La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE CENTRALI NUCLEARI. La storia Nel 1942 il gruppo di scienziati coinvolti nel progetto Manhattan, tra i quali Enrico Fermi, lavorò per la realizzazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE CENTRALI NUCLEARI. La storia Nel 1942 il gruppo di scienziati coinvolti nel progetto Manhattan, tra i quali Enrico Fermi, lavorò per la realizzazione."— Transcript della presentazione:

1 LE CENTRALI NUCLEARI

2 La storia Nel 1942 il gruppo di scienziati coinvolti nel progetto Manhattan, tra i quali Enrico Fermi, lavorò per la realizzazione in laboratorio della prima "reazione a catena" controllata. Enrico Fermi Enrico Fermi

3 Il progetto aveva scopi militari, era nato durante la seconda guerra mondiale e finanziato dal governo alleato degli Stati Uniti per dare vita alla prima bomba atomica. Nello stesso tempo anche la Germania aveva attivato ricerche simili. Il progetto Manhattan si concluse prima. Il Generale Leslie Groves (a sinistra) comandante militare del Progetto Manhattan comandante militare del Progetto Manhattan

4 Le prime bombe atomiche della storia furono sganciate nel 1945 sulle due città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki. Un evento che segnò la fine della guerra e una morte orrenda per la popolazione inerme delle due città giapponesi. Ancora oggi le conclusioni e le opinioni sono controverse. Le prime bombe atomiche della storia furono sganciate nel 1945 sulle due città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki. Un evento che segnò la fine della guerra e una morte orrenda per la popolazione inerme delle due città giapponesi. Ancora oggi le conclusioni e le opinioni sono controverse.

5 Nel 1954 in soli 12 mesi venne realizzata la prima centrale nucleare della storia civile dell'energia nucleare in grado di fornire energia elettrica a una piccola città dello Stato dell'Idaho (Usa).

6 La struttura per il funzionamento tipico di una centrale nucleare

7 Oggi lenergia nucleare è una fonte energetica alternativa al petrolio. Nelle centrali nucleari l'energia scaturisce dal bombardamento dell'uranio con neutroni. Il nucleo dell'uranio si divide in due nuclei più piccoli tramite un processo detto di 'fissione nucleare' durante il quale si genera energia e altri neutroni che, a loro volta, continueranno a far dividere i nuclei di uranio dando luogo alla famosa 'reazione a catena nucleare'. Durante questo processo viene emessa radioattività ad alta intensità. La radioattività è altamente nociva alluomo, se non controllata.

8 L'uranio è la materia prima delle centrali nucleari a fissione. Una minima quantità di uranio consente di produrre un'elevata quantità energia, e a differenza del carbone o del petrolio, senza emissioni di anidride carbonica (principale causa dell'effetto serra).

9 Spesso il nucleare viene presentato come un male da combattere o come miracolosa pozione per risollevare l'economia nazionale. Il nucleare rappresenta un'opzione energetica come le altre con i suoi "pro" ed i suoi "contro".

10 Il nucleare presenta indubbiamente dei vantaggi

11 Una centrale nucleare non emette CO2. Le centrali nucleari non producono anidride carbonica ed ossidi di azoto e di zolfo, principali cause del buco nell'ozono e dell'effetto serra.

12 Vantaggio nella bilancia dei pagamenti La produzione di energia dal nucleare riduce l'importazione di petrolio e la dipendenza delle economie dal petrolio. Il tutto si traduce in una maggiore stabilità del sistema economico nazionale.

13 Maggiore stabilità politica Le principali riserve petrolifere sono concentrate in pochi paesi ad elevata instabilità politica (Medio Oriente) che rischia di trasmettersi anche nei paesi fortemente dipendenti dall'import del petrolio. L'uso del nucleare riduce la dipendenza occidentale dal petrolio mediorientale.

14 Vediamo ora quali svantaggi porta l'uso dell'energia nucleare

15 Conseguenze in caso di incidente La storia ha già mostrato la gravità delle conseguenze degli incidenti alle centrali nucleari. Le radiazioni a cui la popolazione viene esposta causano un maggiore rischio di morte per leucemia e tumore.

16 Le scorie nucleari Purtroppo le scorie nucleari sono un altro aspetto critico del nucleare. Non possono essere distrutte e l'unica soluzione, per il momento, sembra essere lo stoccaggio per migliaia di anni in depositi geologici o ingegneristici.

17 Localizzazione centrali nucleari e proteste locali Anche il processo di localizzazione di una centrale nucleare o del deposito di scorie è molto difficoltoso. Nessuna comunità locale accetta di sacrificare il proprio territorio per ospitare i rifiuti nucleari

18 Il terrorismo Viviamo in un'epoca in cui poche persone possono compiere grandi danni all'umanità. Il ricordo della tragedia dell'11 settembre 2001 ai grattacieli del World Trade Center è un esempio. Il rischio che le centrali nucleari siano prese come obiettivi per atti di terrorismo è quindi molto realistico.

19 Il trasporto di materiale nucleare Il trasporto di scorie e di materiale nucleare è uno degli aspetti più critici della questione "sicurezza". Durante il trasporto, oltre all'opposizione delle popolazioni che vedranno passare treni o navi con carichi radioattivi vicino alle proprie abitazioni, sussiste il rischio di incidenti e di attentati terroristici.

20 Conclusioni Studi di scienziati ed economisti dicono che lenergia nucleare sarà l'energia del ventunesimo secolo per eccellenza. È più economica di qualunque altro modo di produrre grandi importi di energia che la nostra civilizzazione richiede. È però importante studiare il modo per continuare a migliorare la produzione perché questa energia, che svolgerà un ruolo importante nei decenni e nei secoli a venire, possa diventare più affidabile e sicura, evitando problemi o incidenti che possano nuocere alluomo.

21 Fonti


Scaricare ppt "LE CENTRALI NUCLEARI. La storia Nel 1942 il gruppo di scienziati coinvolti nel progetto Manhattan, tra i quali Enrico Fermi, lavorò per la realizzazione."

Presentazioni simili


Annunci Google