La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I CARBOIDRATI Ricerca in Internet Dalla divulgazione alla comunicazione scientifica Maria Federici Campus Bio-Medico II SANU.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I CARBOIDRATI Ricerca in Internet Dalla divulgazione alla comunicazione scientifica Maria Federici Campus Bio-Medico II SANU."— Transcript della presentazione:

1 I CARBOIDRATI Ricerca in Internet Dalla divulgazione alla comunicazione scientifica Maria Federici Campus Bio-Medico II SANU

2 FASI DELLA RICERCA Obiettivi e metodologia della ricerca Siti divulgativi: Ricerca su web (Google ricerca semplice) su siti di divulgazione scientifica Siti scientifici Wikipedia Divulgazione scientifica Ricerca in Google Scholar in Inglese (Sintesi) Ricerca in PubMed (Sintesi) Creazione di un motore di ricerca personalizzato con Google Conclusione

3 OBIETTIVI E METODOLOGIA DELLA RICERCA Questa breve ricerca è stata realizzata per finalizzare i seguenti obiettivi: Cercare informazioni riguardanti loggetto di ricerca su diversi siti di riviste o su vari motori di ricerca di articoli scientifici. Analizzare i diversi risultati in modo da mettere a confronto divulgazione scientifica e comunicazione scientifica. Verificare se la notizia data in divulgazione è vera o falsa. Risalire a fonti autorevoli per smentire o approfondire una notizia.

4 PASTA, PANE E DOLCI FANNO BENE ALLA SALUTE? Partendo dallanalisi di vari articoli presi da riviste o su siti di divulgazione scientifica, si vuole arrivare a capire se lassunzione di carboidrati, e quindi di zuccheri, abbia un effetto positivo o meno sul nostro organismo. Per valutare la veridicità e lattinenza delle notizie riportate in questi articoli divulgativi, eseguirò una seconda ricerca di comunicazione scientifica e metterò a confronto i vari risultati ottenuti con i due tipi di ricerche.

5 DIVULGAZIONE SCIENTIFICA I CARBOIDRATI FANNO BENE AL CUORE - Titolo: Viva i carboidrati: pane e pasta fanno bene al cuore - Sito: Salute 24 Ore (Il Sole 24 Ore) - Autore: Cosimo Colasanto - Data: 27/08/2009

6 - Link sito: carboidrati-pane-e-pasta-fanno-bene-al-cuore?refresh_ce (visitato il 22/04/2011)http://salute24.ilsole24ore.com/articles/4740-viva-i- carboidrati-pane-e-pasta-fanno-bene-al-cuore?refresh_ce

7 SINTESI Dalla lettura di questo articolo emerge che unalimentazione scarsa di carboidrati non è salutare per il nostro organismo, in quanto una scarsa assunzione di questultimi porterebbe a una facile ostruzione delle arterie, aumentando così il rischio di infarti, ictus e aterosclerosi. Il monito arriva dal Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston: i ricercatori non approvano le mono-diete a base di pesce,carne o formaggi. Nello studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, a tre gruppi di topi sono stati "serviti" tre menu giornalieri diversi: standard, con grassi e con pochi carboidrati. Dopo 12 settimane i topolini che avevano ricevuto la dieta con pochi carboidrati superavano del 15% gli altri nella misura dellaterosclerosi, lindurimento delle arterie dovuto alle placche di grassi.

8 I CARBOIDRATI SONO DANNOSI PER IL CUORE DELLE DONNE - Titolo: I carboidrati fanno male al cuore delle donne - Sito: Pour Femme Salute - Autore: Lucrezio Bove - Data: 05/05/ Link sito: male-al-cuore-delle-donne/1997/ (visitato il 22/04/2011)http://salute.pourfemme.it/articolo/i-carboidrati-fanno- male-al-cuore-delle-donne/1997/ - Link immagine:

9 SINTESI Secondo questarticolo, troppi carboidrati sono un pericolo per il nostro cuore, ma soprattutto per quello delle donne. Labitudini a mangiare troppo spesso pane, pizza e dolci può tradursi, nel lungo periodo, in gravi disturbi a livello delle coronarie. Per quanto riguarda gli uomini, invece, non si è registrato nessun aumento significativo del rischio. Dopo unindagine durata 8 anni e una ricerca dellIstituto Nazionale dei Tumori di Milano, si sono rilevate correlazioni tra lo sviluppo di malattie coronariche e le abitudini alimentari: sotto accusa sono i cibi ad alto indice glicemico: pizza, pane bianco, dolcetti e patate rendono le donne più esposte alle patologie coronariche. Nessun problema per la pasta (se consumata al dente) e per i carboidrati da frutta e da cereali integrali.

