La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PSICOLOGIA DEL TERRORISMO Dr. Marco Cannavicci psichiatra – criminologo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PSICOLOGIA DEL TERRORISMO Dr. Marco Cannavicci psichiatra – criminologo."— Transcript della presentazione:

1 PSICOLOGIA DEL TERRORISMO Dr. Marco Cannavicci psichiatra – criminologo

2 Terrorismo Non esiste una definizione universalmente accettata Definizione possibile: violenza e minaccia di violenzaviolenza e minaccia di violenza per creare paura ed allarme e quindi cambiamenti sociali e politici

3 Terrorismo Assume le forme del reato e del crimine: omicidirapimentiesplosioni IL TERRORISMO RIENTRA TRA GLI ATTI CRIMINALI

4 Terrorismo I terroristi non si definiscono tali: nessuno è terroristanessuno è terrorista se lotta per una causa giusta (dichiarazione di Arafat allONU)

5 Terrorismo I terroristi sono coloro che combattono in modo illegittimo Secondo i codici del Diritto Internazionale, di Guerra ed Umanitario colpendo i civili per scopi politici

6 Terrorismo Nel terrorismo cè una forte componente psicologica: nelle CAUSE: dissenso, odio, vendetta negli EFFETTI: paura, angoscia, inibizione sociale, incremento del disagio esistenziale e sociale

7 Terrorismo OBIETTIVO PRIMARIO: suggestionare la paura nella popolazione civile come forma di controllo ed inibizione del comportamento sociale Per diminuire la LIBERTA DEI CITTADINI

8 Terrorismo Verso la popolazione nemica da sempre si effettuano pressioni psicologiche in modo indurre paura (esempio: PSYWAR – PSYOP) Attraverso: la propaganda la propaganda le minacce gli attentati

9 Terrorismo: la paura Nella popolazione generale si crea inibizione del comportamento e dei consumi Quindi: effetti politici recessione economica screditamento del Governo

10 Terrorismo Esempi: con le minacce batteriologiche e chimiche meno cinema meno ristoranti meno mezzi pubblici meno uso della posta

11 Terrorismo: effetti psicologici Con il terrorismo:.vengono prodotte nuove paure.vengono amplificate quelle preesistenti fobici, ossessivi, ansiosi depressi, ipocondriaci.intolleranza verso gli estranei ed i diversi.intolleranza allo stress e frustrazioni.maggiore produzione di violenza

12 Terrorismo Problemi opinione pubblica: Chi sono loro? Dove sono e dove colpiscono? Come posso sentirmi sicuro? Di chi è la colpa? EFFETTI ECONOMICI E POLITICI

13 Terrorismo: altri effetti economici Trasformare il rischio in profitto Nuove professioni: Pianificatore anti-terrorismo Nuovi strumenti: Rilevatori di sostanze chimico-biologiche

14 Terrorismo: effetti USA Diffusione dei chip RFID della Matrics Espansione settore telefonia mobile Rilevatori di gas velenosi ed esplosivi Films scaricati da internet (blockbuster)

15 Terrorismo: evoluzione 1. Dissenso proteste verbali, dimostrazioni pacifiche 2. Condotte illegali accettabili manifestazioni violente, vandalismo, furti, espropri 3. Condotte illegali inaccettabili aggressioni, bombe, sequestri, omicidi, stragi

16 Terrorismo Ha effetti psicologici ed induce comportamenti di massa Ha bisogno di pubblicità di casse di risonanza dei media Ha bisogno di giornali e TV per far credere alla sua forza

17 Terrorismo Non basta sapere E necessario vedere Il terrorismo non produce effetti se non lo trasmette la TV Quante volte sono crollate le Twin Towers?

18 Terrorismo Limmagine del crollo delle Twin Towers non è solo informazione È un crollo di certezze e di sicurezze per cui si incrina lequilibrio psicologico e si produce una enorme insicurezza collettiva

19 Terrorismo Più la TV trasmette e più forza ed importanza si concede alla causa politica del terrorismo Importanza non reale ma amplificata dalla suggestione

20 Terrorismo I gruppi terroristici più sono piccoli e deboli più hanno bisogno di shoccare più ricorrono alla violenza Usano le vittime per parlare al grande pubblico IL TERRORISMO E TEATRO

21 Terrorismo Le immagini di morte e di terrore colpiscono lemotività dello spettatore tanto più forte, quanto maggiore è limmedesimazione poteva capitare anche a me Aumenta linsicurezza e le modificazioni comportamentali

