La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Apri LEGA NAVALE ITALIANA SEZIONE DI NAPOLI CENTRO STUDI TRADIZIONI NAUTICHE PRESENTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DELLATTIVITA SVOLTA DAL 10 - 1999 AL 01 - 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Apri LEGA NAVALE ITALIANA SEZIONE DI NAPOLI CENTRO STUDI TRADIZIONI NAUTICHE PRESENTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DELLATTIVITA SVOLTA DAL 10 - 1999 AL 01 - 2008."— Transcript della presentazione:

1 apri LEGA NAVALE ITALIANA SEZIONE DI NAPOLI CENTRO STUDI TRADIZIONI NAUTICHE PRESENTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DELLATTIVITA SVOLTA DAL AL

2 CENTRO STUDI TRADIZIONI NAUTICHE - Via Sedile di Porto, NAPOLI - Tel. : web: - PRESENTAZIONE FINALITA E ADESIONI ARCHIVI STATUTO LIBRI PERIODICI ARTICOLI FILMATI E FOTOGRAFIE PROFILI E PERSONALITA DONAZIONI MOLOSIGLIO NEWS ASSOCIAZIONI E CLUB NAUTICI DOCUMENTI E REPERTI CATALOGO COLLETTIVO COLLABORATORI SCIENTIFICI LEGA NAVALE ITALIANA - Sezione di Napoli La sede Riconoscimenti Riconoscimenti e accrediti - Convenzioni Le iniziative

3 esci LA SEDE LA SEDE Segue sede Il CSTN ha la propria sede operativa nel centro di Napoli in via Sedile di Porto,33. Gli ampi e funzionali locali attrezzati ed organizzati, sono stati concessi in comodato dal Comune di Napoli che ha dato il suo appoggio alliniziativa della Sezione di Napoli della Lega Navale Italiana sin dalla sua nascita.

4 esci Vista dei locali del CSTN LA SEDE LA SEDE

5 esci RASSEGNA STAMPA RASSEGNA STAMPA IL MATTINO La biblioteca del mare è a Napoli ARTE NAVALE ARTE NAVALE Studi Tradizioni Nautiche BOLINA BOLINA A Napoli un Archivio di Cultura Nautica MOLOSIGLIO NEWS MOLOSIGLIO NEWS Limportanza di credere LEGA NAVALE LEGA NAVALE Il Centro Studi Tradizioni Nautiche FARE VELA FARE VELA Le tradizioni marittime NAUTICA NAUTICA Nuovi spazi per il Centro Studi Tradizioni Nautiche VELA NEWS VELA NEWS Il Centro Studi Tradizioni Nautiche cambia sede ARTE NAVALE ARTE NAVALE Centro Studi Tradizioni Nautiche di Napoli VOGLIA DI VELA VOGLIA DI VELA Un Centro Studi per la Tradizione Nautica NAUTICA NAUTICA L.N.I. di Napoli: 100 anni ma non li dimostra IL DENARO IL DENARO Larchitetto presiede il Centro Studi Nautici VELA E MOTORE VELA E MOTORE A Napoli un Centro sulla Storia della Nautica NOTIZIARIO LNI MILANO NOTIZIARIO LNI MILANO Alla sezione di Napoli fondato Il Centro Studi Tradizioni Nautiche IL MATTINO IL MATTINO Lega Navale di Napoli, 100 anni con il vento in poppa CAMPANIA MOTORI CAMPANIA MOTORI Una storia centenaria YACHT DESIGN YACHT DESIGN Nuovo Centro Studi a Napoli VELA SPORT FIV VELA SPORT FIV Centro Studi Tradizioni Nautiche a Napoli IL MATTINO IL MATTINO Vela, rivivremo i tempi doro YACHT DIGEST YACHT DIGEST Nuovo Centro Studi a Napoli

6 esci RICONOSCIMENTI E ACCREDITI RICONOSCIMENTI E ACCREDITI COMUNE DI NAPOLI - Patrocinio REGIONE CAMPANIA - Biblioteca dinteresse regionale PROVINCIA DI NAPOLI - Gli archivi del CSTN sono nel sistema bibliotecario provinciale on-line (www.dba.it/napoli) MINISTERI DEI BENI E ATTIVITA CULTURALI - Soprintendenza Napoli e Provincia - Individuazione e certificazione di imbarcazioni storiche LEGA NAVALE ITALIANA - Presidenza Nazionale - Roma - Affidamento, catalogazione e gestione della propria biblioteca (2600 volumi) LEGA NAVALE ITALIANA - Presidenza Nazionale - Roma - Affidamento della raccolta completa dal 1897 della rivista Lega Navale già Italia Marinara (unica in Italia) Segue Le Convenzioni

