La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE DI PERUGIA CORSO DI LAUREA SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA VECCHIO ORDINAMENTO PRESENTAZIONE PROGETTO DI TIROCINIO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE DI PERUGIA CORSO DI LAUREA SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA VECCHIO ORDINAMENTO PRESENTAZIONE PROGETTO DI TIROCINIO."— Transcript della presentazione:

1 FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE DI PERUGIA CORSO DI LAUREA SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA VECCHIO ORDINAMENTO PRESENTAZIONE PROGETTO DI TIROCINIO Corso di Laurea A.A Ufficio Tirocinio Via del Verzaro, 61 Tel E mail:

2 Il tirocinio è: -opportunità di crescita professionale in vista dellazione educativa; -spazio dialogico complesso in cui superare lantinomia tra teoria e prassi; -contesto formativo dinamico, mai identico a se stesso, perché assume lesperienza e la riflessione su questultima come oggetto privilegiato di confronto; -luogo di mediazione culturale, in cui si incontrano biografie professionali diverse e si promuove lemersione di differenti punti di vista; -territorio di sviluppo di competenze professionalizzanti attraverso losservazione, la riflessione e la ricerca sullagire educativo; -area di scambi relazionali, dove attraverso il dialogo prende forma la comunicazione educativa, come fattore di identità professionale; -situazione privilegiata per la definizione e la costruzione del sé professionale; -tempo per sviluppare il pensiero professionale complesso in funzione della lettura/interpretazione della realtà scolastica, in termini educativo/ didattici; -ambito di metacognizione in cui elaborare adeguate rappresentazioni dei processi di pensiero professionale; -momento di orientamento alla professione docente e alla scelta specifica di indirizzo;

3 LE COORDINATE DEL PROGETTO – PREMESSE FONDATIVE Strumento di lavoro cui affidare il compito di progettare e accompagnare unazione formativa mirata, efficace, coerente con i principi a fondamento del mandato del tirocinio. In grado di: - promuovere e sostenere azioni formative, organizzative, gestionali - educare gli insegnanti allincertezza e alla gestione della complessità -avviare la costruzione di un profilo professionale attento ai nuovi scenari, capace di ridisegnare con strumenti aggiornati il profilo docente Lipotesi guida è quella di prospettare un curricolo integrato nel quale le competenze professionali siano sostenute da robusti quadri teorici e dellaltrettanto fondamentale possibilità di costruire e ricostruire il sé professionale in un processo interattivo e critico di rielaborazione dellesperienza nella pratica scolastica.

4 LE COORDINATE TEORICHE DEL PROGETTO Riferimenti: -Rapporto UNESCO –Delors che indica i quattro pilastri delleducazione -Strategia di Lisbona soprattutto per gli aspetti di modernizzazione europea legati al settore della ricerca, della valorizzazione delle risorse umane, dellistruzione e della formazione - E. Morin - ricollocazione della formazione attraverso la riforma dellinsegnamento e del pensiero intesa come sollecitazione operativa; tema epistemologico della complessità -E.Damiano - riforma dellinsegnante, cioè riconfigurazione del suo profilo professionale, a partire dalle nuove competenze e dalla valorizzazione del suo ruolo sociale. -D. Schön - Il profilo docente da formare va nella direzione del professionista riflessivo che nellagire professionale si muove come ricercatore, capace di accrescere conoscenze e competenze sulla e nella sua azione. -J. Dewey – il progetto si fonda sui rapporti tra esperienza e riflessione; lesperienza è assunta come unità di base del processo formativo - Lev S. Vygotskij – costruttivismo socio-culturale – prospettare agli studenti ambienti di apprendimento collaborativi ove si praticano attività contestualizzate attraverso un processo di costruzione di significati negoziati assieme (comunità di pratiche)

5 Prende forma il profilo professionale… a partire dalle nuove competenze e dalla valorizzazione del suo ruolo sociale Caratterizzato sul piano della professionalità dallacquisizione di competenze ritenute essenziali Il modello veicola unidentità complessa della professione docente Le competenze che si formano attraverso linterazione dinamica tra conoscenza dei saperi, conoscenza e padronanza delle metodologie, adeguata rappresentazione del sistema scuola, coniugati con comportamenti sociali e atteggiamenti valoriali pertinenti.