22 Terrorismo La morte evoca suggestioni ed emozioni Resiste alle persuasioni ed non induce al ragionamento Ragionare scaccia le paure e permette di recuperare il controllo (effetti della psicoterapia)

23 Terrorismo: la risonanza Perché ci interessa il terrorismo? Soddisfa la componente violenta e distruttiva del nostro inconscio Cè richiesta di violenza Cè sete di violenza Al cinema, sulla strada, dalla cronaca nello sport, nel terrorismo

24 Terrorismo Rispetto alla criminalità ed alle guerre Il volume di violenza del terrorismo è minimo Sono poche vittime ma molto significative Il terrorismo non si misura a vittime ma per gli effetti psicologici ed i risultati politici

25 Terrorismo Il terrorismo può alterare la percezione che un popolo ha del proprio governo (incompetenti, impotenti) I terroristi vogliono che molta gente GUARDI – GIUDICHI – ABBIA PAURA non che muoia IL FINE ULTIMO E POLITICO

26 Terrorismo Spesso usa la forza minima necessaria o la reiterazione della minaccia La violenza sufficiente a mettere paura senza alienarsi il contesto sociale nè scatenare una forte reazione del governo

27 Terrorismo: le forme Internazionale: indipendentisticoautonomistico teocratico integralista Interno:rivoluzionario di Stato

28 Terrorismo: le tattiche Nel 95% degli atti: BOMBEASSASSINI AGGRESSIONI CON ARMI OCCUPAZIONE DI LUOGHI SEQUESTRO DI OSTAGGI DIROTTAMENTO AEREO

29 Terrorismo Obiettivi:USAISRAELERUSSIAINGHILTERRAFRANCIATURCHIA

30 Terrorismo Tutti possono essere dei bersagli Cè un forte squilibrio tra gli attaccanti terroristi ed i difensori dellantiterrorismo È economico per gli autori costosissimo per i bersagli

31 Terrorismo Arruolamento del terrorista necessita di molti fondi per vivere si distacca dalla realtà passa il suo tempo a valutare gli obiettivi e stilare piani di fattibilità sono pronti ad uccidere e morire

32 Terrorismo: identikit del terrorista Uomini di 20 – 30 anni di aspetto comune fortemente impregnati di ideologia e fanatismo per lazione diretta non discutono gli ordini ricevuti hanno grande rapidità di movimento adattabilità ambientale e capacità di sostenere lo stress e lisolamento

33 Terrorismo Anni di piombo: giovane di elevata, buona, cultura ateo, con famiglia disgregata alle spalle discreto equilibrio psicologico Islamici: giovani di bassa cultura, fanatici religiosi, con forti famiglie alle spalle

34 Terrorismo Entrambi hanno uno scarso senso della realtà per chiusura ed isolamento rispetto alla società CHE SI ODIA

35 Il terrorismo islamico Nasce nel 1967 per effetto della guerra dei 6 giorni tra israeliani ed egiziani Nasce in senso anti-Israele viene esteso agli USA e poi a tutto lOccidente (recuperando la storia delle crociate)

36 Il terrorismo non islamico Nasce negli anni 60 per degenerazione dei movimenti giovanili e studenteschi nel 1964 (negli USA) nel 1968 (in Europa)

37 Terrorismo Negli anni 60 convergono CIRCOSTANZE POLITICHE SVILUPPO TECNOLOGICO SVILUPPO ECONOMICO SVILUPPO DEI MEDIA

38 Il terrorista: elementi psicologici I vari gruppi terroristici studiati hanno evidenziato scarsi elementi psicologici comuni diverse condizioni economiche e sociali diversi contesti storico-culturali diverse caratteristiche del terrore diversi bersagli

39 Il terrorista Non sono possibili delle generalizzazioni: sulla tipologia psicologica sulla personalità sulle modalità operative Ogni movimento terrorista e diverso dallaltro Diversi sono i suoi componenti

40 Il terrorista Aspetti comuni: giovane età dei militanti forte condizionamento ideologico disponibilità allazione capacità di adattamento capacità di movimento

41 Il terrorista Persone tra i 45 ed i 60 anni se entrano nel terrorismo hanno un ruolo IDEOLOGICO E STRATEGICO non un ruolo esecutivo I terroristi attivi hanno tra i 20 ed i 30 anni

