La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MECCANISMI DI INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI INTERAZIONE RADIAZIONE-MATERIA RADIAZIONE-MATERIA INTERAZIONE CON LE INTERAZIONE CON LE PARTICELLE CARICHE PARTICELLE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MECCANISMI DI INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI INTERAZIONE RADIAZIONE-MATERIA RADIAZIONE-MATERIA INTERAZIONE CON LE INTERAZIONE CON LE PARTICELLE CARICHE PARTICELLE."— Transcript della presentazione:

1 MECCANISMI DI INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI INTERAZIONE RADIAZIONE-MATERIA RADIAZIONE-MATERIA INTERAZIONE CON LE INTERAZIONE CON LE PARTICELLE CARICHE PARTICELLE CARICHE INTERAZIONE CON I FOTONI CON I FOTONI INTERAZIONE CON I NEUTRONI CON I NEUTRONI

2 INTERAZIONE RADIAZIONE MATERIA

3 Le radiazioni propagandosi nello spazio possono incontrare materia vivente e non, con la quale interagiscono. I meccanismi di interazione sono diversi a seconda del tipo di radiazione, della sua energia e delle caratteristiche del materiale attraversato. Ne segue una diversa capacità di penetrazione dei vari tipi di radiazioni nei vari materiali. Interazione radiazione-materia

4 carta alluminio (5 mm) piombo (25 mm) Potere di penetrazione dei diversi tipi di radiazioni α γ β

5 Assorbimento della radiazione

6 Interazione radiazione-materia La radiazione interagisce con la materia trasferendo ad essa energia attraverso ionizzazioni ed eccitazioni degli atomi e delle molecole del mezzo attraversato. A noi interessa il fenomeno della ionizzazione.

7 La più importante caratteristica delle radiazioni ionizzanti consiste nel rilascio localizzato di una grande quantità di energia. Le radiazioni ionizzanti possono essere classificate in direttamente e indirettamente ionizzanti. DIRETTAMENTE IONIZZANTI DIRETTAMENTE IONIZZANTI : Particelle cariche (elettroni, protoni, particelle alfa, ioni più pesanti) INDIRETTAMENTE IONIZZANTI INDIRETTAMENTE IONIZZANTI : raggi X, raggi gamma, neutroni, etc. Interazione radiazione-materia

8 Tipi di radiazioni Ci sono quattro tipi fondamentali di radiazioni i cui processi dinterazione con la materia sono classificabili in base alle loro proprietà elettromagnetiche e alla loro massa CaricheNeutre particelle pesanti protoni (p), muoni (μ), pioni ( ), … neutroni (n) elettronifotoni raggi X, raggi

9 INTERAZIONE CON LE PARTICELLE CARICHE

10 Interazione con le particelle cariche Il passaggio di particelle cariche attraverso la materia produce due tipi di interazioni: · Collisioni anaelastiche con gli elettroni degli atomi che compongono il materiale. · Scattering elastico con i nuclei. Gli effetti generati da queste interazioni sono: · Perdita di energia da parte della particella, nel caso in cui sia leggera si ottiene anche una deflessione della traiettoria. · Eccitazione o ionizzazione degli atomi che compongono il materiale.

11 Interazione con le particelle cariche Le particelle sono cariche e pesanti, interagiscono con la materia prevalentemente tramite le collisioni anaelastiche, dovute alla forza di Coulomb tra la loro carica positiva e la carica degli elettroni presenti nelle shell atomiche. In ogni singola collisione perdono una piccola parte della propria energia cinetica, ma considerando la densità dei materiali e il numero enorme di collisioni che avvengono nellunità di cammino percorso, la penetrazione delle particelle è molto bassa. Anche le particelle beta e gli elettroni hanno una modesta capacità di penetrazione nella materia, ma i loro percorsi sono comunque assai maggiori di quelli delle particelle cariche pesanti.

12

13 Stopping Power ( = (1 - 2 ) -1/2 ) dE dx - = 4 N e q2e4q2e4 m e v 2 2 m e v 3 q e 2 ln Il cammino che compiono le particelle cariche è caratteristico per ogni singolo materiale. Definiamo stopping power S la quantità di energia persa, dalla particella allinterno di un materiale, lungo il corrispondente cammino percorso: S = - dE / dx Landamento della perdita di energia di una particella carica leggera allinterno di un materiale è ben descritta dalla formula classica di Bohr: S =

14 Interazione radiazioni - materia Particelle cariche: Range N spessore Range m aria Range elettroni: cm plastica 1 mm Piombo Sorgenti radioattive qualche cm aria Range alfa: un foglio di carta non costituiscono problema per irraggiamento esterno

15 INTERAZIONE CON I FOTONI

16 Interazioni dei con la materia Lassorbimento delle radiazioni (e X) nella materia avviene in modo sostanzialmente diverso da quello degli elettroni e delle particelle cariche, che rallentano gradualmente attraverso molte simultanee interazioni con gli atomi del mezzo, ed hanno percorsi ben definiti. I raggi invece non interagiscono sistematicamente, ma con meccanismi probabilistici che non ne riducono lenergia, ma li eliminano casualmente dal fascio di cui fanno parte. I processi fondamentali dinterazione dei con la materia sono: effetto Compton effetto fotoelettrico produzione di coppie reazioni nucleari (trascurabili)