6 Il percorso formativo Muove dalla riflessione come strumento del sapere professionale: riflessione ed azione si fondono, si mescolano, interagiscono e consentono al docente di confrontarsi con la situazione professionale, facendo ricorso ad immagini rappresentazioni, pre-conoscenze, esperienze di cui è portatore e che utilizza per comprendere e formulare nuove ipotesi. Ogni azione implica un processo conoscitivo e la conoscenza è pertanto elemento costitutivo ed essenziale per lagire. Lesperienza, assunta come unità base di ogni processo formativo, contribuisce alla crescita e al cambiamento individuale che assume significato solo se accompagnato dalla riflessione sulle situazioni di ritorno, che da questo conseguono.

7 Saper fare riflessivamente: - esercizio ermeneutico/critico nella realtà professionale (elaborazione di risposte come soluzioni a situazioni incerte e fluttuanti) -uso del conoscere interpretante, che consente di agire didatticamente e riflettere sulle azioni, -assunzione e legittimazione delle decisioni assunte La condizione professionale di cui si parla richiede al docente di muoversi in un contesto di meta-cognizione metodologico/didattica.

8 Impianto progettuale 420 ORE ARTICOLATE IN 4 ANNI TIROCINIO DIRETTO NELLE SCUOLE TIROCINIO INDIRETTO PER MOMENTI DI RIFLESSIONE, PROGETTAZIONE, SIMULAZIONE PARTECIPAZIONE A CONVEGNI, SEMINARI TUTORING INDIVIDUALE O A PICCOLO GRUPPO PERCORSI INDIVIDUALIZZATI DI TIROCINIO DOCUMENTA- ZIONE DELLE ATTIVITA SVOLTE VALUTAZIONE (STRUMENTI NARRATIVI E PORTFOLIO)

9 - Favorire la riflessione ampia ed articolata sugli aspetti pedagogici-epistemologici-metodologico/didattici – normativi- antropologici del progetto culturale ed educativo della scuola -Orientare i soggetti in formazione sotto gli aspetti del conoscere, del fare, dellessere, attraverso la stretta correlazione fra acquisizione di conoscenze e sviluppo di competenze professionali -Promuovere la formazione di professionalità docenti capaci di agire e riflettere sulla e nella realtà scolastica.

10 Per dar conto della organicità del progetto si inseriscono di seguito le slide relative ad ogni annualità del vecchio ordinamento, si precisa tuttavia che nellanno accademico in corso è attivo solo il terzo e quarto anno.

11 Attivita Osservazione (oggetti, modalità, finalità, protocolli, ecc…) Definizione di strumenti di osservazione funzionali Strutturazione del Sé professionale Attività di gruppo come risorsa umana e professionale Raccolta sistematica e motivata di materiali per la documentazione del percorso individuale e di gruppo Attività relative all'accoglienza, alla presentazione di sé, alla conoscenza dell'altro TEMPI TOT.110 ore 3 ORE DI ACCOGLIENZA (studenti di I anno e Neo- iscritti) 60 ORE DI TIROCINIO DIRETTO (30 ore Scuola dellInfanzia e 30 ore scuola Primaria) 60 ORE DI TIROCINIO DIRETTO (30 ore Scuola dellInfanzia e 30 ore scuola Primaria) 25 ORE DI TIROCINIO INDIRETTO 25 ORE DI TIROCINIO INDIRETTO 10 ORE PER LA RIELABORAZIONE/ DOCUMENTAZIONE 10 ORE PER LA RIELABORAZIONE/ DOCUMENTAZIONE 12 ORE dedicate alla partecipazione a CONVEGNI - INIZIATIVE DI FORMAZIONE, TUTORING INDIVIDUALE O A PICCOLO GRUPPO 12 ORE dedicate alla partecipazione a CONVEGNI - INIZIATIVE DI FORMAZIONE, TUTORING INDIVIDUALE O A PICCOLO GRUPPO Obiettivi formativi CONOSCERE GLI ASPETTI ORGANIZZATIVI ED ISTITUZIONALI DELLA SCUOLA DELLINFANZIA E PRIMARIA RIFLETTERE SULLE MOTIVAZIONI E ATTITUDINI PROFESSIONALI DOCUMENTARE I PERCORSI Modello organizzativo

