La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Verso lo zero infortuni: il cammino di ITALCEMENTI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Verso lo zero infortuni: il cammino di ITALCEMENTI."— Transcript della presentazione:

1 Verso lo zero infortuni: il cammino di ITALCEMENTI

2

3 La nostra storia Italcementi è stata fondata nel Nel 1925, con la denominazione di Società Bergamasca per la Fabbricazione del Cemento e della Calce Idraulica, è entrata a far parte del mercato azionario con la quotazione presso la Borsa di Milano. Dal 1927 svolge le proprie attività con il nome di Italcementi Spa. In Italia la società si è sviluppata grazie ad un attento piano di investimenti ed incorporazioni di altre aziende cementiere raggiungendo rapidamente una forte posizione sul mercato, fino a diventare il primo produttore di cemento del paese. Nel 1992 Italcementi raggiunge una rilevante espansione internazionale a seguito dellacquisizione di Ciments Français, uno dei principali produttori di cemento del mondo. Nel 1997 Italcementi consolida la propria verticalizzazione attraverso lacquisizione di Calcestruzzi, diventando leader in Italia nel settore del calcestruzzo preconfezionato. Nel marzo 1997, a testimonianza della presenza e della crescita di Italcementi a livello mondiale, nasce Italcementi Group che raggruppa sotto ununica identità aziendale tutte le società internazionali. Dal 1998 Italcementi Group ha ripreso la propria strategia di internazionalizzazione acquisendo nuove cementerie in Bulgaria, Kazakistan, Tailandia, Marocco, India, Egitto e Stati Uniti.

4 La guida strategica del gruppo è affidata al CEO Office composto da: - Giampiero Pesenti, Chief Executive Officer - Rodolfo Danielli, Chief Operating Officer - Yves René Nanot, Chief Development Officer. Profilo del gruppo Nel 2002 Italcementi Group ha realizzato un fatturato annuo di milioni di Euro (2.125 milioni di Euro al 30 giugno 2003) Lattività del gruppo è focalizzata sul cemento (oltre il 60% di fatturato) che si integra con la produzione di calcestruzzo e inerti. Italcementi Group è un Gruppo industriale di oltre dipendenti con una presenza mondiale in 19 paesi.

5 Tra i primi produttori di cemento a livello mondiale Il secondo cementiere nellUnione Europea Il principale operatore nel bacino del Mediterraneo Profilo del gruppo Italcementi Group

6 Una presenza globale FRANCIA BELGIO 2 BULGARIA 1 KAZAKISTAN TURCHIA 2 INDIA 3 EGITTO ITALIA MAROCCO U.S.A SPAGNA 3 32 TAILANDIA TOTALE GRUPPO 60 Cementerie 14 Centri macinazione 4 Terminali 547 Centrali di calcestruzzo 154 Cave di inerti Dipendenti (*) (*) N° dipendenti rispetto al perimetro consolidato 1 GAMBIA 1 CIPRO 1 MAURITANIA 1 ALBANIA GRECIA 1 SRI LANKA (al )

7 Italcementi in Italia In Italia con circa dipendenti occupa una posizione di leadership nel settore del cemento con una quota di mercato superiore al 30% e un dispositivo produttivo di 18 impianti a ciclo completo e 9 centri di macinazione e 229 centrali di betonaggio.

8 Come nasce il cemento Le materie prime Il prodotto finito La cottura La macinazione del cemento Macinazione ed essiccazione

9

10 il contesto che precede la nascita del Progetto Z.I. lesistenza/coscienza di un problema la presenza di una sfida non vinta una radicata attenzione alla responsabilità sociale dimpresa

11 Indice di frequenza degli infortuni Lesistenza/ coscienza di un problema La sfida non vinta: Indice che rimane costante nonostante gli sforzi operati sugli aspetti tecnici il contesto che precede la nascita del Progetto Z.I.

12 una radicata attenzione alla responsabilità sociale dimpresa supportata da: lidea di durabilità dellazienda resa concreta con: Una storica attenzione al ripristino cave Ladesione ad un programma di sviluppo sostenibile Ladozione di un codice etico il contesto che precede la nascita del Progetto Z.I.

13 Il ripristino delle cave Lattività estrattiva è accompagnata dallo studio delle tecniche di ripristino e recupero paesaggistico. Le aree recuperate possono essere destinate: ad attività agricole con lo sviluppo di nuove colture; alla riedificazione di ecosistemi attraverso il rinverdimento e il rimboschimento; alla creazione di aree faunistiche, ricreative, parchi naturali o giardini.

14 Sviluppo Sostenibile Sei le aree dintervento in cui le società si impegnano per dare un contributo significativo per la realizzazione di una società più sostenibile: - protezione del clima; - ottimizzazione nelluso dei combustibili e delle materie prime; - tutela della salute e della sicurezza dei dipendenti; - riduzione delle emissioni; - limitazione degli impatti locali (ambientali e sociali); - implementazione dei processi aziendali volti allo sviluppo sostenibile Italcementi Group è membro del World Business Council for Sustainable Development (WBCSD), organismo al quale aderiscono 160 gruppi internazionali che condividono gli stessi principi in merito allo sviluppo duraturo. In questo contesto Giampiero Pesenti, CEO del Gruppo, ha siglato lAgenda for Action, primo impegno formale che coniuga lattività della imprese cementiere con le politiche di sviluppo sostenibile. Firmato dai dieci maggiori produttori di cemento al mondo, il protocollo stabilisce un piano quinquennale di azioni finalizzate ad uno sviluppo industriale che salvaguardi le prospettive delle future generazioni basandosi su presupposti sociali, economici e di tutela ambientale. Per promuovere in termini operativi la realizzazione del progetto relativo al settore dello sviluppo sostenibile, Italcementi Group ha costituito uno "Steering Committee" presieduto dal COO di gruppo, Rodolfo Danielli e composto dai responsabili di alcune delle principali funzioni aziendali.