7 esci LE CONVENZIONI LE CONVENZIONI Per creare e sviluppare sinergie tra le diverse competenze del mondo scientifico sui temi inerenti la cultura marinaresca, il CSTN stipula specifiche convenzioni con Istituzioni pubbliche e private. Ad oggi sono state concluse, con relativa sottoscrizione bilaterale, le seguenti convenzioni: Università degli studi di Napoli Federico II - Facoltà di Architettura Istituto di progettazione ambientale diretto dal Prof. Ennio de Crescenzo prevede la collaborazione alla stesura dei progetti degli allievi della facoltà proposti lungo la fascia costiera. A.I.F. - Associazione Italiana Docenti di Fisica Con la collaborazione dei Professori di questa associazione è stato possibile realizzare il modulo didattico Dalle stelle…..al GPS valido per i Crediti Formativi presso le Scuole Medie Superiori. ( vedi INIZIATIVE) Università degli studi di Napoli Parthenope Stipulata a Settembre 2002 la convenzione prevede la collaborazione del CSTN per la catalogazione del Fondo Borbonico di circa 4000 volumi presso la Biblioteca Centrale della Parthenope e la promozione di azioni congiunte per la realizzazione del Museo Navale di Napoli.

8 esci LE INIZIATIVE LE INIZIATIVE Partecipazione con un proprio stand nellambito del Salone delle Opportunità ORIENTA SUD 2001 alla Mostra dOltremare di Napoli per la presentazione di tre proposte di modulo didattico (Crediti Formativi - Legge 425 del 10/12/ art. 5,4 e seguenti) destinato agli allievi del triennio delle Scuole Medie Superiori. Dalle stelle…… al GPS Le Parole dei Pescatori - Glossario fondamentale della pesca nel golfo di Napoli Guardare, vedere, rappresentare da terra……e da mare Conferenza di cultura storico-navale tenuta in occasione del NauticSud dai collaboratori scientifici del CSTN Antonio Formicola e Claudio Romano. Incontro presso la sede della Sezione di Napoli della Lega Navale Italiana con larch. Carlo Sciarrelli sul tema ….parliamo di barche Proposta con il patrocinio della Regione Campania per la celebrazione del 150° anniversario del Bacino di Raddobbo Borbonico di Napoli Proposta con il patrocinio della Regione Campania per la celebrazione del 150° anniversario del Bacino di Raddobbo Borbonico di Napoli Proposta per il recupero dellapparato motore, sommerso in Adriatico, della Pirofregata borbonica Torquato Tasso del 1860 Segue iniziative

9 esci LE INIZIATIVE LE INIZIATIVE Riconoscimento da parte del Ministero dei Beni Ambientali e Culturali di bene storico (legge n. 490 del 29/10/1999): ITALIA Classe 8 metri S.I. Imbarcazone olimpionica ITALIA Classe 8 metri S.I. Gozzo sorrentino PIANOSA Registro Nazionale delle barche storiche Istituzione, gestione e aggiornamento di apposito inventario per la raccolta dei nomi e dei dati delle imbarcazioni che in Italia sono state dichiarate bene storico mediante la creazione del Registro Nazionale delle barche storiche Iniziative editoriale del CSTN: ITALIA - Ricordi di una gloria italiana della vla olimpica- di F. Belloni – P. Rastrelli AGOSTINO STRAULINO – Con la vela nella storia – di F. Belloni – C. Rolandi – P. Rastrelli Estata realizzata la collana dei Quaderni supplemento alla rivista MOLOSIGLIO NEWS. Con tale iniziativa il CSTN ha dato avvio ad una serie di pubblicazioni relative ai risultati degli studi e delle ricerche sulle diverse tematiche sviluppate dal CSTN. Quaderno n. 1 – Una barca come monumento Quaderno n. 2 – Tino Straulino e il Molosiglio Quaderno n. 3 – Archeologia subacquea e tutela del patrimonio culturale Quaderno n. 4 – Dalla galera al vascello da 80 – 1860: marina borbonica, ultimo atto

