La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Caso CATERPILLAR Andri S., Armelli F., Barco A., Chiarello A., Ciriello C., Drago D. Rendicontazione e Controllo delle Risorse Immateriali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Caso CATERPILLAR Andri S., Armelli F., Barco A., Chiarello A., Ciriello C., Drago D. Rendicontazione e Controllo delle Risorse Immateriali."— Transcript della presentazione:

1 Caso CATERPILLAR Andri S., Armelli F., Barco A., Chiarello A., Ciriello C., Drago D. Rendicontazione e Controllo delle Risorse Immateriali

2 LA STORIA dal 1890 al

3 LA STORIA dal 1950 al Dal 1985

4 LA STORIA Il 3° millennio

5 LOFFERTA MACCHINE PER MOVIMENTO TERRA, MACCHINARI DI CANTIERE E PER LA MOVIMENTAZIONE DI MATERIALI: Escavatori Bulldozer Livellatrici Pale Trattori fuoristrada Dumper con ruote o cingolati PEZZI DI RICAMBIO E ACCESSORI venduti al momento dellacquisto della macchina (35-40% dei ricavi) MOTORI per macchine movimento terra e macchinari di cantiere, per autocarri e per applicazioni in diversi settori, tra cui quello nautico, agricolo, industriale e sistemi per la produzione di energia elettrica.

6 CARATTERISTICHE DEL SETTORE CONCORRENTI PRODOTTI SOSTITUTIVI CLIENTI POTENZIALI ENTRANTI FORNITORI

7 CLIENTI

8 Segmentazione per area geografica 49% 44% CLIENTI

9 Caterpillar esporta maggiormente nel Terzo Mondo Possibilità di sviluppoinvestimenti per lapertura (infrastrutture, edifici…)di miniere Dati in milioni di dollari

10 FORNITORI INTEGRAZIONE A MONTE con i propri fornitori nel campo dei componenti il 90% dei componenti sono prodotti internamente alcuni paesi in via di sviluppo (Messico, Brasile, India, Argentina) imposero la realizzazione delle macchine movimento terra a livello locale

11 POTENZIALI ENTRANTI BARRIERE ALLENTRATA : Economie di scala Prodotti di qualità Posizione competitiva Forza del marchio già esistente Fidelizzazione e formazione dei distributori Garanzia di valida assistenza post- vendita Più facile accesso ai canali distributivi

12 CONCORRENTI QUOTE DI MERCATO DEL SETTORE: LEADER E FOLLOWERS Caterpillar 56% 53% 54,4%56,1%53,6%51,9%50%53,3% Komatsu 10,3%10,9%11,6%9%9,2%11,3%11,8%14,3%14,8%15,2% J.I.Case 6,7%6,9%8,9%8,3%7,2%7,4%8,5%9,4%10,5%10,3% Fiat – Allis 4,3%4%3,8%7,3%7,7%6,3%6,5%6,1%5,8%5,7% Deere 5,8%6,2%6,3%6,1%4,7%5,2%6,6%6,7%7,1%6,6% International Harvester 11%10%10,1%9,7%10%7,6%7,2%6,6%7,1%5,1% Clark 5,9%6%6,3%6,6%6,8%6,1%5,8%5%4,7%3,8%

13 Quote di mercato per singolo prodotto LEADERSHIPQUOTA DI MERCATO CONSISTENTE

14 LA FORMULA IMPRENDITORIALE s Strategia competitiva Strategia sociale Struttura organizzativa Strategia economico- finanziaria

15 STRATEGIA COMPETITIVA Orientamento alla qualità Innovazione continua Distribuzione capillare (contratti di licenza esclusiva per linea di prodotto) Servizi di assistenza post-vendita Sperimentazione per imitazione Acquisizioni e partecipazioni strategiche (limiti legali) Miglioramento continuo del prodotto e dei canali di marketing Diversificazione per via esterna Integrazione verticale a monte Integrazione orizzontali (Mitsubishi) Vantaggio di differenziazione: Vantaggio di costo:

16 STRATEGIA SOCIALE Collaborazione con i governi Sostegno finanziario ai distributori Localizzazione impianti in base alla vicinanza a certi clienti Corsi di formazione per distributori,dipendenti e dimostrazioni prodotto per i clienti Strategia di riservatezza verso i media Salari elevati e benessere economico della comunità Carta dei principi Caterpillar Cod of Worldwide Business Conduct Politiche di sostenibilità ambientale Definizione di obiettivi e strategie con clienti e fornitori

17 STRATEGIA ORGANIZZATIVA Percorsi di formazione e di crescita manageriale interna Struttura manageriale semplice (comunicazione informale) Clima favorevole nellambiente lavorativo Cultura da club privato

18 STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA Strategia finanziaria prudenteForte reinvestimento degli utiliInvestimenti continui in tecnologia e produzioneSostegno finanziario ai distributoriElevate giacenze di magazzino per scortaApplicazione di prezzi più elevati rispetto ai concorrenti

19 Conoscenze Coesione del personale Credibilita Patrimonio tecnico industriale Saper fare ogni cosa in modo migliore degli altri concorrenti Efficiente programmazione Gestione computerizzata scorte Professionalità produttiva, alta qualità prodotti Integrazione verticale: - mat prime - motori Selezione accurata personale Responsabilità individuale, rapporti informali e collaborativi Prodotti di alta qualità (prezzi alti) e ottima fornitura pezzi di ricambio Patrimonio commerciale Assistenza diretta e servizi post-vendita in tempo reale Distribuzione capillare a livello internazionale Sostegno finanziario e formazione rete distributori Marchio di successo Fedeltà clienti RISORSE CHIAVE PER CONSEGUIRE IL VANTAGGIO COMPETITIVO

20 Conoscenze Coesione del personale Credibilità Patrimonio manageriale Manager spesso in viaggio, apporto di conoscenze Visione di lungo periodo Cultura delClub privato Management molto unito Innovazione continua Posizione di leadership basata su conoscenze specifiche e approfondite Crescita e formazione interna Patrimonio finanziario Reinvestimento utili Sostegno finanziario distributori Basso indebitamento Patrimonio sociale Collaborazione con governi esteri Cultura delClub privato Spirito di sqaudra Strategie di sviluppo con clienti e fornitori Impegno nel rispetto della carta dei principi CCWB e piano OCSE

21 ANALISI ECONOMICO – FINANZIARIA INDICI DI REDITTIVITÀ RIDUZIONE ROI -> ROS: peggior RO dovuto allinnalzamento dei costi di produzione e delle spese G&A. RIDUZIONE ROI -> ROT: diminuzione del fatturato ma soprattutto da un consistente aumento dellattivo patrimoniale (attività correnti e rimanenze)

22 ANALISI DI EFFICIENZA Aumento non proporzionale del costo delle materie prime (10%) rispetto a quello del fatturato netto (5%).

23 i costi di produzione rappresentano la quasi totalità dei costi lattivo immobilizzato è aumentato più che proporzionalmente rispetto al totale attivo durante lanno 1979.

24 VISIONE DEL FUTURO Sistema distributivo efficace -> successo dei clienti! Leadership mondiale per ogni linea di prodotto Prodotti e servizi in ottica di sostenibilità sociale e ambientale Modello organizzativo: spirito di squadra per tradurre i valori in azioni Catena di approvvigionamento di alto livello Prestazioni finanziarie vantaggiose per gli azionisti


Scaricare ppt "Caso CATERPILLAR Andri S., Armelli F., Barco A., Chiarello A., Ciriello C., Drago D. Rendicontazione e Controllo delle Risorse Immateriali."

Presentazioni simili


Annunci Google