La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il giocatore dazzardo patologico: GAMBLER Dr. Marco CANNAVICCI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il giocatore dazzardo patologico: GAMBLER Dr. Marco CANNAVICCI."— Transcript della presentazione:

1 Il giocatore dazzardo patologico: GAMBLER Dr. Marco CANNAVICCI

2 Il gioco dazzardo In origine aveva finalità magiche, serviva per sondare il destino o sfidare il fato In antichità le controversie venivano risolte con i dadi, espressione della volontà divina Oggi il gioco dazzardo è un fenomeno sociale, culturale e con ampi risvolti sia psicopatologici che criminologici

3 Il gioco dazzardo e la morale La religione, contraria ad ogni forma di gioco con il destino, ha scisso il gioco in due forme: - Buona – lotteria, pesca di beneficenza, le sagre paesane - Cattiva – gioco delle carte clandestino, le corse dei cavalli, dei cani ed i casino

4 Il gioco dazzardo ed il crimine La passione del gioco conduce ad effetti compulsivi che si traducono con: - problemi finanziari e familiari - assenteismo e perdita del lavoro - usura - condotte criminali - rischio di suicidio

5 Il gioco dazzardo - secondo la Chiesa è peccato - secondo il Diritto è reato - secondo la Psicopatologia è malattia

6 Il gioco dazzardo Nel 1980 è stato inserito nel DSM come autonomo disturbo psicopatologico Inserito nelle malattie dovute a mancato controllo degli impulsi

7 Secondo il DSM il gambler: - è eccessivamente assorbito dal gioco - gioca quantità crescenti di denaro - tenta ripetutamente di non giocare - gioca per uscire dalla depressione - gioca per rincorrere le perdite - mente a tutti, nascondendo il coinvolgimento - commette atti illegali per finanziarsi - mette a repentaglio famiglia, lavoro e libertà personale

8 Dati Eurispes 2000 Il Italia il 60% della popolazione partecipa settimanalmente ad una qualche forma di gioco (lotteria, totocalcio, riffa, …), contro l85% degli inglesi (che prediligono le scommesse) Il tasso di incidenza del gioco dazzardo è stimabile tra l1 ed il 3%

9 Fattori demografici del giocatore - Sesso maschile (2 : 1 rispetto al femminile) - Basso livello sociale, culturale ed economico - Essere celibi - Età compresa tra i 18 e 25 anni

10 Fattori psicologici del giocatore - Insicurezza - Impulsività - Bassa tolleranza a stress e frustrazioni - Tendenza allaggressività - Tendenza alla depressione - Tendenza alle condotte ossessivo- compulsive - Abusa di alcolici, sigarette e droghe

11 Secondo Gerolamo Caramanna (nel 1898 – allievo di Cesare Lombroso) Tipologie del giocatore: 1. Giocatori occasionali (la maggior parte) 2. Giocatori per professione (che mirano al guadagno di denaro) 3. Giocatori per passione (che Dostojeskij ha definito i giocatori del gioco per il gioco)

12 Secondo il dr. Robert Custer (1985) Varianti di gambler: 1. Professionista (padrone di sé, agonista e competitivo uno contro uno) 2. Antisociale (bari, che manipolano le regole a loro favore) 3. Sociale casuale (per momentaneo divertimento) 4. Sociale severo (per regolare intrattenimento) 5. Nevrotico (come via di fuga e distrazione dallo stress e dallansia) 6. Compulsivo (dipendente dal gioco, per idea fissa)

13 Fasi del gambler - La fase vincente - La fase perdente - La fase della disperazione - La ricerca di una via duscita - È una condotta tipica della DIPENDENZA (dipendenza comportamentale o tossicomania senza sostanza)

14 Interpretazione psicoanalitica Dostoieskij ed il Parricidio Sigmund Freud – 1928

15 Interpretazione psicoanalitica Nel gioco dazzardo agiscono paure e desideri profondi che non riescono ad integrarsi per cui il comportamento oscilla tra la trasgressione, il rimorso e la ricaduta in un circolo vizioso senza apparente via duscita se non quella del carcere o del suicidio

16 Interpretazione psicoanalitica Se la punizione diventa un piacere, la punizione stessa diventa un assurdo! LA PUNIZIONE NON RIESCE AD ESTINGUERE IL COMPORTAMENTO NEGATIVO, ANZI LO RINFORZA

17 Interpretazione cognitiva ILLUSIONE DEL CONTROLLO

18 Interpretazione storica Un secolo fa le patologie erano legate alla repressione ed alla inibizione delle emozioni, come ad esempio lIsteria Oggi le psicopatologie sono legate alleccesso di liberazione di emozioni fino a perderne il controllo, come in tutte le forme di ADDICTION

19 Interpretazione storica Il mancato controllo delle emozioni crea instabilità relazionali, affettive, personali e bisogno di identificazione in miti potenti, vincenti, aggressivi Cè la continua ricerca del limite, per sfidarlo e trasgredirlo, … bruciando le proprie emozioni al fuoco dellalcol, della droga, del sesso e del gioco

20 GRAZIE PER LA VOSTRA ATTENZIONE Dr. Marco CANNAVICCI


Scaricare ppt "Il giocatore dazzardo patologico: GAMBLER Dr. Marco CANNAVICCI."

Presentazioni simili


Annunci Google