10 Secondo la Dottoressa Sabrina Sieri, coautrice della ricerca insieme ai colleghi dellistituto milanese, ha spiegato che una dieta molto ricca di carboidrati aumenta i livelli di zuccheri, insulina e trigliceridi nel sangue, riducendo invece il colesterolo HDL, quello buono; liperglicemia dopo i pasti aumenta lo stress ossidativo, liperinsulinemia ha effetti negativi sulla pressione, sulla funzione dellendotelio dei vasi, sullinfiammazione.

11 Negli uomini non succede perché Può darsi che gli effetti collaterali di una dieta ad alto indice glicemico nelle donne siano mediati da differenze nel profilo delle lipoproteine, che ad esempio a causa delleffetto degli estrogeni hanno un metabolismo che corre a velocità doppia rispetto a quello degli uomini, o nel metabolismo del glucosio. Questa però è solo unipotesi.

12 I CARBOIDRATI FANNO INGRASSARE O NO? - Titolo: Carboidrati amici o nemici - Sito: Pianeta Donna – My Personal Trainer - Autore: Davide Marciano - Data: non è riportata - Link sito: carboidrati.htmlhttp://www.my-personaltrainer.it/dieta/dieta- carboidrati.html - Link immagine: carboidrati_clip_image002.jpghttp://www.my-personaltrainer.it/dieta/dieta- carboidrati_clip_image002.jpg

13 SINTESI I carboidrati hanno uno stretto rapporto con linsulina (lormone ingrassante): infatti ai carboidrati viene assegnato un indice glicemico (IG) che rappresenta la velocità con la quale arrivano al torrente ematico e causano una risposta insulinica. Fino a quando i valori di insulina rimangono medio - bassi non vi sono problemi dal punto di vista lipidico, ma nel momento in cui i valori cominciano ad essere superiori rispetto alla norma si attiva la liposintesi, (fabbricazione di nuove molecole di grasso) e aumenta la permeabile degli adipociti (cellule di grasso) rendendoli più grandi.

14 Maggiori saranno i valori di insulina e più grasso immagazzineremo. Più è alto lindice glicemico e più il nostro sangue si arricchirà di glucosio, creando una reazione iperglicemica. Inoltre, l'abbondante produzione di insulina provoca una ipoglicemia accompagnata da debolezza, affaticamento ma principalmente dallo stimolo della fame. Questo processo è chiamato da alcuni "l'inferno dei carboidrati". Quindi i carboidrati recano "problemi" se hanno un indice glicemico alto e se sono assunti in quantità industriali.

15 Caratteristiche generali I glucidi (dal greco glucos, cioè dolce), chiamati anche zuccheri o carboidrati (da idrati di carbonio) o saccaridi, sono una delle principali classi di biomolecole. Hanno numerose funzioni biologiche tra cui quella di riserva energetica e trasporto dell'energia (esempio: amido, glicogeno). WIKIPEDIA Digitando la parola Carboidrati sulla barra di ricerca del sito Wikipedia (lenciclopedia multilingue collaborativa online), la ricerca ci riporta alla voce Glucidi (http://it.wikipedia.org/wiki/Glucidi, visitato il 26/04/2011). Ho riportato i risultati ottenuti e ne ho fatto una breve sintesi.http://it.wikipedia.org/wiki/Glucidi

16 Nutrimento I carboidrati: sono nutrienti essenziali per gli esseri umani: il corpo può ottenere tutta l'energia necessaria da proteine e grassi. Però una dieta completamente priva di carboidrati può portare a chetosi (sintomo di un alterato metabolismo degli acidi grassi). Il cervello e i neuroni hanno bisogno di glucosio da cui ricavare energia: questo glucosio può essere ricavato da alcuni degli amminoacidi presenti nelle proteine e anche dal glicerolo presente nei trigliceridi.

17 F orniscono 3,75 kcal per grammo, le proteine 4 kcal per grammo, mentre i grassi forniscono 9 kcal per grammo. Negli esseri umani, solo alcuni carboidrati possono fornire energia, tra questi ci sono molti monosaccaridi e alcuni disaccaridi. Anche altri tipi di carboidrati possono essere digeriti, ma solo grazie all'aiuto dei batteri intestinali.

