La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL FURTO PATOLOGICO: LA CLEPTOMANIA Dr. Marco Cannavicci.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL FURTO PATOLOGICO: LA CLEPTOMANIA Dr. Marco Cannavicci."— Transcript della presentazione:

1 IL FURTO PATOLOGICO: LA CLEPTOMANIA Dr. Marco Cannavicci

2 La cleptomania FURTO COMMESSO IN ASSENZA DI GIUSTIFICAZIONI IN ASSENZA DI NECESSITA

3 La cleptomania Lo stato mentale del cleptomane è integro nelle funzioni delle capacità di critica e di giudizio La persona sa di avere un desiderio abnorme e tenta di resistervi

4 La cleptomania Alla fine limpulso prende il sopravvento sulla volontà Commette il furto in modo goffo, maldestro, ingenuo Viene colta sul fatto

5 La cleptomania Il furto avviene in condizioni di forte tensione emotiva Senza lucidità, oggettività ed efficacia

6 La cleptomania Il cleptomane è un insospettabile In genere è benestante Alla scoperta di norma non segue la denuncia IL FENOMENO E SOMMERSO

7 La cleptomania A differenza del furto: Assenza di necessità Motivata da una compulsione Tensione emotiva prima Distensione liberatoria dopo

8 Le motivazioni storiche - Nel 1844 – spiegazione antropologica, con lorgano del furto - Nel 1855 – spiegazione endocrinologica, essendone colpiti le donne ed i giovani - Nel 1897 – spiegazione sessuale, per lo stato di eccitazione sessuale concomitante - Nel 1957 – spiegazione psicoanalitica, per una pulsione inconscia legata ad un conflitto interiore

9 Interpretazione psicoanalitica Comportamento autopunitivo che mira a compensare un senso di colpa, attraverso lespiazione di una pena. E la stessa dinamica che Freud ha descritto nel delinquente per senso di colpa Il cleptomane mira a ricevere una pena che mitighi il suo senso di colpa offrendo una temporanea serenità

10 Interpretazione psicoanalitica Il cleptomane agisce motivato da un senso di colpa, preesistente allatto del furto e che chiede una punizione per essere alleviato Il desiderio di essere punito conduce lautore a commettere un crimine imperfetto in modo da essere scoperto, arrestato e punito LOBIETTIVO DEL CLEPTOMANE E LA PUNIZIONE

11 Interpretazione psicoanalitica Allo stesso modo possono essere messe in atto delle false confessioni e delle auto-incriminazioni, millantando delitti mai commessi od appropriandosi di delitti commessi da altri Alla base della cleptomania si trova dunque un conflitto nevrotico tra la paura del proibito (resistere) ed il desiderio della punizione (agire)

12 Wittels (psichiatra ) la cleptomania rappresenta, alla maniera di Giano Bifronte, da un lato il desiderio di punizione e dallaltro la rivolta vittoriosa contro ciò che è proibito

13 Interpretazione psicoanalitica Il conflitto che si crea nella mente, tra limpulso a rubare e la volontà di resistervi crea uno stato di forte angoscia che chiede un atto liberatorio Una volta comparsi, desiderio e proibizione, ritornano ricorrentemente nella mente e gradualmente si trasformano in una ossessione di cui la persona non si libererà più fino al raggiungimento dello stato ossessivo-compulsivo, cioè la cleptomania

14 Tipi di cleptomania (secondo Prof. Gubetti – 1976) Cleptomania perversa Tipica dei feticisti e dei collezionisti patologici che cercano, attraverso il furto, una eccitazione di tipo sessuale, fino ad arrivare ad una forma di orgasmo; cè la ricerca di un oggetto specifico, con valenze e simbologie di tipo sessuale

15 Tipi di cleptomania Cleptomania ossessiva È la forma classica, con angoscia prima del furto e rimorso dopo; non cè ricerca di un oggetto specifico, qualsiasi oggetto va bene; loggetto non viene utilizzato, spesso viene gettato; se sorpreso non fornisce alcuna motivazione; È ossessiva perché il pensiero del furto ed il suo compimento invade continuamente la mente, con ideazione fissa che impedisce altri pensieri

16 Tipi di cleptomania Cleptomania sintomatica Latto del furto rappresenta il sintomo di una più grave malattia psichiatrica, come la demenza senile, loligofrenia, la schizofrenia, lo stato maniacale, lepilessia

17 La valutazione forense: furto o malattia? Il punto critico è la valutazione dellimputabilità, vale a dire della validità della capacità di intendere e di volere al momento del furto, così come disposto dallarticolo 42 e dallarticolo 85 del Codice Penale

18 Articolo 42 del Codice Penale La responsabilità penale nessuno può essere punito per una azione od omissione preveduta dalla legge come reato, se non lha commessa con coscienza e volontà

19 Larticolo 85 del Codice Penale Limputabilità nessuno può essere punito per un fatto preveduto dalla legge come reato se al momento in cui lo ha commesso non era imputabile. E imputabile che ha la capacità di intendere e di volere

20 Intendere e volere Intendere Idoneità che il soggetto possiede di comprendere il valore e quindi il disvalore sociale della sua azione od omissione Volere Idoneità che il soggetto possiede ad autodeterminarsi in vista del raggiungimento o dellevitamento di quellobbiettivo che si è costituito in fatto-reato

21 Vizio totale di mente Art. 88 codice penale non è imputabile chi nel momento in cui ha commesso il fatto era, per infermità, in tale stato di mente da escludere la capacità di intendere o di volere

22 Vizio parziale di mente Art. 89 codice penale chi, nel momento in cui ha commesso il fatto, era, per infermità, in tale stato di mente da scemare grandemente, senza escluderla, la capacità di intendere o di volere risponde del reato commesso, ma la pena è diminuita

23 I criteri diagnostici psichiatrici A. Ricorrente incapacità a resistere agli impulsi di rubare oggetti di cui non cè bisogno per luso personale o per il valore economico B. Sensazione crescente di tensione immediatamente prima di commettere il furto C. Piacere, gratificazione o sollievo al momento in cui il furto viene commesso D. Il furto non viene compiuto per esprimere rabbia o vendetta né in risposta ad un delirio o unallucinazione E. Il furto non è attribuibile ad un Disturbo della Condotta, Maniacale o Antisociale di Personalità

24 Interpretazione dei criteri diagnostici - Il cleptomane è relativamente indifferente agli oggetti rubati, può gettarli o restituirli - Latto è di tipo compulsivo e quindi legato ad una crescente tensione che culmina solo con latto del furto - Deve essere escluso ogni altri disturbo psicopatologico od organico

25 Sentenze Nel 1982 presso la Pretura di Padova, per la prima volta in Italia, è stato riconosciuto il vizio di mente in un episodio di cleptomania, con conseguente proscioglimento del reo Da allora numerose sono state le sentenze di proscioglimento per furto nei cleptomani, considerando lesimente dellincapacità di volere tipica delle condotte compulsive

26 GRAZIE PER LA VOSTRA ATTENZIONE Dr. Marco CANNAVICCI


Scaricare ppt "IL FURTO PATOLOGICO: LA CLEPTOMANIA Dr. Marco Cannavicci."

Presentazioni simili


Annunci Google