La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Workshop Impacto del Cambio Climatico sobre el Territorio y la Economia 27 Marzo 2008 Buenos Aires El compromiso italiano en la cooperacion internacional.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Workshop Impacto del Cambio Climatico sobre el Territorio y la Economia 27 Marzo 2008 Buenos Aires El compromiso italiano en la cooperacion internacional."— Transcript della presentazione:

1 1 Workshop Impacto del Cambio Climatico sobre el Territorio y la Economia 27 Marzo 2008 Buenos Aires El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental en el marco de la estrategie europea frente al cambio climatico. El caso de los proyectos CDM Stefano da Empoli Università Roma Tre e Istituto per la competitività

2 2 Introduzione: i meccanismi flessibili El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM 1) ET - Emission Trading consente ad un Paese o ad unarea del mondo (per esempio, lUnione Europea) di allocare quote agli emettitori di CO2, che sono liberi di comprare o vendere i diritti di emissione sul mercato, a seconda che le prioprie emissioni effettive siano superiori o inferiori al livello consentito. MECCANISMO DI CAP AND TRADE 2) JI - Joint Implementation consente a due Paesi Annex 1 (tipicamente un Paese ad elevata industrializzazione e un Paese in transizione dellEuropa dellEst di sviluppare un progetto sul suolo di uno dei due Paesi che permetta di ridurre le emissioni conseguendo crediti commisurati (TOT EMISSIONI EVITATE = TOT ERU - Emission Reduction Units) 3) CDM - Clean Development Mechanism consente a un Paese Annex 1 e uno non Annex 1 (tipicamente un Paese in via di sviluppo) di sviluppare un progetto nel Paese non Annex 1 sponsorizzato dal Paese Annex 1 che permetta di ridurre le emissioni conseguendo crediti commisurati (TOT EMISSIONI EVITATE = TOT CERs - Certified Emission Reductions)

3 3 Chi sono i Paesi Annex 1 e non Annex 1 El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM

4 4 Chi ha emesso CO2 nel passato remoto e recente El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM

5 5 La relazione tra reddito ed emissioni El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM

6 6 Le caratteristiche principali del CDM El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM CDM is the largest CO2 project based offset system in the world –945 registered projects by mid February 2008 –approx. additional 2000 projects in pipeline –49 countries –118,775,101 CERs issued (certified emission reductions) –2.6 billion CERs expected to end of 2012 The mechanism has a legal basis in the Kyoto Protocol –Run by Executive Board (EB) answerable to KP Parties –EB back-stopped by UNFCCC secretariat with support for: Registration and issuance Accreditation of third-party validators Methodologies for emissions baseline setting and monitoring

7 7 Limiti normativi allo sviluppo di progetti CDM El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM Criterio della addizionalità i progetti sono approvati solo nel caso in cui consentano una riduzione effettiva delle emissioni di CO2 che non sarebbero state possibili in assenza del progetto e della conseguente acquisizione di crediti Criterio della supplementarietà i progetti CDM integrano ma non sostituiscono le azioni domestiche per la riduzione delle emissioni

8 8 Limiti economici allo sviluppo di progetti CDM El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM Costi di transazione si stima che per portare alla fase di implementazione un progetto CDM si debba spendare una somma compresa tra e dollari, in media il 14-22% dellintero investimento (Chafe e French, 2007) Rischio degli investimenti i progetti CDM scontano un maggiore rischio rispetto a investimenti normali dovuto allinstabilità politica ed economica dei Paesi ospitanti. Il premio al rischio viene stimato in un intervallo che va dall1,8% di Cina e India al 3% medio dellAmerica Latina e al 4,6% del Brasile (Oleschak e Springer, 2007)

9 9 Il mercato dei meccanismi flessibili/ET El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM Fonte: State and Trends of the Carbon Market 2007, World

10 10 Il mercato dei meccanismi flessibili/JI e CDM El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM Fonte: State and Trends of the Carbon Market 2007, World

