La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BOLOGNA 26.11.11 COME PERSONALIZZARE LALIMENTAZIONE IN BASE AL PROPRIO DNA Dott. Roberto Torrisi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BOLOGNA 26.11.11 COME PERSONALIZZARE LALIMENTAZIONE IN BASE AL PROPRIO DNA Dott. Roberto Torrisi."— Transcript della presentazione:

1 BOLOGNA COME PERSONALIZZARE LALIMENTAZIONE IN BASE AL PROPRIO DNA Dott. Roberto Torrisi

2 SCOPERTE SCIENTIFICHE IN CAMPO NUTRIZIONALE IDONEITA ALIMENTARE

3 COME DEFINIRE LIDONEITA ALIMENTARE 1.STATO NUTRIZIONALE 2.SINTOMI E/O DISTURBI E/O SITUAZIONE CLINICA DELLA PERSONA 3.OBIETTIVO CHE SI VUOLE RAGGIUNGERE 4.CARATTERISTICHE FARMACOLOGICHE DEGLI ALIMENTI 5.INTOLLERANZE E/O ALLERGIE

4 NORMALMENTE LE DIETE VENGONO PROPOSTE IN BASE AI SINTOMI (SITUAZIONE CLINICAMENTE EVIDENTE)

5 COME DEFINIRE LIDONEITA ALIMENTARE 1.STATO NUTRIZIONALE 2.SINTOMI E/O DISTURBI E/O SITUAZIONE CLINICA DELLA PERSONA 3.OBIETTIVO CHE SI VUOLE RAGGIUNGERE 4.CARATTERISTICHE FARMACOLOGICHE DEGLI ALIMENTI 5.INTOLLERANZE E/O ALLERGIE 6.MAPPA GENOMICA

6 E POSSIBILE UNA SELEZIONE DEGLI ALIMENTI ANCHE IN BASE ALLA MAPPA GENOMICA (SITUAZIONE NON CLINICAMENTE EVIDENTE, NON PATOLOGICA MA FUNZIONALE E GIA ESISTENTE E DIMOSTRABILE A LIVELLO CELLULARE)

7 COSA INDICA IL GENOMA? ALTERAZIONE DIVERSE CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO

8 TRENO = ORGANISMO METABOLISMO = BINARI ALIMENTAZIONE ALIMENTAZIONE = STAZIONE

9 Ma chi stabilisce le caratteristiche del treno è IL COMPUTER DI BORDO

10 Le caratteristiche del treno sono decise dal computer

11 TUTTE LE REAZIONI METABOLICHE RICONOSCONO UN PERCORSO PRECISO METABOLISMO = BINARI Ilmetabolismoèuna strada già segnata, fissa

12

13 Ma è il computer sul treno che stabilisce quanto durerà la sosta in stazione I binari arrivanosempre in stazione per un rifornimento, manutenzione, eliminazione scorie MANUTENZIONE MANUTENZIONE = STAZIONE

14 Il computer decide la velocità del treno, quanto tempo deve stare fermo in stazione e quante provviste deve imbarcare durante la fermata

15 RIFORNIMENTO OTTIMALE RIFORNIMENTO PESSIMO

16 Il treno accumula ritardo! Durante il viaggio possono verificarsi temporali! A lungo andare si verificano guasti!

17 Se noi conosciamo bene il nostro computer possiamo farlo funzionare in modo adeguato, mettendo in condizioni il treno di fermarsi il meno possibile!!!

18 COME IL DNA INTERVIENE NELLA SALUTE MAPPA GENOMICA INFLUENZE AMBIENTALI SINTOMO

19 INTERAZIONE TRA GENE E AMBIENTE FENOTIPO codice genetico + ambiente + (codice genetico x ambiente) alimentazione inquinamento stress infiammazioni igiene di vita ossidazione acidificazione ormoni

20 genoma Accumulo metaboliti Fattori ambientali negativi infiammazioni Malattia Il codice genetico rappresenta il nostro marchio di fabbrica

21 genoma Accumulo metaboliti Fattori ambientali positivi Igiene di vita salute Il codice genetico rappresenta il nostro marchio di fabbrica

