La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Project: LIFE11 ENV/IT/113 «BIOREM» «Innovative System for Biochemical Restoration and Monitoring of Degraded Soils»

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Project: LIFE11 ENV/IT/113 «BIOREM» «Innovative System for Biochemical Restoration and Monitoring of Degraded Soils»"— Transcript della presentazione:

1 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Project: LIFE11 ENV/IT/113 «BIOREM» «Innovative System for Biochemical Restoration and Monitoring of Degraded Soils» Start: 01/01/2013 End: 31/03/ /01/ month meeting CEBASCSIS premises, Murcia

2 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT INTRODUZIONE Obiettivo del progetto Il progetto Biorem ha lobiettivo di dimostrare uninnovativa metodologia integrata per il ripristino ed il monitoraggio biochimico dei suoli degradati. Di seguito le azioni in cui è stata coinvolta AMEK scrl durante il primo anno di realizzazione del Progetto BIOREM, alcune delle quali sono ancora in corso.

3 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT ATTIVITA AMEK scrl Azione B1: dimostrazione del metodo innovativo di monitoraggio del suolo mediante la caratterizzazione delle condizioni iniziali Azione B2: dimostrazione dellefficacia ai fini del ripristino integrato di suoli di diversa tipologia delladdizione di materia organica esogena Azione B3: dimostrazione dellefficacia ai fini del ripristino integrato di suoli di diversa tipologia della rivegetazione controllata

4 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT ATTIVITA AMEK scrl Azione B4: dimostrazione della metodologia innovativa di monitoraggio biochimico - ancora in corso Azione C1 e C2: verifica nel tempo della metodologia di ripristino integrato e di monitoraggio messa in atto e dellimpatto sullambiente – ancora in corso

5 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B1 Identificazione dei siti dimostrativi (superficie di 360 m 2 ), realizzazione ed invio campioni per caratterizzazione iniziale. Sono stati selezionati i terreni denominati Brusca-Imola e Tebano

6 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B1 SITO Brusca-Imola: Altitudine: circa 62 m s.l.m. Piovosità media: mm Struttura: franco-argillosa-limosa Sostanza organica: medio-bassa Colture precedenti: 2012: frumento duro 2011: Set -aside 2010: patata 2009: melone

7 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B1 SITO Brusca-Imola: Le qualità agronomiche sono condizionate dallelevato contenuto di argilla, dalla moderata disponibilità di ossigeno e dalla pendenza. Conseguentemente a piogge di forte intensità, si formano in superficie croste resistenti, dello spessore di alcuni cm, che ostacolano la germinabilità delle piantine. Nel periodo secco il suolo presenta delle crepacciature, mentre nel periodo umido gli aggregati del suolo rigonfiandosi esercitano sulle facce di contatto pressioni molto elevate, negative per lo sviluppo degli apparati radicali. Lampio intervallo di umidità tra il punto di adesività ed il limite liquido, determinano la necessità di lunghi tempi di attesa dopo forti piogge per poter eseguire operazioni colturali.

8 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B1 SITO TEBANO: Altitudine: circa 59 m s.l.m. Piovosità media: mm Struttura: franco-limosa, moderatamente alcalino e molto calcareo Sostanza organica: medio-bassa Colture precedenti: 2012: frumento duro 2011: frumento duro 2010 e precedenti: vigneto

9 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B1 SITO TEBANO: Rispetto al sito Brusca-Imola, il minor contenuto di argilla lungo il profilo, da un lato può aumentare il rischio di formazione di croste, dallaltro riduce i tempi di attesa per poter eseguire le lavorazioni, successivamente alle precipitazioni.

10 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B1 COLTURA PROTETTA PRESSO ASTRA- MARIO NERI IMOLA Sebbene non previsto nel Progetto iniziale, si è proceduto anche con la realizzazione di una prova in serra per verificare lefficacia del sistema integrato Biorem su colture orticole, capaci di risposte più rapide in funzione del livello di fertilità del terreno. La serra ha una superficie di 400 m 2 (10 m x 40 m), dotata di aperture laterali automatiche e di bruciatore per eventuali riscaldamenti di soccorso durante il periodo invernale. Il terreno è di medio impasto ed a fertilità moderata, in quanto per alcuni anni lasciata set aside.

11 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B1 CAMPIONAMENTO Come previsto dal Progetto, stati eseguiti prelievi di campioni di terreno per la determinazione dei parametri chimico- fisici. Identificativi delle condizioni iniziali. I prelievi sono stati eseguiti alla profondità di (0-20) cm e ( cm), procedendo con la raccolta di 3 campioni per ciascuna quota. I campioni sono stati inviati ai partner per lesecuzione delle prove analitiche indicate nel Progetto.

12 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B2 SCELTA DELLA SOSTANZA ORGANICA ESOGENA Quale sostanza organica esogena è stato selezionato un ammendante compostato misto, prodotto da Romagna Compost. Il compost, prima dello spandimento, è stato trattato in cumulo con una miscela enzimativa complessa, indicata con la sigla PAV, brevettata da Amek scrl. Tale miscela enzimatica è in grado di migliorare la ritenzione idrica e favorire lumificazione.

13 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B2 QUANTITA e MODALITA SPANDIMENTO Si è deciso di spandere in pieno campo 25 kg/m 2 di compost PAV (C organico sul secco 22,08% su ss) per avere un quantitativo di sostanza organica addizionata paragonabile a quella degli altri siti italiani e spagnoli. La distribuzione è stata eseguita manualmente e successivamente il compost PAV è stato incorporato con lausilio di un erpice rotante. Le abbondanti precipitazioni primaverili hanno ostacolato la preparazione dei terreni (affinamento del letto di semina), la distribuzione e linterramento del compost, determinando un ritardo di circa gg rispetto al Progetto.

