La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

APPROFONDIMENTO SU ALCUNI ASPETTI INNOVATIVI DELLE NORME TECNICHE D.M. 2005 STS s.r.l - Software Tecnico Scientifico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "APPROFONDIMENTO SU ALCUNI ASPETTI INNOVATIVI DELLE NORME TECNICHE D.M. 2005 STS s.r.l - Software Tecnico Scientifico."— Transcript della presentazione:

1 APPROFONDIMENTO SU ALCUNI ASPETTI INNOVATIVI DELLE NORME TECNICHE D.M STS s.r.l - Software Tecnico Scientifico

2 INDICE VERIFICA SEZIONI IN CLS VERIFICA SEZIONI IN ACCIAIO VERIFICA SEZIONI IN LEGNO SPETTRI AZIONE SISMICA DM 2005

3 VERIFICHE FLESSIONALI SEZIONI IN C.A. MODELLI DI CALCOLO DEI MATERIALI CALCESTRUZZO: DM2005 utilizza direttamente la resistenza cubica EC2 utilizza la cilindrica Il coefficiente c vale 0.85 e serve a tenere in conto dei fenomeni di tipo viscoso sulla resistenza del calcestruzzo, pur non essendo mensionato nel DM2005 si ritiene vada utilizzato.

4 LEGAME COSTITUTIVO DI CALCOLO DEL CALCESTRUZZO

5 Confronto tra un calcestruzzo ad alta resistenza ed uno a bassa

6 Confronto dei diagrammi costitutivi per calcestruzzo ad alta resistenza secondo EC2 e DM 2005.

7 LEGAME COSTITUTIVO DI CALCOLO DELLACCIAIO Per lacciaio si definisce la deformazione alla massima capacità di carico uk che rappresenta la deformazione per cui, in una prova di trazione, si ottiene la resistenza di picco f tk. Tale valore è dellordine del 4-10%.

8 VERIFICHE A TAGLIO DELLE SEZIONI IN C.A. MODELLO A TRALICCIO CON INCLINAZIONE DELLA BIELLA COMPRESSA VARIABILE EN :2005 RESISTENZA DI CALCOLO DELLA BIELLA COMPRESSA

9 RESISTENZA DI CALCOLO ARMATURA A TAGLIO A sw = Area complessiva bracci staffe s = Passo delle staffe f ywd = Resistenza allo snervamento di progetto delle staffe = angolo della biella compressa RESISTENZA DI CALCOLO A TAGLIO DELLA SEZIONE

10 VERIFICHE AGLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO DEFINIZIONE DELLE CONDIZIONI AMBIENTALI Per una migliore caratterizzazione riferirsi alla norma EN206

11 VERIFICHE STATI LIMITE DI FESSURAZIONE Valori limite :

12 VERIFICHE DELLE TENSIONI DI ESERCIZIO Limitazione della massima tensione di compressione del calcestruzzo : Limitazione della massima tensione dellacciaio per la sola combinazione rara :

13 ROBUSTEZZA STRUTTURALE E DETTAGLI COSTRUTTIVI

14 ELEMENTI BIDIMENSIONALI

15 VERIFICA SEZIONI IN ACCIAIO Legame costitutivo per lacciaio

16 FASE ELASTICA Il momento massimo elastico M e si realizza nellistante in cui la deformazione nelle fibre estreme raggiunge il limite elastico e (la tensione solo in questi punti varrà f y ); lespressione dal momento vale: La curvatura corrispondente è la curvatura massima elastica:

17 FASE ELASTO-PLASTICA Aumentando la curvatura della trave (> e ) si cominciano a plasticizzare (la tensione rimane costante pari alla tensione di snervamento f y ) le fibbre più esterne della sezione mentre dentro la distanza y dallasse neutro si trovano i due campi della sesione che rimangono in fase elastica, una è la parte compressa e laltra è tesa. Aumentando la curvatura della trave facendola tendere ad infinito (soluzione puramente matematica) la sezione risulta tutta plasticizzata. Il momento plastico M pl si realizza nellistante in cui la tensione raggiunge il limite di snervamento del metallo f y in tutta la sezione; esso vale per definizione:

18 CLASSIFICAZIONE DELLE SEZIONI Classe 1: quando la sezione è in grado di sviluppare una cerniera plastica avente la capacità rotazionale richiesta per lanalisi strutturare condotta con il metodo plastico. Capacità rotazionale maggiore o uguale a 5 (la sezione è definita compatta). Classe 2: quando la sezione è in grado di sviluppare il proprio momento resistente plastico, ma ha una capacità rotazionale limitata. Capacità rotazionale maggiore o uguale a 2,5 (la sezione è definita compatta). Classe 3: quando nella sezione le tensioni calcolate nelle fibre estreme compresse possono raggiungere la tensione di snervamento, ma linstabilità locale impedisce lo sviluppo del momento resistente plastico(la sezione è definita moderatamente snella). Classe 4: quando è necessario tenere in conto degli effetti dellinstabilità locale nelle parti che la compongono per determinare la resistenza flettente (sezioni snelle). Essendo la capacità rotazionale definita come rapporto fra le curvature corrispondenti al raggiungimento delle deformazione ultima e di snervamento.

19 VERIFICA A TAGLIO PER SEZIONI DI CLASSE 1 E 2

20 VERIFICA A TAGLIO PER SEZIONI DI CLASSE 3 Nel caso limite di verifica Ricordando che

21 VERIFICA A FLESSIONE COMPOSTA Sezioni di classe 1 e 2 Sezioni di classe 3

22 VERIFICA DI INSTABILITA PRESSO-FLESSIONALE Sezioni di classe 1 e 2 Sezioni di classe 3

23 VERIFICA DI INSTABILITA FLESSO-TORSIONALE Sezioni di classe 1 e 2 Sezioni di classe 3

24

25 VERIFICHE SEZIONI TRAVI IN LEGNO CONFRONTO FRA D.M E EC5 RELAZIONE TRA LA RESISTENZA CARATTERISTICA E DI CALCOLO R,d e K mod funzione della classe di servizio, che dipende dallumidità, e dalla durata del carico m = 1,35 (1,3) per gli SLU combinazioni fondamentali m = 1,35 (1,0) per gli SLU combinazioni eccezionali m = 1,0 per gli SLE

26

27 VERIFICA A TAGLIO <= f v,d Rapp. Taglio = /f v,d <= 1.0

28 VERIFICA A TENSO-FLESSIONE K m = 0.7 per sezioni rettangolari K m = 1.0 per altre sezioni

29 VERIFICA A PRESSO-FLESSIONE

30 VERIFICA DI INSTABILITA PER ASTE COMPRESSE

31 ESEMPIO DI STAMPA DEI RISULTATI

32 Spettri elastici SLU per i vari tipi di terreno

33 Spettri a danno leggero SLD per i vari tipi di terreno

34 Confronto tra lo spettro SLU e lo spettro SLD per un terreno tipo A - Ag=0.25g


Scaricare ppt "APPROFONDIMENTO SU ALCUNI ASPETTI INNOVATIVI DELLE NORME TECNICHE D.M. 2005 STS s.r.l - Software Tecnico Scientifico."

Presentazioni simili


Annunci Google