12 Attivita Osservazione, nei diversi contesti scolastici, di nuclei pedagogici, didattici e organizzativi Acquisizione del contesto normativo di riferimento Definizione di strumenti d'osservazione funzionali Riflessioni di gruppo sulle tematiche proposte Strutturazione dellidentità professionale in funzione della scelta di indirizzo Raccolta sistematica e motivata di materiali per la documentazione, individuale e di gruppo, del percorso TEMPI TOT.110 ore 60 ORE DI TIROCINIO DIRETTO (30 ore Scuola dellInfanzia e 30 ore scuola Primaria) 60 ORE DI TIROCINIO DIRETTO (30 ore Scuola dellInfanzia e 30 ore scuola Primaria) 25 ORE DI TIROCINIO INDIRETTO 25 ORE DI TIROCINIO INDIRETTO 6 ORE DEDICATE ALLA DIMENSIONE INCLUSIVA DELLA SCUOLA 6 ORE DEDICATE ALLA DIMENSIONE INCLUSIVA DELLA SCUOLA 10 ORE PER LA RIELABORAZIONE/ DOCUMENTAZIONE 10 ORE PER LA RIELABORAZIONE/ DOCUMENTAZIONE 9 ORE dedicate alla partecipazione a CONVEGNI - INIZIATIVE DI FORMAZIONE, TUTORING INDIVIDUALE O A PICCOLO GRUPPO 9 ORE dedicate alla partecipazione a CONVEGNI - INIZIATIVE DI FORMAZIONE, TUTORING INDIVIDUALE O A PICCOLO GRUPPO Obiettivi formativi OSSERVARE NUCLEI DI NATURA PEDAGOGICA, DIDATTICA E ORGANIZZATIVA (LA RELAZIONE EDUCATIVA - IL SETTING DIDATTICO - LA COMUNICAZIONE DIDATTICA - ECC…) MATURARE LIDENTITÀ PROFESSIONALE ORIENTARSI VERSO LA SCELTA DI INDIRIZZO PROFESSIONALE DOCUMENTARE I PERCORSI Modello organizzativo

13 Attivita Riflessione sul quadro normativo di riferimento Osservazione nei diversi contesti scolastici di nodi pedagogico - educativo-didattici relativi alle aree disciplinari, alle discipline e ai campi d'esperienza Riflessioni di gruppo sulle tematiche proposte Partecipazione alle fasi di progettazione/verifica inerenti i diversi livelli di collegialità Definizione di strumenti e modalità di progettazione Strutturazione del Sé professionale in relazione alla prassi educativo-didattica Raccolta sistematica e motivata di materiali per la documentazione individuale e di gruppo TEMPI TOT.100 ore 60 ORE DI TIROCINIO DIRETTO (60 ore Scuola dellInfanzia o 60 ore scuola Primaria) 60 ORE DI TIROCINIO DIRETTO (60 ore Scuola dellInfanzia o 60 ore scuola Primaria) 25 ORE DI TIROCINIO INDIRETTO 25 ORE DI TIROCINIO INDIRETTO 10 ORE PER LA RIELABORAZIONE/ DOCUMENTAZIONE 10 ORE PER LA RIELABORAZIONE/ DOCUMENTAZIONE 5 ORE dedicate alla partecipazione a CONVEGNI - INIZIATIVE DI FORMAZIONE, TUTORING INDIVIDUALE O A PICCOLO GRUPPO 5 ORE dedicate alla partecipazione a CONVEGNI - INIZIATIVE DI FORMAZIONE, TUTORING INDIVIDUALE O A PICCOLO GRUPPO Obiettivi formativi CONOSCERE E PARTECIPARE AI DIVERSI LIVELLI DI PROGETTAZIONE SCOLASTICA ANALIZZARE CAMPI DESPERIENZA, TIPOLOGIE DISCIPLINARI E SOVRADISCIPLINARI IN DIMENSIONE CURRICOLARE – PROBLEMATIZZARE LESPERIENZA RIFLETTERE SULLA SPECIFICITÀ DEL RUOLO DOCENTE DOCUMENTARE I PERCORSI Modello organizzativo

