La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

«Chi pensa sia necessario filosofare deve filosofare e chi pensa non si debba filosofare deve filosofare per dimostrare che non si deve filosofare; dunque.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "«Chi pensa sia necessario filosofare deve filosofare e chi pensa non si debba filosofare deve filosofare per dimostrare che non si deve filosofare; dunque."— Transcript della presentazione:

1

2 «Chi pensa sia necessario filosofare deve filosofare e chi pensa non si debba filosofare deve filosofare per dimostrare che non si deve filosofare; dunque si deve filosofare in ogni caso o andarsene di qui, dando l'addio alla vita, poiché tutte le altre cose sembrano essere solo chiacchiere e vaniloqui.» (Aristotele, Protreptico o Esortazione alla filosofia)

3 Dal greco φιλοσοφία, composto di φιλεν, "amare", e σοφία,"sapienzala filosofia è AMORE DISINTERESSATO PER IL SAPERE.

4 Vuole ricercare la verità tramite la ragione e vuole dimostrarla con il metodo scientifico. Vuole ricercare la verità tramite la fede, ma non vuole appropriarsene. Vuole contemplare e apprendere la verità tramite lintuizione.

5 DOVE NASCE LA FILOSOFIA ? LA FILOSOFIA NASCE IN GRECIA I Greci furono i primi a comporre dei testi scritti riguardanti la filosofia. I Greci furono i primi ad attuare unindagine critica e razionale. La Grecia era contraddistinta da una forma di governo democratica: le πόλεις Questo diede un forte impulso alla dialettica e al confronto di opinione.

6 PERCHE NASCE LA FILOSOFIA? Nel VI secolo a.C., nella zona della Ionia, si formarono delle nuove fiorenti civiltà. Nuova cultura in quanto le persone non si accontentano più di una spiegazione mitologica della genesi del mondo e ricercano il principio primo, chiamato dai primi filosofi φυσις. IONICI DI MILETO

7 I primi filosofi ricercano il principio primo di tutte le cose,cioè l. Questa è sia la materia da cui tutte le cose derivano, sia la forza che le anima.

8 (640 a.C./625 a.C. – circa 547 a.C.) Osservando le stelle per strada, cadde in un pozzo suscitando il riso delle persone circostanti. Prevedendo un abbondante raccolta di olive, prese in fitto i frantoi della regione riaffittandoli ad un prezzo maggiore agli stessi proprietari. il bambino nel grembo della madre; le piante; luomo stesso. La Terra galleggia sullacqua. Lacqua è quindi SOSTANZA cioè ciò che STA SOTTO E SOSTIENE. MATERIA FORZA

9 (610 a.C. circa – 546 a.C. circa) APEIRON APEIRON INFINITO INDETERMINATO Abbraccia e governa ogni cosa ed è immortale e indistruttibile, quindi divino. Ma come nascono le cose dallinfinto? La derivazione delle cose dall àpeiron è la separazione. La nascita stessa è la separazione degli esseri dalla sostanza primordiale.

10 ( a.C. – a.C. ) ARIA ARIA INFINITA MOVIMENTO INCESSANTE Vede nellaria anche la forza che anima il mondo. Ma come nascono le cose dallaria? Le cose nascono dallaria mediante il doppio processo di rarefazione e condensazione.

11 (Samo a.C. – Crotone a.C. ) A Crotone fondò una scuola filosofica (associazione religiosa e politica) alla quale potevano accedere tanto uomini quanto donne, ma pochi potevano vedere il maestro(infatti prima bisognava purificare lanima) Teoria della metempsicosi NUMERO NUMERO Genera ORDINE e quindi ARMONIA. alternarsi delle stagioni, del giorno e della notte; la donna partorisce dopo nove mesi; la musica. Ma come nascono le cose dal numero? Le cosa nascono mediante lopposizione dei contrari. PARI (procedono indefinitamente e quindi non sono armonici) DISPARI (non procedono indefinitamente, quindi generano ordine) PARIMPARI : 1

12 Pitagora spiega la realtà sulla base della contrapposizione. Lo stesso numero, che per Pitagora è il principio generativo di tutte le cose, è dominato da due opposti: il pari e il dispari. 1.Limite – illimitato; 2.Dispari – pari; 3.Unità – molteplicità; 4.Destra – sinistra; 5.Maschio – femmina; 6.Quiete – movimento; 7.Retta – curva; 8.Luce – tenebra; 9.Bene – male; 10.Quadrato – rettangolo.

