La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PAS –Sindrome di Alienazione Genitoriale Intervento giuridico e psicologico Ruolo dei Servizi Sociali. Metodologia di intervento Dott.ssa M.Pia Guarino.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PAS –Sindrome di Alienazione Genitoriale Intervento giuridico e psicologico Ruolo dei Servizi Sociali. Metodologia di intervento Dott.ssa M.Pia Guarino."— Transcript della presentazione:

1 PAS –Sindrome di Alienazione Genitoriale Intervento giuridico e psicologico Ruolo dei Servizi Sociali. Metodologia di intervento Dott.ssa M.Pia Guarino PAS –Sindrome di Alienazione Genitoriale Intervento giuridico e psicologico Ruolo dei Servizi Sociali. Metodologia di intervento Dott.ssa M.Pia Guarino

2 Le richieste di indagini psico-sociali afferenti ai Servizi Sociali Tribunale per i Minorenni Tribunale per i Minorenni Tribunale Ordinario Tribunale Ordinario Procura della Repubblica presso il T.M. Procura della Repubblica presso il T.M. Procura della Repubblica presso il T.O. Procura della Repubblica presso il T.O. Dipartimento Giustizia Minorile USSM Dipartimento Giustizia Minorile USSM

3 Metodologia di intervento dello psicologo colloqui con i genitori del minore colloqui con i genitori del minore anamnesi personale e familiare anamnesi personale e familiare fasi del ciclo vitale, eventi normativi (matrimonio, nascita dei figli, crescita ecc. e paranormativi (crisi economica, malattie, morti premature) fasi del ciclo vitale, eventi normativi (matrimonio, nascita dei figli, crescita ecc. e paranormativi (crisi economica, malattie, morti premature) eventuali traumi eventuali traumi modalità di gestione del conflitto modalità di gestione del conflitto test test

4 Metodologia di intervento dello psicologo notizie anamnestiche relative al minore notizie anamnestiche relative al minore osservazione delle modalità comunicative verbali e non verbali e colloquio osservazione delle modalità comunicative verbali e non verbali e colloquio osservazione della qualità dellattaccamento a ciascun genitore osservazione della qualità dellattaccamento a ciascun genitore visione di cartelle cliniche e pagelle scolastiche visione di cartelle cliniche e pagelle scolastiche test e analisi delle relazioni familiari test e analisi delle relazioni familiari

5 Metodologia di intervento dellassistente sociale colloqui con i genitori del minore e con il minore colloqui con i genitori del minore e con il minore anamnesi sociale: anamnesi sociale: istruzione, lavoro svolto, reddito, tipo di organizzazione familiare, interessi, tempo dedicato al minore, presenza di altri parenti nel contesto familiare istruzione, lavoro svolto, reddito, tipo di organizzazione familiare, interessi, tempo dedicato al minore, presenza di altri parenti nel contesto familiare visita domiciliare finalizzata a conoscere gli spazi di vita dei genitori e del minore visita domiciliare finalizzata a conoscere gli spazi di vita dei genitori e del minore colloqui con gli insegnanti e altri adulti significativi colloqui con gli insegnanti e altri adulti significativi

6 Discussione del caso Psicologo e Assistente Sociale lavorano in sinergia e dopo aver effettuato, secondo la metodologia che attiene alle singole professionalità, la raccolta di tutti i dati,discutono il caso e si confrontano prima di stilare le relazioni psicologiche e sociali con le proposte di intervento che saranno inviate allAutorità Giudiziaria Psicologo e Assistente Sociale lavorano in sinergia e dopo aver effettuato, secondo la metodologia che attiene alle singole professionalità, la raccolta di tutti i dati,discutono il caso e si confrontano prima di stilare le relazioni psicologiche e sociali con le proposte di intervento che saranno inviate allAutorità Giudiziaria

7 Dispositivo del Tribunale In via provvisoria In via provvisoria In via definitiva In via definitiva Affida il caso ai Servizi Sociali, con prescrizioni ai genitori e agli operatori,che dovranno relazionare periodicamente o comparire innanzi al magistrato per informarlo sui risultati conseguiti Affida il caso ai Servizi Sociali, con prescrizioni ai genitori e agli operatori,che dovranno relazionare periodicamente o comparire innanzi al magistrato per informarlo sui risultati conseguiti

