La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VI Settore Tutela Ambientale AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI RIETI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VI Settore Tutela Ambientale AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI RIETI."— Transcript della presentazione:

1 VI Settore Tutela Ambientale AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI RIETI

2 Definizione di bosco di cui alla L.R. n. 39/2002 art. 4 Una superficie coperta da vegetazione forestale …di almeno 5000 metri quadri, di larghezza mediamente maggiore di 20 metri e copertura della superficie non inferiore al 20%

3 Funzione produttiva Funzione protettiva (difesa idrogeologica) Funzione igienico ricreativa FUNZIONE DEL BOSCO

4 Multifunzionalità * Legno * Prodotti non legnosi * Biodiversità * Regimazione delle acque * Sequestro del carbonio * Conservazione del suolo * Attività ricreative * Turismo * Salvaguardia di stili di vita tradizionali Protettiva

5 La valenza multifunzionale dei boschi scaturisce dai legami di interdipendenza e sinergia che si instaurano tra il territorio, le risorse forestali e non forestali (biotiche e abiotiche) e la società, in un equilibrio dinamico da tutelare e valorizzare, prevenendo processi di degrado per sovrasfruttamento, abbandono, incuria e/o ignoranza. Linsieme di queste risorse deve essere inserito allinterno di circuiti virtuosi apportatori di benefici e vantaggi a favore della collettività in termini di miglioramento socioeconomico e qualità della vita. Linsieme di queste risorse deve essere inserito allinterno di circuiti virtuosi apportatori di benefici e vantaggi a favore della collettività in termini di miglioramento socioeconomico e qualità della vita.

6 GESTIONE FORESTALE SOSTENIBILE … gestione e uso delle foreste e dei territori forestali nelle forme e ad un tasso di utilizzo che consentano di mantenere la loro biodiversità, produttività, capacità di rinnovazione, vitalità ed una potenzialità che assicuri, ora e nel futuro, rilevanti funzioni ecologiche, economiche e sociali a livello locale e globale e non comporti danni ad altri ecosistemi

7 STRATEGIE PER SOSTENIBILITA Strategia di gestione (mantenimento potenziale di mitigazione e garanzia adattamento) Strategia di conservazione (tutela dalle avversità) (tutela dalle avversità) Strategia di espansione (piantagioni su aree marginali) Strategia di sostituzione (energia)

8 Finalità Limiti Luso e il prelievo di prodotti: non possono superare la velocità con la quale la risorsa bosco si rigenera; non possono intaccare le potenzialità evolutive del sistema; non devono ridurre la biodiversità. Il mantenimento del sistema bosco in equilibrio con lambiente; la conservazione e laumento della biodiversità e, più in generale, della complessità del sistema; la congruenza dellattività colturale con gli altri sistemi con i quali il bosco interagisce. LAZIONE SELVICOLTURALE

9 Caratteri modificati dallazione selvicolturale Composizione specifica Densità Distribuzione spaziale della biomassa Distribuzione spaziale dei diversi tipi di bosco e delle varie fasi evolutive Dimensione e forma dei singoli alberi Condizioni allinterno del bosco (calore, umidità,movimenti aria,illuminazione) Stabilità nei confronti degli agenti biotici e abiotici

10 A REGIME (regolarmente utilizzati a fine turno) IN EVOLUZIONE ORIENTATA (superato il turno consuetudinario sono in fase di cambiamento della forma di governo) IN EVOLUZIONE LIBERA (abbandonati, invecchiati degradati) A GESTIONE PARTICOLARE (posizionati in zone a elevata pendenza,a ridosso degli alvei fluviali, su terreni suscettibili a frane, sui crinali) TIPOLOGIA GESTIONALE DEI BOSCHI CEDUI

11 Gestione ambientale sostenibile Programmazione Gestione Salvaguardia dei valori materiali ed immateriali esistenti sul territorio