13 (535 a.C. – 475 a.C.) La realtà non è statica, ma è in divenire. Il filosofo del DIVENIRE Il filosofo OSCURO Parlava tramite aforismi in quanto sosteneva che non tutti potessero accedere al sapere, ma solo coloro che lo ricercavano. SOCIETA DESTI DORMIENTI Ricercano il sapere - FILOSOFI Non ricercano il sapere - NON FILOSOFI

14 FUOCO - λόγος FUOCO - λόγος Fuoco: aspetto fisico λόγος: legge che governa la realtà Non ci si può bagnare due volte nellacqua dello stesso fiume

15 (515 a.C. – 450 a.C.) ELEATISMO: corrente filosofica che accomuna coloro che pretendono di giungere ad un essere unico, eterno e immutabile. UOMO SENTIERO DELLA VERITA (alétheia) Basato sulla ragione, ci porta a conoscere lessere vero. SENTIERO DELLOPINIONE (dòxa) Basato sui sensi, ci porta a conoscere lessere apparente. LESSERE E E NON PUO NON ESSERE, IL NON ESSERE NON E E NON PUO NON ESSERE. LESSERE E E NON PUO NON ESSERE, IL NON ESSERE NON E E NON PUO NON ESSERE.

16 1.Lessere è INGENERATO e IMPERITURO; 2.Lessere è ETERNO; 3.Lessere è IMMUTABILE ed IMMOBILE; 4.Lessere è UNICO ed OMOGENEO; 5.Lessere è FINITO. OPINIONE PLAUSIBILE Offre una spiegazione verosimile della realtà percepita con i sensi.

17 Tornano ad interessarsi del problema della natura. Sintesi tra eraclistimo ed eleatismo. Di Eraclito accettano la realtà in divenire. Di Parmenide accolgono il concetto di eternità ed immutabilità dellessere. LA SOLUZIONE Ritengono che le cose del mondo siano costituite di elementi eterni che, unendosi, danno origine alla nascita e, separandosi, danno origine alla morte. Nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma.

18 (492 a.C. circa – 430 a.C. circa) Come Parmenide, Empedocle ritiene che lessere non possa nascere né perire. A differenza di Parmenide vuole spiegare lapparenza della nascita e della morte. Lunione degli elementi è la nascita delle cose, la loro disunione la morte. Gli elementi sono quattro: fuoco, aria, acqua, terra. Questi sono animati da due forze opposte. Amore - unione Odio - disunione IL SIMILE CONOSCE IL SIMILE Contesta tra amore e odio Dominio di odio Contesta tra amore e odio Dominio di amore

19 (496 a.C. – 428 a.C.) Nulla nasce e nulla perisce (come Parmenide) laddove nascere significa riunirsi e perire separarsi Gli elementi che si riuniscono e si separano sono i semi. I semi sono particelle piccolissime e invisibili di materia Infinitamente divisibili Dai semi distinguiamo la forza che li fa muovere e li ordina: lintelligenza divina (noùs). Nel caos primordiale ha prodotto un movimento turbinoso che: Ha fatto dividere le sostanze secondo lopposizione; Ha fatto staccare dalla terra masse infiammate che, divenute luminose, hanno formato gli astri e il Sole. IL SIMILE CONOSCE IL DISSIMILE

20 (460 a.C. – 360 a.C.) ATOMISMO (Leucippo di Mileto) Problema della natura; Problemi della morale, della storia e del linguaggio. ATOMO ATOMO Latomo è ESSERE e sta nello SPAZIO che è NON ESSERE. Li identifichiamo non dagli aspetti quantitativi, ma da quelli qualitativi, cioè dalle loro forme. MATERIALISMO Gli atomi non hanno caratteristiche spirituali, ma sono materia. E allora chi governa gli atomi? Se tutto è materia, anche gli dei sono materia. Subentra quindi lATEISMO. Ha una natura MECCANICA, perché è solo il caso a decidere e non cè un progetto divino.

21 Tale simbolo fu marchiato a fuoco sulla fronte degli abitanti dell'isola di Samo come punizione per aver abbattuto il governo democratico filoateniese. Tale repressione fu guidata dallo stesso Pericle, il noto politico ateniese. La civetta di Minerva è la civetta che accompagna Minerva nei miti dellAntica Roma e, da Omero in poi, Atena nei miti dellAntica Grecia. È il simbolo della filosofia e della saggezza, infatti gli occhi e il becco seguono la linea della lettera φ, simbolo alfabetico greco della filosofia. Questa lettera quindi accomuna armonia, bellezza e amore per la conoscenza e per la ricerca in senso lato. Era raffigurata in un'antica tetradracma ateniese del V secolo a.C.

22


Scaricare ppt "«Chi pensa sia necessario filosofare deve filosofare e chi pensa non si debba filosofare deve filosofare per dimostrare che non si deve filosofare; dunque."

Presentazioni simili


Annunci Google