8 Un caso di Pas- la storia di Maria Nel maggio 2007 il T.M. invia ai Servizi Sociali la seguente richiesta: Nel maggio 2007 il T.M. invia ai Servizi Sociali la seguente richiesta: Con preghiera di voler prendere in carico la minore in oggetto assicurandole il sostegno psicologico di cui necessita nelle more di ogni altra determinazione da parte di questo Tribunale. Si trasmette alluopo copia della segnalazione pervenuta dalla Questura - Ufficio Minori Con preghiera di voler prendere in carico la minore in oggetto assicurandole il sostegno psicologico di cui necessita nelle more di ogni altra determinazione da parte di questo Tribunale. Si trasmette alluopo copia della segnalazione pervenuta dalla Questura - Ufficio Minori Stralcio del verbale di s.i. rese da Maria, nove anni,nellUfficio Minori della Questura Stralcio del verbale di s.i. rese da Maria, nove anni,nellUfficio Minori della Questura Domanda: perché sei venuta nei nostri uffici, cosa ci vuoi raccontare? Domanda: perché sei venuta nei nostri uffici, cosa ci vuoi raccontare? Risposta: mi chiamo Maria,sono venuta qui accompagnata da mamma perché oggi alle 16,30 dovevo incontrare mio padre, ma io non lo voglio vedere, non sento il suo amore a differenza di mia madre. Se mi obbligate ad andare agli incontri io scappo via o mi faccio investire da una macchina, preferisco morire!!! Risposta: mi chiamo Maria,sono venuta qui accompagnata da mamma perché oggi alle 16,30 dovevo incontrare mio padre, ma io non lo voglio vedere, non sento il suo amore a differenza di mia madre. Se mi obbligate ad andare agli incontri io scappo via o mi faccio investire da una macchina, preferisco morire!!!

9 Sospensione degli incontri Maggio 2007 lUfficio Minori della Questura, a cui la madre della minore si era rivolta, sollecita il Tribunale a valutare la sospensione degli incontri tra padre e figlia, avendo la bambina manifestato la volontà di porre in essere atteggiamenti autolesionistici Maggio 2007 lUfficio Minori della Questura, a cui la madre della minore si era rivolta, sollecita il Tribunale a valutare la sospensione degli incontri tra padre e figlia, avendo la bambina manifestato la volontà di porre in essere atteggiamenti autolesionistici Luglio 2007 il G.I. dispone la sospensione degli incontri tra padre e figlia per ragioni cautelative Luglio 2007 il G.I. dispone la sospensione degli incontri tra padre e figlia per ragioni cautelative

10 Prime convocazioni Il padre di Maria arriva accompagnato dallavvocato che parla in sua vece, il sig. G. appare stanco, sfiduciato e quasi demotivato Il padre di Maria arriva accompagnato dallavvocato che parla in sua vece, il sig. G. appare stanco, sfiduciato e quasi demotivato La signora si presenta da sola ed esprime subito preoccupazione circa il nuovo percorso psicologico che la figlia dovrà seguire presso i Servizi Sociali, così come disposto dallAutorità Giudiziaria, perchè la bambina è già stata seguita in passato da altri operatori ed ha minacciato il suicidio se sarà ancora costretta ad incontrare il padre. La signora si presenta da sola ed esprime subito preoccupazione circa il nuovo percorso psicologico che la figlia dovrà seguire presso i Servizi Sociali, così come disposto dallAutorità Giudiziaria, perchè la bambina è già stata seguita in passato da altri operatori ed ha minacciato il suicidio se sarà ancora costretta ad incontrare il padre. Maria usa parole che appartengono ad un linguaggio adulto, mostra un atteggiamento sprezzante verso il padre e lo descrive solo con caratteristiche negative Maria usa parole che appartengono ad un linguaggio adulto, mostra un atteggiamento sprezzante verso il padre e lo descrive solo con caratteristiche negative Appare egocentrica, mostra un atteggiamento ostile, rifiutante e provocatorio Appare egocentrica, mostra un atteggiamento ostile, rifiutante e provocatorio Presenta disturbi psicosomatici: la madre esibisce una cartella clinica da cui si evince la diagnosi di gastropatia acuta Presenta disturbi psicosomatici: la madre esibisce una cartella clinica da cui si evince la diagnosi di gastropatia acuta