12 Gestione ambientale sostenibile Programmazione : conoscenza delle risorse presenti e i relativi ecosistemi; pianificare luso delle risorse su aree estese. Gestione: manutenzione di tutte le risorse in forma integrata e coordinata; promuovere lo sviluppo ambientale, sociale economico e culturale delle aree per il miglioramento del benessere e della qualità della vita della popolazioni locali e della collettività generale; promuovere attività economiche inerenti luso delle risorse, lutilizzazione dei prodotti legnosi e non legnosi che creano significative occasioni occupazionali; prevenire i processi di degrado di tutte le risorse che insistono su questi territori; armonizzare gli obiettivi ambientali, sociali, economici e culturali perseguiti con la gestione delle risorse nellambito del quadro normativo vigente; favorire la formazione di risorse, anche finanziarie, da utilizzarsi per la tutela e valorizzazione del patrimonio, nonché per concorrere al miglioramento del benessere e della qualità della vita della popolazioni locali e della collettività generale.

13 PIANIFICAZIONE FORESTALE La pianificazione forestale è uno strumento fondamentale per la gestione dei boschi e delle risorse presenti al loro interno, nonché per i territori su cui insistono, che deve armonizzarsi con gli obiettivi di tutela dei valori presenti nellecosistema e con quelli di uso delle risorse agro-silvo-pastorali.

14 PIANIFICAZIONE FORESTALE Gli elementi qualificanti della pianificazione forestale sono: Quadro giurdico-legislativo e pianificatorio vigente CoerenzaConoscenza Risorse presenti dei processi evolutivi e/o involutivi in atto, delle strutture e infrastrutture presenti Sinergie e/o impatti reciproci tra le diverse attività Razionalizzazione Usi, consuetudini e tradizioni locali legate alla gestione delle risorse agro-silvo-pastorali Indicatori per il monitoraggio degli interventi Implementazione della pianificazione forestale costante e continua, attraverso il monitoraggio, la revisione e laggiornamento

15 Regione LAZIO: PIANO FORESTALE REGIONALE art.80 L.R.39/2002(Misure a favore del sistema forestale) la Regione con le modalità opportune ed in conformità alle disposizioni nazionali e comunitarie vigenti,anche attraverso la concessione di contributi,favorisce gli interventi finalizzati a: a) migliorare,tutelare,pianificare il sistema forestale e i pascoli; b) prevedere,prevenire e lottare contro gli incendi boschivi; c) prevenire e monitorare i processi di degrado fitopatologico; d) valorizzare i prodotti e i servizi forestali attraverso la certificazione della gestione forestale sostenibile e della catena di custodia in conformità agli schemi specifici riconosciuti in ambito nazionale e d internazionale; e)valorizzare, conservare e recuperare il valore storico-culturale dei boschi,in particolare quelli che sono stati oggetto di eventi di particolare rilevanza per la storia nazionale e delle comunità locali; f) gestire i boschi in forma associata ai sensi dellart.23

16 Regione Lazio : categorie inventariali (dati in ha) RegioneLazioSuperficieDisponibileSuperficie Non disponibile Superficie non classificabile Superficie totale Bosco Altre terre boscate I boschi della regione Lazio fissano complessivamente t. di carbonio(53 tha-1) corrispondenti a t di CO2

17 Bosco ha Di cui ( boschi alti) Altre terre boscate 6080 ha Di cui 737 boschi bassi 737 boschi radi 368 boscaglie 3685 arbusteti 553 aree inaccessibili o n.c. Superficie forestale totale ha I boschi della Provincia di Rieti fissano complessivamente t. di carbonio(53 tha-1) corrispondenti a ,4 t di CO2 Provincia di Rieti:estensione delle categorie inventariali

18 Provincia di Rieti:estensione delle categorie forestali dei boschi alti Pinete di Pino nero 1474 ha Faggete ha Querceti a Rovere,Roverella,Farnia ha Cerrete,boschi di Farnetto ha Castagneti 5527 ha Ostrieti,Carpineti ha Boschi igrofili 3316 ha Altri boschi caducifogli ha Leccete 8106 ha Totale ha

