La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Relatore Manuela Kustermann. Ripensare la didattica Le richieste poste alla scuola dalla moderna società della conoscenza sono mutate Viviamo in unepoca.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Relatore Manuela Kustermann. Ripensare la didattica Le richieste poste alla scuola dalla moderna società della conoscenza sono mutate Viviamo in unepoca."— Transcript della presentazione:

1 relatore Manuela Kustermann

2 Ripensare la didattica Le richieste poste alla scuola dalla moderna società della conoscenza sono mutate Viviamo in unepoca caratterizzata da profondi e celeri mutamenti, al quanto complessa La società è mutata : globalizzazione,modelli di vita molteplici, punti di vista religiosi e valoriali molteplici, relativismo etico, declassamento dellautorità- La ricerca in campo neuropsicologico ha rilevato una molteplicità di approcci del soggetto alla conoscenza e una visione del cervello di stampo multiplo, non univoco

3 Fino agli anni ottanta si sosteneva che gli individui nascevano con una intelligenza generale NON MODIFICABILE MISURABILE intelligenza come un fattore unitario misurabile tramite il QI ( Quoziente d'intelligenza) )intelligenza Quoziente d'intelligenza

4 Concetto di pluralità di funzioni Vecchia concezione sostituita con una definizione più dinamica articolata in sottofattori differenziati Si mette in discussione lidea ortodossa di unintelligenza come entità unica e uniforme Si fa strada lidea che la struttura della mente sia MODULARE, che le diverse parti del cervello sovrintendano a diverse funzioni che corrispondono alle facoltà e alle attitudini umane

5 GARDNER ( teoria sulle intelligenze multiple)intelligenze multiple I suoi studi hanno aperto nuove prospettive in campo pedagogico affermando che non esiste una sola intelligenza. Secondo GARDNER si deve parlare di PLURALITA DI INTELLIGENZE. In Formae mentis, sostiene che ogni persona dispone di una serie di intelligenze molto diverse tra loro in ciascuno di noi una forma di intelligenza finisce per prevalere su tutte le altre. Linsegnamento deve tener conto di queste diversità per ricercare strategie di personalizzazione.

6 7 + 2 Inizialmente Gardner considera 7 intelligenze Linguistica Musicale Logico-matematica Spaziale Fisico-cinestetica Intersociale Intrasociale In seguito, nel corso degli anni '90, ha proposto l'aggiunta di altri due tipi di intelligenza : Naturalistica riconoscimento, classificazione og oggetti Esistenziale riflessione ragionamento ast.

7 Altre ricerche Stenberg è autore della tetrarchia delle intelligenze che si articola in tre tipi di abilità: Analitica ( pensiero astratto),Creativa ( pensiero divergente),Pratica ( pensiero operatorio ) Salovey e Mayer propongono una teoria complessa dellintelligenza emozionale, ( Come capacità di monitorare e dominare i sentimenti e di utilizzarli per guidare il pensiero e lazione) ispirandosi alle due forme di intelligenza proposte da Gardner: intrapersonale e interpersonale Goleman emozioni si rivelano risorse decisive nella vita scolastica e lavorativa 1998-Le Doux esiste un collegamento diretto tra i centri emotivi e le aree del cervello in cui hanno sede i processi cognitivi, e ha così introdotto il cervello emotivo.

8 GARDNER La teoria di Gardner è divenuta teoria generale delleducazione ed ha influenzato la didattica in molti paesi. Gardner ritiene che tutti gli uomini possiedono queste intelligenze La differenza tra gli uomini è dovuta alla diversa combinazione dei tipi di intelligenza posseduti Messaggio agli educatori Guardare gli studenti nella loro unicita e poliedricita Aiutare gli studenti a sviluppare il loro personale profilo di intelligenza

9 PUNTO DI FORZA Secondo Gardner è inutile e costoso realizzare uno strumento per valutare le intelligenze multiple Le intelligenze multiple non devono essere di per sé un obiettivo educativo I docenti devono tener conto della loro esistenza per la formulazione degli obiettivi e per la scelta della didattica.