11 Osservazioni La madre trasmette alla figlia i sentimenti di aggressività e frustrazione in maniera sia consapevole che inconsapevole e mostra problemi di contenimento dei propri sentimenti La madre trasmette alla figlia i sentimenti di aggressività e frustrazione in maniera sia consapevole che inconsapevole e mostra problemi di contenimento dei propri sentimenti La forte coalizione madre- figlia sostituisce la deludente coalizione coniugale La forte coalizione madre- figlia sostituisce la deludente coalizione coniugale Latteggiamento del padre sembra contribuire al rinforzo e al mantenimento di questo meccanismo. Teme che una relazione risoluta possa portare ad un ulteriore allontanamento Latteggiamento del padre sembra contribuire al rinforzo e al mantenimento di questo meccanismo. Teme che una relazione risoluta possa portare ad un ulteriore allontanamento La figlia non vede in lui nessuna forma di rassicurazione e continua a riporre fiducia solo nel genitore alienante La figlia non vede in lui nessuna forma di rassicurazione e continua a riporre fiducia solo nel genitore alienante Mostra forte attaccamento verso il genitore affidatario e palesa la salda convinzione che solo lei è il genitore buono Mostra forte attaccamento verso il genitore affidatario e palesa la salda convinzione che solo lei è il genitore buono Talvolta Maria piange senza che tale atteggiamento sia in relazione al contesto, singhiozza e presenta apnee Talvolta Maria piange senza che tale atteggiamento sia in relazione al contesto, singhiozza e presenta apnee

12 Presa in carico del caso e ricostruzione storica Dai colloqui effettuati con i genitori si apprende che hanno rispettivamente 44 anni il padre e 42 la madre, lui e un agente di commercio e la signora uneducatrice. Il loro fidanzamento e durato tre anni Dai colloqui effettuati con i genitori si apprende che hanno rispettivamente 44 anni il padre e 42 la madre, lui e un agente di commercio e la signora uneducatrice. Il loro fidanzamento e durato tre anni Subito dopo il matrimonio celebrato nel 96 iniziano i dissapori che la signora attribuisce allinvadenza della suocera, persona determinata ed autoritaria, dalla quale il figlio non si e mai staccato emotivamente Subito dopo il matrimonio celebrato nel 96 iniziano i dissapori che la signora attribuisce allinvadenza della suocera, persona determinata ed autoritaria, dalla quale il figlio non si e mai staccato emotivamente Il padre di Maria descrive la moglie come capricciosa ed intemperante e riferisce che ha trascorso quasi tutto il periodo della gravidanza a casa della madre, rimanendovi anche dopo la nascita della bambina,(agosto 98) pertanto si sentiva escluso ed inutile Il padre di Maria descrive la moglie come capricciosa ed intemperante e riferisce che ha trascorso quasi tutto il periodo della gravidanza a casa della madre, rimanendovi anche dopo la nascita della bambina,(agosto 98) pertanto si sentiva escluso ed inutile

13 Ricostruzione storica Inizia la battaglia legale nel dicembre 98 con la richiesta di separazione promossa dalla signora (Maria ha quattro mesi), il padre torna a vivere nella casa dei genitori Inizia la battaglia legale nel dicembre 98 con la richiesta di separazione promossa dalla signora (Maria ha quattro mesi), il padre torna a vivere nella casa dei genitori Marzo99 - dal G.I vengono adottati provvedimenti provvisori ed urgenti che stabilivano laffidamento della figlia alla madre. (la bambina ha sette mesi) anche se il padre aveva facoltà di tenere con sé la figlia per tre giorni consecutivi Marzo99 - dal G.I vengono adottati provvedimenti provvisori ed urgenti che stabilivano laffidamento della figlia alla madre. (la bambina ha sette mesi) anche se il padre aveva facoltà di tenere con sé la figlia per tre giorni consecutivi Maggio 99 – il G.I.conferma laffidamento esclusivo della figlia alla madre (Maria ha nove mesi) Maggio 99 – il G.I.conferma laffidamento esclusivo della figlia alla madre (Maria ha nove mesi) A seguito di successiva istanza depositata dalla ricorrente, in vista dellapprossimarsi del periodo estivo, viene sospeso il diritto di visita del padre limitatamente ai periodi di luglio e agosto A seguito di successiva istanza depositata dalla ricorrente, in vista dellapprossimarsi del periodo estivo, viene sospeso il diritto di visita del padre limitatamente ai periodi di luglio e agosto

14 Ricostruzione storica Gennaio 2000 viene disposta la 1^ ctu al fine di accertare quali fossero i rapporti affettivi e relazionali di ciascun genitore con la figlia ( di anni due) e individuare le modalità di visita più confacenti allinteresse della minore Gennaio 2000 viene disposta la 1^ ctu al fine di accertare quali fossero i rapporti affettivi e relazionali di ciascun genitore con la figlia ( di anni due) e individuare le modalità di visita più confacenti allinteresse della minore Aprile 2000 il G.I. stabilisce che le visite della minore da parte del padre si svolgano presso i Servizi Sociali o presso labitazione familiare, ma alla presenza di un a.s. Aprile 2000 il G.I. stabilisce che le visite della minore da parte del padre si svolgano presso i Servizi Sociali o presso labitazione familiare, ma alla presenza di un a.s. Ottobre 2001 viene disposta la sostituzione del G.I. ed il fascicolo viene riassegnato ad altro istruttore Ottobre 2001 viene disposta la sostituzione del G.I. ed il fascicolo viene riassegnato ad altro istruttore Luglio 2002 il nuovo G.I. affida allufficio di Mediazione familiare il compito di supportare i genitori e la minore, stabilendo che in caso di mancata collaborazione rimanessero in vigore le condizioni di visita stabilite nellaprile 2000 Luglio 2002 il nuovo G.I. affida allufficio di Mediazione familiare il compito di supportare i genitori e la minore, stabilendo che in caso di mancata collaborazione rimanessero in vigore le condizioni di visita stabilite nellaprile 2000