19 La Pianificazione forestale nel Lazio

20 Comuni con PGAF presentato (25) ( Belmonte,Borgovelino,Borgorose,Cantalice, CastelS.Angelo,Cittaducale,Collalto,Collevecchio, Colli sulVelino,Concerviano,Fiamignano,Greccio, Leonessa,Marcetelli,MonteS.Giovanni,Paganico, Pescorocchiano,Petrella,P.Catino,P.Mirteto, Rivodutri,Roccasinibalda,Scandriglia,Torri,Varco) Comuni con PGAF approvato (8) 8( Borgorose,Concerviano,Greccio,Leonessa, 8( Borgorose,Concerviano,Greccio,Leonessa, Paganico, Pescorocchiano,Petrella, Roccasinibalda) Altri Enti con PGAF presentato(18) 4 ASBUC :Corvaro,S.Anatolia,Leofreni,S.Lucia di Gioverotondo) 10 UA:S.Rufina,Colle di Tora,Terzone S.Paolo,T.S.Pietro,S.Angelo,S.Vito,Longone, Pozzaglia,Montorio in Valle,Vallecupola) 1Comunanza agraria:Trimezzo 3Altri(Azienda regionale Scandriglia,Sala,Secordaro Torricella Altri Enti con PGAF Approvato (5) 1 ASBUC :S.Lucia di Gioverotondo 1 UA:Longone Sabino 3Altri(Azienda regionale Scandriglia,Sala,Secordaro Torricella

21 Il territorio Variabilità dei fenomeniVelocità di cambiamento nel tempo Sistemi Informativi Territoriali Indispensabile strumento di pianificazione a supporto della programmazione e gestione multifunzionale delle foreste La possibilità di poter integrare strumenti di pianificazione diversa (piani forestali territoriali, piani strutturali, piani paesistici, ecc.) rende i sistemi informativi territoriali dei mezzi di supporto alle decisioni tecniche ed amministrative per poter eseguire un tipo di pianificazione coordinata ed integrata. SIT e Pianificazione Forestale

22 I dati necessari per la costituzione di un SIT nel settore forestale I data base generalmente impiegati nei SIT dedicati allo sviluppo nel settore forestale sono i seguenti: dati relativi alle risorse forestali: specie, età, fertilità, densità, ecc. dati relativi alle risorse forestali: specie, età, fertilità, densità, ecc. dati relativi alla presenza di infrastrutture: strade pubbliche, viabilità forestale, imposti, ecc. dati relativi alla presenza di infrastrutture: strade pubbliche, viabilità forestale, imposti, ecc. dati relativi al sistema socioeconomico: imprese del settore foresta-legno-mobili, materiale che entra ed esce dal territorio di riferimento, prezzi, costi di produzione, ecc. dati relativi al sistema socioeconomico: imprese del settore foresta-legno-mobili, materiale che entra ed esce dal territorio di riferimento, prezzi, costi di produzione, ecc. dati geografici: pendenza, altimetria, esposizione, geologia, rete fluviale, aree urbanizzate, ecc. dati geografici: pendenza, altimetria, esposizione, geologia, rete fluviale, aree urbanizzate, ecc. dati relativi alle emergenze ambientali e paesistiche: aree protette, biotopi, punti paesaggistici, emergenze storiche e architettoniche, ecc. dati relativi alle emergenze ambientali e paesistiche: aree protette, biotopi, punti paesaggistici, emergenze storiche e architettoniche, ecc. dati relativi al regime di proprietà ed ai vincoli: Catasto, carta dei vincoli, ecc. dati relativi al regime di proprietà ed ai vincoli: Catasto, carta dei vincoli, ecc. Dai dati di base sovraesposti possono essere creati vari tematismi utili per lanalisi e la pianificazione nel settore forestale. Tramite lelaborazione di questi data base è possibile costruire delle cartografie specifiche (carta delle proprietà forestali, delle tipologie forestali, ecc.) che saranno alla base delle analisi necessarie alla redazione dei PGAF che hanno lo scopo di dettagliare le attività forestali da realizzare, tenendo conto della multifunzionalità della foresta.

