La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE BUONE PRASSI disabilità ed integrazione scolastica La continuità tra i diversi ordini e gradi scolastici Presentazione di unesperienza Circolo Didattico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE BUONE PRASSI disabilità ed integrazione scolastica La continuità tra i diversi ordini e gradi scolastici Presentazione di unesperienza Circolo Didattico."— Transcript della presentazione:

1 LE BUONE PRASSI disabilità ed integrazione scolastica La continuità tra i diversi ordini e gradi scolastici Presentazione di unesperienza Circolo Didattico di San Vendemiano - TV

2 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Il progetto si inserisce nel quadro delle iniziative promosse dal Centro Territoriale per lIntegrazione (CTI), il quale sviluppa azioni di promozione, coordinamento, documentazione e messa in rete di esperienze esportabili. Premessa

3 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Presentazione

4 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Concetto di continuità La continuità del processo educativo, fattore rilevante per la positività dellesperienza scolastica di ogni alunno, per il bambino portatore di handicap diviene condizione di garanzia di interventi didattici che non procurino difficoltà nei passaggi dalla scuola materna alla elementare e da questa alla scuola media. (CM 1/88) Fondamenti pedagogici

5 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Concetto di continuità Fonti normative

6 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Descrizione della situazione Il bambino per il quale è stato realizzato il progetto presenta un disturbo generalizzato di sviluppo con difficoltà di: comunicazione relazione apprendimento Dalla CM 1/88 si evince che Nel caso in cui, per problematiche connesse alla situazione di handicap il primo ambientamento nella nuova istituzione scolastica e il passaggio a nuove figure di riferimento costituiscano per lalunno difficoltà tali da compromettere i risultati già raggiunti potranno eccezionalmente essere sperimentati […] interventi rivolti allalunno da parte dellinsegnante di sostegno che lha seguito nel precedente ordine di scuola.

7 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Obiettivi del progetto Lalunno portatore di handicap, proprio in quanto pone alla scuola una domanda più complessa di aiuto educativo e di sostegno didattico necessita più di ogni altro di una particolare attenzione educativa volta a realizzare un progetto individualizzato unitario che, pur nella differenziazione dei tre ordini di scuola, consenta unesperienza scolastica priva di fratture e coerente con gli individuali bisogni educativi e ritmi di apprendimento. Dalla CM 1/88

8 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Obiettivi del progetto PEI Unitarietà

9 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Modalità di raccordo … è utile effettuare incontri tra i capi di istituto, gli insegnanti della classe che il bambino portatore di handicap frequenta, i docenti di sostegno della scuola elementare e media interessate al passaggio dellalunno da un ordine di scuola a quello successivo, gli operatori dei servizi socio- sanitari e i genitori, per un primo esame della situazione ambientale nella quale il bambino dovrà ambientarsi e per una prima valutazione di eventuali obiettivi e difficoltà… Dalla CM 1/88

10 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Azioni svolte Rete di relazioni e relazioni in rete

11 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Azioni svolte Proposta – condivisione – presa di decisione (I quadrimestre) Plesso / Interclasse / Consiglio di Classe Circolo / Istituto (Dirigente, Psicopedagogista e Collegi) Servizi del territorio Famiglia Attività e tempi

12 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Azioni svolte Fase attuativa 1 (II quadrimestre) Delibere dei Collegi (elementare-media) Insieme al bambino insegnanti scuola media in visita nel plesso di appartenenza del bambino Obiettivo: conoscenza dellalunno e organizzazione del lavoro Visita del bambino insieme ai suoi compagni di 5^ elementare alla scuola media Attività e tempi

13 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Azioni svolte Fase attuativa 2 (nuovo anno scolastico) Incontro dellinsegnante di sostegno con il Dirigente della scuola media Partecipazione dellinsegnante di sostegno al Consiglio di Classe (scuola media) Insieme a scuola linsegnante di sostegno accompagna lalunno nella nuova scuola (per un totale di 24 ore distribuite nelle prime 2 settimane di scuola e 2 incontri per la formulazione del PEI e la verifica al termine del I quadrimestre) Attività e tempi

14 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Valutazione dei risultati Soggetti coinvolti

15 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Valutazione dei risultati Soggetti coinvolti

16 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Valutazione dei risultati Soggetti coinvolti

17 Elisabetta Sala docente I.C. San Vendemiano - TV Progetto continuità Valutazione dei risultati Soggetti coinvolti

18


Scaricare ppt "LE BUONE PRASSI disabilità ed integrazione scolastica La continuità tra i diversi ordini e gradi scolastici Presentazione di unesperienza Circolo Didattico."

Presentazioni simili


Annunci Google