La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Genova 25 ottobre 2011 Il mercato è imballato. IL CAC (Contributo Ambientale CONAI) è il motore di tutto il Sistema CONAI e la risorsa unica dellAccordo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Genova 25 ottobre 2011 Il mercato è imballato. IL CAC (Contributo Ambientale CONAI) è il motore di tutto il Sistema CONAI e la risorsa unica dellAccordo."— Transcript della presentazione:

1 Genova 25 ottobre 2011 Il mercato è imballato

2 IL CAC (Contributo Ambientale CONAI) è il motore di tutto il Sistema CONAI e la risorsa unica dellAccordo Quadro, con cui vengono compensate le raccolte differenziate su superfici pubbliche. E pari a unimposta indiretta, che, come lIVA, è pagata dal consumatore finale per ogni unità di imballaggio, primario secondario o terziario, immessa sul mercato nazionale. Destino del CAC è, in primo luogo, lalimentazione dellAccordo Quadro e cioè il compenso alle raccolte differenziate dei rifiuti dimballaggio di origine domestica. Agli introiti del CAC si uniscono, oggi e per ogni singolo Consorzio, gli introiti per le aste dei materiali

3

4 t di rifiuti di imballaggio raccolti CAC : 141 euro per tonnellata raccolta è la disponibilità del sistema ma vanno detratti i costi

5 Costi di CONAI: un sistema leggero Poi ci sono 6 consorzi di filiera il solo COREPLA costa oltre 316 milioni di euro … ed ha ricavi dalle vendite per oltre 400 milioni

6 Questo è landamento dei valori delle materia prime seconde, confrontate con le commodities. Mettere allasta i materiale provenienti dalla raccolta differenziata rappresenta un grande vantaggio economico per i Consorzi: oggi la cartaccia vale 90 /t ed il cartone 105, Comieco riconosce 88 euro per il cartone e circa 30 per la cartaccia.

7 La Signora Maria va a fare la spesa, non pensa a tutto questo e tranquillamente paga per ogni oggetto acquistato il relativo CAC dellimballaggio che compera… lei compera la merce che sta allinterno, tiene docchio i prezzi del prodotto, non considera certo il costo dellimballaggio.

8 Poi va a casa, folleggia nel suo regno: consuma, cucina, lava, stira…. La casalinga rappresenta uno stile di vita! Parlare alla casalinga è parlare al mercato

9 Certo deve anche spolverare, lavare i pavimenti, mettere ordine nei rifiuti e fare la raccolta differenziata.

10 Diligente organizza la sua discarica domestica, in attesa che giunga la data: oggi il secco, domani la carta, tra tre giorni il vetro……

11 … e si sente orgogliosa di aver contribuito a rendere disponibile una nuova ricchezza, poiché ha conferito in raccolta differenziata ciò che può essere riciclato: è un capitale! Ma capitale di chi? A favore di chi? Ma di chi lo metterà allasta, naturalmente

12 Ma la signora Maria deve anche farsi i conti: ha pagato il CAC, perché CONAI si occupasse dei rifiuti di imballaggio, ha pagato la TIA, perché sia fatta la raccolta differenziata, ha lavorato per separare i suoi rifiuti in casa… E i benefici? La riduzione del CAC ???

13 Il nostro sistema ha scelto di far pagare tutti gli imballaggi, generando così uneconomia per il sistema industriale, ma assoggettando a CAC anche quegli imballaggi che, per legge, non sono ammessi allinterno dellAccordo Quadro: i terziari. La norma prevede –come ha bene evidenziato lIC 26- che lAccordo Quadro eroghi un corrispettivo per la raccolta, non per il trasferimento di proprietà dei materiali raccolti. E un passaggio importante; tanto più che lAccordo Quadro riconosce solo i maggiori oneri, non il costo della raccolta differenziata. E sulla base dellAccordo Quadro i Consorzi ritirano il materiale, ne acquisiscono la disponibilità. E poi li mettono sul mercato.

14 E determinante considerare anche il quadro di riferimento:i prezzi di ritiro dei materiali del 1998, che è lanno del primo A.Q. La carta ne è un esempio efficacissimo. Molti erano i casi in cui i cartacciai si facevano pagare o erogavano corrispettivo zero per ritirare la cartaccia da raccolta differenziata. Il primo AQ costituisce, sotto tale aspetto, una specie di vittoria dei gestori delle raccolte, poiché comunque veniva loro erogato un corrispettivo positivo. Ma questo non vale per altri materiali che hanno sempre avuto mercato positivo (metalli, vetro). Però tutto lAQ si attesta su questa linea: ti do il materiale, lo valuti e mi paghi il corrispettivo di servizio, il materiale resta tuo. Poi vince labitudine: nessuno solleva obiezioni sul ritiro/passaggio di proprietà… finchè non interviene lAGCM.

