La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Contributo per un uso razionale dellenergia contribution for a rational use of energy conferenza internazionale sulle tecnologie a risparmio energetico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Contributo per un uso razionale dellenergia contribution for a rational use of energy conferenza internazionale sulle tecnologie a risparmio energetico."— Transcript della presentazione:

1 contributo per un uso razionale dellenergia contribution for a rational use of energy conferenza internazionale sulle tecnologie a risparmio energetico per il riscaldamento e il condizionamento international conference on energy saving technologies for heating and cooling Milano 2 marzo 2006 Milan, March 2nd, 2006

2 Prof. Renato Lazzarin Università di Padova University of Padova Benvenuto e introduzione alla Conferenza Welcome and introduction to the Conference

3 PRESENTAZIONE CONCORSO ROBUR Lidea di sfruttare la proprietà che va sotto il nome di assorbimento viene da lontano. Nel 1758 William Cullen, un ricercatore scozzese produce ghiaccio mediante evaporazione in parziale vuoto di etere etilico. Meno di 20 anni dopo nel 1777 Gerald Nairne si rende conto che il processo viene fortemente accelerato dalla presenza di una sostanza assorbente (acido solforico.

4 Ci vuole quasi un secolo perché si passi ad applicazioni pratiche. Nel 1866 il francese Edmond Carré produce una macchina che funziona in modo intermittente e tramite limpiego di 2,5-5,5 kg H 2 SO 4 riesce a produrre circa 15 caraffe di acqua ghiacciata per i caffè parigini alla moda. Lacido una volta esausto viene rimpiazzato. La macchina opera con una pompa a vuoto azionata a mano. Un dispositivo simile alimentato a carbone per rigenerare lacido era ancora utilizzato nei paesi tropicali fino al 1947.

5 Nel 1859, 7 anni prima, il fratello Ferdinand Carré brevetta la prima macchina ad ammoniaca-acqua a ciclo chiuso finalizzata alla produzione di ghiaccio. Le prime macchine messe in commercio riescono a produrre fino a 100 kg/h di ghiaccio. Unazienda americana, la Columbus Iron Works, a partire dal 1880 mette in commercio oltre 600 macchine progettate da H.D. Stratton con la possibilità di produrre da 3 a 100 tonnellate di ghiaccio al giorno (prezzo da a $ - moltiplica per 20 per valore attuale). Una di queste macchine era ancora in attività nel 1925, dopo quasi 40 anni di onorato servizio a conferma della proverbiale affidabilità delle macchine ad assorbimento.

6 Ai primi del 900 entrano in gioco gli scienziati. Si occupano dellassorbimento personaggi del calibro di Albert Einstein, Hans Lorenz, Rudolf Planck, Edmund Altenkirch con unanalisi rigorosa dei processi, miglioramento delle prestazioni della macchina. In particolare da Altenkirch arrivano proposte molto innovative dalleffetto multiplo al riassorbimento fino alla pompa a bolle e al ciclo GAX che è quello utilizzato dalle macchine più moderne oggigiorno:

7 Nel 1920 viene brevettato da Munters e Platen il ciclo ad assorbimento a diffusione che è alla base di tanti frigoriferi da campeggio o da albergo (sistema Electrolux) caratterizzati da estrema silenziosità:

8 Fra gli anni 30 e 40 entrano in gioco i sali di litio (LiCl e LiBr) con le prime macchine a ciclo aperto (Kathabar) e a ciclo chiuso. La Carrier realizza una macchina da 2 MW (!) azionata a vapore (Raffreddano con il vapore!). Il grande successo commerciale dellassorbimento si ha in USA con lentrata nel mercato dei grandi marchi storici Arkla Servel, York, Trane. Nel 1958 il 15% delle grandi macchine frigorifere negli USA è ad assorbimento. Nel 1965 è il 30%. Le macchine di minore capacità operano con acqua-ammoniaca mentre le più grandi con bromuro di litio-acqua.

9 Un momento critico per la tecnologia si ha con la prima crisi energetica del 1973: cambiano drasticamente verso lalto le tariffe del gas mentre variano poco quelle elettriche. Nel giro di un paio danni la produzione si riduce di 10 volte. Alcune aziende (Arkla) vendono i loro brevetti ai Giapponesi per i quali linteresse nella tecnologia è elevata. Importanti costruttori si dedicano allassorbimento con nuovi modelli (Yazaki, Sanyo, Hitachi, Mitsubishi).

10 Dopo la seconda crisi energetica del 1979 cresce rapidamente il mercato giapponese dellassorbimento, arrivando ben presto a 20 GW di potenza frigorifera installata (15% del totale). Nasce un nuovo grande mercato asiatico dellassorbimento che oltre al Giappone coinvolge Corea, Cina e infine India. Con molti costruttori locali. Nel 1991 Robur acquisisce la Dometic (Evansville, USA) e la tecnologia Servel dellacqua ammoniaca: fa riprendere vigore alle vendite negli USA ed esporta nei mercati asiatici.

11 PARENTESI PERSONALE Con lingresso della Robur Co. nella tecnologia dellassorbimento comincia il rapporto di collaborazione fra chi vi sta parlando e la Robur Co. che proseguirà negli anni e che diventa un rapporto di amicizia e di stima. Ne parlo solo perché un mio chiodo fisso fin da piccolo è sempre stata lintrinseca vocazione della tecnologia dellassorbimento ad operare nella modalità pompa di calore.

12 Il riscaldamento è probabilmente lapplicazione più vantaggiosa dellassorbimento. Si raggiunge già ora un rapporto di energia primaria di 1,4 e potenzialmente si potrebbero anche superare valori dellordine di 1,8. Per questa mia convinzione nella collaborazione con Robur vi fu sempre una sollecitazione molto insistita per lo sviluppo di una linea di pompe di calore. Ho avuto il privilegio di seguire levoluzione di questa tecnica promettente con il superamento delle tante piccole e grandi difficoltà fino ad avere in anteprima la notizia tanto attesa che si preparava il lancio commerciale di una linea di pompe di calore ad assorbimento a partire dal 2004.

13 In questi due anni i progettisti hanno cominciato a prendere confidenza con un apparecchio per loro totalmente nuovo con una versatilità di utilizzo ancora non ben conosciuta, con la possibilità di funzionamento reversibile, di produzione contemporanea di caldo e di freddo, di accoppiamento misto con sistemi tradizionali con utilizzazioni nel residenziale, ma anche nel terziario e nellindustriale. La proposta tecnologica fornisce delle ottime occasioni in un periodo storico in cui risulta desiderabile limpiego di refrigeranti naturali, la riduzione delle emissioni di anidride carbonica e dellimpegno di potenza elettrica. Sta ai progettisti ed installatori e alle politiche di indirizzo del Ministero delle Attività Produttive non perdere queste importanti occasioni.

14 contributo per un uso razionale dellenergia contribution for a rational use of energy conferenza internazionale sulle tecnologie a risparmio energetico per il riscaldamento e il condizionamento international conference on energy saving technologies for heating and cooling Milano 2 marzo 2006 Milan, March 2nd, 2006


Scaricare ppt "Contributo per un uso razionale dellenergia contribution for a rational use of energy conferenza internazionale sulle tecnologie a risparmio energetico."

Presentazioni simili


Annunci Google