18 Tra i cibi ricchi di carboidrati ricordiamo il pane, la pasta, i legumi, le patate, la crusca, il riso e i cereali. La maggior parte di questi cibi sono ricchi di amido. La FAO (Food and Agriculture Organization) e l'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) raccomandano di ingerire il 55-75% dell'energia totale dai carboidrati, ma solo il 10% dagli zuccheri semplici.

19 Possiamo ben vedere che le uniche informazioni sui carboidrati che possiamo ottenere dal sito Wikipedia riguardano esclusivamente il nutrimento e la funzione di riserva di energia di questultimi, ma non cè alcun riferimento alla connessione tra assunzione di carboidrati e beneficio o non beneficio a livello cardiaco. Per verificare se le notizie di divulgazione scientifica raccolte finora corrispondono al vero, o semplicemente per approfondirle, occorre eseguire una ricerca più dettagliata attraverso fonti più autorevoli (come articoli di riviste, siti di comunicazione scientifica).

20 COMUNICAZIONE SCIENTIFICA RICERCA SU GOOGLE SCHOLAR IN INGLESE PAROLE CHIAVE: CARBOHYDRATES AND ARTERIES Rivista online: The American Journal of Cardiology, Link: Titolo articolo: Lipid and carbohydrate abnormalities in patients with angiographically documented coronary artery disease, Volume 24, Issue 2

21 Pagine: Autore: Robert A. Heinle, Robert I. Levy, Donald S. Frederickson and Richard Gorlin Data: August 1969 Link:http://www.sciencedirect.com/science?_ob=ArticleURL&_u di=B6T10-4BWYJ3R- 7N&_user=10&_coverDate=08%2F31%2F1969&_rdoc=1&_fm t=high&_orig=gateway&_origin=gateway&_sort=d&_docanch or=&view=c&_searchStrId= &_rerunOrigin=schola r.google&_acct=C &_version=1&_urlVersion=0&_us erid=10&md5=2bad b2d3d e20bf&searc htype=a (verificato il 26/04/2011)http://www.sciencedirect.com/science?_ob=ArticleURL&_u di=B6T10-4BWYJ3R- 7N&_user=10&_coverDate=08%2F31%2F1969&_rdoc=1&_fm t=high&_orig=gateway&_origin=gateway&_sort=d&_docanch or=&view=c&_searchStrId= &_rerunOrigin=schola r.google&_acct=C &_version=1&_urlVersion=0&_us erid=10&md5=2bad b2d3d e20bf&searc htype=a

22 SINTESI Si tratta di un articolo pubblicato su The American Journal of Cardiology, una rivista scientifica online nel campo della cardiologia e delle malattie cardiovascolari. In particolare, larticolo descrive i risultati di alcuni studi fatti su 134 pazienti con documentata malattia cronica: ciascuno di essi presenta alterati livelli di lipoproteine e perciò alterazioni a livello del metabolismo lipidico e dei carboidrati. Il 54% dei pazienti infatti aveva un modello anormale delle lipoproteine e il 67% una risposta anomala a un test di tolleranza al glucosio per via endovenosa. Nei pazienti sotto i 50 anni, il 96 per cento aveva una o entrambe le anomalie metaboliche e l'80 per cento aveva un modello anormale delle lipoproteine. Inoltre, è diminuita l'età media di comparsa di queste anomalie delle lipoproteine di circa sette anni.

23 È importante identificare subito questi tipi di alterazioni metaboliche in maniera da prevenire i rischi di malattia coronarica, fare diagnosi nei pazienti con dolore toracico e servire come una guida alla terapia razionale nei pazienti con coronaropatia.

24 RICERCA SU PUBMED ( PAROLE CHIAVE: CARBOHYDRATES AND ARTERIES Utilizzando la stringa carbohydrates and diabetes, ho ottenuto una lista di risultati (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed?term=CARBOHYDRATES%2 0AND%20ARTERIES, visitato il 26/04/2011); i più interessanti sono:http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed?term=CARBOHYDRATES%2 0AND%20ARTERIES

25 Diet and myocardial infarction: A nested case-control study in a cohort of elderly subjects in a Mediterranean area of southern Italy. Diet and myocardial infarction: A nested case-control study in a cohort of elderly subjects in a Mediterranean area of southern Italy. Pierucci P, Misciagna G, Ventura MT, Inguaggiato R, Cisternino AM, Guerra VM, Suppressa P, Resta F, Sabbà C. Nutr Metab Cardiovasc Dis Apr 7. [Epub ahead of print] PMID: [PubMed - as supplied by publisher] Related citations Food as a Bariatric Drug. Food as a Bariatric Drug. Shriner RL. Curr Pharm Des Apr 15. [Epub ahead of print] PMID: [PubMed - as supplied by publisher] Related citations