15 Ricostruzione storica Gennaio 2004 Il padre chiede di modificare le modalità di visita (la minore ha cinque anni) chiedendo di vedere la figlia tutti i giorni fuori dalla casa coniugale e in assenza della moglie che si opponeva a tale richiesta Gennaio 2004 Il padre chiede di modificare le modalità di visita (la minore ha cinque anni) chiedendo di vedere la figlia tutti i giorni fuori dalla casa coniugale e in assenza della moglie che si opponeva a tale richiesta Ottobre 2005 lamentando latteggiamento ostruzionistico della moglie, viene chiesta la nomina di uno psicologo- psicoterapeuta al fine di valutare i possibili danni derivati alla figlia dal perdurare dellassenza della figura paterna (Maria ha sette anni) Ottobre 2005 lamentando latteggiamento ostruzionistico della moglie, viene chiesta la nomina di uno psicologo- psicoterapeuta al fine di valutare i possibili danni derivati alla figlia dal perdurare dellassenza della figura paterna (Maria ha sette anni) Gennaio 2006 il G.I. dispone una seconda ctu sulla minore per verificare la sussistenza di un processo di graduale avvicinamento al padre, di motivi di condizionamento pregiudizievoli per il suo sviluppo psicologico e per valutare un eventuale cambio di affidamento o un programma di incontri più confacenti al caso Gennaio 2006 il G.I. dispone una seconda ctu sulla minore per verificare la sussistenza di un processo di graduale avvicinamento al padre, di motivi di condizionamento pregiudizievoli per il suo sviluppo psicologico e per valutare un eventuale cambio di affidamento o un programma di incontri più confacenti al caso

16 Ctu psicologica e supporto psicoterapeutico Sulla scorta degli esiti della ctu psicologica espletata, con ordinanza del 2007 viene disposto supporto psicoterapeutico a mezzo della ctu già nominata, stabilendo che tale percorso dovesse intendersi provvisoriamente sostitutivo del regime delle visite stabilito con lultima ordinanza e rivelatosi in concreto inattuabile Sulla scorta degli esiti della ctu psicologica espletata, con ordinanza del 2007 viene disposto supporto psicoterapeutico a mezzo della ctu già nominata, stabilendo che tale percorso dovesse intendersi provvisoriamente sostitutivo del regime delle visite stabilito con lultima ordinanza e rivelatosi in concreto inattuabile Il fine precipuo di tale percorso era di curare il riequilibrio delle relazioni familiari, nonché di preparare ed avviare la progressiva ripresa della relazione padre-figlia. Il fine precipuo di tale percorso era di curare il riequilibrio delle relazioni familiari, nonché di preparare ed avviare la progressiva ripresa della relazione padre-figlia. Nonostante il padre della minore offrisse massima collaborazione, la madre dettava le condizioni, meta- comunicava in modo paradossale sullaltro genitore e anche sui consigli che le venivano dati Nonostante il padre della minore offrisse massima collaborazione, la madre dettava le condizioni, meta- comunicava in modo paradossale sullaltro genitore e anche sui consigli che le venivano dati

17 Diagnosi di Pas di grado grave Si evidenziava comportamento adultomorfo di Maria che attaccava con varie critiche il padre con svariati tentativi di spiegazioni delle accuse e di flashback non sempre suoi, presentava indifferenza verso il padre, incapacità di provare sensi di colpa e nello stesso tempo piena aderenza alla madre Si evidenziava comportamento adultomorfo di Maria che attaccava con varie critiche il padre con svariati tentativi di spiegazioni delle accuse e di flashback non sempre suoi, presentava indifferenza verso il padre, incapacità di provare sensi di colpa e nello stesso tempo piena aderenza alla madre Alla luce di questi dati si evidenziava nella minore un quadro di Sindrome di alienazione genitoriale di grado grave ed il ctu proponeva linvio al servizio territoriale per la prosecuzione della psicoterapia Alla luce di questi dati si evidenziava nella minore un quadro di Sindrome di alienazione genitoriale di grado grave ed il ctu proponeva linvio al servizio territoriale per la prosecuzione della psicoterapia