14 Attivita Attivita Riflessione sul quadro normativo di riferimento nelle diverse articolazioni Gestione "assistita" di progetti e percorsi di apprendimento Partecipazione interattiva a momenti significativi dell'attività scolastica Definizione di strumenti e modalità di valutazione/verifica Riflessioni individuali sulle esperienze condotte Attività di riflessione di gruppo su specifici nodi problematici Raccolta sistematica e motivata di materiali per la documentazione individuale e di gruppo del percorso Restituzione alle scuole accoglienti TEMPI TOT.100 ore 60 ORE DI TIROCINIO DIRETTO (60 ore Scuola dellInfanzia o 60 ore scuola Primaria) 60 ORE DI TIROCINIO DIRETTO (60 ore Scuola dellInfanzia o 60 ore scuola Primaria) 25 ORE DI TIROCINIO INDIRETTO 25 ORE DI TIROCINIO INDIRETTO 10 ORE PER LA RIELABORAZIONE/ DOCUMENTAZIONE 10 ORE PER LA RIELABORAZIONE/ DOCUMENTAZIONE 5 ORE dedicate alla partecipazione a CONVEGNI - INIZIATIVE DI FORMAZIONE, TUTORING INDIVIDUALE O A PICCOLO GRUPPO 5 ORE dedicate alla partecipazione a CONVEGNI - INIZIATIVE DI FORMAZIONE, TUTORING INDIVIDUALE O A PICCOLO GRUPPO Obiettivi formativi PROGETTARE, GESTIRE, VALUTARE PERCORSI DIDATTICI IN RELAZIONE AI LABORATORI DEL TIROCINIO E DEL CORSO DI LAUREA RIELABORARE CRITICAMENTE LIMMAGINE DEL SÉ PROFESSIONALE COSTRUIRE IL PORTFOLIO INDIVIDUALE DELLE COMPETENZE Modello organizzativo

15 PROGETTO INTEGRATO TIROCINIO Corso di Laurea / Modulo Aggiuntivo Obiettivo formativo: consolidare la cultura della gestione e della titolarità condivisa della sezione/classe TIROCINIO INDIRETTO TIROCINIO DIRETTO STESSA/O: SEZIONE-CLASSE/ PLESSO/ ISTITUTO Corso di Laurea 60 h da Ott-Nov ad Aprile Modulo 80 h da Gennaio a Maggio 12 h di Tirocinio diretto (6 h CdL) (6h Modulo) saranno orientate alla riflessione sullesperienza e alla costruzione di un percorso formativo nellottica dellintegrazione – inclusione Avvalendosi della compresenza degli insegnanti curriculari e specializzati Corso di Laurea 25 h + 5 h Modulo 35 h da gennaio a settembre 10 h di Tirocinio indiretto +5h CdL sono coinvolti tutti gli studenti del IV anno e 5h MA sono coinvolti solo gli studenti del modulo Sono coinvolti tutti i supervisori di percorso CdL e Modulo saranno utilizzate ai fini della riflessione sullesperienza di tirocinio nellottica dellintegrazione - inclusione


Scaricare ppt "FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE DI PERUGIA CORSO DI LAUREA SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA VECCHIO ORDINAMENTO PRESENTAZIONE PROGETTO DI TIROCINIO."

Presentazioni simili


Annunci Google