La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 1 Capitolo 5 CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 1 Capitolo 5 CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA."— Transcript della presentazione:

1 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 1 Capitolo 5 CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA

2 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 2 Conoscenza e pensiero sono alla base dei processi di decisione dellazione umana Lattività conoscitiva permette alle persone di procedere a una rappresentazione mentale della realtà Il pensiero è un efficace dispositivo psicologico per elaborare le conoscenze

3 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 3 CONOSCENZA E CULTURA COME PROSPETTIVA La cultura si deve intendere come conoscenza del mondo I membri di una cultura condividono modelli di pensiero e modi di interpretare il mondo, di fare inferenze e previsioni La cultura implica una realtà simbolica allinterno della mente dellindividuo e allesterno nellambiente

4 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 4 La conoscenza come prospettiva Concezione metafisica della conoscenza (Aristotele; Scolastica di S. Tommaso): cè corrispondenza fra ciò che uno conosce e i dati di realtà OGGETTIVISMO FORTE La conoscenza di un oggetto o di un evento è indiscutibile e inalterabile, eguale per tutti, al di là della conoscenza soggettiva Siamo di fronte alla posizione teorica del naturalismo o realismo ingenuo

5 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 5 Concezione fenomenica della conoscenza (Kant): la conoscenza si limita a ciò che appare e diventa oggettiva se è condivisa dai soggetti (intersoggettività) OGGETTIVISMO DEBOLE È possibile conoscere la realtà soltanto in quanto il soggetto assume un certo punto di vista Il punto di vista non è aleatorio, ma è precisato attraverso lassunzione di rigorosi e definiti criteri di protocollarità

6 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 6 La conoscenza di un oggetto (o evento) diventa la sintesi fra un certo punto di vista (prospettiva) e loggetto (o evento) medesimo I fenomeni appaiono in modo differente a seconda della prospettiva da cui sono osservati si tenga conto dei modelli interpretativi adottati allinterno della cultura di riferimento Tale concezione è nota con il nome di realismo critico

7 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 7 La cultura prevede linterazione tra diverse prospettive. È da considerarsi come un network di punti di vista Queste condizioni sono un potente motore per creare diversità culturale, da intendersi come: polifonia: coro di più punti di vista conversazione: scambio consensuale dibattito: confronto cacofonia: se prevale il disordine (Hannerz, 1992)

8 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 8 Pensiero olistico e pensiero analitico Prospettiva olistica: affonda le sue radici nellantica Cina di Confucio La cultura cinese è sempre stata caratterizzata dal senso di obbligazione reciproca e dalla concezione collettiva dellazione in funzione delle aspettative altrui

9 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 9 Secondo la cultura cinese: lindividuo è parte inscindibile dellorganismo sociale lorganizzazione gerarchica e il concetto di autorità sono fatti naturali e inevitabili le relazioni sociali sono asimmetriche (5 forme cardinali per Confucio) lasimmetria relazionale è premessa e garanzia per larmonia sociale la conoscenza è destinata alla sua applicazione pratica la conoscenza è tradotta in azione

10 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 10 Prospettiva analitica: affonda le sue radici nellantica Grecia Alla base si trova il concetto di libertà dellindividuo, artefice della propria vita. La natura, da cui lindividuo si sente separato, rappresenta una realtà da governare, da modificare e da piegare ai propri scopi, tramite la propria azione su di essa Nasce la scienza come conoscenza che va oltre i limiti dei dati sensoriali, costruendo paradigmi teorici basati sui processi di categorizzazione, regole di generalizzazione e modelli predittivi

11 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 11 Per la concezione olistica della Cina lattenzione cognitiva è diretta al campo (contesto): si ottiene una comprensione delle cause di un evento in quanto generate dalle forze del campo in gioco

12 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 12 Si profila la presenza di elementi contraddittori della realtà e lesigenza di seguire molte prospettive diverse, alla ricerca di un percorso di mezzo Middle Way Il pensiero olistico è di natura associativa e conciliativa come impegno ad armonizzare gli opposti e le sue procedure fanno riferimento allanalogia e alla contiguità

13 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 13 Per la concezione analitica della Grecia: cè la tendenza a studiare in modo focale gli attributi delloggetto per assegnarlo a una categoria e la preferenza a usare regole astratte per spiegare e predire la condotta delloggetto Si effettuano inferenze basate sul principio di non contraddizione, su modelli con regole astratte e universali e si costruiscono categorie discrete Lattenzione è rivolta a capire le cause dei fenomeni

