La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1f. meneghetti 2010 Giovanni Giolitti. I sistemi nel primo 900 I sistemi liberali nel primo 900 Lo stato liberale, allinizio del secolo, trova le sue.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1f. meneghetti 2010 Giovanni Giolitti. I sistemi nel primo 900 I sistemi liberali nel primo 900 Lo stato liberale, allinizio del secolo, trova le sue."— Transcript della presentazione:

1 1f. meneghetti 2010 Giovanni Giolitti

2 I sistemi nel primo 900 I sistemi liberali nel primo 900 Lo stato liberale, allinizio del secolo, trova le sue espressioni più compiute in USA, G.B., Francia, Belgio, Province Unite, paesi scandinavi, Italia, in opposizione agli imperi austro-ungarico, germanico, zarista. Caratteri dello stato liberale: -Costituzione ovvero regole codificate in carte fondamentali -Divisione dei poteri -Elezione popolare del Parlamento (o di una camera) -Pluralità di partiti 2f. meneghetti 2010

3 La crisi di fine secolo Negli ultimi anni del secolo XIX si era verificata in Italia, una involuzione autoritaria (v. episodio-simbolo di Milano, 1898: 80 morti e oltre 400 feriti). Umberto I decorò il gen. Bava Beccaris per lesemplare repressione. Il 29 luglio 1900 lo stesso re venne ucciso da un anarchico, Gaetano Bresci, per vendetta. 3f. meneghetti 2010

4 La svolta di Giolitti Giolitti determinò uninversione di tendenza rispetto alla precedente linea autoritaria: cercò di ottenere il consenso dei ceti operai del nord e dellala moderata del PSI sulla base di un programma minimo di riforme sociali, cui era favorevole anche la borghesia più moderna (v. lezione di Cavour). Giovanni Giolitti, piemontese, influenzò la politica italiana, dal 1901 (ministro nel governo Zanardelli) fino al 1914 (presiedendo tre governi). E letà giolittiana. 4f. meneghetti 2010

5 Politica economica Non aumenta le tasse Nazionalizzazione ferrovie Opere pubbliche (traforo Sempione, acquedotto pugliese…) Diminuisce il debito estero La lira diventa forte e fa aggio sulloro La congiuntura favorevole è di aiuto 5f. meneghetti 2010

6 Politica sociale Dichiara legittimo lo sciopero economico (non politico) e dà conseguenti disposizioni ai prefetti del nord: Il governo quando interviene per tenere bassi i salari commette un'ingiustizia, un errore economico e un errore politico". Attua delle riforme: Viene migliorata la Cassa Nazionale di Previdenza per linvalidità e vecchiaia E vietato il lavoro domenicale e quello notturno per le donne e portata a 12 anni letà minima per il lavoro Facilitazioni per le gestanti 6f. meneghetti 2010

7 Rapporti con il PSI G. si guadagna il favore dellala moderata del PSI (Turati), mentre si radicalizza lopposizione della sinistra del partito (Ferri e Labriola; nel 1904 presero le redini del PSI). Così viene proclamato il primo sciopero generale della storia italiana. Filippo Turati 7f. meneghetti 2010

8 Giolitti e il sud G. al Sud mostra un volto assai diverso: - severe le istruzioni ai prefetti sulle manifestazioni (a Candela e Giarratana ci furono dei morti); - non mancano i compromessi con le cosche locali. Gaetano Salvemini, democratico, suo implacabile nemico, gli procura così la fama di ministro della malavita. - Giolitti si difende con la metafora del sarto, che deve fare il vestito al gobbo. - Inoltre vara delle leggi speciali, che sembrano assegnare al sud lo status di colonia. 8f. meneghetti 2010

9 Giolitti bifronte 9f. meneghetti 2010

10 La guerra di Libia A partire dal (crisi ec.) la linea di G. si fa più conservatrice. Per avere il consenso dellopposizione, concede la guerra per la Libia: così spera di accontentare i nazionalisti, i socialisti rivoluzionari (terre ai contadini!), una parte dei cattolici (lotta agli infedeli), gli ambienti finanziari che avevano larghi interessi nei territori libici (Banco di Roma), il trust siderurgico, alcuni intellettuali (Pascoli, DAnnunzio). La guerra si svolse fra il settembre 1911 e lottobre 1912 e fu più lunga e difficile del previsto; lItalia ottenne la Libia e il Dodecanneso. Dura la critica di Salvemini. 10f. meneghetti 2010

11 La grande proletaria si è mossa Combattiamo e spargiamo sangue non per corrompere ma per umanare e incivilire 11f. meneghetti 2010

12 La politica pendolare Per fare da contrappeso alla guerra G., con una manovra pendolare, concede il suffragio elettorale maschile (1912): over 21 ed alfabeti (od over 30 con servizio militare) Si va così alle elezioni del 1913, con il duplice timore, da parte della borghesia liberale, dei socialisti e dei cattolici. Si trova allora una soluzione di compromesso: il patto Gentiloni. I cattolici (che entrano così nella politica dello stato italiano) votano i candidati liberali impegnatisi a tutelare gli interessi cattolici Oltre 200 deputati liberali su 344 vengono eletti grazie a questa alleanza «clerico moderata». 12f. meneghetti 2010

13 Una guerra senza onore 13f. meneghetti 2010 ALLUCINANTE DIDASCALIA DELLA FOTO IN UN SITO DI ARMI La guerra italo-turca fu teatro di numerosi progressi tecnologici… in particolare… il 23 ottobre 1911, un pilota italiano (sorvolò le linee turche…. e il 1° novembre la prima bomba lanciata a mano dall'aria. Importante fu anche l'uso della radio….con la collaborazione dello stesso Guglielmo Marconi. E il nostro fucile mod.91 che mostrò le sue ottime qualità balistiche e qualche difetto dovuto ad inceppamenti

14 Resistenza della popolazione e repressione italiana 14f. meneghetti 2010 Esecuzione di ribelli nel 1928 (sotto il fascismo)

15 Un bilancio economico Bilancio positivo: coincide con un grande balzo in avanti dellindustria, concentrata soprattutto nel triangolo Milano- Torino-Genova. La lira si rafforza diventando prestigiosa. Cresce però il divario nei confronti del sud. Campagna meridionale 15f. meneghetti 2010

16 Bilancio politico Lapertura illuminata di G. appare oggi positiva, almeno nella primo periodo. Negativo fu il trasformismo che lo portò a trattare con le cosche meridionali al sud, e con i sindacati al nord. Lambiguo pendolarismo di Giolitti non resse però alle tensioni che precedettero la prima guerra mondiale. Fallì, dopo la guerra, anche di fronte al fascismo. Nel complesso un bilancio in chiaro-scuro. 16f. meneghetti 2010


Scaricare ppt "1f. meneghetti 2010 Giovanni Giolitti. I sistemi nel primo 900 I sistemi liberali nel primo 900 Lo stato liberale, allinizio del secolo, trova le sue."

Presentazioni simili


Annunci Google