10 esci REGISTRO NAZIONALE DELLE IMBARCAZIONI DICHIARATE DI PARTICOLARE INTERESSE CULTURALE LEGGE N DEL N. Nome Imbarcazione Tipologia Anno di Costruzione Decreto Ministero BAC ASSUNTA Lancia Romagnola Soprin.za Friuli Venezia Giulia SAVIOLINA (EX NINO BIXIO) Lancione Romagnolo Soprin.za Emilia Romagna DOMINICA NINA (ex San Marco) Leudo Rivano Soprin.za Liguria LISOLA DORO (ex Seekuh) Trabaccolo Soprin.za Emilia Romagna ITALIA Classe 8 Metri S.I Soprin.za Campania 6 PIANOSA Gozzo Sorrentino Soprin.za Campania

11 esci QUADERNO N.1 – Italia – Una barca come monumento E stata consegnata allimbarcazione ITALIA la targa di bene storico riconosciuto dal Ministero dei Beni Culturali. La cerimonia si è chiusa con la presentazione del volume ITALIA e la proiezione di un filmato rievocativo dellimbarcazione con immagini originali girate durante le Olimpiadi del Il QUADERNO N.1 è stato dedicato interamente alla cerimonia che si è svolta ad Aprile 2004 al Molosiglio presso la base nautica della Sezione di Napoli della Lega Navale Italiana alla presenza delle principali autorità civili e militari. AA.VV. – 2004 pagg. 70

12 esci QUADERNO N.2 – Tino Straulino e il Molosiglio Il quaderno descrive limpareggiabile palmares del più grande timoniere della vela sportiva italiana che per molti anni ebbe il porticciolo del Molosiglio come base darmamento delle sue vittoriose imbarcazioni. Il QUADERNO N.2 è dedicato al mitico ammiraglio Straulino ed alla sua ultima veleggiata nel golfo di Napoli al timone della imbarcazione ITALIA. AA.VV. – 2005 pagg. 88

13 esci QUADERNO N.3 – Archeologia subacquea e tutela del patrimonio culturale La grande passione per lattività subacquea ha portato lautore ad esplorare fondali marini in tutto il Mediterraneo, iniziando prima con la semplice osservazione di un mondo fantasmagorico, poi con la scoperta di reperti e relitti ed infine con metodi sempre più scentifici e sofisticati per il recupero e lo studio di antichi oggetti sommersi Il QUADERNO N.3 frutto delle esperienze di Vasco Fronzoni, è dedicato allarcheologia subacquea, unaffascinante scienza moderna della quale si avvertiva la nacecessità per ampliare le conoscenze del genere umano. Lo studio proposto traccia uninteressante percorso sulle tecniche, sulle tipologie.e sulle problematiche connesse alla ricerca ed ai ritrovamenti dei reperti di Vasco Fronzoni. – 2004, pagg. 72

14 esci QUADERNO N.4 – Dalla galera al vascello da 80 – 1860: marina borbonica, ultimo atto Protagonista nei due temi trattati è la Marina del Regno delle due Sicilie. La prima trattazione analizza limportanza che ha avuto la propulsione navale delle navi militari nello sviluppo della navigazione, da remo ai grandi vascelli. La seconda analizza analizza lo sbarco di Garibaldi in Sicilia con unangolazione sui fatti lontano dallo stereotipo della storia tradizionale. Il QUADERNO N.4 dedicato ad una ricerca di Antonio Formicola e Claudio Romano, noti studiosi delle marinerie da guerra a partire dal 700 è una piccola opera impreziosita da unimportante iconografia graficamente molto curata di A. Formicola - C. Romano, 2007 pagg. 70

15 esci ITALIA – Ricordi di una gloria italiana della Vela Olimpica Un'imbarcazione entra a far parte del patrimonio artistico del nostro Paese. Aggiungere una nuova tipologia di beni storici al già vasto patrimonio nazionale, non è stata impresa facile. Soltanto da poco, grazie al D.L. 490/1999, è possibile inserire tra i beni da tutelare anche le imbarcazioni costruite in legno e con più di settantacinque anni di vita. La valenza storica di Italia che entra nel patrimonio nazionale, ancora una volta grazie all'appassionata iniziativa della Sezione della Lega Navale Italiana, di Napoli - è nuova e diversa. L'8 metri S.I. Italia è stata progettata e costruita nel 1936, per rappresentare i colori italiani nei più alti consessi della vela agonistica mondiale. Viene riconosciuto a Italia non soltanto il merito di una eccezionale raffinatezza costruttiva, ma anche e soprattutto la partecipazione vittoriosa alla più impegnativa impresa sportiva: la conquista a Kiel, all'Olimpiade del 1936, della prima Medaglia d'Oro della Vela italiana. Questo volume, curato con passione e competenza dagli Autori rievoca e documenta l'intera storia della barca e dei suoi personaggi, dalla costruzione ai nostri giorni, con la cronaca delle imprese che l'hanno vista come protagonista. di Franco Belloni - Paolo Rastrelli, 2005, pagg. 241

