La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

… La classe 1°SUA presenta... LA VITA RIMANE … LA COSA PIU BELLA CHE HO !!! Progetto assolvimento obbligo scolastico asse storico sociale : PREVENZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "… La classe 1°SUA presenta... LA VITA RIMANE … LA COSA PIU BELLA CHE HO !!! Progetto assolvimento obbligo scolastico asse storico sociale : PREVENZIONE."— Transcript della presentazione:

1

2 … La classe 1°SUA presenta... LA VITA RIMANE … LA COSA PIU BELLA CHE HO !!! Progetto assolvimento obbligo scolastico asse storico sociale : PREVENZIONE ALCOLISMO E TABAGISMO A.S. 2010\2011

3 «speak, le parole non dette» «i 400 colpi» Clicca sul simbolo del documento per aprire un capitolo La cultura dello sballo alcolismo tabagismo foto

4

5 Levoluzione delle droghe Anni 70: Anni 70: 1.Eroina Giorni nostri: Giorni nostri: 1.Cocaina 2.Ecstasy 3.Spinelli 4.Shunk Economiche, Utilizzate a scopo ricreativo e socializzante, estremamente dannose per il cervello Nuovo tipo di droga, molto in voga soprattutto in Gran Bretagna

6 I motivi per cui si inizia a fare uso di droghe Età media del primo consumo di sostanze stupefacenti: Età media del primo consumo di sostanze stupefacenti: I fattori che influiscono sono di tipo I fattori che influiscono sono di tipo – Sociale: Amicizie Amicizie Pressioni del gruppo o delle mode Pressioni del gruppo o delle mode – Personale: Fattori emotivi Fattori emotivi Voglia di trasgredire Voglia di trasgredire 14 anni

7 UTILIZZO DI DROGHE Modo per stare insieme Ricerca di unalterazione dello stato di coscienza per entrare in una dimensione altra che faciliti la comunicazione e linterazione col gruppo

8 La percezione del rischio legata agli stupefacenti Considerati di scarsa pericolosità, soprattutto dai maschi: Considerati di scarsa pericolosità, soprattutto dai maschi: – Cannabis – Alcol – Ecstasy Modi per informare circa i rischi delle droghe: Modi per informare circa i rischi delle droghe: – Campagne mediatiche – Coinvolgimento famiglie In realtà sono sostanze estremamente dannose per il cervello

9 Le campagne mediatiche Vari tentativi, in vari luoghi e con varie modalità, ma scarsi risultati: Vari tentativi, in vari luoghi e con varie modalità, ma scarsi risultati: – Perfezionamento conoscenze dei ragazzi – No modificazione comportamenti e attitudini dei giovani – Ascolto e visione non sono sufficienti – Importanza dellesperienza personale

10 Il compito della scuola Informare, promuovere lo sviluppo personale dei ragazzi, stimolare la discussione Informare, promuovere lo sviluppo personale dei ragazzi, stimolare la discussione – Non puntare sugli effetti negativi: alcuni ragazzi reagiscono minimizzando per dimostrare di non avere paura di nulla – Sfatare il mito lo fanno tutti: scoprire che la maggioranza è pulita, può portare a riflettere – Migliorare le capacità espressive e comunicativa degli studenti: droga e alcol spesso sono utilizzati per superare limbarazzo – Percorrere il cammino della droga nel mondo: scoprire di essere gli ultimi anelli di una catena e di essere sfruttati non è piacevole! – Confronto con ex tossicodipendenti – Sviluppare interessi per sviare i ragazzi dal consumo di droghe

11 La prevenzione selettiva Prevenzione selettiva: programma che si rivolge ad adolescenti considerati a rischio elevato (famiglie problematiche alle spalle, problemi di depressione o disfunzioni legate alladolescenza) Prevenzione selettiva: programma che si rivolge ad adolescenti considerati a rischio elevato (famiglie problematiche alle spalle, problemi di depressione o disfunzioni legate alladolescenza) Iniziative utili con ragazzi che fanno uso di droga per sfuggire da un profondo disagio Iniziative utili con ragazzi che fanno uso di droga per sfuggire da un profondo disagio Importanza della componente educativa per migliorare la capacità di autocontrollo in situazioni di stress Importanza della componente educativa per migliorare la capacità di autocontrollo in situazioni di stress Importanza di una comunicazione aperta e scevra da paternalismi Importanza di una comunicazione aperta e scevra da paternalismi Importanza del luogo degli incontri: deve essere protetto e il meno dispersivo possibile Importanza del luogo degli incontri: deve essere protetto e il meno dispersivo possibile Obiettivi: Obiettivi: – Non solo limitazione dai danni, ma introiezione dei danni che la droga provoca allorganismo e la sua inutilità al fine della risoluzione dei problemi – Aiutare il giovane a ricostruire la propria quotidianità, individuando e coltivando interessi alternativi, nuove forme di impegno e gratificazione