14 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 14 IL SISTEMA DELLE CREDENZE POSITIVE E NEGATIVE Ogni cultura si configura come un sistema di credenze per affrontare i vari aspetti della realtà fisica e sociale Il sistema di credenze si configura come: ideologia/mappa in grado di spiegare le varie situazioni griglia selettiva poiché privilegia certi aspetti e ne ignora altri Su questaspetto sinnesta il processo di categorizzazione mentale

15 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 15 Un sistema culturale di credenze è costituito da due sottoinsiemi: Credenze positive insieme di credenze adottate e ritenute vere, giuste ed efficaci Credenze negative insieme delle non credenze, non adottate poiché valutate non vere e irrilevanti

16 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 16 In ogni sottosistema vi sono: credenze centrali: fondamentali e indispensabili per proteggere la propria identità culturale e assumere una posizione di prestigio sociale. Sono condivise e apprezzate dalla maggioranza di una certa cultura. Sono difese e la loro infrazione è sanzionata credenze periferiche: sono considerate credenze specifiche e aggiuntive, idiosincratiche, più facilmente modificabili, sopprimibili e possibili di infrazione

17 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 17 I simboli sono oggetti visibili dei dogmi fondamentali di una cultura e ne delineano i nodi centrali hanno valore collettivo sono alla base del credo soggettivo (alla base dellidentità culturale) Per questo hanno una connotazione sacra, sono oggetto di venerazione e possono essere trattati solo da un gruppo ristretto di persone (es. sacerdoti, stregoni, bramini)

18 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 18 Lortodossia si pone come fondazione della verità, dellaccettabilità della percorribilità e dellefficacia delle credenze proposte da una certa cultura Il gruppo di persone che ha funzione di essere depositario delle credenze: rafforza la consistenza e la robustezza dottrinale delle credenze le giustifica in modo logico le difende da attacchi Hanno la funzione culturale di regia, di governo, di controllo e di sanzione

19 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 19 Sindividuano due situazioni di ortodossia: Ortodossia pacificata: i soggetti hanno la possibilità di esprimere le proprie opinioni, dubbi e perplessità Possibile sfaldamento ideologico e indebolimento delladesione e del consenso Ortodossia minacciata: per presenza di una minaccia esterna scattano meccanismi culturali di difesa Forte adesione e tensione cognitiva-affettiva di partecipazione

20 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 20 Il sistema di credenze funziona secondo tre parametri distinti: A) grado di permeabilità vs. impermeabilità fra credenze positive e negative B) accentuazione vs. riduzione della distanza fra credenze positive e negative C) grado di connessione forte vs. debole fra credenze centrali e periferiche In base a questi parametri si definisce il livello di dogmatismo ideologico delle persone

21 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 21 Dogmatismo forte Il sistema delle credenze positive e negative sono fra loro impenetrabili Cè distanza tra credenze positive e negative Le credenze periferiche dipendono da quelle centrali Concezione monolitica e granitica della realtà

22 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 22 Il dogmatismo forte pone evidenza di un livello consistente di rigidità mentale È premessa per lemergenza delletnocentrismo, ossia lassolutizzazione del proprio punto di vista con lesclusione di quello degli altri

23 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 23 MODELLI CULTURALI E CONOSCENZA DISTRIBUITA Il sistema culturale fornisce delle cornici interpretative che consentono ai soggetti di orientarsi nella ricerca di risposte pertinenti Un modello culturale è lintegrazione più o meno coerente di uninsieme di tratti e di caratteristiche operanti in una certa cultura sono gli schemi/mappe di rappresentazione della realtà I modelli culturali sono contemporaneamente dentro e fuori la mente (il cieco e il bastone di Bateson, 1972)

24 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 24 I modelli culturali hanno le seguenti caratteristiche: sono dominio-specifici sono accessibili per effetto priming hanno un valore prescrittivo sono trasparenti sono efficaci I modelli culturali espliciti diventano delle vere e proprie teorie culturali accessibili e trasmissibili (es. teoria della navigazione in Micronesia)

25 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 25 I modelli culturali non sono tuttavia lunico modo con cui le persone esperiscono il mondo e non esauriscono lattività interpretativa umana Se così fosse si cadrebbe in una forma di determinismo culturale Di contro i soggetti contribuiscono attivamente alla evoluzione nel tempo dei modelli culturali e alla costruzione di nuovi