18 Alcuni test somministrati a Maria presso i Sevizi Sociali FRT (Family Relation Test)di E.Bene e J.Anthony FRT (Family Relation Test)di E.Bene e J.Anthony dispositivo semplice ed oggettivo per lindagine delle relazioni emotive del bambino con la sua famiglia dispositivo semplice ed oggettivo per lindagine delle relazioni emotive del bambino con la sua famiglia consente di studiare in particolare le relazioni e le tensioni familiari così come vengono esperite direttamente dal bambino consente di studiare in particolare le relazioni e le tensioni familiari così come vengono esperite direttamente dal bambino evidenzia i sentimenti che il paziente nutre verso laltro evidenzia i sentimenti che il paziente nutre verso laltro gli eventuali sintomi gli eventuali sintomi

19 Aree esplorate dallFRT Sentimenti positivi, sia provenienti dal bambino, sia vissuti dal bambino come provenienti dagli altri Sentimenti positivi, sia provenienti dal bambino, sia vissuti dal bambino come provenienti dagli altri Sentimenti negativi, sia provenienti dal bambino, sia vissuti dal bambino come provenienti dagli altri Sentimenti negativi, sia provenienti dal bambino, sia vissuti dal bambino come provenienti dagli altri Sentimenti di dipendenza dagli altri Sentimenti di dipendenza dagli altri

20 Materiale del test FRT 20 figure di cartone che rappresentano persone di varie età, forme e misure, sufficientemente stereotipate in modo da rappresentare i componenti di una famiglia qualunque, in modo da permettere al soggetto di scegliere tra loro il suo circolo familiare 20 figure di cartone che rappresentano persone di varie età, forme e misure, sufficientemente stereotipate in modo da rappresentare i componenti di una famiglia qualunque, in modo da permettere al soggetto di scegliere tra loro il suo circolo familiare Oltre alle figure dei familiari è inclusa unaltra importante figura che appare voltata di spalle. Si tratta di Nessuno e serve a raccogliere gli item che il soggetto decide di non assegnare a nessuna delle figure scelte Oltre alle figure dei familiari è inclusa unaltra importante figura che appare voltata di spalle. Si tratta di Nessuno e serve a raccogliere gli item che il soggetto decide di non assegnare a nessuna delle figure scelte Ciascuna figura ha per base una scatola con unapertura nella parte superiore in cui vengono inseriti gli item relativi Ciascuna figura ha per base una scatola con unapertura nella parte superiore in cui vengono inseriti gli item relativi Gli item sono stampati su cartoncini singoli che vengono letti al soggetto, quindi gli viene chiesto e di mettere ciascun cartoncino nella scatola della figura a cui meglio si adatta Gli item sono stampati su cartoncini singoli che vengono letti al soggetto, quindi gli viene chiesto e di mettere ciascun cartoncino nella scatola della figura a cui meglio si adatta Il numero di item per la versione bambini è di 47 Il numero di item per la versione bambini è di 47

21 Gli item del test: alcuni esempi Sentimenti positivi diretti verso laltro (da 00 a07) Sentimenti positivi diretti verso laltro (da 00 a07) Chi ti è più simpatico fra tutte queste persone? Chi ti è più simpatico fra tutte queste persone? Sulle gambe di chi ti piace sedere? Sulle gambe di chi ti piace sedere? Con chi ti piace giocare? Con chi ti piace giocare? Sentimenti negativi diretti verso laltro ( da 10 a 17) Sentimenti negativi diretti verso laltro ( da 10 a 17) Chi non ti piace? Chi non ti piace? Chi vorresti sculacciare? Chi vorresti sculacciare? Chi vorresti mandar via tra queste persone? Chi vorresti mandar via tra queste persone? Sentimenti positivi diretti verso Sé (da 20 a 27) Sentimenti positivi diretti verso Sé (da 20 a 27) A chi piace giocare con te? A chi piace giocare con te? Chi ti rende felice? Chi ti rende felice? Chi è simpatico con te? Chi è simpatico con te?

22 Gli item del test: alcuni esempi Sentimenti negativi diretti verso Sé( da 30 a 37) Sentimenti negativi diretti verso Sé( da 30 a 37) Chi ti fa essere triste? Chi ti fa essere triste? Chi ti fa piangere? Chi ti fa piangere? A chi non piaci? A chi non piaci? Dipendenza ( da 40 a 47) Dipendenza ( da 40 a 47) Chi ti dovrebbe rimboccare le coperte del lettino? Chi ti dovrebbe rimboccare le coperte del lettino? Chi desideri quando non ti senti bene? Chi desideri quando non ti senti bene? Chi desideri quando hai paura? Chi desideri quando hai paura?