16 esci Con la vela nella storia AGOSTINO STRAULINO – Con la vela nella storia di Franco Belloni - Paolo Rastrelli - Carlo Rolandi. 2005, pagg. 512 Agostino Straulino è stato e probabilmente resterà per sempre il più grande timoniere della vela agonistica italiana; una posizione conquistata in cinquant'anni d'intensa attività nelle Classi regine dello sport del vento che lo hanno visto sempre ai vertici nelle più importanti manifestazioni internazionali. È stato un grande campione, ma nello stesso tempo è stato un grande marinaio ed un grande italiano che ha onorato in ogni circostanza lo sport e la patria con uguale impegno ed ardimento. La Federazione Italiana della Vela può vantare di averlo sostenuto ed accompagnato in ogni circostanza della sua lunga attività e soprattutto averlo fatto.esordire nell'agone mondiale quando, nel 1936 in occasione della Coppa Hindenburg inserita nella Settimana Internazionale di Kiel, gli affidò il timone di Italia, l'8 metri S.l. della Reale Federazione Italiana della Vela, quale riconoscimento del suo valore e delle sue indiscusse qualità. Nel nome di Straulino, la Federazione Italiana Vela e la Marina Militare hanno saldato come non mai il loro granitico rapporto. Una carriera irripetibile che, per onorare il campione e per lo stesso futuro del nostro sport, è bene non dimenticare. Era indispensabile cercare in ogni modo di documentare e tramandare le gesta di Straulino perché le sue imprese costituiscono un modello per chi la vela l'ha praticata e la praticherà a tutti i livelli. Va dato merito ai curatori di questo volume, che a vario titolo lo hanno conosciuto e frequentato, di aver raccolto e riportato, con un lavoro enorme e certosino, gli avvenimenti e le cronache delle imprese di Straulino arricchendo la loro opera con notizie e dati destinati a restare nella storia dello sport della vela.

17 esci PRESENTAZIONE PRESENTAZIONE Il CSTN, istituito a Napoli dalla locale Sezione della Lega Navale Italiana, ha lo scopo di favorire la ricerca e la conservazione di documenti e reperti riguardanti la cultura e le tradizioni marinaresche, la storia della navigazione a vela e a motore, da diporto e agonistica. Il CSTN si propone, inoltre, di avviare iniziative per far conoscere e diffondere tale cultura curando la realizzazione di studi, pubblicazioni, conferenze e proiezioni riflettenti i diversi rami di attività che hanno sul mare il loro campo di azione. Il CSTN è operativo dal 1999 ed è retto da un proprio Comitato di Gestione di cui fanno parte:dott. Carlo Rolandi (Presidente onorario FIV), Franco Belloni (giornalista scrittore del mondo della vela), dott. Mario Mancini (professore emerito Università Federico II Napoli), ing. Franco Fronzoni, arch Guido Barbati, Paolo Rastrelli (scrittore del mondo della vela) Il CSTN lancia un appello agli appassionati e ai cultori delle cose di mare, affinché tutto il materiale abbandonato o non utilizzato sia donato al Centro che ne cura il ritiro a proprie spese. Con apposito atto di donazione il CSTN, si impegna a curarne la conservazione ed a renderlo disponibile per la consultazione. Segue finalità e adesioni

