La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Indagine ISPO (commissionata da associazione italiana nuclearisti): sulla carta lItalia è pronta a tornare al nucleare Si può dire che il 63% degli italiani.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Indagine ISPO (commissionata da associazione italiana nuclearisti): sulla carta lItalia è pronta a tornare al nucleare Si può dire che il 63% degli italiani."— Transcript della presentazione:

1 Indagine ISPO (commissionata da associazione italiana nuclearisti): sulla carta lItalia è pronta a tornare al nucleare Si può dire che il 63% degli italiani dà più rilievo ai benefici derivanti dallimpiego del nucleare mentre il 37% manifesta posizioni più critiche. Sono stati esclusi dal calcolo dellindice tutti coloro che non sono mai stati in grado di esprimere un opinione (versione ISPO)

2 Il 63% da più rilievo ai benefici di una riduzione dei costi dellEnergia rispetto ai rischi di incidenti (versione moderata) Il 37% dei non esclusi dal calcolo dellindice sintetico è più preoccupata dallaumento di mortalità connessa alla circolazione di materiale radioattivo e cancerogeno rispetto ad un ipotetico risparmio del costo dellenergia (altra versione)

3 Sellafield (Gran Bretagna 1957) - scala Ines 5. Un incendio nel reattore dove si produceva plutonio per scopi militari generò una nube radioattiva imponente. La nube attraversò l'intera Europa. Sono stati ufficializzati soltanto 300 morti per cause ricondotte all'incidente (malattie, leucemie, tumori) ma il dato potrebbe essere sottostimato. Si parla di Nucleare sicuro… quindi quello sicuro di vecchia generazione non era sicuro e veniva comunque installato…

4 Kyshtym (Unione Sovietica 1957) - scala Ines 6. Un bidone di rifiuti radioattivi prese fuoco ed esplose contaminando migliaia di Kmq di terreno. Furono esposte alle radiazioni circa persone. Three Mile Island (Harrisburgh, Usa 1969) - scala Ines 5. Il surriscaldamento del reattore provocò la parziale fusione del nucleo rilasciando nell'atmosfera gas radioattivi pari a terabequerel (TBq). In quella occasione vennero evacuate persone.

5 Tokaimura (Giappone, 1999) - scala Ines 4 Un incidente in una fabbrica di combustibile nucleare attivò la reazione a catena incontrollata. Tre persone morirono all'istante mentre altre 400 furono esposte alle radiazioni.

6 Più ci si avvicina ai giorni doggi più il nucleare è di ultima generazione/sicuro:

7 6 agosto 2008: viene reso noto un incidente che in realtà è avvenuto il 4 luglio 2008 a Tricastin. Ci sono state emissioni di Carbonio radioattivo. Anche se lincidente è stato classificato di livello 1, vengono vietati fino alla fine dellanno tutte le attività che generano scarichi di carbonio 14, perché è già stato raggiunto - e superato del 5% - il limite annuale. 22 agosto 2008: nellimpianto di Pierrelatte viene scoperta una perdita di piccole quantità di uranio per una canalizzazione rotta forse da anni.

8 10 Ottobre 2008: fuoriuscita di materiale radioattivo allinterno del sito per la rigenerazione dei combustibili nucleari di La Hague. Il fatto si sarebbe verificato in realtà il 24 settembre. E il quarto incidente di livello 1 registrato nello stabilimento durante lanno. 16 ottobre 2008: limpianto di Romans sur Isère deve sospendere la sua attività perché gli effluenti dellimpianto nucleare hanno un livello eccessivo di uranio nelle loro acque.

9 28 Gennaio Chalk River, Canada. Solo oggi viene denuciata una perdita di 47 litri di acqua pesante e radioattiva (contenente trizio) avvenuta il 5 dicembre scorso presso la centrale di Chalk River. 4 Febbraio Busko, Ramsko, Jablanicko - Bosnia Erzegovina. Il quotidiano croato Vecernji List denuncia linquinamento da scorie radioattive francesi dei laghi dellErzegovina a partenza della firma dellaccordo di Dayton nel novembre 1995 (http://www.progettohumus.it/public/forum/index.php?topic=560.0)http://www.progettohumus.it/public/forum/index.php?topic=560.0

10 11 Febbraio Francia. Unindagine di France 3 denuncia che 300 milioni di tonnellate di rifiuti radioattivi provenienti dalle miniere di uranio francesi, sono stati disseminati, nel corsi di decenni, nelle campagne, in vicinanza dei centri abitati, e sono serviti per costruire case, scuole e aree gioco per bambini. 22 Febbraio Chalk River, Ontario, Canada. Terza fuga radioattiva nellimpianto di Chalk River, dal dicembre kg dacqua inquinata sono stati ventilati allesterno dopo che due piccoli buchi sono stati rilevati in un tubo. Il tubo è stato riparato. Il reattore è rimasto in attività e la fuga non ha creato ritardi nella produzione.

11 30 Aprile Sellafield, Gran Bretagna. Da oltre 20 giorni si protrae la ricerca, nellimpianto di Sellafield, di due contenitori smarriti con materiale radioattivo risalente agli anni Novembre Three Mile Island, Pittsburg, Pennsylvania, USA. Grande perdita di radioattività da un reattore della centrale atomica. Fuga radioattiva originatasi da isotopo sconosciuto. 200 lavoratori evacuati, 25 sottoposti a cure mediche

12 In conclusione alcune considerazioni: Le tecniche di comunicazione e di sondaggio sono un grande strumento di formazione dellopinione pubblica, quante di queste notizie ricordavate? Se una persona non conosce la differenza tra le caratteristiche di ultima generazione e di penultima non è in grado di esprimere un parere negativo sulluso del nucleare e può farlo solo dopo essere stato correttamente informato dallassociazione italiana nuclearisti. *Il fatto che esistano centrali nucleari a pochi km da noi è vero come il fatto che per gli incidenti di frequenza più elevata la distanza dal luogo in cui si verifica lincidente abbatte di parecchio i rischi. *Il fatto che il costo dellenergia sarebbe minore sarà vero se le politiche economiche e le normative sulla sicurezza lo permetteranno. *Il problema dello stoccaggio delle scorie deve essere ancora risolto per le scorie delle vecchie centrali italiane; non sono ancora stati individuati siti per lo stoccaggio delle vecchie scorie *La circolazione di scorie nucleari sul territorio italiano è attualmente rara e dovrebbe essere più facile il controllo rispetto ad una situazione in cui ci fossero centrali nucleari in funzione

13 energia-nucleare-grandi-incidenti.htm lista-di-incidenti-nelle-centrali-nucleari-francesi-negli-ultimi-mesi inventario_rifiuti_radioattivi In questa presentazione non vi sono immagini per evitare il semplice terrorismo; sono tuttavia presenti su internet molte immagini impressionanti non consigliabili a qualsiasi pubblico…. Alcune fonti e altri incidenti: Malformazioni Chernobyl


Scaricare ppt "Indagine ISPO (commissionata da associazione italiana nuclearisti): sulla carta lItalia è pronta a tornare al nucleare Si può dire che il 63% degli italiani."

Presentazioni simili


Annunci Google