La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1979-1985 1979 – SME (con i limiti di efficacia già visti) 1979 – elezione del PE a suffragio universale e diretto 1980 – nascita delliniziativa di Spinelli.

Copie: 2
Politica monetaria e Unione economica. Il processo innescato dal Serpente monetario riparte tra il 1976 e il 1977, ed è favorito da una serie di fattori.

Consiglio europeo di Milano (1985) UK, Grecia e DK contro tutti gli altri Craxi e Andreotti mettono ai voti la proposta di convocare una CIG che lavorasse.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1979-1985 1979 – SME (con i limiti di efficacia già visti) 1979 – elezione del PE a suffragio universale e diretto 1980 – nascita delliniziativa di Spinelli."— Transcript della presentazione:

1 – SME (con i limiti di efficacia già visti) 1979 – elezione del PE a suffragio universale e diretto 1980 – nascita delliniziativa di Spinelli del club del coccodrillo allinterno del PE 1979 – 1984 – problema della partecipazione britannica al bilancio 1985 – Commissione Delors e realizzazione della prima riforma profonda dei trattati di riforma, lAtto unico europeo

2 Lo SME risolve i problemi? Situazione francese dopo le elezioni del 1981 (debolezza del franco, politica espansiva del governo socialista) Crisi petrolifera del 1979 Instabilità italiana (politica ed economica) Nel 1983 la dirigenza economica francese è costretta ad accettare una riduzione della spesa pubblica dietro le insistenze tedesche - cosa che NON avviene in Italia, dove anzi la spesa pubblica si espande.

3 La Germania si conferma pernio dellintegrazione economica E la dimensione politica? Dichiarazione Genscher-Colombo Proposta nel 1981 viene formalizzata al Consiglio europeo di Stoccarda nel giugno 1983 (Dichiarazione Solenne di Stoccarda) Progetto Spinelli Club del coccodrillo (1981) e redazione di un progetto di trattato sullUnione europea, approvato nel 1984 dal PE

4 Parlamento europeo nel 1979 Le quote nazionali per le prime elezioni a s.u.d. del 1979 sono così ripartite: 81 deputati per Francia, Germania, Italia e Regno Unito 25 per i Paesi Bassi 24 per il Belgio 16 per la Danimarca 15 per lIrlanda 6 per il Lussemburgo 410 in tutto LUrss avanza una protesta ufficiale per i tre deputati assegnati a Berlino ovest.

5 Poteri - La definizione del bilancio Il bilancio, predisposto dalla Commissione e approvato dal Consiglio, non è valido senza la firma del Presidente del PE Trattato di Lussemburgo: lammissione delle risorse proprie estende il potere di controllo del PE sul bilancio, che non può però modificare le «spese obbligatorie» Trattato di Bruxelles: viene istituita una Corte dei Conti e confermato il controllo del PE sul bilancio, sempre con esclusione delle «spese obbligatorie», per le quali può comunque proporre modifiche. Il PE, a maggioranza dei suoi membri e due terzi dei voti può respingere il bilancio (1979 e 1994).

6 Il progetto Spinelli (club del coccodrillo) fa leva sulla sostanza dei poteri esistenti per mostrare la necessità di un cambiamento -Più poteri al Parlamento europeo, rappresentante il popolo -Una seconda camera (senato) rappresentante degli interessi degli stati (coinciderebbe con il Consiglio dei ministri nazionali) -Una commissione in relazione fiduciaria con il Parlamento europeo Esito: il progetto Spinelli verrà snaturato dopo il Consiglio europeo di Fontainebleu nel giugno 1984 Comitato Dooge, incaricato di rivedere il contenuto del trattato Spinelli

7 UK e bilancio Il problema del contributo britannico al bilancio comunitario condiziona linizio degli anni Ottanta Novembre Consiglio europeo di Dublino Aprile Consiglio europeo di Lussemburgo. La questione viene parzialmente sanata. Alla Gran Bretagna viene riconosciuto un rimborso di milioni di ECU in due anni La questione viene completamente sanata solo al Consiglio europeo di Fontainebleu (giugno 1984)

8 UK e Cee La risoluzione della questione del contributo britannico sblocca anche latteggiamento britannico verso il complesso del processo di integrazione. Elementi graditi al punto di vista inglese erano: -la liberalizzazione dei mercati e dei movimenti di merci e servizi -Un reale mercato unico Quindi la Gran Bretagna è per la deregulation, ma molto meno favorevole a standard comuni. Con la Commissione Delors (1985) la diversa impostazione diventa evidente

