai campi strutturati e divisi per fasce di età.

18 U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti Erogatore programmabile di insulina. Dimensioni 8 x 5 x 2cm Peso-> gr Gold standard nella terapia del diabete

19 alletà alle loro esigenze sociali, culturali, affettive facilitatori dellacquisizione e scoperta di quelle risorse del singolo ragazzo che lo aiuteranno ad apprendere questa dimensione della cura e tutela di sé Prevenzione delle complicanze I piccoli diventano giovani adulti Equipe terapeuticafamiglia Nuove problematiche legate U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti

20 E il loro futuro bussa alla nostra porta… territorio U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti 34% 66 %

21 I ragazzi Gli adulti U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti Il nostro futuro…. stabilizzare e rinforzare quanto raggiunto ad oggi, garantendo il mantenimento delle procedure applicate prospettive di miglioramento e di qualità realizzazione di un coordinamento ed integrazione di modelli nel passaggio dal diabete del ragazzo a quello adulto Equipe di transizione aggiornamento costante degli ausili tecnici migliorativi della Q di V del diabetico e della sua famiglia La nostra sfida...

22 territorio U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti paziente I servizi sempre più vicini ai pazienti... ospedale formazione e informazione delle principali agenzie di servizio territoriali integrazione e rinforzo di una gestione capillare delle esigenze cliniche e psicosociali del paziente con diabete e della sua famiglia ospedale/territorio

23 U.O.C. di Psicologia ASL Viterbo Psicologia e Contesti Dott.Palumbo Dott. Morucci Dott.Cimarello


Scaricare ppt "LA CURA DEL DIABETE GIOVANILE: UN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE TERAPEUTICO- EDUCAZIONALE RIVOLTO AL RAGAZZO DIABETICO E ALLA SUA FAMIGLIA Dr. Barbara Longo."

Presentazioni simili


Annunci Google