26 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 26 Conoscenza distribuita La conoscenza, in quanto mediazione culturale, è socialmente distribuita fra gli attori e lambiente La conoscenza è contestualizzata, ciò sottolinea limportanza del contesto e lo sviluppo di conoscenze dominio-specifiche

27 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 27 I membri di una cultura non condividono in maniera uniforme e omogenea il medesimo sistema di credenze Ogni individuo è rappresentante di diverse sottoculture

28 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 28 SPECIFICITÀ CULTURALI NEI PROCESSI DI CONOSCENZA È proficuo fare riferimento a un approccio legato al contesto per capire il modo in cui avviene lacquisizione delle conoscenze Gli ambienti culturali diversi conducono a competenze mentali specifiche, in modo da gestire efficacemente i compiti richiesti dallambiente Lanalisi ecologica verifica sia le esigenze ecologiche, poste dallambiente, sia le pratiche culturali necessarie per acquisire tali competenze specifiche

29 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 29 Gli stili cognitivi Le culture favoriscono lelaborazione di un dato stile cognitivo, inteso come modalità prevalente per affrontare e gestire i problemi Fra gli stili cognitivi, ritroviamo quello della campo dipendenza - campo indipendenza

30 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 30 Il modello ecoculturale di Berry sostiene che siano campo indipendenti: le popolazioni nomadi di cacciatori e raccoglitori le popolazioni con unorganizzazione sociale aperta le società caratterizzate da deboli legami sociali e da un atteggiamento assertivo di autoaffermazione le società in cui i bambini vengono educati allaccondiscendenza e alladesione acritica dellautorità le persone con unelevata educazione occidentale e con un alto stipendio gli uomini (idiocentrici)

31 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 31 Siano campo dipendenti: le popolazioni sedentarie di agricoltori le popolazioni con unorganizzazione sociale chiusa le società caratterizzate da stretti legami sociali e dalla tendenza a compiacere gli altri le società in cui i bambini vengono educati allaffermazione di sé e allautonomia le persone con una modesta educazione occidentale e con uno stipendio basso le donne (allocentriche)

32 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 32 Lattività di categorizzazione La categorizzazione è un processo mentale che permette agli individui di segmentare, raggruppare, ordinare e classificare gli oggetti e gli eventi dellambiente Linsieme delle categorie mentali consente di elaborare una griglia di lettura al flusso continuo della realtà, mediante un sistema esaustivo di classi discrete, garantendo un risparmio di risorse cognitive e lorganizzazione del mondo secondo una particolare tassonomia

33 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 33 Le categorie naturali Secondo Rosch e al., la struttura dellambiente determinerebbe la configurazione delle categorie, distribuite in costellazioni unitarie ricorrenti di indizi Partendo dagli indizi, lindividuo costruisce una tassonomia di categorie naturali, ordinate su tre livelli: il livello sovraordinato il livello di base il livello subordinato

34 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 34 Tale sistema categoriale: fornisce il massimo delle informazioni col minimo sforzo cognitivo si fonda su competenze percettive e cognitive che sono universali, insensibili allinfluenza della cultura Si è osservato che esiste una stretta covariazione fra i processi di classificazione e il livello di competenza cognitiva di certi gruppi umani su specifici domini di realtà, sulla base della propria esperienza e interessi

35 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 35 Secondo il modello del consenso culturale, una comunità di pratiche, condivisa dai partecipanti, è associata a un dominio specifico semantico, che fornisce una griglia per classificare e comprendere un certo ambito della realtà e genera un sistema di simboli corrispondenti

36 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 36 Coloro che mostrano un maggiore consenso culturale Mostrano una competenza culturale più elevata Risultano più attendibili e coerenti Hanno tempi di reazione più brevi Ottengono migliori risultati a scuola e sono più istruiti

37 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 37 Il caso delle categorie dei colori Posizione universalista: le categorie dei colori sono universali, indipendentemente dai termini usati e rispecchiano le competenze percettive degli individui A sostegno di tale posizione troviamo: il modello dei termini universali dellevoluzione di Berlin e Kay (undici categorie focali) convalidato dallindagine sui colori Word Color Survey

38 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 38 Posizione relativista: le categorie di colori sono influenzate dalla cultura di riferimento. Tale posizione oggi ritrova sostegno nellutilizzo di categorie linguistiche che indicano colori ma designano anche altre proprietà e stati del mondo (ad es. gli hanunòo; i berinmo; i yelì dnye) Lipotesi dellemergenza (Levinson) sostiene che ogni cultura non contiene una gamma di categorie cromatiche pure, ma solo simili, che si riferiscono ad aspetti che esulano dal mondo del colore e che concernono lopposizione chiaro-scuro

