La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PREVENZIONE DEL RISCHIO E PROMOZIONE DEL BENESSERE IN ADOLESCENZA Alcune indicazioni per la progettazione degli interventi Settembre-ottobre 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PREVENZIONE DEL RISCHIO E PROMOZIONE DEL BENESSERE IN ADOLESCENZA Alcune indicazioni per la progettazione degli interventi Settembre-ottobre 2008."— Transcript della presentazione:

1 PREVENZIONE DEL RISCHIO E PROMOZIONE DEL BENESSERE IN ADOLESCENZA Alcune indicazioni per la progettazione degli interventi Settembre-ottobre 2008

2 MODELLO DI SVILUPPO Stato attuale dellorganismo Maturazione Influenze biologiche passate Esperienze passate Contesto attuale Comportamenti azioni passatopresentefuturo Percorsi di sviluppo adolescente

3 COMPITI DI SVILUPPO IN ADOLESCENZA conoscere ed accettare il proprio corpo gestire il proprio ruolo maschile o femminile conseguire autonomia nei confronti degli adulti scegliere il percorso scolastico ed in seguito la carriera lavorativa acquisire un comportamento socialmente responsabile Costruzione di unidentità adulta

4 Insufficienza di un approccio basato esclusivamente sullinformazione PREVENZIONE DEI COMPORTAMENTI A RISCHIO IN ADOLESCENZA La conoscenza va data, ma per non essere inutile o controproducente essa deve tenere conto di significati, funzioni, vantaggi percepiti dalladolescente Valutazioni cognitive, emotive, sociali CONOSCENZA AZIONE informazione come base di interventi più ampi non di sola prevenzione ma di attiva promozione del benessere

5 RUOLO ATTIVO DELLADOLESCENTE PROMOZIONE DELLEMPOWERMENT CAPACITA E COMPETENZE COGNITIVE, EMOTIVE E SOCIALI DALLA PREVENZIONE DEL RISCHIO ALLA PROMOZIONE DEL BENESSERE POTENZIAMENTO LIFE SKILLS Insieme di competenze ed abilità che rendono gli individui in grado di affrontare efficacemente le esigenze ed i cambiamenti della vita quotidiana.

6 LIFE SKILLS individuate dallOMS Comunicazione efficace Empatia Autoefficacia individuale e collettiva Capacità di affrontare e risolvere situazioni problematiche (abilità di problem solving) Negoziazione e gestione del conflitto Pensiero critico e creativo Gestione delle emozioni e dello stress

7 INTERVENIRE NEI CONTESTI Criticità: conoscenza del contesto in cui si va ad operare (tipo di scuola, territorio…) costruzione di alleanze con gli insegnanti inserimento dellintervento nel programma curricolare (quotidianità dellintervento) LA SCUOLA

8 Supportati da fondamento teorico e da ricerca empirica sulle prove di efficacia LA SCUOLA Basati sullinformazione e sul potenziamento sia di skills specifici rispetto ad un comportamento a rischio, sia di skills generali che rappresentano fattori di protezione trasversali rispetto al rischio Basati su attività di gruppo piuttosto che su relazione didattica tradizionale alunno-insegnante Prove di efficacia di interventi basati sulla promozione di competenze (skill promotion) nel contesto scolastico (Ferrer-Wreder et al., 2004)

9 Informazione presentata in modo appropriato al livello di sviluppo ed al contesto socioculturale LA SCUOLA Programmi a lungo termine, pluriennali, che cominciano prima della comparsa del comportamento Adeguata formazione degli insegnanti che incide sulle loro conoscenze ma soprattutto sulla loro motivazione Coinvolgimento di altre figure professionali della scuola e dei genitori

10 LA FAMIGLIA Difficoltà di sistematizzazione (varietà interventi, approcci…) LA FAMIGLIA Principale criticità: scarso coinvolgimento e self-selection (partecipazione dei genitori più motivati)

11 Identificare le reti per diffondere le informazioni Chiarire obiettivi e contenuti del programma (non evocare nei genitori sentimenti di inadeguatezza o di valutazione) Relazioni con i conduttori basate sul mutuo rispetto, luguaglianza e la fiducia Minimizzare le barriere pratiche (sedi, orari,…) Strategie per aumentare coinvolgimento: (Coleman, 2005) LA FAMIGLIA

12 Prove di efficacia di interventi diretti ai genitori di adolescenti (Ferrer-Wreder et al., 2004; Dusenbury, 2000) LA FAMIGLIA Supportati da fondamento teorico e da ricerca empirica sulle prove di efficacia Contenuti: informazioni sui cambiamenti normativi e lavoro sulla qualità delle interazioni familiari (training comunicazione, problem solving, risoluzione conflitti, regolazione emozioni)

13 Strategie di insegnamento interattive: relazione paritaria con gli operatori, promozione empowerment, senso di vicinanza con altri genitori Quale efficacia sugli adolescenti? Integrazione intervento con programma più ampio (es. coinvolgimento parallelo dei figli a scuola) Formazione specifica del conduttore dellintervento LA FAMIGLIA

14 IL GRUPPO DEI PARI INTERVENTI BASATI SULLA PEER EDUCATION I PARI Criticità: (Ferrer-Wreder et al., 2004) conoscenza del contesto in cui si va ad operare (scuola, luoghi extrascolastici, gruppi, associazioni) alleanza forte con gli adulti coinvolti nellintervento scelta dei peer educator e adeguata formazione motivare e sostenere i ragazzi nello svolgimento dellattività di peer education (non perdere di vista lobiettivo, offrire sostegno psicologico e tecnico)

15 SERVIZI PER ADOLESCENTI Criticità: favorire la conoscenza dellesistenza dei servizi utilizzare un linguaggio adatto agli adolescenti dare una veste non medicalizzata al servizio I SERVIZI

16 QUESTIONI APERTE: Come raggiungere gli adolescenti che non frequentano la scuola? Quali interventi possibili nei contesti lavorativi? Quali interventi possibili a livello di comunità (enti locali, circoscrizioni, associazioni…)?


Scaricare ppt "PREVENZIONE DEL RISCHIO E PROMOZIONE DEL BENESSERE IN ADOLESCENZA Alcune indicazioni per la progettazione degli interventi Settembre-ottobre 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google