23 Schema riassuntivo dei dati per la costituzione di un SIT forestale e possibili tematismi producibili

24 Che cosè un GIS e perché usarlo Per GIS (Geographic Information System) si intende un insieme di software specializzati nel trattamento di dati e per lelaborazione delle informazioni di tipo geografico Si possono fare meglio, più velocemente e a minor costo tutte le operazioni tradizionali Si possono fare meglio, più velocemente e a minor costo tutte le operazioni tradizionali Acquisire, visualizzare e aggiornare le informazioni provenienti da fonti diverse e localizzate geograficamente Acquisire, visualizzare e aggiornare le informazioni provenienti da fonti diverse e localizzate geograficamente Frequenti passaggi fra differenti scale territoriali che definiscono un ambito di intervento (Comune, Ente Parco, Provincia, Regione, ecc..) Frequenti passaggi fra differenti scale territoriali che definiscono un ambito di intervento (Comune, Ente Parco, Provincia, Regione, ecc..) Lestrazione dei dati per elaborazioni settoriali Lestrazione dei dati per elaborazioni settoriali Si possono effettuare analisi su base territoriale prima solo ipotizzabili Si possono effettuare analisi su base territoriale prima solo ipotizzabili La presentazione cartacea del dato in forma di carte tematiche (mappe catastali, carte geoambientali, carte tecniche regionali, ecc.) La presentazione cartacea del dato in forma di carte tematiche (mappe catastali, carte geoambientali, carte tecniche regionali, ecc.) Si possono gestire nuove forme di dati (telerilevamento, GPS, ecc.) Si possono gestire nuove forme di dati (telerilevamento, GPS, ecc.)

25 Utilizzo dei dispositivi GPS in campo Forestale Dopo aver effettuato il rilievo con il dispositivo GPS è necessario procedere al trasferimento dei dati acquisiti nel computer, per mezzo di appositi software (es. GPS Utility e Map Source). GPS GIS

26 POTENZIALITA DEL GPS IN AMBITO FORESTALE Delimitazione di aree: da sottoporre a taglio boschivo percorse da incendi perimetrazione di aree di diversa natura Rilevamento: dei confini particellari in campo delle coordinate di aree di saggio individuate in campo viabilità forestale elementi particolari o studi specifici che richiedono la georeferenziazione Limpiego del GPS nel settore forestale ha inoltre favorito lo sviluppo dellintegrazione tra dati a terra e dati telerilevati consentendo una stratificazione delle informazioni estremamente precisa e dettagliata.

27 Viabilità forestale I dispositivi GPS vengono comunemente utilizzati per: La georeferenziazione di tracciati di strade o piste esistenti, non identificati nella cartografia. Lindividuazione del tracciato di una nuova strada o pista. Il rilievo della rete dei sentieri ai fini escursionistici.

28 Aree di saggio individuate in campo: Nellambito dei rilievi inventariali il GPS è spesso utilizzato in modalità dinamica per la navigazione in bosco. Permette di ridurre i tempi necessari al raggiungimento dei punti di sondaggio. Lutilizzo del GPS è ormai consuetudinario anche per la georeferenziazione delle aree di saggio individuate soggettivamente.

29 Operazione di campagna Perimetrazione del lotto boschivo

30 Topofilo Per la misurazione della superficie Anni 80/90

31 GPS global positioning system Perimetrazione del lotto con margine di errore max mt. 2

32 Ambizione della Provincia di Rieti: promuovere e sostenere la certificazione della gestione forestale sostenibile Certificazione di Gestione Forestale Sostenibile (GFS) Cosa garantisce la Certificazione Forestale? La certificazione di GFS garantisce al consumatore finale che i prodotti di origine forestale (il legno o un suo derivato, come la cellulosa, ma anche i prodotti forestali non legnosi come funghi, tartufi, frutti di bosco, castagne, ecc.) derivano da foreste gestite in maniera legale e sostenibile, quindi non provengano da tagli illegali o da interventi irresponsabili, che possono portare allimpoverimento o alla distruzione delle risorse forestali.