15 I principi di lealtà, imparzialità e fedeltà, la tutela della privacy, della persona, dellambiente sono tra i principali valori contemplati dal Codice Etico del Gruppo a cui tutti i dipendenti devono attenersi nello svolgimento delle loro attività. Il codice etico

16

17 Incontro con chi è vicino allobiettivo zero infortuni per capire come fare Inizio: Giugno ^ fase: CAPIRE IL PROBLEMA: Audit su 6 cementerie da parte di DuPont 2^ fase: DECIDERE COSA FARE: Definizione di un piano dazione ITC ( Comitato di Direzione col supporto di DuPont ) 3^ fase: DARE EVIDENZA ALLA DECISIONE: Enunciazione Politica della Sicurezza 4^ fase: AGIRE: Avvio del progetto

18 1^ fase: CAPIRE IL PROBLEMA Origine degli Infortuni % Miglioramenti tecnici Gestione della sicurezza focalizzata sulluomo Evoluzione nel tempo della cultura della sicurezza Infortuni Azioni pericolose, errori di comportamento Luomo al centro La sicurezza è una cultura! da cui

19 2^ fase: DECIDERE COSA FARE Continuare ad agire sui 4 Fattori essenziali per la sicurezza Continuare ad agire sui 4 Fattori essenziali per la sicurezza con enfasi su:

20 3^ fase: DARE EVIDENZA ALLA DECISIONE

21 il progetto zero infortuni Fine: Costruire un Sistema di Gestione della Sicurezza Come: intervenendo sullorganizzazione sensibilizzando e coinvolgendo le persone Per favorire: lo sviluppo di una maggior cultura della Sicurezza Con uno Slogan/Obiettivo: ZERO INFORTUNI 4^ fase: AGIRE

22 il Sistema di gestione della sicurezza 4^ fase: AGIRE Le linee dazione Comunicazione OrganizzazioneCoinvolgimento

23 Organizzazione Analisi Infortuni Riunioni di Sicurezza Audit Procedure di Lavoro Sicuro

24 Comunicazione Politica Per focalizzare lattenzione Safety intranet Per essere sempre informati sugli sviluppi del progetto e sui progressi nella sicurezza Per riconoscere i miglioramenti raggiunti Azioni motivazionali Logo,slogan Carta intestata ….. Si parla di SICUREZZA Per mantenere viva lattenzione Gadgets Linee dazione

25 Formazione a cascata Mano dOpera Codir Management Animatori Formatori Preposti Coinvolgimento R.L.S.

26 Formazione Formazione tecnici di Cementeria Con DuPont 218 persone 3 gg. Formazione Animatori Con DuPont 25 persone 3 gg. Formazione Sperimentale su C.S. Con DuPont 25 persone 3 gg. Formazione Sperimentale su Operai Con DuPont 25 persone 3 gg. Novembre 2000 Giugno 2001

27 Formazione Progettazione formazione ITC per intermedi Formazione Formatori 30 persone gg. Formazione Intermedi ed impiegati 500 persone 3 gg. Progettazione formazione ITC per operatori Formazione Formatori 50 persone 4 gg. Formazione Operatori 2000 persone 1 gg. Settembre

28 Formazione Capi Servizio Formazione Operai Formazione Impiegati ed Intermedi Indice di frequenza Coinvolgimento formativo

29 Formazione 2850 persone coinvolte 4419 giornate di formazione

30

31 ANDAMENTO INDICE DI FREQUENZA DEGLI INFORTUNI ITALIA Progetto Zero Infortuni

32 N. INFORTUNI X ORE LAVORATE Indice di frequenza Infortuni If = 1 X Tutti i dipendenti subiscono 1 infortunio nel corso della loro vita lavorativa

33 Evolution of the Cements lost time accidents frequency rate Headcount

34 Indice di frequenza infortuni cemento Chiusura 2003

35 Giorni dallultimo infortunio al 24 gennaio 2004 Cemento 1 ANNO SENZA INFORTUNI 2 ANNI SENZA INFORTUNI 1000 GIORNI SENZA INFORTUNI 180 GIORNI SENZA INFORTUNI 45 % cementerie 87,5% Centri di Macinazione

36 2 anni senza infortuni 2 anno senza infortuni 1 anno senza infortuni 3 anni senza infortuni 1 anno senza infortuni Cementerie 1 anno senza infortuni

37

38

39

40 IMPIANTI - ATTREZZATURE attenzione alle segnalazioni velocità nel dare una risposta su come si intende affrontare il problema mantenimento impegni presi

41

42 ORGANIZZAZIONE continuità e allargamento dei comitati continuità, efficacia ed ampliamento del coinvolgimento negli audit Interesse ad imparare dagli infortuni anche degli altri Ruolo dellanimatore.

43

44 PERSONE coinvolgimento clima positivo iniziative motivazionali

45

46 LEADERSHIP buon esempio guida del processo di coinvolgimento guida del processo motivazionale apprezzamento contributi positivi

47 I fondamenti di Zero infortuni luomo al centro la sua volontà e le sue scelte come motore del progetto il buon senso come strumento di intervento la creazione di un sistema di sicurezza

48 Otterrete il livello di sicurezza che dimostrate di voler raggiungere un motto ed un monito: non attardarti nel solco dei risultati


Scaricare ppt "Verso lo zero infortuni: il cammino di ITALCEMENTI."

Presentazioni simili


Annunci Google