23 Somministrazione del test Dimmi chi sono le persone che vivono con te a casa? Dimmi chi sono le persone che vivono con te a casa? Dimmi, chi sono le persone della tua famiglia? Dimmi, chi sono le persone della tua famiglia? Vedi tutte queste figure che stanno in piedi? Vedi tutte queste figure che stanno in piedi? Ora faremo finta che alcune di queste siano le persone della tua famiglia Ora faremo finta che alcune di queste siano le persone della tua famiglia Farà parte del gioco anche la scatolina raffigurante Nessuno Farà parte del gioco anche la scatolina raffigurante Nessuno Qui ci sono tanti cartoncini con dei messaggi scritti su ognuno, io ti leggerò cosa dicono e tu imbucherai ciascun cartoncino nella scatolina con la persona che secondo te andrà meglio Qui ci sono tanti cartoncini con dei messaggi scritti su ognuno, io ti leggerò cosa dicono e tu imbucherai ciascun cartoncino nella scatolina con la persona che secondo te andrà meglio Se il messaggio sul cartoncino non va bene per nessuno, lo imbucherai in Nessuno Se il messaggio sul cartoncino non va bene per nessuno, lo imbucherai in Nessuno A volte capiterà che un messaggio andrà bene per più di una persona. Quando è così tu darai a me il cartoncino A volte capiterà che un messaggio andrà bene per più di una persona. Quando è così tu darai a me il cartoncino

24 Lo Scoring Appena il soggetto ha terminato il test, lesaminatore tira fuori i cartoncini dalle singole scatole con le figure e prende nota del collocamento di ciascuno sui moduli per la tabulazione delle risposte Appena il soggetto ha terminato il test, lesaminatore tira fuori i cartoncini dalle singole scatole con le figure e prende nota del collocamento di ciascuno sui moduli per la tabulazione delle risposte Se sembra in grado di farlo, il bambino può aiutare lesaminatore in questa operazione leggendo il numero di ciascun item Se sembra in grado di farlo, il bambino può aiutare lesaminatore in questa operazione leggendo il numero di ciascun item Aiutare lesaminatore è rassicurante per il bambino e serve a dargli una sensazione di importanza Aiutare lesaminatore è rassicurante per il bambino e serve a dargli una sensazione di importanza

25 Modulo per la tabulazione delle risposte e la registrazione dei risultati

26 Analisi dei risultati Maria ha scotomizzato la figura paterna, manifestando forte avversione e ostilità, comunicando alla stregua del fenomeno della disconferma: Tu non esisti! Maria ha scotomizzato la figura paterna, manifestando forte avversione e ostilità, comunicando alla stregua del fenomeno della disconferma: Tu non esisti! Come componenti della famiglia ha indicato inizialmente la madre e se stessa, aggiungendo solo in un secondo momento i cugini e gli zii, evidenziando una relazione invischiata con la figura materna ed un marcato spostamento di sentimenti affettivi Come componenti della famiglia ha indicato inizialmente la madre e se stessa, aggiungendo solo in un secondo momento i cugini e gli zii, evidenziando una relazione invischiata con la figura materna ed un marcato spostamento di sentimenti affettivi Ha attribuito a Nessunoun alto numero di item negativi, mostrando come prevalente il meccanismo di difesa della Negazione affrontando così i fattori stressanti interni ed esterni e rifiutando di riconoscere certi aspetti dolorosi della realtà esterna o dellesperienza soggettiva Ha attribuito a Nessunoun alto numero di item negativi, mostrando come prevalente il meccanismo di difesa della Negazione affrontando così i fattori stressanti interni ed esterni e rifiutando di riconoscere certi aspetti dolorosi della realtà esterna o dellesperienza soggettiva

27 I.R.F. INDICATORE DEI RAPPORTI FAMILIARI Tecnica proiettiva che consta di una serie di tavole ambigue raffiguranti situazioni familiari Tecnica proiettiva che consta di una serie di tavole ambigue raffiguranti situazioni familiari Il soggetto descriverà i rapporti familiari così come egli stesso li percepisce Il soggetto descriverà i rapporti familiari così come egli stesso li percepisce Lintento è di raccogliere informazioni sui sentimenti, gli atteggiamenti e i rapporti tra membri di una famiglia Lintento è di raccogliere informazioni sui sentimenti, gli atteggiamenti e i rapporti tra membri di una famiglia Comprendere la differenza tra la reale condizione familiare e quella percepita Comprendere la differenza tra la reale condizione familiare e quella percepita