11 11 Laumento numerico e di valore dei progetti CDM El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM Source: UNFCCC

12 12 Il numero dei progetti autorizzati per Paese investitore El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM Source: UNFCCC

13 13 Dove si realizzano progetti CDM /1 El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM Una mappa della situazione (20 febbraio 2008) Map and statistics accessible at

14 14 Dove si realizzano progetti CDM /2 El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM Source: UNFCCC

15 15 La tipologia di progetti CDM El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM Source: UNFCCC

16 16 I maggiori investitori privati in progetti CDM El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM Source: UNFCCC

17 17 La dinamica del prezzo dei CERs: valori significativi e volatilità contenuta El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM Source: Reuters,UNFCCC

18 18 I 26 progetti italiani registrati (dicembre 2007) /1 El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM

19 19 I 26 progetti italiani registrati (dicembre 2007) /2 El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM

20 20 I 26 progetti italiani registrati (dicembre 2007) /3 El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM

21 21 I 26 progetti italiani registrati (dicembre 2007) /4 El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM

22 22 Un primo bilancio dei progetti italiani registrati El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM Dei 26 progetti registrati, 10 saranno sviluppati in Cina, 8 in India, 2 in Tunisia, 2 in Argentina, 1 ciascuno in Perù, Honduras, Nigeria e Filippine I progetti più importanti per riduzioni previste delle emissioni e entità degli investimenti sono quelli in Cina e India I settori di investimento sono piuttosto vari, cè un numero di aziende coinvolte ancora basso

23 23 Le opportunità di sviluppo dei progetti CDM per lItalia El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM andamento delle emissioni divergente dal trend di riduzione richiesto e dallandamento medio in Europa

24 24 Le opportunità di sviluppo dei progetti CDM per lItalia /2 El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM Possibilità di aumentare il livello degli IDE, allo stesso tempo abbattendo le emissioni a un costo marginale di molto inferiore a quello medio disponibile in Italia ma anche LIMITI 1)Criterio della supplementarietà (solo il 15% nel 2008/2012 nei settori coperti da ETS) 2) Costi di transazione marginalmente più elevati per un Paese con una struttura produttiva costituita da imprese di dimensione media molto più ridotta della media OECD

25 25 Quali scenari….verso più progetti CDM italiani in America Latina? El compromiso italiano en la cooperacion internacional ambiental. El caso de los projectos CDM Lo Stato italiano sta rafforzando gli strumenti internazionali e domestici per aumentare limpegno nei progetti CDM. Da ultimo, limminente creazione di uno sportello unico per le imprese italiane interessate ad investire allestero. Parallelamente aumenta limpegno finanziario nei vari Carbon Fund (tra i quali lItalian Carbon Fund) e per sottoscrivere accordi di cooperazione bilaterale con Paesi esteri. Perché lAmerica Latina? Finora, gli investimenti in progetti CDM in America Latina sono stati inferiori a quanto ci si sarebbe dovuto attendere dalla rilevanza economica dellarea, sia come numero sia come valore delle iniziative. Questo ha riguardato anche le iniziative italiane. LItalia è particolarmente favorita dal capitale relazionale esistente con il mondo produttivo locale. Lemergere di forme consortili e la riduzione dei costi di transazione potrebbe incentivare linvestimento non solo delle grandi imprese ma anche di imprese medio-piccole. In questo senso, il ruolo delle amministrazioni pubbliche italiane risulta essenziale, così come delle autorità pubbliche dei Paesi ospitanti. E essenziale che il Ministero degli Affari Esteri e lICE, che hanno una rete molto ampia di sedi allestero, siano non solo pienamente coinvolte nel processo ma pro- attive..


Scaricare ppt "1 Workshop Impacto del Cambio Climatico sobre el Territorio y la Economia 27 Marzo 2008 Buenos Aires El compromiso italiano en la cooperacion internacional."

Presentazioni simili


Annunci Google