42 Il terrorista I migliori terroristi sono giovani perché NON DISCUTONO GLI ORDINI NON ATTIRANO LATTENZIONE

43 Il terrorista Non ci sono altre somiglianze Hanno storie familiari dissimili Hanno rapporti parentali dissimili Ladesione al terrorismo avviene per contagio ideologico nellambito delle proprie amicizie

44 I terroristi tedeschi di sinistra Studenti o assistenti di sociologia Università di Amburgo ed Heidelberg Convinti che i mali sociali sono le Istituzioni Che laggressione armata è legittima Tutti con marcate conflittualità familiari Hanno avuto donne nei ruoli direttivi

45 Terroristi italiani (Bruno – Ferracuti) Se di sinistra: personalità non patologiche con forte ideologizzazione della violenza Se di destra: caratteristiche psicopatologiche credenze magiche e superstiziose bassa infarinatura ideologica violenza non ideologizzata

46 Terroristi: le donne In passato solo casi isolati (es. Cordey) Presenti nei gruppi di sinistra Si dissocia e si pente di meno degli uomini Più dure, più fanatiche, più fedeli alla causa Hanno maggiori difficoltà di reinserimento Nessuna viene dal proletariato Inglobano lemancipazione femminile Rifiutano la femminilità

47 Il terrorista: classi sociali (secondo Lucien de la Hodde) -studenti: fin dal medio evo, per cui in GB le Università sono fuori dalle grandi città -les impuissants: avvocati senza clienti, medici senza pazienti, scrittori senza lettori, anime candide che si improvvisano uomini di stato dopo la lettura dei giornali -declasses: colti o semicolti

48 Il terrorista: le classi sociali -bohemiens : sognatori che hanno orrore della vita quotidiana -La classe operaia -les gobe-musches: i semplicioni, gli ingenui ed i creduloni -Gli eterni scontenti -I rifugiati politici -I criminali

49 Il terrorista e le vittime I terroristi verso le vittime sono più crudeli dei criminali comuni Il criminale cerca il profitto non la soddisfazione psicologica IL FANATISMO GENERA CRUDELTA i sentimenti umanitari sono un pregiudizio borghese

50 Il terrorista Nella clandestinità: maggiore è lisolamento minore è loggettività del pensiero nessuno ha idee contrarie nessuno le discute tutto ciò che è diverso è nemico

51 Il terrorista Nella clandestinità: Nella clandestinità: Il gruppo fornisce affetto, amicizia, protezione, amore, cultura, politica SOSTITUISCE LA FAMIGLIA

52 Il terrorista Nella clandestinità: il gruppo ha il suo linguaggio i suoi simboli la sua scala di valori Non si riesce a pensare ad una vita fuori dal gruppo IL GRUPPO NON SI ABBANDONA

53 Il terrorista e la violenza Tutti i gruppi terroristici prima o poi si dividono sulluso della violenza Duri vs moderati Ala militare vs ala politica

54 Il terrorismo: radici sociali Il terrorismo non potrà mai essere eliminato dalle evoluzioni socio-politiche (libertà, giustizia, dignità politica …) OGNI TIPO DI REALTA SOCIALE DELUDERA LE ASPETTATIVE DI UN CERTO NUMERO DI PERSONE

55 Il terrorismo Le loro frustrazioni alimenteranno laggressività e la richiesta di cambiamento Più forti sono i conflitti sociali maggiori sono le scelte di terrorismo OGNI ATTIVISMO EVERSIVO EVOLVE VERSO IL TERRORISMO

56 Il terrorismo Lattivismo eversivo è base, culla, serbatoio per la violenza e la disobbedienza civile per il reclutamento, il fiancheggiamento la pubblicistica di base OGNI IDEOLOGIA RADICALE EVOLVE VERSO IL TERRORISMO

57 La vita in clandestinità Requisiti psicologici: disciplina, impegno continuo capacità di gestire lo stress rispetto delle regole di sicurezza rispetto della compartimentazione prevenzione del dissenso interno monitoraggio psicologico dei simpatizzanti reclutamento mirato

58 Il terrorista Il profiling del terrorista:

59 Conclusioni

60 Conclusioni

61 GRAZIE PER LA VOSTRA ATTENZIONE Dr. Marco Cannavicci Psichiatra – criminologo


Scaricare ppt "PSICOLOGIA DEL TERRORISMO Dr. Marco Cannavicci psichiatra – criminologo."

Presentazioni simili


Annunci Google