28 Consegna I.R.F. Ho qui delle figure che rappresentano delle persone che fanno varie cose; vi sono dei bambini e delle persone grandi Ho qui delle figure che rappresentano delle persone che fanno varie cose; vi sono dei bambini e delle persone grandi Vorrei che tu dessi unocchiata e mi dicessi qualcosa di loro Vorrei che tu dessi unocchiata e mi dicessi qualcosa di loro Vorrei che mi dicessi che cosa, secondo te, stanno facendo o dicendo queste persone Vorrei che mi dicessi che cosa, secondo te, stanno facendo o dicendo queste persone

29 Tavola M2 -9B= Madre e Bambina Due amiche si sono incontrate e unamica sta leggendo un libro e quellaltra la guarda da dietro. Non parlano perché sono attente al libro Due amiche si sono incontrate e unamica sta leggendo un libro e quellaltra la guarda da dietro. Non parlano perché sono attente al libro

30 Tavola B4 – 22B = Bambina La mamma è entrata in cucina o dove tengono il tavolo e ha visto nel frigo perché aveva fame e non ha trovato niente e ha questa faccia qui, è di notte, di sera, perché è vestita con gli abiti da casa La mamma è entrata in cucina o dove tengono il tavolo e ha visto nel frigo perché aveva fame e non ha trovato niente e ha questa faccia qui, è di notte, di sera, perché è vestita con gli abiti da casa

31 Tavola P3- 14B= Padre e Bambina ……………il fratello grande sta leggendo il giornale e la bimba sta giocando a pallone. La bimba dice al fratello, lo chiama per nome e gli dice: Guarda, guarda, si sono aperte le tende! e si è entusiasmata per questo fatto ……………il fratello grande sta leggendo il giornale e la bimba sta giocando a pallone. La bimba dice al fratello, lo chiama per nome e gli dice: Guarda, guarda, si sono aperte le tende! e si è entusiasmata per questo fatto

32 Tavola P2- 8B = Padre e Bambina ……….……………… ……. La sorellina è malata, allora entra il fratello, i genitori non lhanno mandata a scuola. Il fratello chiede: Com è andata la scuola? Come va la febbre? ……….……………… ……. La sorellina è malata, allora entra il fratello, i genitori non lhanno mandata a scuola. Il fratello chiede: Com è andata la scuola? Come va la febbre? Ce lho sempre a 38 Ce lho sempre a 38

33 Tavola P4- 20B = Padre e Bambina ……………………… ………………..Il nonno va a trovare la famiglia in casa, la bambina va ad aprire la porta e dice: Da quanto tempo non ci vediamo!!! Il nonno dice: ho avuto un forte mal di schiena, ora lho curato…e sta bene. ……………………… ………………..Il nonno va a trovare la famiglia in casa, la bambina va ad aprire la porta e dice: Da quanto tempo non ci vediamo!!! Il nonno dice: ho avuto un forte mal di schiena, ora lho curato…e sta bene.

34 Osservazioni Psicodiagnostiche Ansia e paura nellincontrare laltro genitore in assenza di ragioni concrete Ansia e paura nellincontrare laltro genitore in assenza di ragioni concrete Il soggetto affronta i conflitti emozionali e i fattori stressanti interni ed esterni trasferendo un sentimento o una reazione da un oggetto ad un altro oggetto sostitutivo meno minaccioso Il soggetto affronta i conflitti emozionali e i fattori stressanti interni ed esterni trasferendo un sentimento o una reazione da un oggetto ad un altro oggetto sostitutivo meno minaccioso Difficoltoso processo di identificazione- differenziazione Difficoltoso processo di identificazione- differenziazione

35 Osservazioni Psicodiagnostiche La configurazione dellattaccamento si presenta disturbata La configurazione dellattaccamento si presenta disturbata Lipercoinvolgimento fra madre e figlia determina confini diffusi e confusione emotiva Lipercoinvolgimento fra madre e figlia determina confini diffusi e confusione emotiva Il soggetto si rifiuta di riconoscere certi aspetti dolorosi della realtà esterna o dellesperienza soggettiva Il soggetto si rifiuta di riconoscere certi aspetti dolorosi della realtà esterna o dellesperienza soggettiva Disturbo delletà evolutiva Disturbo delletà evolutiva

36 Decreto del T.M. Luglio 2008 Preso atto degli esiti in cui si evidenzia un quadro di Sindrome di alienazione genitoriale di grado grave Preso atto degli esiti in cui si evidenzia un quadro di Sindrome di alienazione genitoriale di grado grave Si suggerisce per la minore un percorso psicoterapeutico finalizzato al ri-conoscimento con il padre Si suggerisce per la minore un percorso psicoterapeutico finalizzato al ri-conoscimento con il padre Un graduale e progressivo riavvicinamento della piccola alla figura paterna in considerazione dellindispensabilità di entrambi i genitori per un sano sviluppo della personalità Un graduale e progressivo riavvicinamento della piccola alla figura paterna in considerazione dellindispensabilità di entrambi i genitori per un sano sviluppo della personalità