26 Dietary Fat and Carbohydrate Composition: Metabolic Disease. Dietary Fat and Carbohydrate Composition: Metabolic Disease. Brown MA, Storlien LH, Huang XF, Tapsell LC, Else PL, Higgins JA, Brown IL. In: Montmayeur JP, le Coutre J, editors. Fat Detection: Taste, Texture, and Post Ingestive Effects. Boca Raton (FL): CRC Press; Chapter 21. PMID: [PubMed] Books & Documents Free full textFree full text Related citationsRelated citations

27 Sono risultati utili al confronto due articoli in particolare, in quanto sono parsi più pertinenti agli argomenti trattati, e dunque più adatti a essere portati a confronto con le notizie ritrovate precedentemente nei vari articoli: [Prevention of atherosclerosis. Excess palmitic acid in food is a cause of hypercholesterolemia, inflammatory syndrome, insulin resistance in myocytes, and apoptosis]. [Prevention of atherosclerosis. Excess palmitic acid in food is a cause of hypercholesterolemia, inflammatory syndrome, insulin resistance in myocytes, and apoptosis]. [No authors listed] Klin Lab Diagn Feb;(2):4-15. Russian. PMID: [PubMed - in process] Related citations

28 Questarticolo spiega come siano strettamente correlate condizioni cliniche che predispongono a malattie cardiovascolari (come larteriosclerosi, il diabete mellito e le sindromi metaboliche) con la presenza di carboidrati e acidi grassi. Questarticolo spiega come siano strettamente correlate condizioni cliniche che predispongono a malattie cardiovascolari (come larteriosclerosi, il diabete mellito e le sindromi metaboliche) con la presenza di carboidrati e acidi grassi nel sangue. Queste malattie, infatti, nel loro insieme, danno luogo alla compromissione di varie funzioni biologiche (come lexotropia, cioè lalimentazione esterna, e la purezza del mezzo intercellulare), poiché sono causate dall accumulo di detriti intercellulari, più specificamente dallaccumulo di lipoproteine a bassa densità (LDL). SINTESI

29

30 Le cause della formazione di LDL sono una preponderanza di trigliceridi in idrolisi. L'eccesso di acidi grassi saturi (SFA) è responsabile dell abbassata permeabilità della membrana plasmatica, della morte cellulare e dellaumento dell'accumulo di detriti nel mezzo intercellulare. Quindi, lelevata concentrazione di acidi grassi saturi e il suo assorbimento passivo in forma di acidi grassi non esterificati, così come gli alti livelli di proteina C- reattiva, sono causa di resistenza all'insulina. L'unico modo per prevenire l'arteriosclerosi nella popolazione è di normalizzare la funzione biologica di exotropia quando il rapporto tra valore energetico di acidi grassi, proteine e carboidrati è 1: 1: 1 e quello di acidi grassi saturi, monogenici e poligenici acidi grassi è anche 1: 1: 1.

31

32 Consensus Dietary Guidelines for Healthy Living and Prevention of Obesity, the Metabolic Syndrome, Diabetes, and Related Disorders in Asian Indians. Consensus Dietary Guidelines for Healthy Living and Prevention of Obesity, the Metabolic Syndrome, Diabetes, and Related Disorders in Asian Indians. Misra A, Sharma R, Gulati S, Joshi SR, Sharma V, Ghafoorunissa, Ibrahim A, Joshi S, Laxmaiah A, Kurpad A, Raj RK, Mohan V, Chandalia H, Krishnaswamy K, Boindala S, Gopalan S, Bhattiprolu SK, Modi S, Vikram NK, Makkar BM, Mathur M, Dey S, Vasudevan S, Gupta SP, Puri S, Joshi P, Khanna K, Mathur P, Krishnaswamy S, Madan J, Karmarkar M, Seth V, Passi SJ, Chadha D, Bhardwaj For The National Dietary Guidelines Consensus Group S. Diabetes Technol Ther Apr 13. [Epub ahead of print] PMID: [PubMed - as supplied by publisher] Related citations

33 SINTESI Secondo larticolo, lIndia è un Paese che sta subendo una rapida transizione alimentare con conseguente consumo eccessivo di calorie, grassi saturi, acidi grassi trans, zuccheri semplici, sale e ridotto apporto di fibra. Questa dieta assolutamente sbagliata e dannosa per lorganismo, unita a uno stile di vita sedentario, ha portato ad un notevole aumento di obesità e malattie non trasmissibili legate all'alimentazione (diabete mellito di tipo 2 [DM2], malattie cardiovascolari [CVD], ecc), prevalentemente nelle zone urbane, ma anche nelle zone rurali.

