La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Parco Nazionale dello Stelvio Val Grande dei camuni Vezza DOglio ( Bs )

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Parco Nazionale dello Stelvio Val Grande dei camuni Vezza DOglio ( Bs )"— Transcript della presentazione:

1 Parco Nazionale dello Stelvio Val Grande dei camuni Vezza DOglio ( Bs )

2 Date e accompagnatori lunedì 28 e martedì 29 settembre accompagnatori Ghilardi e don Andrea

3 Obiettivi educativo - didattici Osservare ed acquisire i contenuti multidisciplinari relativi agli ambienti naturali Comprendere limportanza della visita distruzione come mezzo di approccio alla conoscenza e allo studio di un ambiente naturale Accertare la capacità di socializzazione nonché la capacità di un comportamento corretto durante una visita Vivere la singolarità di una esperienza: autogestione di una serata insieme in un rifugio

4

5 IL PARCO DELLO STELVIO DETTAGLIO CARTINA

6 Il Parco Nazionale della Val Grande dei camuni Il Parco Nazionale della Val Grande, situato nel Verbano Cusio Ossola nella zona alta del Lago Maggiore, è uno dei più belli di questa nostra Italia, forse non è famoso come altri Parchi presenti sul territorio nazionale, ma sta di fatto che al suo interno, grazie alla ragione di essere una zona selvaggia con la S maiuscola, vi è una notevole se non impressionante varietà di specie, alcune molto rare, di flora e fauna.

7 ……… per osservare da vicino i cervi in amore e sentire i loro bramiti che echeggiano in tutta la vallata

8 Cervi in Val Grande !!! Andremo ad osservare questi magnifici animali durante il periodo più suggestivo: il periodo degli amori. Forse potremo assistere agli incredibili riti di corteggiamento e alle violente battaglie tra maschi per la supremazia sul territorio.

9 ancora cervi ……..

10 Il CERVO Grosso ed elegante, il cervo (cervo nobile, cervo elafo, cervo europeo) ha, nel maschio, corna imponenti e ramificate che ogni anno cadono per ricrescere nel periodo da marzo a giugno. Le dimensioni delle nuove corna sono in genere maggiori delle vecchie, ma dipendono dallo stato di salute dell'animale e dalle condizioni ambientali e di alimentazione. Abita normalmente i boschi di conifere; in primavera ed in autunno si spinge a volte molto in basso, anche nei pressi dei centri abitati; d'estate, invece, risale talvolta sopra il limite arboreo. I branchi sono composti da femmine e piccoli, mentre i maschi fanno vita solitaria, riunendosi al branco in autunno, al momento della riproduzione. I boschi si riempiono allora dei loro bramiti, con cui ciascun maschio segnala la propria presenza sia alle femmine che ai rivali, con i quali ingaggia furiose lotte per il possesso delle femmine. Dopo settimane di gravidanza, verso la fine di maggio, nasce il piccolo cerbiatto (molto raramente vi sono parti gemellari) con il manto a macchie bianche.

11 Programma dellescursione Dopo lincontro con gli accompagnatori, inizio dellescursione che non presenta difficoltà tecniche, ma è una camminata su comodo sentiero tra boschi e radure. Il camino effettivo per arrivare al rifugio è di 3 ore con un dislivello di 900 metri circa. E programmata una sosta per una merenda leggera a circa metà strada presso una bella chiesetta in un ampio prato attrezzato con tavoli e panchine. Arrivo al rifugio, pranzo al sacco portato da ciascuno. Mentre si sorseggia un buon te ristoratore, la guida alpina e lesperto faunista forniranno spiegazioni molto interessanti su aspetti faunistici e naturalistici riguardanti lambiente del Parco, la sicurezza in montagna, lequipaggiamento, la scelta dellitinerario e limportanza delle previsioni meteo, le norme di comportamento allinterno di unarea protetta, cosa fare in caso di difficoltà o di incidente. Uscita nei dintorni del rifugio, avvistamento dei cervi e ascolto del loro inconfondibile richiamo. Per una migliore osservazione potremo utilizzare i binocoli che le guide alpine ci metteranno a disposizione. Cena, momento conviviale e pernottamento al rifugio. Primo giorno

12 Programma dellescursione Dopo la prima colazione al rifugio, piccola escursione nel Parco e ritorno a fondovalle. Alcune soste, durante la discesa, in posti strategici per osservare anche molto da vicino i cervi e il loro comportamento. Sosta per il pranzo al sacco portato da ciascuno a circa metà percorso. Arrivo a Vezza DOglio e partenza per Mozzo. Arrivo previsto alle ore 16, ,30 circa. Secondo giorno

13 Sosta per il pranzo presso la chiesina a metà strada

14 davanti al rifugio si osservano i cervi…

15 si collabora …..

16 si ammira il panorama e si prende il sole….

17 Allinterno del bivacco Saverio Occhi

18 imparando qualcosa di nuovo divertendosi

19 osservazione nei dintorni del rifugio

20 Escursione in Val Grande IL BRAMITO DEI CERVI Si consiglia abbigliamento da montagna scarponcini zaino con il pranzo al sacco pile o maglione guanti e berretto di lana biancheria di ricambio ciabatte per il rifugio sacco lenzuolo o sacco a pelo leggero giacca antivento mantellina in caso di pioggia, set per la pulizia personale, torcia macchina fotografica, cannocchiale e un po di spirito di adattamento e di condivisione…..

21 e per ultimo… un augurio che siano due belle giornate e speriamo……… con un sole splendente !


Scaricare ppt "Parco Nazionale dello Stelvio Val Grande dei camuni Vezza DOglio ( Bs )"

Presentazioni simili


Annunci Google