La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LASSERTIVITA Lassertività è un comportamento sociale che consente di raggiungere gli obiettivi prefissati senza creare situazioni di conflittualità. Tale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LASSERTIVITA Lassertività è un comportamento sociale che consente di raggiungere gli obiettivi prefissati senza creare situazioni di conflittualità. Tale."— Transcript della presentazione:

1 LASSERTIVITA Lassertività è un comportamento sociale che consente di raggiungere gli obiettivi prefissati senza creare situazioni di conflittualità. Tale modalità di vita è caratterizzata da un atteggiamento positivo verso se stessi e verso gli altri e consente, per la sua proprietà di inibire lansia, un migliore adattamento alle situazioni sociali.

2 In particolare, lassertività consiste nella capacità di estrinsecare un rapporto interpersonale di equilibrio, nel comunicare in modo efficace e convincente, nel controllare lansia nelle situazioni pubbliche e private, nellessere coerenti ed equilibrati.

3 Lassertività è considerata un modo di gestire i rapporti sociali, un modo estremamente contagioso perché dà allaltro la possibilità di generare un comportamento analogo.

4 Visivamente lassertività corrisponde al punto di mezzo di un segmento ideale ai cui estremi si pongono la passività e l aggressività. Mentre il passivo e laggressivo sono caratterizzati da un atteggiamento individualistico che li porta a considerare gli altri come estranei, lassertivo sa che essere una persona significa avere la coscienza di appartenere al genere umano.

5

6 E importante soffermarsi sullultimo punto: la capacità di decidere autonomamente. Il vocabolo decisione racchiude in sé il duplice significato di acquisizione di qualcosa e di perdita di qualcosaltro. In tale senso, ogni decisione richiede responsabilità, ossia la presa di coscienza di avere la possibilità di gestire la propria vita, di essere gli artefici del proprio destino. Responsabilità significa passare allazione, non tirarsi indietro di fronte alle piccole e grandi avversità di tutti i giorni, affrontandole invece con la consapevolezza degli inevitabili limiti che ognuno di noi ha.

7

8 La persona passiva non esprime le sue opinioni ed i suoi stati danimo, ma segue gli altri senza opporsi anche quando ciò comporta la rinuncia del raggiungimento dei propri obiettivi: per tale ragione essa si sente spesso depressa e frustrata, perché percepisce la sua esistenza come se fosse in completa balia delle decisioni prese dagli altri.

9

10 La persona aggressiva, a differenza di quella passiva, prende delle decisioni, ossia sceglie: il problema è che sceglie anche per chi le sta accanto e soltanto ciò che rientra nei suoi interessi! Per la smania di far valere i propri diritti, essa calpesta quelli altrui, senza cercare di mediare

11 La struttura dellassertività è un insieme complesso di abilità ordinate funzionalmente su cinque livelli. Ciascuno di tali livelli ne rappresenta sia un aspetto sia un obiettivo di crescita personale. Queste caratteristiche dellassertività sono: L autonomia emotiva, ovvero labilità di riconoscere le proprie emozioni (ansia, paura, commozione, etc.), percependole come un arricchimento della situazione; La libertà espressive, ossia la padronanza delle proprie reazioni; Il rispetto di sé e degli altri, che si concretizza attraverso la mediazione tra le esigenze personali e sociali; La stima di sé e degli altri ; L autoaffermazione, ossia la consapevolezza di poter decidere della propria vita.

12 Al primo livello si colloca labilità di riconoscere le emozioni proprie ed altrui, arrivando in tal modo a percepire le emozioni come un di più, senza un coinvolgimento negativo legato al senso di vergogna, imbarazzo e timore del giudizio di chi ci circonda.

13 Al secondo livello si pone labilità di comunicare le emozioni e gli stati danimo mediante i diversi canali comunicativi (postura, gestualità, etc.).

14 Al terzo livello vi è la consapevolezza dei diritti propri ed altrui, consapevolezza fondamentale nella teorie sullassertività, in quanto su di essa si fonda la differenza tra atteggiamento aggressivo,passivo ed assertivo. Rispettare chi ci circonda significa porlo sul nostro stesso piano, attraverso la capacità di negoziare tra le nostre esigenze e le sue, trasformando in tal modo un braccio di ferro in una stretta di mano

15 Il quarto livello è caratterizzato dalla capacità di porre attenzione ad ogni aspetto positivo, considerandolo un punto di partenza allinterno del processo di costruzione del proprio ed altrui ruolo sociale.

16 Il quinto livello, infine, è caratterizzato dallabilità di autorealizzarsi, attraverso il processo decisionale, che a sua volta si basa sullautostima e sulla consapevolezza di sé.