39 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 39 Le categorie radiali A volte tra le categorie si individuano somiglianze parziali e locali : la somiglianza di famiglia (Wittgenstein) come avviene, ad esempio, per il concetto di gioco Le categorie radiali sono caratterizzate da un caso centrale e variazioni locali e culturalmente specifiche che non possono essere previste da regole astratte e universali (ad es., le categorie dei dyrbal – Lakoff)

40 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 40 Categorie alimentari e cultura Si può riscontrare una differenziazione categoriale in ambito alimentare tra le diverse culture: Ad es. le alghe Cultura occidentale: piante acquatiche Cultura orientale: alimento Ad es. il latte Culture nordiche (lattofile): alimento prelibato Culture orientali e africane (lattofobe): secrezione repellente di una ghiandola

41 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 41 Teoria dellottimizzazione del foraggiamento: gli esseri umani scelgono i cibi più convenienti nel rapporto costi/benefici e quelli più facili da ottenere rispetto al territorio praticato Ciò permette di comprendere: la dieta insettivora presso i popoli asiatici il consumo di tutte le parti dellanimale ad Hong Kong il divieto di mangiare il maiale per gli ebrei e mussulmani

42 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 42 Categorie funzionali e processi induttivi Le categorie funzionali sono quelle basate su uno scopo. Sono categorie non tassonomiche, coerenti al loro interno, in quanto i loro membri realizzano il medesimo scopo sono suscettibili alle influenze culturali: gli scopi differiscono da cultura a cultura. Ad esempio, si verificano categorizzazioni di oggetti e/o eventi diverse: i cinesi sono più inclini agli aspetti relazionali e contestuali gli americani procedono in base a criteri astratti e universali

43 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 43 Induzione basata sulle categorie Le categorie possono essere usate per fare inferenze (induzione basata sulle categorie) La forza dinferenza dipende da due fattori: la somiglianza: tra la categoria della premessa e della conclusione la copertura: della categoria della premessa sulla categoria inclusiva della conclusione

44 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 44 Sulla base del modello della somiglianza e della copertura sono state elaborate tre ipotesi, secondo cui largomento induttivo è più forte se si verificano le seguenti condizioni: 1. somiglianza: più la premessa è simile alla conclusione 2. prototipicità: più è prototipica la premessa 3. diversità: più sono diverse le premesse

45 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 45 FORME CULTURALI DELLATTIVITÀ DINFERENZA La cultura è una struttura di conoscenza che supporta e guida i processi dinferenza I soggetti impiegano una serie di modelli mentali, intesi come rappresentazioni mentali di situazioni reali, ipotetiche o immaginarie, per fare previsioni e dare spiegazioni

46 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 46 Il ragionamento induttivo Linduzione è la capacità di compiere generalizzazioni valide e utili a partire da un numero limitato di informazioni

47 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 47 Il giudizio di covariazione La capacità di dirigere contemporaneamente le risorse attentive e cognitive a diversi elementi del contesto è alla base dei giudizi di covariazione, ossia dei giudizi che i soggetti compiono in riferimento alla loro valutazione delle relazioni fra gli stimoli che si associano e variano congiuntamente nel contesto Differenze culturali Culture orientali: hanno uno sguardo globale della situazione e mostrano un maggior grado di covariazione dei giudizi Culture occidentali: focalizzano lattenzione sui singoli elementi e i giudizi sono influenzati dalleffetto priorità

48 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 48 Nella distorsione del senno di poi Soggetti americani: si mostrano meravigliati se non si avvera quanto previsto da loro Soggetti cinesi: danno attenzione al campo, non si stupiscono se i risultati sono diversi da quelli previsti

49 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 49 Lattribuzione causale è la tendenza generale a spiegare un comportamento come causato da qualcosa I soggetti sono propensi a inferire in modo spontaneo tratti di personalità a partire dalle azioni osservate e a ritenerli stabili nel tempo (inferenza spontanea dei tratti)

50 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 50 Si parla di errore fondamentale di attribuzione inteso come la disposizione a sottostimare limportanza dei fattori situazionali e a sovrastimare i tratti interni, stabili e coerenti degli individui (Ross) Nelle culture occidentali prevalgono le attribuzioni di tipo interno e stabile DISPOSIZIONALISMO Strategia di analisi centrata sulla persona Nelle culture orientali prevalgono attribuzioni legate al contesto SITUAZIONALISMO Strategia di analisi centrata sul contesto