17 I tre effetti dei con la materia Leffetto Compton Leffetto Compton : produce un parziale trasferimento dellenergia del fotone ad un elettrone del mezzo, mentre il fotone viene deviato di un certo angolo. Nelleffetto fotoelettrico e nella produzione di coppie Nelleffetto fotoelettrico e nella produzione di coppie il fotone scompare, e trasferisce tutta la propria energia rispettivamente ad un elettrone o a un elettrone e a un positrone. Effetto fotoelettrico Effetto Compton

18 I tre effetti dei con la materia produzione di coppie e + e - La produzione di coppie La produzione di coppie è un effetto a soglia (E >1022 keV), che è il valore in keV della massa dellelettrone e del positrone che debbono essere creati Se nessuna di queste interazioni si verifica, la radiazione può passare attraverso il materiale. La ionizzazione prodotta viene detta secondaria, cioè si ha una limitata produzione diretta di elettroni (primari), che a loro volta cedono la propria energia al mezzo, producendo la maggior parte della ionizzazione.

19 Assorbimento completo del fotone da parte di un elettrone atomico espulsione elettrone di energia E = h - E b + A e - + A + energia di legame dellelettrone emissione e - creazione di uno ione con vacanza in una delle shell riempimento della vacanza da parte di un e - libero e/o tramite riarrangiamento degli e - atomici emissione di raggi X N.B. - processo dominante per E = h < 100 keV Effetto Fotoelettrico

20 Effetto Compton Diffusione del fotone da parte di e - quasi libero (i.e la cui energia di legame può essere trascurata) + e - + e - Cinematica : θ T h h h = h 1 + ε (1 – cos θ) ε = h mec2mec2 1 + ε (1 – cos θ) 1 – cos θ ε2ε2 T =T = mec2mec2

21 CASI PARTICOLARI Effetto Compton i.θ = 0 = T = 0 ii.θ = h = h ε T = h ε 2 ε2 ε (Compton Edge) μ vs. E (andamento qualitativo) N.B. - processo dominante per E = h ~ 1 MeV E (MeV) μ (cm 2 / g) Pb

22 Produzione di Coppie Creazione di coppia e + /e - per interazione del fotone nel campo coulombiano di un nucleo + N e + + e - + N N.B. - reazione inversa (crossing) della bremmstrahlung e - + N + e - + N - processo a soglia: E > 2m e (~ 1 MeV) - processo dominante per E = h > 2 MeV

23 Interazione dei fotoni e numero atomico = 1/ = libero cammino medio Z 5 (fotoelettrico) Probabilità dinterazione Z (Compton) Z 2 (produzione di Coppie) Il numero di fotoni N(x), ancora presenti ad una certa profondità x in un materiale è data da: coefficiente di attenuazione dove, detto coefficiente di attenuazione, è legato alla probabilità totale dinterazione nel materiale.

24 Come nello studio dei decadimenti si definisce lutile parametro tempo di dimezzamento(T 1/2 ), che rappresenta il tempo dopo il quale una certa quantità di radionuclidi si dimezza, così nello studio dellattenuazione dei raggi X e g si definisce il parametro spessore emivalente (HVL), che rappresenta lo spessore di un materiale capace di dimezzare lintensità di un fascio di fotoni, cioè il loro numero. Lanalogia tra i due fenomeni dipende esclusivamente dalla loro natura casuale La loro descrizione è assolutamente la stessa, a patto di scambiare il tempo con lo spazio. Fenomeni casuali

25 spessore N Piombo Calcestruzzo = coefficiente di attenuazione/assorbimento = 1/ = libero cammino medio Uno strano caso

26 INTERAZIONE CON I NEUTRONI

27 Interazione con i neutroni I neutroni, infine, perdono energia tramite le interazioni con i nuclei degli atomi dei materiali attraversati. In un ampio intervallo di energia, tra circa 10 keV e 10 MeV. Il principale meccanismo di interazione con la materia è la diffusione elastica con la messa in moto di nuclei di rinculo, principalmente i protoni dell'idrogeno. A energie molto basse, al di sotto di 0,5 eV, prevalgono invece le reazioni di cattura da parte dei nuclei, con emissione di raggi gamma e altre particelle. Trattandosi di radiazioni indirettamente ionizzanti, anche per i neutroni si può tentare di introdurre in linea di principio lo spessore emivalente (HVL), sebbene molto meno significativo che nel caso dei fotoni.

28 Vari meccanismi di interazione


Scaricare ppt "MECCANISMI DI INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI INTERAZIONE RADIAZIONE-MATERIA RADIAZIONE-MATERIA INTERAZIONE CON LE INTERAZIONE CON LE PARTICELLE CARICHE PARTICELLE."

Presentazioni simili


Annunci Google