La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ACAM AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA PALLODOLA CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE C.N.R.- ISMAR Istituto di Scienze Marine ENEA – Centro Ricerche Ambiente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ACAM AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA PALLODOLA CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE C.N.R.- ISMAR Istituto di Scienze Marine ENEA – Centro Ricerche Ambiente."— Transcript della presentazione:

1

2

3 ACAM AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA PALLODOLA CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE C.N.R.- ISMAR Istituto di Scienze Marine ENEA – Centro Ricerche Ambiente Marino di S.Teresa OASI L.I.P.U. PARCO MONTEMARCELLO - MAGRA PARCO NATURALE REGIONALE DI PORTOVENERE PROVINCIA DELLA SPEZIA – SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

4 La holding ACAM nasce nel 1907 come AMGA, "Azienda Municipalizzata Gas Acquedotto" del Comune della Spezia e acquisisce la gestione dei servizi nei Comuni di Lerici e di Portovenere. Dal 1995 ACAM avvia un processo di diversificazione con l'aggiunta di nuove attività, tra cui la gestione di servizi ambientali, produzione energia da fonti rinnovabili, servizi collaterali ed integrati, telecomunicazioni. Oggi ACAM, ha assunto l'assetto di holding con funzioni di staff, indirizzo e controllo di società operative specializzate nelle diverse attività di business ed opera principalmente nei seguenti settori strategici: Ciclo Integrato dell'acqua (captazione, distribuzione, smaltimento, depurazione) Ciclo Integrato dell'acqua Ciclo integrato dei rifiuti (spazzamento, raccolta, trasporto, trattamento e smaltimento) Ciclo integrato dei rifiuti Distribuzione di gas metano e GPL Vendita di gas metano-GPL e di energia elettrica Gestione calore, produzione di energia da fonti rinnovabili, vendita di metano per autotrazione

5 L'Azienda Agricola Dimostrativa, sorta nel 1975, ha per scopo lo svolgimento di attività agricola e zootecniche dimostrative sperimentali per favorire lo sviluppo del settore ed in particolare per ridurre i prezzi al consumo e per migliorare la qualità dei prodotti. Nel corso degli anni l'attività dell'Azienda si è profondamente radicata nella realtà agricola provinciale, assumendo una significativa funzione guida nel processo evoluto delle numerose piccole aziende dello spezzino, sia come qualificato punto di acquisizione materiale vivaistico che come vetrina di moderne tecniche operative.

6 La Sede di La Spezia (ex Istituto per lo studio dell'Oceanografia Fisica) rappresenta l'unico centro di ricerche oceanografiche del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) sul versante occidentale della penisola dalla frontiera con la Francia fino a Napoli. Fondato nel 1966 dal Dr. Roberto Frassetto, il gruppo è attualmente ospitato nel Centro di Ricerche per l'Ambiente Marino (CRAM) dell'ENEA. La Sezione porta avanti un'ampia serie di collaborazioni, sia all'interno del CNR (IAMC,ISAC, ISSIA, IBIMET), che a livello internazionale (CNRS, CSIC, SOC ecc.), mentre mantiene stretti legami con Università aventi simili interessi scientifici (Genova, Pisa, Napoli, Miami (US)).

7 Il Centro Ricerche Ambiente Marino di S. Teresa dell'ENEA, che occupa una superficie di quasi metri quadrati, è ubicato sulla costiera orientale del Golfo della Spezia nel territorio del Comune di Lerici ed è ospitato all'interno dell'antico forte di S. Teresa, costruito dalla Repubblica di Genova nel 1747 e restaurato dall'ENEA nel Il Centro è dotato di laboratori ed attrezzature per studi e ricerche sperimentali nel campo della fisica, chimica, biologia, sedimentologia e radioattività ambientale; possiede strumentazione specifica per campionamento ed analisi in ambiente marino.

8 La prima Oasi LIPU è stata istituita nel 1992 dalla Provincia della Spezia come Oasi di Protezione della Fauna ed affidata fin da subito in gestione alla LIPU nel tentativo, primo in Italia, di realizzare una garzaia artificiale. Lo scopo era quello di indurre alcune coppie selvatiche di aironi cenerini a riprodursi all'interno dell'area utilizzando pioppi e salici. Purtroppo, nonostante l'idea e le intenzioni fossero le migliori, l'esperimento non riuscì, sia a causa di oggettivi problemi gestionali, sia a causa di alcune alluvioni e atti vandalici. Finalmente nel novembre 2008 è stata stipulata una nuova convenzione tra LIPU, Parco di Montemarcello – Magra e Comune di Arcola per la gestione dell'Oasi e del Centro visite. Si è riavviata così una nuova stagione per l'Oasi.

9 Il Parco Regionale di Montemarcello - Magra nasce nel Dallinizio delle sue attività lEnte Parco ha portato avanti numerosi progetti sviluppatisi in diversi ambiti: educazione ambientale e formazione; ripristino, manutenzione e pulizia dei sentieri, delle aree di sosta attrezzate, delle piste ciclabili e dei percorsi nel territorio del parco; monitoraggio, censimento e tutela della fauna; attività turistiche ed escursionistiche; manifestazioni culturali, ricreative e sportive; interventi di recupero ambientale; recupero degli insediamenti in area protetta o contigua e restauro di alcuni edifici storici nel territorio; progetti nel campo del sociale come la realizzazione di aree di sosta attrezzate e fruibili anche da parte di disabili e ipovedenti.

10 Il Parco Naturale Regionale di Porto Venere si estende per circa 400 ettari, racchiudendo il promontorio omonimo, le isole Palmaria, Tino e Tinetto e lArea di Tutela Marina, come propaggine occidentale del Golfo della Spezia. Il territorio mantiene a tuttoggi un forte carattere di naturalità ed è rivestito da una rigogliosa macchia mediterranea che manifesta il suo continuo dinamismo a seconda dei microclimi ivi presenti. Un fenomeno che merita una citazione è il carsismo: ampiamente presente in tutta lArea Parco, trova le maggiori espressioni sullisola Palmaria, caratterizzata da un substrato calcareo ricco di grotte, pozzi stretti e profondi, camini con andamento ascendente e da forme carsiche superficiali quali inghiottitoi, doline e campi solcati.

11 Negli ultimi anni la Provincia della Spezia ha investito molte risorse sullo sviluppo, tutela e salvaguardia del territorio, ponendo unattenzione particolare alla prevenzione di eventi calamitosi di origine naturale e antropica. Il nostro servizio di protezione civile, che si occupa della previsione di fenomeni calamitosi e di primo soccorso, assistenza e superamento delle situazioni di emergenza, ha una struttura modesta, ma al verificarsi dei singoli problemi puo essere incrementato con collaborazioni di personale sia interno che esterno. Le Guardie Giurate Ecologiche Volontarie sono cittadini che hanno frequentato appositi CORSI di FORMAZIONE. Superato l'esame diventano agenti di polizia amministrativa e pubblici ufficiali con il compito di verificare che le Leggi poste a tutela dell'ambiente vengano rispettate. Possono redigere verbali di accertata violazione e comminare una sanzione pecuniaria. Hanno l'obbligo di informare l'autorità giudiziaria di ogni fatto di rilevanza penale. Promuovono inoltre informazione ambientale ed aiutano gli organi competenti nella protezione civile.


Scaricare ppt "ACAM AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA PALLODOLA CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE C.N.R.- ISMAR Istituto di Scienze Marine ENEA – Centro Ricerche Ambiente."

Presentazioni simili


Annunci Google