La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Daniela Robasto Dipartimento di Scienze dellEducazione e della Formazione. Università degli Studi di Torino Programmare per competenze, valutare competenze.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Daniela Robasto Dipartimento di Scienze dellEducazione e della Formazione. Università degli Studi di Torino Programmare per competenze, valutare competenze."— Transcript della presentazione:

1 Daniela Robasto Dipartimento di Scienze dellEducazione e della Formazione. Università degli Studi di Torino Programmare per competenze, valutare competenze e insegnare le abilità sociali. 1

2 Competenza: comprovata capacità di utilizzare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e personale. Nel contesto del Quadro europeo delle qualifiche le competenze sono descritte in termini di responsabilità e autonomia.. (sezione definizioni, lettera I) Quando un bambino/ragazzo si può definire C OMPETENTE? 2

3 Perché questa definizione e non altre? LEQF è un quadro comune europeo di riferimento che collega fra loro i sistemi di qualificazione di paesi diversi, fungendo da dispositivo di traduzione utile a rendere le qualifiche più leggibili e comprensibili tra paesi e sistemi europei differenti (OCSE-PISA confronta le competenze dei quindicenni di paesi diversi) 3

4 LEQF collega i quadri e i sistemi nazionali di qualificazione di vari paesi basandosi su un riferimento comune europeo: Prevede otto livelli, che prendono in considerazione lintera gamma di qualifiche previste, da un livello di base (Livello 1, ad esempio uscita dallistruzione primaria) ai livelli più avanzati (Livello 8, ad esempio i dottorati). (livello 1= livello minimo alluscita della scuola primaria) Otto livelli 4

5 1. Capacità 2. Conoscenze 3. Abilità Messe in atto IN UN CONTESTO al fine di RISOLVERE UN PROBLEMA in modo AUTONOMO E RESPONSABILE Ingredienti della COMPETENZA… 5

6 Il termine autonomia deriva dal grecoauto-nomos, che significa darsi le leggi e le regole che si seguono nellagire,, impegnarsi, autovincolarsi… Fonte sul concetto di autonomia 6 AUTONOMIA… Cosa significa?

7 CONOSCENZA = indica il risultato dellassimilazione di informazioni attraverso lapprendimento CAPACITA = saper fare in potenza, non osservabile se non in modo indiretto; funzione cognitiva che sottende unabilità (Roegiers 2000, Perrenoud 1998; John Anderson 1993) ABILITA= saper fare espresso, corrispondente ad una prestazione osservabile (John Anderson 1993) SITUAZIONE PROBLEMATICA = Un contesto che ci pone nella circostanza di dover fare delle scelte… ESEMPI DI SCELTE DELLE FASCE DI ETA 3 ORDINI DI SCUOLA - come faccio a vestirmi da solo/a? - quale tempo verbale utilizzo quando devo raccontare unazione compiuta 3 anni fa? - quale contratto di telefonia mi conviene attivare sul mio cellulare se so di usarlo solo nei week end? - quale formula matematica adotto se voglio capire il mio andamento scolastico in generale ? AUTONOMIA = RESPONSABILITA = Conosciamo meglio gli ingredienti… 7

8 Ai bambini ed ai ragazzi, oggi, viene richiesta competenza? Riusciamo ad immaginare delle situazioni problematiche scolastiche/extrascolastiche in cui venga richiesta la competenza (secondo la definizione data) e non solo la conoscenza o la capacità o labilità? 8

9 Sara è alla scuola dellinfanzia e deve prepararsi per pitturare. La maestra chiede alla bambina di indossare la propria mantellina utile a non sporcarsi gli abiti. Sara deve conoscere dovè, nellaula, la scatola che contiene tutte le mantelline dei bambini. Sara deve essere capace di riconoscere la propria mantellina. Sara deve conoscere che la mantellina ha due bottoni che consentono il passaggio della testa Sara deve avere labilità di infilarsi la mantellina Sara e la mantellina della pittura (4 anni) – 9

10 Sara è competente in questa azione se riesce a compiere queste azioni: -Recarsi dalla scatola corretta - Cercare la sua mantellina senza farsi distrarre - Prendere la sua mantellina - Aprire i 2 bottoni - Infilare (dalla testa) la mantellina e sistemarsela -Sedersi per pitturare Non solo. Sara è competente solo se fa queste azioni in questo ordine e (non in altro, dato che la situazione non consente inversioni), se le compie in un tempo accettabile e se le compie, in linea di massima, da sola. Sara è competente? 10

