La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Barbaro (in greco BapBapoç, passato in latino come barbarus )è la parola onomatopeica con cui gli antichi greci indicavano gli stranieri (letteralmente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Barbaro (in greco BapBapoç, passato in latino come barbarus )è la parola onomatopeica con cui gli antichi greci indicavano gli stranieri (letteralmente."— Transcript della presentazione:

1

2 Barbaro (in greco BapBapoç, passato in latino come barbarus )è la parola onomatopeica con cui gli antichi greci indicavano gli stranieri (letteralmente i balbuzienti), cioè coloro che non parlavano greco,e quindi non condividevano la cultura greca.

3 Alla fine del V secolo limpero romano doccidente risulta diviso in più regni detti Romano-Barbarici perche i dominatori barbari, che restano fedeli alle loro tradizioni, lasciano che le popolazioni romane si regolino secondo le proprie leggi, istituzione e organizzazione amministrativa. Differenze di religione di istituzioni giudiziarie, di struttura economico sociale rendono pero spesso difficile la convivenza tra Latini e barbari. In Italia Odoacre, che ha deposto lultimo imperatore d occidente,e signore incontrastato per circa ventanni. I suoi ambiziosi piani di espansione suscitano però lostilità dell imperatore doriente Zenone, che convince i turbolenti ostrogoti a muovere guerra al sovrano erulo.

4 Conquistata l Italia sotto la guida del re Teodorico, il nuovo regno goto assicura alla penisola trentanni di pace e una relativa prosperità economica. Teodorico non riesce tuttavia a raggiungere il suo principale obbiettivo, la fusione di un solo popolo do romani e goto,di ariani e cattolici:il dialogo dei primi anni si trasforma nell ultimo scorcio del suo regno in un regime repressivo. Alla morte di Teodorico sua figli Amalasunta imposta una politica di accordo con il nuovo imperatore Giustiniano. L uccisione della sovrana offre a questultimo di poter dichiarare guerra ai goti

5 Mentre loccidente si frantumava politicamente limpero romano dOriente si organizzava su basi tanto solide da garantire una durata millenaria. La produttività delle regioni orientali,la favorevole posizione geografica,la solida struttura militare e burocratica,fortemente centralizzata,spiegano questa straordinaria vitalità. La figura dominante di questepoca è Giustiniano,imperatore dal 527;oltre a potenziare l apparato burocratico, la diplomazia imperiale e l esercito rendendo più sicuri i confini dellimpero e imprime un notevole impulso alla vita economica, civile e culturale. Dopo aver proceduto con energia e succeso contro i bulgari, persiani,visigoti e vandali.

6 La guerra dichiarata da Giustiniano alla penisola è devastante. La guerra dura circa ventanni e si conclude con la morte dei due re goti, Totila (552) e Teia. LItalia viene in seguito riorganizzata come provincia, suddivisa in circostrizioni dipendenti da un esarca che risiede a Ravenna, unico territorio a trarre vantaggi dal nuovo governo bizzantino. Le basi dellautorità imperiale in Italia si dimostrano infatti fragili. Il pesante fiscalismo bizzantino esasperata la tendenza allautonomia di alcune regioni, mentre la politica religiosa trova un ostacolo nella chiesa di Roma, che non gradisce le pesanti intromissioni del potere civile

7 In buona parte dei territori imperiali la politica di Giustiniano ottiene effetti positivi in campo economico e sociale. Grande impulso ricevono i commerci grazie alla collocazione geografica dellimpero,ponte fra loriente asiatico e loccidente mediterraneo, e le opere pubbliche,valvola di sfogo per le classi sociali più povere della società bizantini.

8 A Giustiniano si deve anche liniziativa di una vasta riorganizzazione delleredità giuridica romana, che da forma al celebre corpus iuris civilius un codice di diritto concepito con un insieme organico ed esautivo. Accanto alla raccolta delle costituzioni imperiali,vengono forniti un antologia di pareri di illustri giuristi un manuale per linsegnamento in quattro libri e una collezione di decreti successivi al 534. la nuova legislazione viene estesa a tutto limpero,Italia compresa,mediante lemanazione di un particolare editto la drammatica sanzione.

9

10 Andrea Greco Jacopo De Pandis Piero Murra Marco Lorenzo THE END


Scaricare ppt "Barbaro (in greco BapBapoç, passato in latino come barbarus )è la parola onomatopeica con cui gli antichi greci indicavano gli stranieri (letteralmente."

Presentazioni simili


Annunci Google