12

13 I programmi selettivi aiutano gli adolescenti a rischio più elevato prendendo delle iniziative educative. Viene insegnato ai ragazzi come gestire situazioni di stress senza ricorrere a sostanze. Poi vengono dati dei consigli che possono essere utili

14 Dad,do you mind if i start smoking ? Papà ti dispiace se comincio a bere? Absolutely YES !!!! Assolutamente SI !!!! Don't make like me that then you become a loser Non fare come me che poi diventi uno sfigato

15 L'alcool etilico provoca : Tolleranza = MAN MANO SI BEVE SEMPRE DI PIÙ Dipendenza = NON PUOI PIÙ FARNE A MENO Gli organi colpiti dall'alcool sono : cervello, fegato e gonfiore della pancia. Rischio di incidenti stradali.

16 L'abuso di alcool, insieme al consumo di droghe pesanti, è considerato una tra le principali cause di morte tra i giovani, sia in modo diretto che indiretto.

17 Il tema dellalcool ha unampia rispondenza sul piano della normativa nazionale. Il Codice Penale,ad esempio,regolamenta non solo la somministrazione delle bevande ma anche laspetto della imputabilità dello stato debrezza. Qui di seguito presentiamo alcuni articoli del Codice Penale tra i più significativi.

18 Art.9 4 C.P. – Lo stato di ubriachezza abituale è unaggravante nel caso venga commesso un reato. Art. 688 C.P. – E punito con unammenda chiunque sia colto in stato di ubriachezza in luogo pubblico. Art. 689 C.P. – E vietato somministrare bevande alcoliche ai minori di 16 anni ed agli infermi di mente. Art. 186 bis C.d.S. – Tolleranza zero divieto assoluto di bere: Nei primi 3 anni di patente Autisti professionisti (camionisti)

19 FINE!!

20 Diritto Scienze Psicologia Storia

21 LEGGE del 16/01/2003 N°8 Divieto di fumo nei locali pubblici SI PUO FUMARE: allaperto,negli spazi nei locali riservati ai fumatori e nelle residenze private NON SI PUO FUMARE: Nei locali pubblici,privati e aperti al pubblico DIRITTO

22 I gestori dei locali privati e il personale nei luoghi pubblici devono controllare i divieti ma anche attuare INTERVENTI ATTIVI nei confronti dei trasgressori come prevede lart. 2 della legge n 584/1975 Il divieto deve essere indicato da un cartello esposto allingresso di ogni locale.

23 Nel caso in cui le persone che fumano,richiamate al rispetto del divieto, continuano a fumare, il conduttore farà in modo di segnalare linfrazione ai pubblici ufficiali. Se il conduttore tralascia di garantire la qualità dellaria che si respira nel locale,consentendo alla clientela di fumare ed omettendo di segnalarlo, il questore può sospendere, per un periodo da tre giorni a tre mesi, o revocare la licenza di esercizio del locale.

24 Il fumo di tabacco è la più rilevante causa di morte prematura,e rappresenta uno dei più gravi problemi di sanità pubblica a livello mondiale,ma è prevenibile SCIENZE

25 Nella sigaretta si genera una combustione (tabacco+carta) che forma molecole nocive, dannose per l'organismo: apparato respiratorio, sistema nervoso, cardio-circolatorio. La combustione è formata da: 85% vapori innocui 15% 400 molecole diverse che fanno male

26 1. Nicotina (droga del fumo) restringimento dei vasi sanguigni causa l'aumento della pressione 2. CO (Monossido di Carbonio) veleno potente in carenza di ossigeno 3. Benzopirene provoca il cancro ai polmoni 4. gli Irritanti molecole che irritano le vie respiratorie (tosse) Cosa assume l organismo

27 Cardio vascolari: alta probabilità di infarto, ictus... Tumori: 1. Ai polmoni (anche nei fumatori passivi) 2. Alla bocca 3. Allo stomaco 4. A reni, apparato urinario vescica 5. Al sangue (leucemia)

28 Il fumo può essere considerato un addiction, non che dipendenza disadattiva, infatti nessuno riesce a smettere completamente di fumare, può riuscirci solo per un po' Chi comincia sa che il fumo è nocivo, ma la voglia di provare è più forte della prudenza

29 Nella maggior parte dei casi un individuo comincia a usare le sigarette perché influenzato dal Gruppo di Pari, per non farsi considerare uno sfigato e per costruirsi una bella reputazione. Nella sigaretta una persona prova il piacere di rilassarsi per un po', sfogare la sua rabbia e il suo rancore

30 Esiste un processo secondario dove domina un senso di razionalità e di ragione (principio di realtà); se uno si crea una dipendenza disadattiva farà ritorno a quello primario, dove domina l'emozione e un pensiero fluttuante