51 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 51 Tuttavia quando lattenzione si rivolge al gruppo: i soggetti orientali diventano disposizionalisti i soggetti occidentali diventano situazionalisti I coreani cambiano orientamento in base alla posizione sociale: i soggetti con alto status sociale prediligono spiegazioni di natura disposizionalista i soggetti di basso status sociale preferiscono spiegazioni di tipo situazionalista

52 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 52 Il ragionamento deduttivo e il ragionamento dialettico La deduzione è un tipo dinferenza monotonica in cui si passa da una regola a un caso particolare La presenza del ragionamento sillogistico è legato a variazioni culturali, in funzione delle condizioni economiche e del grado di istruzione (Luria) È un tipo di ragionamento che si riscontra prevalentemente nella cultura occidentale (pensiero astratto), accanto a un ragionamento concreto e basato sulla conoscenza personale diretta (cultura orientale)

53 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 53 La propensione al rischio: i cinesi hanno sono più propensi al rischio gli americani sono più contrari al rischio La tendenza si rovescia nellambito sociale, per cui i cinesi sono più prudenti mentre gli americani più audaci Secondo lipotesi sponda è più probabile che le persone che vivono in una società collettivista ricevano maggior aiuto finanziario in caso di bisogno, godano di una mutua assicurazione e mostrino maggiore sensibilità per favorire larmonia interpersonale

54 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 54 Il principio di non contraddizione e il ragionamento dialettico Il ragionamento logico occidentale si basa su queste tre leggi fondamentali: principio didentità principio di non contraddizione principio del terzo escluso

55 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 55 Il ragionamento dialettico orientale si basa sui seguenti principi: principio del cambiamento principio di contraddizione principio della relazione o di olismo Le persone occidentali entrano in condizione di dissonanza cognitiva (Festinger), legata a uno stato interiore di disagio per la percezione di incoerenza fra i vari aspetti della propria conoscenza. Per contro, la dissonanza cognitiva non appare tra le persone orientali

56 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 56 LA CONOSCENZA QUOTIDIANA La conoscenza quotidiana è linsieme di nozioni, di sistemi simbolici, di abilità mentali e di pratiche cognitive che le persone mettono in atto in modo implicito nel loro agire quotidiano. È una conoscenza situata, legata al contesto sociale in cui ha luogo è prodotta congiuntamente dalla mente e dal mondo è legata alle interazioni sociali

57 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 57 La conoscenza nei contesti quotidiani La conoscenza quotidiana è il risultato dellapprendimento latente e informale che avviene attraverso lesperienza di tutti i giorni, in contesti non scolastici, allinterno del proprio ambiente culturale Le conoscenze e le abilità acquisite nel proprio contesto, pongono le persone di una data cultura in grado di far fronte ai compiti quotidiani, di superare gli ostacoli e di tener conto dei vincoli e delle opportunità dellambiente fisico e sociale (ad esempio, uso della matematica cinesi- americani: diversi sistemi numerici; ad esempio, a base 27 per gli oksapmin)

58 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 58 Il modello di unintelligenza generale e geneticamente ereditata lascia il posto al concetto di intelligenza contestualizzata, in cui lo sviluppo delle competenze cognitive è in relazione alla propria esperienza, entro contesti specifici Tali competenze si sganciano dalla singola attività, assumono un carattere più generale e autonomo, applicabile ad altri ambiti dellazione umana (processo di decontestualizzazione delle conoscenze) e permettono di spiegare unestesa gamma di fenomeni (generalizzazione situata Schliemann e Carraher)

59 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 59 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE La conoscenza è profondamente influenzata dalle variazioni culturali in tre modi prevalenti: accessibilità delle conoscenze – selezione delle strategie cognitive e conoscenze di specifici domini - strategie cognitive - qualitativamente diverse per risolvere i medesimi problemi - strutture cognitive e sistemi di conoscenze - in grado di favorire ladattamento dei soggetti allambiente -

60 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 60 La cultura fornisce teorie e modelli culturali, rete di senso e percorsi interpretativi, senza i quali i soggetti si troverebbero smarriti (Sé spaesato – Todorov -). Accanto a ciò, si realizza la produzione di conoscenze e di teorie che generano nuove forme di cultura, in un processo senza fine


Scaricare ppt "Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 5. CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA 1 Capitolo 5 CONOSCENZA, PENSIERO E CULTURA."

Presentazioni simili


Annunci Google