La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto Saboris Antigus Classe terza A e terza B Scuola Primaria di Santu Lussurgiu Anno Scolastico 2006/2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto Saboris Antigus Classe terza A e terza B Scuola Primaria di Santu Lussurgiu Anno Scolastico 2006/2007."— Transcript della presentazione:

1 Progetto Saboris Antigus Classe terza A e terza B Scuola Primaria di Santu Lussurgiu Anno Scolastico 2006/2007

2 Graziosa racconta … Dal latte al formaggio Incontro immaginario con una mucca

3 Cari bambini sono Graziosa; a Primavera con tutta la mandria stiamo a Pianafiorita. Siamo in tante ma le mie più care amiche sono: Stella Luna, Bianchina e Bellasò. Cari bambini sono Graziosa; a Primavera con tutta la mandria stiamo a Pianafiorita. Siamo in tante ma le mie più care amiche sono: Stella, Luna, Bianchina e Bellasò.

4 Il nostro bovaro è Mimitu SAccarzu, sposato con Titina Mereomo e ha tre figli.

5 Riempiti tutti i bidoni li carica nel fuoristrada e li porta in paese, a casa. Al mattino presto si inizia con la mungitura. Mimitu munge il latte nel secchio che poi versa nel bidone.

6 Il latte è ora una gelatina enorme, Titina, con il segno della croce, inizia a rompere la cagliata; la sbriciola velocemente e toglie il siero. Versa il formaggio in un sacchetto di tela e lo lascia acidificare. Mimitu, aiutato da Titina, versa il latte nel paiolo grande, aggiunge il caglio nel paiolo grande, aggiunge il caglio e un po di siero, lo copre con un telo e lo fa riposare per quaranta minuti.

7 Quando il formaggio fila lo toglie dal sacchetto e lo taglia a fette. Dispone le fette in un paiolo e le ammorbidisce sul fuoco con un mestolone.

8 Toglie il formaggio filante dal paiolo, lo lavora velocemente prima in una conca poi nelle le mani, dandogli la forma di una grande pera su casizolu. Titina mette il formaggio nella salamoia e lo lascia salare per diverse ore.

9 Toglie il formaggio dalla salamoia, lo appoggia su un cercine e lo mette ad asciugare al sole. Lo ripone poi nella dispensa, legato a una pertica. E li rimane per completare la stagionatura.

10 Cari bambini è facile ottenere del buon casizolu, bastano pochi ingredienti: latte delle vacche di Santulussurgiu, trifoglio dei pascoli del Montiferru, il lavoro di Mimitu e la bravura di Titina Mereomo.

11 Benennidos pitzinnos, ca os naro su contu de comente si faghet su casizolu. Deo seo Graziosa,semus unu capione mannu ma tratto bene solo cun duna chedda: Bianchina, Bellasò, Stella e Luna. Su accarzu nostru est Mimitu, est coiadu cun Titina Mereomo e tenet tres fitzos. Como, in beranu, semus in sa pastura de Pranu e frore. A salbeschidolza Mimitu incuminzat a mulghere sas accas, mulghet su latte a su moiu e de su moiu che du ettat a sas lamas, pois che das carrigat in su fuoristrada e paltidi a idda, a domo Titina comente du intennet arribanne d attopiat a sa carrela, dd azuat a iscarrigare sas lamas e che das intran a cughina; totalduos paris colan su latte a su labiolu, Titina azzennet su gas e ponet su latte a cheghentare

12 Canno est cheghente di ettat su cadzu e unu ziccu de soru de sa die prima, po impressare sa pesadura. A pustis de baranta minutos su latte paret una ladina manna, faghet sa rughe in su cadzadu e cuminzada a ddu murigare, ddu murigat meda finzas a ddu fagher torrare quasi a latte, ne leat su soru, ma non che ddu fulliat, a grazias ca si tenet po sos proccos! Leat unu saccheddu e tela e chettat su casu, du ponet in duna tovania e ddu incarrazzat bene cun sas mantas, po ddu mantenner in caldu. Assora Titina cuminzat a ispettare qusta benedita pesadura, de solitu pesat a su seranu, ma du e at dies chi pesat aintre notte o a su manzanu chitzo, e ite poder fagher cudda pobera femmina, tepet essere semper pronta a fagher su casu. Penzanne. ddu.e. bene, est finzas mezus a intre notte, ca non poltat sos pitzinnos in mesu e pes, non si caglian unu minutu!, mancari chi d azzuen a murigare su casizolu in sa mulza. Canno su casu est pesadu, faghet sa corria, Titina ddu segat a fittas e ddu ponet in su fogu; du ammoddigat cun su cogalzu e linna finzas a cantu est a puntu zustu, assora du ponet in sa tovania e du cariada, pois ddu tribagliat lestra lestra in sas manos e faghet una pira manna: su casizolu.

13 A ultimu che ddu ettat in sa mulza e ddu lassat inie finzas a sa die a pustis. Ma su tribagliu non est ancora finidu, ponet su casizolu, in dunu tidile, in soru e sa fronestra, in su sole, finzas a cantu assutat e tepet istare attenta chi non siat caldu meda ca si nono si unfrat, e chi non du picculen sos putzones. Assutadu bene su casizolu diventat grogu, assora Titina di ponet su ligazzu in su zugu e ddu appicat a un eltiga, in sa carama; e custu est su tribagliu de ognia die e non conoschet dies nodidas, de martzu a sos primos de lampadas. A provvista fatta, sunu una bellesa cuddas eltigas prenas de casizolu, chi paren chi che calen a su pesu. Su casu imprusu ddu ennet, sos comporadores non di mancan, ca su casizolu de Titina Mereomo est bonu e bellu chi paret pintadu. Azis cumpresu pitzinnos po fagher su casizolu bonu ddu e cheren pagas cosas: su latte de sas accas lussurzesas, su tirivozu e selba prochina des sos peales e su tribagliu de Mimitu e de Titina, chi sun de bonas manos.

14 i nostri disegni

15


Scaricare ppt "Progetto Saboris Antigus Classe terza A e terza B Scuola Primaria di Santu Lussurgiu Anno Scolastico 2006/2007."

Presentazioni simili


Annunci Google