33 Il tartufo del Cicolano La Castagna Rossa del Cicolano e Marrone di Antrodoco

34 CERTIFICAZIONE FORESTALE DI GESTIONE FORESTALE SOSTENIBILE Perché è importante la Certificazione forestale? La certificazione forestale ha origine dalla crescente esigenza dei consumatori di poter disporre di prodotti a base di legno proveniente da boschi gestiti in maniera corretta, sia da un punto di vista ecologico che economico e sociale (cioè sostenibile). La collettività è sempre più sensibile verso i temi ambientali e della gestione del territorio e di conseguenza il mercato accorda sempre di più la preferenza a quei prodotti realizzati con legname proveniente da foreste gestite in modo sostenibile, anche per essere sicuri che il legname non provenga da foreste tagliate illegalmente o in maniera insostenibile. Quali sono i vantaggi commerciali della certificazione? Un maggior accesso al mercato: sempre più clienti e commercianti richiedono esplicitamente prodotti provenienti da fonti certificate Un maggior accesso al mercato: sempre più clienti e commercianti richiedono esplicitamente prodotti provenienti da fonti certificate La dimostrazione del proprio impegno per lo sviluppo sostenibile La dimostrazione del proprio impegno per lo sviluppo sostenibile La creazione di un sistema di contabilità del flusso di legname, che può incrementare lefficienza dellattività commerciale La creazione di un sistema di contabilità del flusso di legname, che può incrementare lefficienza dellattività commerciale Una migliorata immagine del settore della lavorazione del legno e dei suoi derivati Una migliorata immagine del settore della lavorazione del legno e dei suoi derivati La promozione del legno e dei suoi derivati, con una maggiore competitività rispetto ai materiali concorrenti La promozione del legno e dei suoi derivati, con una maggiore competitività rispetto ai materiali concorrenti

35 A Approccio di sistema Aspetti economici Benefici sociali 1. Rispetto delle leggi nazionali e degli accordi internazionali 2. Tutela dei diritti di proprietà e duso delle risorse forestali 3. Riconoscimento e tutela diritti popolazione indigena 4. Rispetto diritti lavoratori, benessere comunità locali 5. Uso efficiente prodotti e servizi da foreste 6. Impatti ambientali: conservazione biodiversità, paesaggio, … 7. Attuazione di un piano di gestione forestale 8. Monitoraggio/valutazione della foresta e d. gestione 9. Salvaguardia delle foreste di grande valore ambientale 10. Gestione delle piantagioni (impatti su ambiente naturale,…) Impatti ambientali Standard FSC PER LA GESTIONE FORESTALE

36 Provincia di Rieti Corpo Forestale Coordinamento Provinciale VADEMECUM UTILIZZAZIONI FORESTALI

37 Questo Vademecum consente allutenza di individuare la procedura da seguire in funzione delle tipologie di intervento e del rispettivo regime amministrativo (autorizzazione o comunicazione) previsti dal Regolamento Regionale n. 7/2005, oltre alla corrispondente documentazione tecnica prevista. In funzione del tipo di intervento da eseguire, le richieste (regime di comunicazione, regime di autorizzazione) dovranno essere inoltrate allUfficio Forestazione dellAmministrazione Provinciale di Rieti, secondo i modelli predisposti dalla stessa Amministrazione.