9 UK e Cee Ruolo di Cockfield (commissario per lattuazione del mercato unico) Abbattimento delle barriere improprie, in pieno accordo con Delors Quando la Commissione, in accordo con la Corte di Giustizia, avvia un poderoso lavoro di messa a norma Cee di tutte le regole di fabbricazione europee, la Gran Bretagna non ci sta (soprattutto per quanto riguarda larmonizzazione dei regimi fiscali europei)

10 Consiglio europeo di Milano (1985) UK, Grecia e DK contro tutti gli altri Craxi e Andreotti mettono ai voti la proposta di convocare una CIG che lavorasse sui contenuti dei lavori del comitato Dooge e sulle prospettive di un mercato unico (come impostato dalla Commissione Delors)

11 AUE Procedura di cooperazione tra PE e Consiglio dei ministri Politica sociale, coesione economica e sociale, ambiente, R&S diventano politiche riconosciute della Cee Ma limpulso maggiore viene dato allUnione economica e monetaria (obiettivo del 1992 per lUnione economica e, per lunione monetaria…)

12 Il rilancio con Delors Dalla metà degli anni Ottanta, con larrivo della Commissione Delors, lattenzione rivolta dalla Commissione verso la questione del mercato unico rilancia anche la moneta unica. Linteresse tedesco e francese spingono verso la moneta unica e lattuazione dellUEM, (artefici Edouard Balladur, ministro delle finanze francese e poi primo ministro con Mitterand, e Hans Dietrich Genscher, ministro degli Affari esteri tedesco). Al Consiglio europeo di Hannover del giugno 1988 viene proposta la nomina di un comitato composto dai governatori delle banche centrali più tre esperti, presieduto dallo stesso Delors. Labbattimento delle barriere fisiche, improprie e fiscali impostato con grande energia ed efficacia dalla Commissione Delors, spiana la strada alla prospettiva della moneta unica. Un mercato unico - questo il ragionamento di fondo della Commissione - non ha senso senza lintegrazione dei mercati e una sola moneta.

13 Il rapporto Delors - 1 Il 17 aprile 1989 il Comitato Delors espone i risultati del suo lavoro. Tre fasi: la prima, la cui data dinizio è fissata al 1° luglio abolizione di ogni restrizione ai movimenti di capitale -convergenza delle politiche economiche -completamento del mercato interno -comitato dei governatori delle Banche centrali che siede in permanenza

14 Il rapporto Delors - 2 La fase intermedia, con inizio il 1° gennaio attuazione completa del mercato interno - creazione dellIME (Istituto monetario europeo) La negoziazione del trattato di Maastricht recepisce, nei lavori della CIG sullUnione economica e monetaria, tutto il rapporto Delors. Inoltre obbliga i Paesi a tenere determinati comportamenti sul piano delle politiche macroeconomiche interne (definiti nel Patto di stabilità e crescita e nei cosiddetti parametri di Maastricht). Lallargamento dellUnione a Svezia, Finlandia e Austria interviene nel corso delle fasi di attuazione dellUEM ( ) Lallargamento dellUnione a Svezia, Finlandia e Austria interviene nel corso delle fasi di attuazione dellUEM ( ).

15 IME LIme non ha soltanto permesso il sorgere della Bce con solide basi organizzative e logistiche; tra le altre cose, è stato anche il curatore ufficiale dellaspetto delle nuove banconote e monete che sono entrate in circolazione il 1° gennaio Accanto a questa funzione di public relations, lIme ha anche approntato una serie di strumenti conoscitivi, tra i quali va segnalato il «Rapporto sulla convergenza» nel marzo Con tale rapporto, previsto dallart. 109j del Trattato di Maastricht, venivano analizzati nel dettaglio i progressi effettuati dai paesi membri in vista della partecipazione alla moneta unica. Tale analisi veniva effettuata anche per i tre paesi che hanno poi deciso di non partecipare alla terza fase dellUem: Regno Unito, Danimarca e Svezia.

16 Rapporto Delors - 3 La terza fase, 1° gennaio creazione del SEBC e della BCE Dopo avere fissato nel maggio 1998 i cambi tra le monete europee e leuro in maniera irrevocabile (per lItalia, 1 euro = 1.936,27 lire), gli undici paesi che avrebbero partecipato alla terza fase dellUem (Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna più la Grecia, che si è aggiunta al gruppo nel gennaio 2001) hanno nominato i componenti degli organi esecutivi della Bce, che guiderà di fatto il Sebc.

17

18


Scaricare ppt "1979-1985 1979 – SME (con i limiti di efficacia già visti) 1979 – elezione del PE a suffragio universale e diretto 1980 – nascita delliniziativa di Spinelli."

Presentazioni simili


Annunci Google