31 Età del bronzo Cerimonie religiose come rito propiziatorio aspirazione Dopo la scoperta dellAmerica espansione in Europa Dal 1560 diffusione nel mondo

32 Prima: o Luso del tabacco come rimedio a molte malattie o Smoking Parties, ovvero feste in cui si fuma o I bambini andavano a scuola con la pipa e i maestri gli insegnavano come tenerla

33 Dopo: o Re Giacomo I denuncia questa abitudine e mette una tassa o I medici cominciano a sostenere che il tabacco è una pianta dannosa o Le donne fanno una rivolta contro i mariti che fumano

34 Pian piano il tabacco divenne una questione di stile per i borghesi. Nascono così le tabacchiere e tutto il commercio che ci gira attorno ARISTOCRAZIA

35 La vera e propria sigaretta nacque nel 1832, inventata da soldati turchi PUBBLICITA: - Foto di divi dello sport e ragazze sorridenti con la sigaretta in bocca - Pubblicità televisive - Slogan - Film e cartoni animati (braccio di ferro)

36 Fine !!

37

38 Melinda nella sua stanza.. si dipinge le labbra come se fossero cucite con un filo che le impedisce di parlare, di tirar fuori un segreto t roppo pesante.

39 È ossessionata dal senso di colpa per l ingenuità di un sabato sera e per quel peso che la soffoca e che non riesce a togliersi.

40 L ingenuità. Una festa. Un ragazzo. Forse troppo alcool. E la v iolenza ! Sono queste le immagini che le affollano la mente !

41 Decide allora, di rinchiudersi nei suoi pensieri e soprattutto nel suo silenzio. Si rende conto che le parole o rmai non le servono più nessuno riesce ad ascoltarla; i genitori troppo occupati per capire il dolore che racchiude dentro se stessa, le sue migliori amiche che le hanno tolto la parola, per aver rovinato a tutti la festa di fine anno chiamando la polizia dopo un abuso !

42 .. e l unico modo per s fogare la rabbia è chiudersi e urlare in un armadio o entrare in un ospedale, fingersi ammalata per capire poi che le persone non si accorgono di lei. I ricordi però le tornano sempre in testa e la rincorrono ovunque vada !

43 .. Ma Melinda sperimenta che con l arte si può liberare ed esprimere quello che la ferisce. Ad aiutarla sarà il suo ribelle professore di arte.

44 Nel tempo Melinda si rappresenta nella figura dellALBERO,con le sue radici immerse nella terra, al buio, dove nessuno vede o cerca, come il suo segreto, che pian piano esce e viene alla luce.. visibile a tutti !

45 Il potere delle parole è questo, nel momento in cui le pronunci, le condividi. Condividere significa alleggerire il tormento che cè dietro

46 Quello che il finale trasmette è soprattutto la voglia di Melinda di riappropriarsi della propria vita e della propria creatività. È come entrare nei pensieri della protagonista … e vivere tutte le sue angosce attraverso i flashback dei ricordi ma anche la sua stessa voce da ragazzina, che ci fa vedere quello che lei vede, raccontando la sua storia come un diario.

47 Fine.

48 Les 400 coups Fare il diavolo a quattro

49 Antoine Doinel è un ragazzo che vive con la famiglia: la giovane madre e il patrigno.

50 Ha poca voglia di studiare e si diverte a marinare la scuola assieme lamico renè.

51 Con lamico, Antoine cerca di rubare una macchina da scrivere,ma viene scoperto. Il patrigno,deluso,lo denuncia al commissario di polizia, sperando che questa volta riesca a mettere il figlio in riga.

52 La madre per liberarsene decide di rinchiuderlo in un riformatorio lontano da Parigi, dove la disciplina è molto rigida..

53 Antoine non resiste a tutte queste regole e in un momento di distrazione scappa fino ad arrivare al mare realizzando il suo più grande sogno di vederlo.

54 … e alla fine … la cosa più importante è che la vera felicità non è in fondo a un bicchiere,non è dentro ad una sigaretta : la trovi solo nel cuore di chi ti ama,la vita è una sola, goditela al meglio.Perché …… la vita rimane la cosa più bella che ho !

55 … E ora … vi presentiamo la redazione !

56 SARA FHE ARI

57 LISUZ ED ELI

58 Ali e Gre

59 PHUI ED ELI

60 Vestro e simon

61 ELI E TUZZA

62 PIPE E NICOOOOOOO

63 SIMO,ERICA E REBE

64 GIU E FABY

65 FEDE E REBY

66 BEA

67 THE END


Scaricare ppt "… La classe 1°SUA presenta... LA VITA RIMANE … LA COSA PIU BELLA CHE HO !!! Progetto assolvimento obbligo scolastico asse storico sociale : PREVENZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google