10 Per cui Occorre sgombrare il campo dalla convinzione che si possa fare una didattica per ciascuno La didattica deve sostenere ciascun alunno nel percorso di costruzione di conoscenza Linsegnante deve facilitare il percorso fornendo opportunita per modificare e integrare progressivamente gli stili degli alunni

11 LAZIONE DIDATTICA Deve tener conto: Intelligenze multiple Stili di apprendimento Difficoltà specifiche di apprendimento diversabilità o disabilità Diversità culturali e religiose Diversità di background cognitivo/esperienziali Ambienti di vita socio-familiari diversificati (OMS 2007) Stili di attaccamento alle figure parentali diversificati Gli alunni con disabilità/Bisogni Educativi Speciali hanno sia il diritto allintegrazione che il diritto a risposte specifiche efficaci. Le due cose non sono affatto in contraddizione, come non lo sono la normalità e la specialità, se le combiniamo nella «specialenormalità». (Ianes 2005)

12 La complessità delle classi Lintegrazione degli alunni disabili (fino a poco tempo fa i soli diversi) ha provocato nella scuola italiana profondi mutamenti a diversi livelli: culturale: cultura dellaccoglienza dellintegrazione invece che cultura della separazione; cultura della collaborazione tra pari invece che cultura della competitività esasperata professionale: corresponsabilità e collaborazione tra docenti e con altre figure professionali progettuale: proiezione verso il progetto di vita didattico:attenzione ai bisogni individuali degli alunni, progettazione mirata, obiettivi cognitivi, di relazione, di autonomia, strategie didattiche differenziate

13 Quali strategie? Ha ancora senso attivare una didattica normale (rivolta ad una classe percepita sostanzialmente come omogenea) con qualche aggiustamento dovuto alla presenza di casi problematici? La ricerca legata al mondo dellintegrazione elabora i concetti di - inclusione - bisogni educativi speciali - didattica della speciale normalità

14 cambiando lambiente di apprendimento i suoi elementi Tempo mezzi strumenti contenuti e modalitá di indagine/presentazione spazio luoghi modalitá di aggregazione alunni relazioni- atteggiamenti Come rispondere alle diversità

15 La multimodalità (utilizzo più codici comunicativi) La teoria delle Intelligenze Multiple Il concetto di multisensorialità La Programmazione Neuro Linguistica Hanno spiegato come ogni persona ha un canale preferito per apprendere Le nuove tecnologie, la multimedialità intesa come moltiplicazione dei punti di accesso della conoscenza Gardner Attivando molteplici canali sensoriali favoriscono la realizzazione di percorsi personalizzati la LIM è lo strumento per costruire lambiente formativo per eccellenza

16 relatore Manuela Kustermann

17 Il concetto di inclusione Il concetto di integrazione nel senso comunepedagogico/scolastico comporta una relazione asimmetrica, in cui un contesto accogliente e attento integra al proprio interno una diversità che ne accetta le regole. Questa presenza giunge comunque a modificare anche profondamente, come abbiamo visto, il contesto. Il concetto di inclusione presuppone invece una relazione simmetrica tra pari: se siamo tutti diversi, ognuno con la propria identità, quali relazioni potranno tenere insieme tutte queste diversità?

18 Il team docenti deve definire il fabbisogno di risorse e progettare concretamente le attività per realizzare buone prassi inclusive Soluzione è: una Pedagogia inclusiva come capacità di risposta a tutti i bisogni educativi una scuola in cui lordinaria offerta formativa si arricchisce di specificità tecniche e specialità derivanti dalla ricerca didattica. La specialità si dissolve allinterno delle normali prassi rendendole più efficaci La speciale normalità è un concetto di sintesi che include sia la normalità intesa come bisogno di essere come gli altri, sia la specialità intesa come accoglimento dei bisogni speciali propri di ciascun ragazzo in formazione e in modo particolare di quelli disabili (Ianes, 2001).