22 NUTRIZIONE= TRATTAMENTO DEL DISTURBO MIGLIORAMENTO DELLA PERFORMANCE NUTRIZIONE = TRATTAMENTO PERSONALIZZATO DEL DISTURBO + MANTENIMENTO PERSONALIZZATO DEL BENESSERE + PREVENZIONE PERSONALIZZATA DELLA MALATTIA + MIGLIORAMENTO PERSONALIZZATO DELLA PERFORMANCE NUTRIZIONE = TRATTAMENTO PERSONALIZZATO DEL DISTURBO + MANTENIMENTO PERSONALIZZATO DEL BENESSERE + PREVENZIONE PERSONALIZZATA DELLA MALATTIA + MIGLIORAMENTO PERSONALIZZATO DELLA PERFORMANCE

23 LA GENETICA E LA NUTRIZIONE Nutrigenomica: studio dell effetto che la dieta ha sullespressione genica Nutrigenetica: impatto che la genetica ha sullefficacia di alcuni nutrienti, con possibilità di definire gli alimenti idonei in funzione delle diversità genetiche di ciascuno

24 Le diverse facce della stessa medaglia

25

26

27

28

29

30 GENOMA FITNESS ALIMENTAZIONE

31 FTO Recentemente è stato evidenziato il ruolo di una variante nel gene FTO (FTO_609) che comporta il cambiamento di una Adenina (A) in Timina (T) e influenza il processo di lipolisi regolando l'accumulo di grasso corporeo

32 GST M1 GLUTATIONE-S-TRANSFERASI M1

33 SOD 2 Il gene SOD2 codifica per un metallo-enzima, localizzato nei mitocondri, in grado di convertire i radicali superossido in perossido didrogeno. La presenza di una variante T (Timina) nel polimorfismo SOD2_a16 presenta una maggiore attività e conferisce un effetto protettivo nei confronti dei danni prodotti dai radicali liberi.

34 Ci sono, nel nostro organismo delle sostanze, che sono coinvolte nel modulare i processi infiammatori: sono le interleuchine. La citochina pro-infiammatoria interleuchina-1 (IL-1) è considerata uno dei principali mediatori coinvolti nelle malattie infiammatorie croniche. La presenza di varianti è associata ad un aumento del rischio di processi infiammatori. IL1 RN – IL1 b

35 LACE (Angiotensin Converting Enzyme) è una zinco metallopeptidasi abbondantemente distribuita sulla superficie delle cellule endoteliali ed epiteliali. E stata dimostrata una significativa associazione tra lallele I ed una maggiore resistenza fisica allo sforzo ACE

36 COSA FARE DOPO AVER SCOPERTO LESITO DEL DNA A)RACCOMANDAZIONI GENERALI B)PROPOSTA DI UNA MAPPA ALIMENTARE

37 CONSEGUENZE NELLA PROGRAMMAZIONE ALIMENTARE DI SOGGETTI CON VARIANTE FTO AA (bassa mobilizzazione dei grassi) SELEZIONE DI ALIMENTI A MINOR INDICE GLICEMICO RESTRIZIONE CALORICA LIEVEMENTE MAGGIORE RISPETTO AD ALTRI VARIANTI GENICHE LIMITAZIONE MAGGIORE NELLA FREQUENZA DI ASSUNZIONE DEI GRASSI AUMENTO DEL LIVELLO DI ATTIVITA FISICA Aspettarsi un maggior adattamento metabolico alla dieta!!!

38 BASSA VELOCITA DI DETOSSIFICAZIONE GSTM1 ASSENTE FACILITARE LA DETOSSIFICAZIONE CON PASTI LEGGERI E NON ELABORATI EVITARE LE CARNI GRIGLIATE UTILIZZARE CURCUMINA, GLICINA E TAURINA per favorire i processi di fase II UTILIZZARE CARDO MARIANO, TE VERDE per impedire lattività degli intermedi di detossificazione

39 TENDENZA AD ACCUMULO DI RADICALI LIBERI SOD2 CON VARIANTE CC FACILITARE LA DETOSSIFICAZIONE CON PASTI LEGGERI E NON ELABORATI ASSUMERE ANTIOSSIDANTI SCEGLIERE ALIMENTI CON ALTO VALORE ORAC