17 Qui di seguito riportiamo uno schema riassuntivo dei cinque obiettivi dellassertivit à, del percorso effettuato e dei differenti canali comunicativi utilizzati per raggiungerli.

18

19 FORMAZIONE ED ALLENAMENTO ALLASSERTIVITA ASSERTIVI SI NASCE O SI DIVENTA? LA RISPOSTA PIÙ OVVIA È: LUNO E LALTRO.

20 Oltre allascolto attivo – di cui si è già parlato -, è importante: fornire una descrizione non valutativa del comportamento di chi ci sta di fronte al posto degli epiteti dovremmo fornire una descrizione precisa del comportamento che si desidera comunicare, senza dare giudizi od interpretazioni. Partendo da tali presupposti, se un insegnante dice ad un genitore: Non si rende conto di offendermi?, implicitamente lo etichetta come maleducato, mentre ciò non accade se gli si pone con la frase: Il fatto che lei mi interrompa spesso quando parlo….

21 Allo stesso modo, se un alunno è distratto durante la spiegazione, avrà una grande differenza dirgli: Sei sempre il solito! Ma è mai possibile che tu stia sempre a pensare alle tue cose? oppure Ho notato che alcune volte non presti attenzione alle mie spiegazioni….

22 Laccettazione ed espressione del sentimento. Vivere a contatto con gli altri ci espone a molti sentimenti differenti, alcuni positivi e alcuni negativi. Mentre esprimere quelli positivi rafforza la relazione, lespressione dei negativi può risultare più problematica. E comunque preferibile dar voce a ciò che si prova, per liberarsi catarticamente di un sentimento negativo: evitiamo, però, di colpevolizzare laltro.

23 A volte linterlocutore è insensibile ai sentimenti di chi gli sta di fronte solo perché non li ha compresi: il fatto che questi gli vengano comunicati gli fornirà così informazioni ulteriori, che gli potranno servire per accrescere la qualità della relazione. Tornando allesempio di prima, potremmo dire: Il fatto che lei mi interrompa spesso quando sto parlando mi irrita, perchè…; Ho notato che alcune volte non stai attento mentre parlo e ciò mi dispiace, perché….

24 Indicazione degli effetti prodotti sul comportamento su cui si vuole intervenire. Spesso le persone agiscono in un modo che ci infastidisce solo perché non se ne rendono conto: è utile, perciò, indicare le ragioni per cui proviamo certi sentimenti, descrivendo le conseguenze negative prodotte su di noi da tali comportamenti.

25 Formulare ed accettare i complimenti. La tendenza di formulare più spesso critiche e commenti sgradevoli sul conto degli altri, piuttosto che evidenziare gli aspetti positivi. Evitiamo i complimenti finti e stucchevoli, esprimendo, invece, un genuino apprezzamento nei confronti del comportamento dellinterlocutore, attraverso parole precise e specifiche

26 Esprimere critiche e sapervi rispondere. Lincapacità di formulare critiche in modo adeguato produce conseguenze spiacevoli, quali risentimento, frustrazione ed abbassamento dellautostima. Al contrario, le critiche formulate in modo corretto tendono a motivare la persona, migliorando le sue prestazioni future ed il clima relazionale in generale. La critica deve perciò essere costruttiva, ossia essere rivolta al comportamento della persona, anziché alla persona stessa; essere precisa e non generica; mantenere aperto il dialogo.

27 Da un punto di vista didattico si può inoltre segnalare come educare allatteggiamento assertivo significa anche aumentare le capacità di un soggetto ad ottenere efficacia attraverso lIniziativa. Si è infatti visto uno stretto collegamento tra i concetti di motivazione, assertività ed iniziativa come si può notare dallo schema seguente. MOTIVAZIONE ASSERTIVITA INIZIATIVA

28 In conclusione si può affermare che è possibile uneducazione allatteggiamento assertivo, ciò che resta fondamentale è però un comportamento che si deve mettere quotidianamente in pratica. Non si riuscirà probabilmente ad essere sempre assertivi come e non esserlo mai ma possiamo accontentarci di esserlo in quelle situazioni delicate dove diventa fondamentale mantenere un equilibrio interiore: ricordiamo che lassertività non elimina le tensioni ma riesce a non accrescerle evitando di peggiorare le situazioni ansiogene.


Scaricare ppt "LASSERTIVITA Lassertività è un comportamento sociale che consente di raggiungere gli obiettivi prefissati senza creare situazioni di conflittualità. Tale."

Presentazioni simili


Annunci Google