La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lorenzo Bissolotti e Nicolas Bonetti, hanno svolto questo progetto per far capire alle persone che con il riscaldamento della Terra e linquinamento dellacqua,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lorenzo Bissolotti e Nicolas Bonetti, hanno svolto questo progetto per far capire alle persone che con il riscaldamento della Terra e linquinamento dellacqua,"— Transcript della presentazione:

1 Lorenzo Bissolotti e Nicolas Bonetti, hanno svolto questo progetto per far capire alle persone che con il riscaldamento della Terra e linquinamento dellacqua, anche un fiume grande ed importante come il Niger può diminuire la sua capienza o essere a rischio prosciugamento. In questo modo avanzerebbe il deserto e ci sarebbero gravi danni alle popolazioni, alla flora e alla fauna locali. Molte specie vegetali e animali essenziali alla nostra sopravvivenza potrebbero scomparire e quindi rendere più difficile la nostra vita. Inoltre se le popolazioni che vivono sul fiume scomparissero non potremmo venire a conoscenza delle loro usanze e della loro cultura. Anche in Italia si sta verificando una situazione analoga, con il prosciugamento del fiume Po, che potrebbe causare un grande problema energetico poiché il Po è fonte denergia elettrica e poi dal fiume si estrae lacqua per dissetare la popolazione e per lagricoltura.

2

3 Può un fiume essere inghiottito dal deserto? Così sta succedendo al Niger; 11 milioni di persone vivono lungo il fiume, e dipendono dalla sua acqua sia per bere e irrigare i campi, sia per spostarsi sia nel tratto centrale, sia più a valle. Ebbene il fiume Niger è minacciato dal clima che cambia e dall'aumento della popolazione lungo le sue rive. Riunita a Parigi la settimana scorsa, l'associazione di cooperazione regionale ha concordato di definire entro la fine di quest'anno un piano d'azione per «l'uso sostenibile» del Niger. La prima minaccia è proprio il deserto. Dagli anni `70 il regime delle precipitazioni nel Sahel è cambiato in modo drastico: la portata del fiume si è ridotta di un terzo. L'anno scorso, in agosto, gli abitanti della capitale del Niger, Niamey, guardavano dai ponti un fiume in secca: era successo già nell'84, in piena siccità. Le famiglie di pescatori nomadi che ogni anno risalgono il fiume dalla Nigeria fino al Mali, con le loro grandi imbarcazioni fanno sempre più fatica a navigare tra i banchi di sabbia e le rocce affioranti, spesso devono scaricare le imbarcazioni e portare il carico a piedi per superare l'ostacolo. I mercati fluviali vanno in crisi perché la navigazione ora si interrompe per oltre quattro mesi. Le dune che si alzano sempre più spesso sulle rive del fiume ricordano che il deserto avanza. I bracci laterali del fiume diventano spesso acquitrini chiusi e fangosi trasformandosi così vivai di malattie. Nella sua parte centrale del resto il Niger è l'unica fonte d'acqua per l'agricoltura e per bere: e sono sempre di più le comunità umane ad attingere. Un altro problema pressante è l'inquinamento. Bamako, la capitale del Mali, è la prima grande città sul fiume e scarica quasi tutti i rifiuti urbani, domestici e commerciali nel Niger senza nessun trattamento. Lo stesso vale per le città successive. A quel punto le acque del fiume sono inquinate e di sicuro non potabili, eppure gran parte della popolazione che vive lungo le sue rive beve proprio quelle; tra le altre cose, i governi parlano di campagne di educazione popolare. D'altra parte, più diminuisce la portata del fiume, più sale la concentrazione degli inquinanti. E poi: nelle acque stagnanti si diffonde l'invasione dei giacinti acquatici, pianta di origine amazzonica che fu importata in Africa a scopo ornamentale ma è diventata un'infestante che soffoca gli specchi d'acqua togliendo ossigeno. L'inquinamento e la diminuita portata dal fiume hanno fatto crollare la pesca, anche perché il letto del Niger è invaso da sedimenti e sabbia e i pesci non trovano più le belle pozze fonde in cui deporre le uova. In settembre il Fondo per lo Sviluppo Africano ha approvato un prestito di 20 milioni di dollari per un programma di controllo dei sedimenti - si tratterà di dragare il fondo per liberare il corso qua e là ostruito, e costruire dune. Interventi urgenti, prima che il Niger si disperda nelle sabbie del Sahel.

4 Qualche tempo fa lassociazione Mani Tese, denunciando sul suo sito internet un grave problema ambientale, chiedeva di sottoscrivere questo documento, per il signor Derr membro del governo nideriano: Egregio signor Derr, le scriviamo per esprimerle la nostra preoccupazione per le conseguenze ambientali e sociali delle attività delle compagnie petrolifere in Nigeria. Come lei sa, questi traggono immensi benefici dalle risorse fossili in Nigeria. Purtroppo le vostre attività in quel Paese sono servite a sostenere governi repressivi e corrotti, lasciando alle comunità interessate uneredità di povertà e distruzione ambientale. Ora popoli come gli Ijaw del Delta del Niger, emarginato per decenni da questo tipo economia, stanno tentando di organizzarsi in modo nonviolento per porre fine alla miseria e ripristinare lambiente. E tragico che centinaia di residenti locali siano morti questanno per mano dellesercito nigeriano. La situazione si è fatta urgente. Pertanto riteniamo inquietanti le notizie che riportano un coinvolgimento delle compagnie petrolifere nelle violazioni dei diritti umani. Particolarmente preoccupanti sono i rapporti (come quelli di Ilajeland del maggio 1998 e dei villaggi Opia e Ikiyan del gennaio 1999) secondo i quali elicotteri e barche a motore di una consultazioni con le comunità interessate. Per favore fermate il massacro delle popolazioni locali! Sinceramente. compagnia sono stati messi a disposizione dellesercito nigeriano che li ha usati per uccidere i locali, bruciare le case e intimidire la gente. Noi pensiamo che la compagnie petrolifere dovrebbero ascoltare le richieste delle comunità; vi chiediamo quindi di rispondere positivamente alla Dichiarazione di Salama del Consiglio dei giovani Ijaw, che chiede:tutte le compagnie petrolifere fermino tutte le attività di esportazione e sfruttamento nellarea Ijaw e comincino le


Scaricare ppt "Lorenzo Bissolotti e Nicolas Bonetti, hanno svolto questo progetto per far capire alle persone che con il riscaldamento della Terra e linquinamento dellacqua,"

Presentazioni simili


Annunci Google