14 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B2 PREPARAZIONE DEI TERRENI – PIENO CAMPO Nel mese di Giugno 2013 hanno avuto inizio le attività di preparazione dei terreni. Ogni appezzamento è stata suddiviso in 4 sub-lotti costituiti da 3 parcelle ciascuna ricavando così 12 parcelle di 30 m 2, con una corsia di 2,5 m tra ciascuna parcella per ridurre leffetto bordo e consentire laccesso alle prove.

15 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B2 PREPARAZIONE DEI TERRENI – PIENO CAMPO I 4 sub-lotti, opportunamente cartellinati con la denominazione del Progetto e la descrizione di quanto in essi realizzato, sono stati così suddivisi: 1)Sub- lotto di controllo senza apporto di sostanza organica e senza interventi di rivegetazione: 2)Sub – lotto additivato con sostanza organica ma senza rivegetazione controllata; 3)Sub – lotto oggetto di rivegetazione, ma senza apporto di sostanza organica; 4)Sub –lotto con aggiunta di sostanza organica e rivegetazione.

16 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Preparazione campo e distribuzione Compost PAV BRUSCA-IMOLA

17 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Interramento Compost PAV mediante un rotante BRUSCA-IMOLA

18 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Preparazione campo e distribuzione Compost PAV TEBANO

19 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Interramento Compost Pav mediante un rotante TEBANO

20 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B2 PREPARAZIONE DEI TERRENI – SERRA Nel mese di Aprile 2013 hanno avuto inizio le attività di preparazione del terreno, suddiviso in 2 lotti : uno di riferimento ed uno oggetto di addizione di sostanza organica. In serra sono stati distribuiti 20 kg/m 2, in quanto si temeva che le orticole successivamente poste a dimora potessero manifestare sintomi di tossicità.

21 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Spandimento Compost PAV allinterno della serra

22 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Interramento Compost PAV in serra mediante erpice rotante

23 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Installazione impianto dirrigazione a goccia e spandimento pacciamature in serra

24 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B3 RIVEGETAZIONE Quali specie per la rivegetazione controllata in pieno campo sono state selezionate le seguenti specie di piante: PINO HALEPENSIS E PISTACIA LENTISCUS L.

25 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B3 RIVEGETAZIONE Il trapianto del pino e del pistacchio, successiva alla squadratura di campi, è stato eseguito nella seconda metà del mese di ottobre, in lieve ritardo a causa di condizioni climatiche avverse. Il materiale vegetativo è stato trapiantato sulle e tra le file ad una distanza di un metro, alternando una pianta di pino ad una di pistacchio. Al momento della messa a dimora le piante di pino si presentavano in stato fitosanitario ottimale, mentre le piante di pistacchio apparivano più sofferenti, In caso di morte, verranno sostituite. In totale sono state trapiantate in ciascun sito 90 piante di pino e 90 piante di pistacchio.

26 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Trapianto piante in pieno campo

27 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Trapianto piante in pieno campo

28 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B3 COLTIVAZIONE IN SERRA Per la prova sono state poste a dimora: - Melone: ibrido Capital della ditta Clause, di tipologia Exrended Shelf Life, caratterizzato da frutti di forma sferica, leggermente appiattita, con buccia retata senza solcatura della fetta e polpa di colore arancio. - Peperone: ibrido Gemini della Ditta Nunhems, caratterizzato da frutto prismatico verde-giallo. - Zucchino: ibrido Velvia della Ditta Sygenta, capace di frutti di colore verde mediamente intenso. Il trapianto è avvenuto alla metà del mese di giugno, con laiuto di un agevolatore.

29 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Trapianto piante in serra (peperone, melone e zucchino)

30 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione B4 CAMPIONAMENTI Immediatamente dopo lapplicazione della sostanza organica e della rivegetazione controllata, sono stati eseguiti i prelievi di terreno richiesti dal Protocollo Operativo di Progetto. Su ogni tesi di osservazione sono stati effettuati prelievi alla profondità di (0-20) cm e (20-40) cm. Ogni campione era composto da 3 sub-campioni prelevati in modo omogeneo allinterno delle parcelle. Successivamente sono stati spediti ai partner competenti.

31 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Azione C1 e C2 MONITORAGGIO Costantemente vengono monitorati i siti oggetto del presente progetto e mensilmente viene inviato un report al Coordinatore di Progetto.

32 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Coltivazione in serra: risultati Le piante di melone e zucchino nella seconda decade di setembre, sono state attaccate dallOidio, pertanto la raccolta è stata conclusa solo allinizio di Ottobre Invece la raccolta del peperone si è conclusa il 3 Novembre 2013.

33 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Monitoraggio sullo sviluppo del peperone

34 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Monitoraggio sullo sviluppo del melone

35 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Monitoraggio sullo sviluppo dello zucchino

36 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Prospetto produttivo 2013 CompostNo Compost Prod. Comm. Peso medio Prod. scarto Prod. totale Prod. Comm. Peso medio Prod. scarto Prod. totale kgg e/o kgkg g e/o kgkg Peperone41,3250,2241,6282,9440,2146,5136,6876,89 Melone67,561,931,8869,4464,0223,367,32 Zucchino109,580,2622,17131,7577,510,314,1491,65

37 Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Nora Rappoli Enrico Zerbini Grazie per lattenzione !!!!


Scaricare ppt "Life 11 ENV/IT/113 BIOREM PROJECT Project: LIFE11 ENV/IT/113 «BIOREM» «Innovative System for Biochemical Restoration and Monitoring of Degraded Soils»"

Presentazioni simili


Annunci Google