40 TENDENZA A SVILUPPARE PROCESSI INFIAMMATORI FACILITARE LA DETOSSIFICAZIONE CON PASTI LEGGERI E NON ELABORATI ASSUMERE ANTIOSSIDANTI ASSUMERE ALIMENTI ANTIINFIAMMATORI EVITARE ZUCCHERI, SOLANACEE ASSUMERE OMEGA3 - GLUTAMMINA

41 ALTRE OPPORTUNITA DI STUDIO METABOLISMO DEI CARBOIDRATI METABOLISMO DEI LIPIDI METABOLISMO DELLA VIT D METABOLISMO DELLA CAFFEINA METABOLISMO DEL LATTOSIO

42 COSA FARE DOPO AVER SCOPERTO LESITO DEL DNA A)RACCOMANDAZIONI GENERALI B)PROPOSTA DI UNA MAPPA ALIMENTARE

43 LA MAPPA ALIMENTARE IL CIBO PERSONALIZZATO

44 COME? PARAMETRIZZAZIONE DI TUTTI I CRITERI DI IDONEITA

45 COME DEFINIRE LIDONEITA ALIMENTARE 1.STATO NUTRIZIONALE 2.SINTOMI E/O DISTURBI E/O SITUAZIONE CLINICA DELLA PERSONA 3.OBIETTIVO CHE SI VUOLE RAGGIUNGERE 4.CARATTERISTICHE FARMACOLOGICHE DEGLI ALIMENTI 5.INTOLLERANZE E/O ALLERGIE 6.MAPPA GENOMICA

46 COLESTEROLO - COLESTEROLO ALIMENTO - GRASSI SATURI ALIMENTO + GRASSI MONOINSATURI + (omega3) ANEMIA VIT B12 + FOLICO + C + FERRO – (FITICO + CAFFE+ TE + ROSSO DUOVO) CALCOLI DI: ACIDO URICO -(PURINE + ETANOLO + FRUTTOSIO + PROTEINE ANIMALI) CALCIO - (SODIO + PROTEINE ANIMALI + CALCIO + ACIDO OSSALICO)

47 ESEMPIO: gene VDR: CONTENUTO DI CALCIO (elemento protettivo) CONTENUTO DI VITAMINA D (elemento protettivo) CONTENUTO DI ZINCO (elemento protettivo) CONTENUTO DI VITAMINA A (elemento sfavorevole) CONTENUTO DI PROTEINE ANIMALI (elemento sfavorevole) CONTENUTO DI ALCOOL (elemento sfavorevole) CONTENUTO DI CAFFEINA (elemento sfavorevole) CONTENUTO DI ACIDO FITICO (elemento sfavorevole)

48 ESEMPIO: gene IL1 RN: INDICAZIONI PARTICOLARI (contenuto di sostanze ad azione antinfiammatoria, come i salicilati o polifenoli del tè verde)(elemento protettivo) CONTENUTO DI EPA + DHA (elemento protettivo) CONTENUTO DI GRASSI SATURI (elemento sfavorevole) CONTENUTO DI ZUCCHERI SEMPLICI (elemento sfavorevole) CONTENUTO DI PROTEINE ANIMALI (elemento sfavorevole) CONTROINDICAZIONI PARTICOLARI (contenuto di solanina nelle solanacee) (elemento sfavorevole)

49

50

51 ATTRAVERSO SISTEMI INFORMATICI SI POSSONO PARAMETRIZZARE TUTTE LE CARATTERISTICHE TERAPEUTICHE E FARMACOLOGICHE DEGLI ALIMENTI

52

53 NUOVA FRONTIERA DELLALIMENTAZIONE: IL CIBO NON E PER TUTTI MA PER CIASCUNO


Scaricare ppt "BOLOGNA 26.11.11 COME PERSONALIZZARE LALIMENTAZIONE IN BASE AL PROPRIO DNA Dott. Roberto Torrisi."

Presentazioni simili


Annunci Google