La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Francesca Meneghetti, dicembre 2006 1 Il sessantotto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Francesca Meneghetti, dicembre 2006 1 Il sessantotto."— Transcript della presentazione:

1 Francesca Meneghetti, dicembre Il sessantotto

2 Francesca Meneghetti, dicembre Un anno, un decennio, un simbolo? Il 1968 è stato un anno ricco di eventi di forte impatto (loffensiva del Tet in Vietnam, la primavera di Praga, repressa dallarrivo dei carri armati sovietici, in agosto, lassassinio di Martin Luther King in aprile, cui segue in giugno quello di Bob Kennedy, il massacro di Città del Messico ad ottobre, in concomitanza dei giochi olimpici) ma è considerato, forse impropriamente come lapice della protesta giovanile e studentesca. In realtà il movimento di contestazione si spalma lungo tutto il decennio successivo, e il 68 ne rappresenta solo linizio. Trattandosi però di un fenomeno che ha cambiato radicalmente la società, può essere considerato come data-simbolo di un processo che ha introdotto concetti nuovi di segno egualitario e anti-autoritario, mettendo in discussione molte certezze e molti istituti rigidamente strutturati, come la famiglia, la scuola, il carcere, il manicomio, lospedale.

3 Francesca Meneghetti, dicembre La mappa deI focolai e dei luoghi Rivoluzione culturale in Cina Università di Berkeley: nasce il movimento contro la guerra del Vietnam Teologia della liberazione: H. Camara – C. Torres Rivoluzione di Cuba e in Bolivia (Che) Maggio francese Primavera di Praga Movimenti di liberazione coloniale Lotte studenti e operai Movimenti dei neri Guerra del Vietnam m.68 m. 69

4 Francesca Meneghetti, dicembre La mappa delle idee Varie radici ideologiche Anarchismo: individualismo Anti-razzismo Cristianesimo rivoluzionario Marxismo: lotta di classe, giustizia sociale Movimento hippies Anti-imperialismo Idea liberale: antiautoritarismo Rousseau: la natura buona, la democrazia diretta Terzo-mondismo Critica famiglia, scuola, società Psicanalisi: Freud e Fromm (sessualità libera) Pacifismo Critica tecnologia e neutralità scienza Critica al consumismo Scuola di Francoforte Marcuse Fenomeno delle comuni Buddismo e filosofie orientali (Shiddarta) Anti-capitalismo Contributi italiani F. Basaglia e psichiatria democratica L. Milani, Lettera ad una professoressa

5 Francesca Meneghetti, dicembre La mappa dei simboli La ribellione La minigonna Gli hippies o figli dei fiori Il mito dellIndia e del buddismo Leskimo

6 Francesca Meneghetti, dicembre Gli idoli musicali

7 Francesca Meneghetti, dicembre Il 1968 in Italia Uova alla Scala Contestata la Biennale di Venezia (68) Morti ad Avola (dic. 68) L. Milani, Lettera ad una professoressa, 68 Roma: scontri di Valle Giulia Il movimento studentesco in Galleria Sciopero alla Fiat Sit in a Sociologia a Trento

8 Francesca Meneghetti, dicembre e dintorni in Italia Rivolta fascista di Reggio (70) Contratto metalmeccanici, Roma 1969 Proteste a Marghera 12 dicembre 69 Studenti medi alle prese con la polizia 1970

9 Francesca Meneghetti, dicembre Mentre si radicalizzano i movimenti di contestazione, in Italia si vengono ad intrecciare, quasi sotto le mani di unabile regia, due strategie terroristiche di segno opposto: quella delle Brigate Rosse che colpisce individui-simbolo (giudici, operai comunisti, imprenditori )e quella di estrema destra, che, fin dalla strage di Piazza Fontana, preferisce gli attentati di massa (strage sullItalicus, di piazza della Loggia (74), di Bologna (80): lo scopo sembra quello di creare paura e instabilità. Brescia, Piazza della Loggia, 28 maggio 1974: 8 morti, 100 feriti 4 agosto 1974: strage Italicus: 12 morti, 14 feriti 2 agosto 1980, Stazione di Bologna: 85 morti, 200 feriti La strategia della tensione

10 Francesca Meneghetti, dicembre I cambiamenti profondi della società 1970, legge sul divorzio 1975: nuovo diritto di famiglia 1975: maggior età dai 21 ai 18 anni , spostamento elettorale a sinistra 1974, non passa il referendum abrogativo sul divorzio 1971, I decreti delegati: arriva la democrazia nelle scuole Elez. Camera , legge300: Statuto dei diritti dei lavoratori

11 Francesca Meneghetti, dicembre Tentativi di interpretazione Il 68 resta ancora oggi oggetto di interpretazioni storiche. E stato collegato: -con il baby boom del secondo dopoguerra, e quindi con la vitalità propria di una popolazione giovane; -con la scolarizzazione di massa; -con la Resistenza (come prosecuzione, da parte dei figli, dellopera dei padri); -con la globalizzazione delle conoscenze, delle mode e dei consumi, anche culturali; -con un progetto rivoluzionario dotato di grande carica utopistica (Sotto il selciato, la sabbia; siate realisti, vogliate limpossibile).

12 Francesca Meneghetti, dicembre Bilancio critico Che cosa è rimasto di quel periodo? - le conquiste sul piano normativo (leggi che tutelano soggetti più deboli: lavoratori, donne, giovani, riconoscendone i diritti); - uno stile più permissivo nella famiglia e nella società; - una società più laica e aperta; Che cosa si è perso? - lentusiasmo, la speranza di cambiamento, lutopia (qualcuno aggiunge il senso dellautorità) - la voglia di partecipazione e di impegno personale - il senso del collettivo: lindividualismo è stato premiato, così come la competizione - la critica alla società dei consumi - Infine, anche un certo dogmatismo che non è da rimpiangere.


Scaricare ppt "Francesca Meneghetti, dicembre 2006 1 Il sessantotto."

Presentazioni simili


Annunci Google