34 Le linee guida dietetiche attuali includono una riduzione del consumo di carboidrati, unassunzione preferenziale di carboidrati complessi e alimenti a basso indice glicemico, una maggiore assunzione di fibre, una minore assunzione di grassi saturi, un rapporto ottimale di acidi grassi essenziali, una riduzione di acidi grassi trans, unassunzione di proteine leggermente più alta, una minore assunzione di sale, e unassunzione limitata di zucchero.

35 Queste linee guida sono particolarmente applicabili a coloro che risiedono nelle aree urbane e nelle zone semi-urbane. La corretta applicazione di queste contribuirà a frenare la crescente "epidemia" di obesità, la sindrome metabolica, lipertensione, il diabete di tipo 2, e le malattie cardiovascolari e negli indiani asiatici.

36

37 CREAZIONE DI UN MOTORE DI RICERCA PERSONALIZZATO CON GOOGLE Pannello di controllo - Informazioni di base: Sapori & SaluteSapori & Salute Informazioni di base Il nome e la descrizione del tuo motore di ricerca verranno mostrati nella relativa home page di Google. Nome del motore di ricerca: Sapori & Salute Descrizione del motore di ricerca: Scienza che studia l'alimentazione dal punto di vista tecnico-scientifico ma anche culinario Le parole chiave descrivono il contenuto o l'argomento trattato dal motore di ricerca e vengono utilizzate per perfezionare i risultati del motore di ricerca. Ulteriori informazioni. Parole chiave del motore di ricerca: ad esempio valori nutrizionali, malattie cardiovascolari, carboidrati e colesterolo ID univoco del motore di ricerca: :hgsswocm7xk home pageUlteriori informazioni

38 Pannello di controllo - Siti: Sapori & SaluteSapori & Salute Siti inclusi Visualizzazione 1-4 di Indirizzo motore: 7xk Ricerca: Malattie cardiovascolari Risultati: 255 Discussione dei risultati

39 CONCLUSIONI Per concludere questa carrellata di articoli di divulgazione e comunicazione scientifica, possiamo semplicemente dire che molto spesso non è raccomandabile e soprattutto conveniente credere a ciò che leggiamo su riviste di giornali divulgativi, in quanto le notizie che riportano non sempre sono attendibili, anzi, spesse volte sono infondate. Nel nostro caso, una rivista riportava un articolo che sosteneva che i carboidrati facessero bene al cuore delle donne: ebbene, cercando lo stesso argomento su siti di riviste scientifiche ho riscontrato numerosi articoli che sostenessero il contrario, ovvero, che i carboidrati e in generale gli zuccheri sono dannosi per il nostro apparato cardio-circolatorio, e non vi sono distinzioni tra maschi e femmine.

40 Attraverso questo lavoro di ricerca ho imparato la differenza tra divulgazione e comunicazione: molte persone si fanno influenzare e convincere da ciò che leggono su questi articoli divulgativi di riviste non specializzate e siti molto approssimativi nelle informazioni che danno ai lettori, i quali basano, quindi, le loro conoscenze su informazioni sbagliate. In conclusione, dunque, è sempre meglio verificare, controllare una notizia e accertarsi che sia corretta prima di giudicarla attendibile o meno.

41 SITOGRAFIA pasta-fanno-bene-al-cuore?refresh_ce donne/1997/ BWYJ3R- 7N&_user=10&_coverDate=08%2F31%2F1969&_rdoc=1&_fmt=high&_ori g=gateway&_origin=gateway&_sort=d&_docanchor=&view=c&_searchStrI d= &_rerunOrigin=scholar.google&_acct=C &_versio n=1&_urlVersion=0&_userid=10&md5=2bad b2d3d e 20bf&searchtype=a RTERIES Tutti i siti sono stati visitati il 26/04/2011

42 GRAZIE PER LA CORTESE ATTENZIONE !


Scaricare ppt "I CARBOIDRATI Ricerca in Internet Dalla divulgazione alla comunicazione scientifica Maria Federici Campus Bio-Medico II SANU."

Presentazioni simili


Annunci Google