11 E necessario che Sara sappia: - perché in quella situazione deve fare proprio quelle cose e non altre, - prevedere quale sarà l'effetto del compiere quelle azioni (o delle piccole varianti di esse) - vestirsi anche con mantelline leggermente diverse da quella. 11 Non solo…

12 Luca deve acquistare una cartellina che contenga tutti i disegni effettuati a scuola nel laboratorio di Immagine. La mamma gli dà la possibilità di sceglierla autonomamente e di acquistarla. La mamma gli ricorda soltanto di prenderla della misura giusta in modo che sia semplice portarla a scuola. - Luca deve conoscere allincirca la misura dei fogli dei disegni effettuati a scuola (A4, A3 etc) - Luca deve conoscere allincirca le misure del suo zaino - Luca deve essere capace di distinguere nel negozio solo le cartelline che abbiamo una capienza adatta ai fogli che deve inserire (sia in formato sia in numero di fogli) - Luca deve essere in capace di distinguere nel negozio solo le cartelline che possano entrare nel suo zaino - Luca deve essere abile nell eliminare dalla sua scelta tutte le altre cartelline (anche se hanno i Gormiti!) - Luca deve essere abile nell eliminare le cartelline che non si possono acquistare con i soldi che la mamma gli ha lasciato. Luca e la cartellina per i disegni (9 anni) 12

13 Luca si dimostra competente se torna dalla mamma con: - Una cartellina che entra nel suo zaino - Una cartellina dove entrino (in formato) i disegni che ha effettuato a scuola - Una cartellina dove i disegni ci stiano tutti (in numero) - - Una cartellina che sia costata non di più dei soldi a disposizione… - (…se poi la cartellina ha anche i Gormiti ancora meglio!) Luca è competente? 13

14 Sabato prossimo è il giorno del 13°compleanno di Iris. Iris ha la possibilità di organizzare una festa di compleanno sabato sera, a casa sua. Ha a disposizione 50 euro per tale evento. Tali soldi devono bastare per ogni fase dellorganizzazione dellevento. Iris si mette a fare con alcune amiche la lista degli invitati e la lista del materiale necessario. Gli invitati alla festa sono 25 Alla festa ci devono essere alimenti dolci (costo medio 0,30 euro per dolcetto) Alla festa ci devono essere alimenti salati (costo medio o,90 euro per trancio di pizza) Alla festa ci devono essere delle bevande (costo medio 1,90 euro per litro di bibita) Alla festa ci devono essere le musiche adatte (cd vuoto costo medio 2,00; 0,99euro a canzone scaricabile da un sito ufficiale) Alla festa ci devono essere le giuste luci (15 euro noleggio per ogni faro colorato) 14 Iris e la sua festa di compleanno (13 anni)

15 Iris per affrontare questa situazione in modo competente deve : - Conoscere le regole della somma con numeri decimali - Conoscere le regole della moltiplicazione con numeri decimali - Essere capace di effettuare la somma con i numeri decimali - Essere capace di effettuare la moltiplicazione con i numeri decimali - Essere abile nel compiere queste operazioni senza errori: - 0,30 euro X ,90 euro X ,90 X numero di bottiglie di bibite che intende acquistare - …ma le bottiglie delle bibite sono da 1,5 litri. Quindi 1,90 X 1,5 X numero di bottiglie! - 2 euro X numero di cd che intende masterizzare - 0,99 per canzone che intende scaricare dalle hit - 15 euro per faretto che intende noleggiare 15 Iris è competente?

16 - Costo dolcetti = 7,50 euro - Costo pizza = 22,50 - Costo bibite (5 bottiglie da 1,5)= 14,25 - Cd vuoto = 2 euro - 20 canzoni scaricate dalle hit parade = 19,80 euro - 1 faretto colorato = 15 euro - Totale 81,50 - Iris è competente se capisce che deve necessariamente rinunciare a qualcosa! 16 Conto

17 Se Iris elimina il costo del noleggio dei faretti e del cd (facendosi prestare i cd dagli amici ad esempio) Rientra nella sua cifra! TOTALE = 44,25 euro Ma… Iris è davvero competente se capisce che: - Deve ancora prevedere di invitarli questi 25 invitati!!! (0,12 cent a sms per 25 = 3 euro) - Deve prevedere di mangiare qualcosa anche lei ( 0,30 + 0,90) - …e deve capire che … - Per questa volta nessun vestito nuovo!!! - …(oppure si aggiunge il vestito e…si toglie qualche invitato!) 17 Scelte difficili …(per una 13enne!)