19 La didattica inclusiva Elabora la propria azione secondo alcuni principi che riguardano tutti gli alunni: Si parte dalla convinzione che la realizzazione di condizioni integrative migliora lambiente educativo e di apprendimento per gli alunni poiché promuove prospettive di solidarietà e responsabilità, attiva opportunità nuove e diversificate. Includere significa anche pensare alla persona nella sua totalità La prospettiva dellinclusione esige una pedagogia del positivo, della promozione delle potenzialità personali. Suggerendo conseguenti pratiche di insegnamento / apprendimento basati sulla trasformazione dei contesti classe in individualità/sociali Lapprendimento è fatto sociale e non connotato sequenzialmente; Il nuovo paradigma per progettare linsegnamento/ apprendimento va posto più sul comprendere che solo sullapprendere; La progettazione di ambienti significativi e intenzionali forma alle competenti intelligenze plurali, utilizzandole in forme distribuite nel contesto

20 Affinchè ciò avvenga metamorfosi dellinsegnante in facilitatore dellapprendimento per convertire lacquisizione in un evento sociale, basato sullelaborazione e strutturazione delle esperienze accrescere il senso dellautoefficacia personale e collettiva negli alunni predisporre contesti inclusivi formativi basati sulle relazioni tra studente / studenti/ docente. il successo è dato dal sentimento condiviso dai singoli dellefficacia collettiva del gruppo.

21 Studi specifici condotti da B. Somekh e T. Rudd, sulluso della LIM Hanno riconosciuto a queste periferiche la potenzialità di trasformare la classe nellambiente formativo per eccellenza, dinamico, multisensoriale dove convergono linguaggi digitali e strumenti multimediali. e rilevato che a differenza di altre tecnologie la LIM possiede caratteristiche di praticità e semplicità che la rendono uno strumento molto appropriato per la costruzione di un contesto di apprendimento adeguato alla odierna società dell'informazione e della conoscenza … Le potenzialità di questo strumento possono consentire una vera e propria rivoluzione nella didattica, rappresentando l'evoluzione del rapporto scuola e tecnologie fino ad ora centrato sull'uso del PC. La possibilità di andare alla lavagna per manipolare testi, immagini, filmati, animazioni o per navigare in rete introduce nuovi modelli di lezione frontale allinterno di un ambiente di apprendimento adeguato alla società dellinformazione e della conoscenza. (Rudd, 2007).3

22 Ora vediamo perché la LIM è uno strumento di inclusione… E un punto di contatto tra teoria e pratica E uno strumento efficace Attrae lalunno Incoraggia lalunno Favorisce la costruzione del sapere Attività cooperative

23 Ora vediamo perché la LIM è uno strumento di inclusione… Trasformare i compiti per lindividualizzazione dei contenuti Destrutturare Semplificare Potenziare le abilità in modo ludico Creare archivi multimediali Collaborazione tra insegnanti

24 Bisogna ricordare che… Linnovazione non è nel mezzo… …ma risiede nelluso che se ne fa. La LIM è solo uno strumento che deve accompagnare scelte didattiche ben mirate.

25 Quando preparo una lezione che cosa devo considerare? Che cosa desidero che gli alunni apprendano? Come lo presento? (metodologie,strumenti) Dove lo presento ? Quale setting spaziale è funzionale allapprendimento previsto? A chi?Quali modalità aggregative scelgo? Quali tempi stabilisco per la presentazione dei contenuti? Quante e quali sequenze indicativamente? Che atteggiamento desidero attivare?

26 Come realizzare con la Lim una didattica inclusiva? Problem solving Mappe concettuali Learning object Webquest


Scaricare ppt "Relatore Manuela Kustermann. Ripensare la didattica Le richieste poste alla scuola dalla moderna società della conoscenza sono mutate Viviamo in unepoca."

Presentazioni simili


Annunci Google