18 esci FINALITA E ADESIONI FINALITA E ADESIONI Le principali finalità dellistituzione sono: Effettuare la ricerca e la conservazione di documenti e di reperti riguardanti la storia della navigazione nella sua generale accezione, mettendo a disposizione di studiosi e cultori della materia, tutto il materiale reperito. Promuovere tutte le iniziative atte a fare conoscere e a divulgare le tradizioni stesse della nautica. Predisporre programmi di ricerca intorno a specifici argomenti quali la vela, il motore, larte e la cultura marinara e quanti altri attinenti il mare si rendessero di interesse generale. Possono aderire, a titolo di prestazione gratuita e volontaria, collaborando alle attività del CSTN tutti i soci della Lega Navale Italiana che ne facciano esplicita richiesta ma anche persone fisiche non soci, enti pubblici e privati, associazioni, fondazioni, organismi culturali e professionali. Il CSTN si riserva il coordinamento e la gestione dei gruppi di lavoro sia per lattività di rilevazione dei dati da immettere nel database, sia per la realizzazione di studi e ricerche finalizzate alla pubblicazione di monografie tematiche. Segue statuto

19 esci ARCHIVI ARCHIVI Gli archivi del CSTN sono costituiti ed accresciuti dal materiale che sotto forma di donazioni, acquisizioni, comodati è raccolto, custodito e catalogato presso la propria sede per renderne possibile la conservazione e la successiva consultazione da parte degli interessati. Il materiale raccolto è archiviato su supporto informatico per creare un repository di notizie ed informazioni su un database interattivo, costantemente aggiornato, con la futura prospettiva di essere direttamente consultabile dal sito web della Sezione di Napoli della Lega Navale Italiana. (www.lninapoli.it) La raccolta e la catalogazione del materiale è stata effettuata tenendo conto della TIPOLOGIA e del SETTORE. TIPOLOGIA - Sono state individuate le seguenti tipologie di materiale raccolto: LIBRI PERIODICI ARTICOLI FILMATI E FOTOGRAFIE DOCUMENTI E REPERTI SETTORI - Sono stati individuati 35 settori di argomenti: Arte marinaresca Canottaggio: regolamenti e regate Barche storiche a vela e motoreCantieristica: progetti e progettisti Biografie Collezionismo Segue archivio

20 esci Coppa America Federazioni - Associazioni Dizionari - Enciclopedie Gastronomia Ecologia - Ambiente marino G.Costiera-C.di Porto-G. di Finanza Lega Navale Italiana Medicina Marina Mercantile Meteorologia - Oceanografia Marina Militare Modellismo MotonauticaNavigazione Musei navaliNormative e assicurazioni NarrativaOlimpiadi Pesca - Archeologia subacqueaStoria navale - Tradizioni nautiche Porti - Portolani - Guide nautiche Vela: didattica Saloni nautici Vela: regate e regolamenti Vela: classi e regolamenti di stazzaGenerici: storia Generici: variGenerici: letteratura Generici: economiaRassegna Stampa ARCHIVI ARCHIVI Segue libri

21 esci STATUTO STATUTO Art. 1 - Denominazione E' istituito presso la Sezione di Napoli nellambito delle attività previste dallo Statuto della Lega Navale Italiana il CENTRO STUDI TRADIZIONI NAUTICHE Il Centro opera nel settore delle attività culturali della struttura e come tale, può dotarsi di un regolamento proprio, purché coerente e coordinato con i Regolamenti interni dei vari servizi della Sezione stessa Eventuali articoli, o modifiche degli stessi, del presente regolamento che, pur approvati dagli organi associativi competenti, risultassero in contrasto con lo Statuto ed il Regolamento Nazionale sono da considerarsi nulli. Art. 2 - Finalità Il Centro ha quali sue finalità di effettuare la ricerca, la raccolta e la conservazione tematica e ragionata di documenti e di reperti riguardanti la storia della navigazione da diporto a vela e a motore, la storia delle tradizioni marinare campane e nazionali evidenziandone gli aspetti ambientali, sociali ed economici Promuove e organizza a nome della Lega Navale Italiana - Sezione di Napoli - tutte le iniziative atte a far conoscere e diffondere le tradizioni stesse della nautica da diporto a mezzo conferenze, mostre incontri, seminari e collane editoriali Per consultazione e documentazione, mette a disposizione, di studiosi e cultori del settore il materiale repertato. Segue statuto