18 Nelliter scolastico è consuetudine che si richieda più facilmente la competenza nei cicli di istruzione inferiore (ad esempio nella scuola dellinfanzia la conoscenza è spesso al servizio di una capacità e di abilità). Con il maturare dei ragazzi (e con il crescere del loro pensiero astratto) si chiede sempre più spesso ai giovani di ragionare nei termini di conoscenza e non di competenza con il rischio che le nuove generazioni italiane si trovino in grande difficoltà di fronte ai problemi reali e di fronte alla necessità di scegliere in modo autonomo e responsabile. Questa difficoltà può avere serie ricadute anche sul comportamento sociale dei giovani 18 In Italia…

19 Io SO tante cose: 19 Alcuni effetti … nei giovani (la generazione del «io so») Non so metterle in pratica. Qualcuno dovrà farlo per me… NO AUTONOMIA Io so che esistono le scelte ma non sono in grado di compierle… DIPENDENZA DALLE SCELTE ALTRUI o rischio di ONNIPOTENZA (io voglio/posso tutto) Io so che esistono i problemi ma…spesso non so riconoscerli … FRAGILITA FUORI DAI CONTESTI NOTI Io so che esistono i diritti altrui ma concretamente non sono in grado di rispettarli

20 Secondo Le Boterf (1994): La competenza risiede nella mobilitazione delle risorse dellindividuo (conoscenze, capacità, atteggiamenti …), e non nelle risorse stesse, Si configura quindi come un saper agire (o reagire) in una determinata situazione, in un determinato contesto, allo scopo di conseguire una performance, sulla quale altri soggetti (superiori o colleghi) dovranno esprimere un giudizio. FONTE slide (AUTORE R. TRINCHERO)WWW.EDURETE.ORG 20 Riprendiamo la teoria…

21 Sicuramente il sistema scolastico (con le altre agenzie di socializzazione) deve dedicare tempo e spazio nel fornire le risorse. Ma tali risorse diventano inutili se non si insegna i giovani come mobilitarle (la risorsa giusta al momento giusto di fronte ad una situazione problematica) 21

22 Quali situazioni problematiche si trovano a dover affrontare i vostri alunni? (INDIVIDUARE una o più situazioni problematiche per ogni ordine di scuola – relativamente alle competenze sociali) 22 Consegna per costruire gruppi di lavoro…

23 OGNI GRUPPO DI LAVORO DOVRA: - INDIVIDUARE LA SITUAZIONE PROBLEMATICA (sul contesto sociale/ di gruppo) - INDIVIDUARE IL PROFILO DELLALUNNO COMPETENTE PER RISOLVERE QUESTA SITUAZIONE (si veda slide Sara, Iris, Luca) eventualmente prevedere più profili per fasce di età diverse - DIVIDERE IL PROFILO DELLALUNNO COMPETENTE in Conoscenze, Capacità, Abilità - PROGETTARE MOMENTI FORMATIVI PER FORNIRE TALI RISORSE E LA LORO MOBILITAZIONE (APPRENDIMENTO ESPERIENZIALE) - COSTRUIRE UN SISTEMA DI INDICATORI PER VALUTARE I PROFILI - EVENTUALMENTE PROGETTARE UNA PROVA DI VALUTAZIONE PER VALUTARE IL RAGGIUNGIMENTO DELLA COMPETENZA 23 DURANTE QUESTO PERCORSO FORMATIVO…

24 24 Ma che cosa sono le competenze sociali?... Le competenze vengono definite competenze sociali se possono essere riassunte nelle seguenti cinque ampie categorie: 1. competenze comunicative; 2. competenze di leadership; 3. competenze nella soluzione negoziata dei conflitti; 4. competenze nella soluzione dei problemi; 5. competenze nel prendere decisioni.

25 1. saper comunicare con gli altri 2. saper distribuire la leadership 3. saper gestire i conflitti 4. saper risolvere i problemi 5. saper prendere decisioni Fonte bibliografica sulle competenze sociali Comoglio M, 1998, Educare insegnando, ??? Fonte sitografica sulle competenze sociali 25 Da cui derivano i seguenti saperi allinterno di situazioni di gruppo

26 Individuata la Vs. situazione problematica Inviare loggetto via mail (esempio episodi bullismo, difficoltà di integrazione tra cittadinanze diverse, difficoltà di comunicazione tra pari, etc) prima del prossimo incontro 26 Per una migliore progettazione…


Scaricare ppt "Daniela Robasto Dipartimento di Scienze dellEducazione e della Formazione. Università degli Studi di Torino Programmare per competenze, valutare competenze."

Presentazioni simili


Annunci Google