15 Gli Accordi Quadro sono ormai tre, uno dopo laltro e si assomigliano molto, anche se ciascuno porta le proprie specificità. Il terzo è venuto dopo la pubblicandone dei dati dellIC 26, che lAGCM ha aperto per le seguenti motivazioni: … possibili distorsioni alla concorrenza, in particolare per quel che riguarda: (i)un'assegnazione - con la costituzione di esclusive di area -secondo modalità non trasparenti dei rifiuti da imballaggio recuperati attraverso la raccolta differenziata ai produttori che partecipano ai consorzi di filiera, da cui potrebbero derivare tra gli operatori di mercato discriminazioni con conseguenti ingiustificate situazioni di vantaggio di alcuni produttori rispetto ad altri; (ii) la concreta disponibilità da parte degli enti locali dei rifiuti da imballaggio raccolti, ai fini della loro commercializzazione; (iii) l'impatto delle attività di raccolta differenziata organizzata dagli enti locali e le successive attività organizzative dei consorzi di filiera sulle attività dei c.d. riciclatori indipendenti.

16 Si sono così aperte le finestre: COMIECO è il caso più evidente. Attraverso questo meccanismo il convenzionato per un periodo definito esce dallAQ e va sul mercato. Però lAGCM non si chiedeva se potesse o meno uscire dallAQ, ma: la concreta disponibilità da parte degli enti locali dei rifiuti da imballaggio raccolti, ai fini della loro commercializzazione; ed ovviamente restando nellAQ: il CAC, infatti, serve a pagare la raccolta, non il materiale che –dentro al Sistema dellAQ- resta però dei Consorzi di filiera Non basta: per lo stesso motivo si sono aperte anche le aste dei materiali, per evitare le ingiustificate situazioni di vantaggio di alcuni produttori rispetto ad altri; Ma le aste non riguardano tutto il materiale raccolto, e le finestre non sono unapertura nel Sistema AQ, ma fuori dal Sistema dellAQ.

17 Il nostro è un Paese meraviglioso per la fantasia che dimostra. Visto ciò che lIC 26 denunciava si è ottenuto di: Metter fuori dallAQ chi volesse andare sul mercato Mettere allasta solo una quota dei materiali raccolti Continuare a far pagare il CAC anche a chi non ne ricava alcun servizio, cioè gli imballaggi terziari, perché così i primari pagano meno: si tenga presente che se una bottiglia in PET da 1,5 litri pesa 28 grammi un cappuccio in LDPE per coprire un pallet pesa oltre grammi… e il CAC si applica a peso per il riciclo indipendente, quello che fa la metà degli obiettivi di qualche consorzio….. si vedrà: è PRIGIONIERO di un sistema monopolistico.

18 Naturalmente questa è solo una parte della storia dellAQ, guardata con unottica volta a rilevare –se possibile- gli elementi di equilibrio nel Sistema. Ed il Sistema ha un suo equilibrio: basta vedere la composizione del CdA dei Consorzi di Filiera e la differenziazione tra componenti obbligati e volontari. E sarebbero proprio i volontari quelli che, formalmente, pagano! Il Sistema CONAI è una delle più brillanti scommesse di Confindustria ma dalla sua nascita sono passati ormai 13 anni e molte cose sono cambiate in maniera radicale CONAI no?

19 Se il sistema di CONAI cambiasse…. non avrebbe paura del nuovo riconoscerebbe i suoi limiti; uninvenzione eccezionale di 13 anni fa deve adeguarsi alla dinamica delle condizioni che, in qualche caso, essa stessa ha creato interverrebbe sul CAC a consuntivo, senza modifiche che rispondono solo alla contabilità interna non utilizzerebbe lAQ per ottenere occultamente dei materiali, ma potrebbe differenziare i corrispettivi: parte per il servizio e parte per i materiali si occuperebbe di tutti gli imballaggi che pagano restituirebbe agli utenti i vantaggi del sistema


Scaricare ppt "Genova 25 ottobre 2011 Il mercato è imballato. IL CAC (Contributo Ambientale CONAI) è il motore di tutto il Sistema CONAI e la risorsa unica dellAccordo."

Presentazioni simili


Annunci Google