37 Decreto del T.M.Luglio 2008 P.Q.M. provvede in via definitiva P.Q.M. provvede in via definitiva Incarica il Servizio Sociale del Comune di Foggia a porre in essere interventi di sostegno di cui in premessa Incarica il Servizio Sociale del Comune di Foggia a porre in essere interventi di sostegno di cui in premessa Prescrive alla madre di non ostacolare in alcun modo il percorso di sostegno psicologico in favore della figlia volto al recupero della figura paterna Prescrive alla madre di non ostacolare in alcun modo il percorso di sostegno psicologico in favore della figlia volto al recupero della figura paterna Prescrive alla madre di collaborare con le indicazioni che le saranno impartite dagli operatori, con lavvertenza che in caso di inottemperanza potranno essere adottati nei suoi confronti provvedimenti limitativi della potestà genitoriale Prescrive alla madre di collaborare con le indicazioni che le saranno impartite dagli operatori, con lavvertenza che in caso di inottemperanza potranno essere adottati nei suoi confronti provvedimenti limitativi della potestà genitoriale

38 Provvedimento del Tribunale Ordinario Aprile 2009 ……………….al fine di ricostruire un valido rapporto con la figura paterna ed assicurare la necessaria ripresa delle frequentazioni tra padre e figlia, al momento inattuabili, non resta altra strada che ricorrere allaffidamento della minore ai Servizi Sociali perché solo tale intervento sostitutivo di responsabilizzazione sembra allo stato, in grado di garantire la prosecuzione del percorso psicoterapico…….. ……………….al fine di ricostruire un valido rapporto con la figura paterna ed assicurare la necessaria ripresa delle frequentazioni tra padre e figlia, al momento inattuabili, non resta altra strada che ricorrere allaffidamento della minore ai Servizi Sociali perché solo tale intervento sostitutivo di responsabilizzazione sembra allo stato, in grado di garantire la prosecuzione del percorso psicoterapico…….. ………Fermo il collocamento della figlia minore presso labitazione materna, affida la medesima ai Servizi Sociali del Comune di Foggia i quali cureranno lattuazione del programma psicoterapico con obbligo di relazionare quadrimestralmente alla Procura della Repubblica presso il T.M. ………Fermo il collocamento della figlia minore presso labitazione materna, affida la medesima ai Servizi Sociali del Comune di Foggia i quali cureranno lattuazione del programma psicoterapico con obbligo di relazionare quadrimestralmente alla Procura della Repubblica presso il T.M.

39 Piano di trattamento Dopo aver inizialmente rispettato i tempi della bambina ed i suoi feedback, non saranno ancora prese troppo sul serio le sue lamentele Dopo aver inizialmente rispettato i tempi della bambina ed i suoi feedback, non saranno ancora prese troppo sul serio le sue lamentele Accontentare eccessivamente i suoi desideri di respingere il genitore alienato non va nel suo interesse Accontentare eccessivamente i suoi desideri di respingere il genitore alienato non va nel suo interesse Seguendo gli studi di Gardner, la migliore terapia consiste nel dare ai figli la possibilità di sperimentare che il genitore alienato non è così disprezzabile o pericoloso come loro pensano Seguendo gli studi di Gardner, la migliore terapia consiste nel dare ai figli la possibilità di sperimentare che il genitore alienato non è così disprezzabile o pericoloso come loro pensano

40 Situazione attuale Gli incontri fra la bambina ed il padre sono stati organizzati presso la sede dei Servizi Sociali e sono tuttora in corso Gli incontri fra la bambina ed il padre sono stati organizzati presso la sede dei Servizi Sociali e sono tuttora in corso Maria sta mostrando una maggiore apertura verso il genitore, ha iniziato a parlare delle sue esperienze e sembra più serena Maria sta mostrando una maggiore apertura verso il genitore, ha iniziato a parlare delle sue esperienze e sembra più serena Non è ancora pronta per lasciare lo spazio protetto del servizio e si dovrà ancora lavorare perché possa raggiungere la capacità di leggere gli eventi in modo critico Non è ancora pronta per lasciare lo spazio protetto del servizio e si dovrà ancora lavorare perché possa raggiungere la capacità di leggere gli eventi in modo critico

41 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "PAS –Sindrome di Alienazione Genitoriale Intervento giuridico e psicologico Ruolo dei Servizi Sociali. Metodologia di intervento Dott.ssa M.Pia Guarino."

Presentazioni simili


Annunci Google