38 Riferimenti normativi (asse portante del Vademecum) R.D.L. n. 3267/1923 R.D.L. n. 3267/1923 R.D. n. 1126/1626 R.D. n. 1126/1626 L. n. 1766/1927 L. n. 1766/1927 L.R. n. 14/1999 L.R. n. 14/1999 L.R. n. 39/2002 e s.m.i. Norme in materia di gestione delle risorse forestali L.R. n. 39/2002 e s.m.i. Norme in materia di gestione delle risorse forestali (Norme in materia di gestione delle risorse forestali) Regolamento Regionale n. 7/2005 e s.m.i. Regolamento di attuazione dellart. 36 della L.R. n. 39/2002 (Norme in materia di gestione delle risorse forestali) Regolamento Regionale n. 3/2006 Modifiche al Regolamento di attuazione n. 7/2005 Regolamento Regionale n. 3/2006 Modifiche al Regolamento di attuazione n. 7/2005 L. n. 394/1991 L. n. 394/1991 L.R. n. 29/1997 L.R. n. 29/1997 L.R. n. 24/1998 L.R. n. 24/1998 L.R. n. 25/1998 L.R. n. 25/1998 L. n. 183/1989 L. n. 183/1989 L.R. n. 53/1998 L.R. n. 53/1998 L. n. 353/2000 L. n. 353/2000 D.Lgs. N. 227/2001 D.Lgs. N. 227/2001 D.P.R. n. 357/1997 D.P.R. n. 357/1997 D.P.R. n. 120/2003 D.P.R. n. 120/2003 D.G.R. n. 2146/1996 D.G.R. n. 2146/1996 D.G.R. n. 651/2005 D.G.R. n. 651/2005 D.G.R. n. 533/2006 D.G.R. n. 533/2006 D.G.R. n. 534/2006 D.G.R. n. 534/2006 D.G.R. n. 6215/1996 D.G.R. n. 6215/1996 D.G.R. n. 3888/1998 D.G.R. n. 3888/1998 D.G.R. n. 1745/2002 D.G.R. n. 1745/2002 L. n. 241/90 e s.m.i L. n. 241/90 e s.m.i D.P.R. n. 445/2000 D.P.R. n. 445/2000 D.Lgs. N. 196/2003 D.Lgs. N. 196/2003 D.Lgs. N. 42/2004 D.Lgs. N. 42/2004 D.G.R. n. 126/2005 D.G.R. n. 126/2005

39 Documentazione da allegare ad ogni richiesta prevista ai sensi della L.R. n. 39/2002 e del Regolamento Regionale n. 7/2005 Documentazione amministrativa (comune a tutte le tipologie di intervento): Dichiarazione sostitutiva dellAtto di Notorietà Dichiarazione sostitutiva dellAtto di Notorietà Dichiarazione di consenso allutilizzo dei dati personali Dichiarazione di consenso allutilizzo dei dati personali Nulla Osta da parte della proprietà (pubblica o privata) nei confronti dellesecuzione dellintervento Nulla Osta da parte della proprietà (pubblica o privata) nei confronti dellesecuzione dellintervento Documentazione tecnica consistente in: Dichiarazione di Taglio Dichiarazione di Taglio Progetto di Miglioramento e Ricostituzione Boschiva (i contenuti sono previsti allart. 10 del R.R. n. 7/2005) Progetto di Miglioramento e Ricostituzione Boschiva (i contenuti sono previsti allart. 10 del R.R. n. 7/2005) Progetto di Utilizzazione Forestale (i contenuti sono previsti allart. 11 del R.R. n. 7/2005) Progetto di Utilizzazione Forestale (i contenuti sono previsti allart. 11 del R.R. n. 7/2005) Eventuali relazioni tecniche specialistiche finalizzate allacquisizione di pareri preventivi specifici (es. studio di compatibilità idro-geomorfologica, studio di incidenza) Eventuali pareri preventivi specifici legati alla presenza di particolari vincoli (es. nulla osta dellEnte gestore dellArea Protetta, pronuncia di Valutazione di Incidenza) Per gli interventi forestali i tecnici progettisti dovranno compilare la Scheda Notizie contenente i dati salienti riguardanti lintervento e la sezione boschiva oggetto dellutilizzazione


Scaricare ppt "VI Settore Tutela Ambientale AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI RIETI."

Presentazioni simili


Annunci Google