22 esci STATUTO STATUTO Segue statuto Art. 3 - Sede Il Centro ha la sede operativa presso la Lega Navale Italiana - Sezione di Napoli - nei locali siti in via Sedile di Porto, Napoli In tale sede sarà funzionante una segreteria operativa, i locali per la conservazione e/o esposizione dei reperti ed una sala attrezzata per conferenze e video proiezioni. Art. 4 - Adesione soci Possono partecipare e collaborare alle attività del Centro tutti i soci della Lega Navale Italiana, regolarmente iscritti, che ne facciano esplicita richiesta specificando il settore del proprio interesse ed il tipo dapporto che sintende mettere a disposizione del Centro stesso Possono altresì far parte, in qualità di "aggregati" a gruppi di lavoro istituiti dal Centro anche persone fisiche non soci, Enti pubblici e privati, Associazioni, Fondazioni, organismi culturali e professionali ecc. purché di riconosciuta esperienza e sino ad un massimo di cinque unità per gruppo di lavoro Il Centro predispone annualmente un programma di ricerche con gruppi di lavoro con le specifiche delle ricerche in atto. Il programma presenterà delle priorità e la indicazione orientativa delle spese relative, da approvarsi dal Consiglio Direttivo di Sezione per la formazione del relativo budget.

23 esci STATUTO STATUTO Segue statuto Art. 5 – Comitato di Gestione Lattività del Centro si svolge sotto la responsabilità di un Comitato di Gestione, composto da cinque membri nominati dal Consiglio Direttivo della Sezione che ha il potere di revocarne il mandato in qualunque momento, per giusta causa, provvedendo nel contempo alla sostituzione Il Comitato di Gestione del Centro nomina al suo interno un Direttore e un Segretario al quale spetta il compito di tenere i verbali delle riunioni, effettuare le convocazioni delle stesse e tenere leventuale corrispondenza ed i rapporti con il Comitato Direttivo di Sezione Il Direttore relaziona sullattività del Centro allAssemblea Sezionale dei Soci o direttamente o tramite una relazione, risponde al Consiglio Direttivo Sezionale del suo operato e, su invito, riferisce allo stesso sullattività svolta In caso di votazione allinterno del Comitato di Gestione del Centro, qualora si manifesti la parità, prevale il voto del Direttore Eventuali somme o cose derivanti da sponsorizzazioni, donazioni di privati o Enti, lasciti ecc. saranno intestate alla Lega Navale Italiana - Sezione di Napoli -,con vincolo di destinazione causale, previa approvazione da parte del Comitato Direttivo Sezionale e, ove necessario, dalla Presidenza Nazionale Il Comitato di Gestione del Centro organizza i gruppi di lavoro e indirizza le finalità del Centro sentito il parere del Comitato Direttivo Sezionale.

24 esci STATUTO STATUTO Segue statuto 5.7 -Il numero massimo dei componenti di ciascun gruppo di lavoro è di 5 unità, il numero minimo di 2. Almeno il 60%, arrotondato per eccesso, dei componenti ciascun gruppo di lavoro deve avere la qualifica di socio effettivo Il Comitato di Gestione del Centro gestisce, tramite la tesoreria della sezione, il budget previsto dalla sezione nel Bilancio preventivo di spese per lanno in corso, senza sconfinamenti, e fornisce il consuntivo di spese a fine anno comprensivo di eventuali somme o proventi o cose derivanti da sponsorizzazioni, donazioni, lasciti ecc., che correderà, quale allegato al Bilancio Consuntivo Sezionale che viene sottoposto per l'approvazione all'Assemblea dei soci. Art. 6 - Settori Lattività del Centro sarà suddivisa in settori paritetici per specifici argomenti: vela, motore, arte e cultura marinara e quanti altri attinenti il pianeta mare si rendessero dinteresse generale. Art. 7 - Documentazione La Lega Navale Italiana - Sezione di Napoli - garantisce i donatori di documentazione o qualsiasi materiale utile per le finalità del Centro di utilizzarlo esclusivamente per le finalità del Centro stesso, di applicare la migliore diligenza nella catalogazione e conservazione dello stesso, di pubblicizzare il nominativo del donatore. Il materiale di proprietà del Centro sarà archiviato per argomenti su supporto informatico (BBS, Ipertesto o database) consultabile per accessi diversi. La documentazione avrà la seguente ripartizione: materiale fotografico - riviste e giornali - libri - filmati - documenti cartacei - oggetti - altro.

25 esci STATUTO STATUTO Segue statuto Art. 8 - Registro Documenti E istituito presso il Centro un registro ufficiale protocollato nel quale cronologicamente saranno annotati tutti i beni che il Centro riceverà da parte di donatori privati, Enti, Fondazioni ecc. con la descrizione del bene ed i dati anagrafici del donatore stesso. Non é ammessa la divulgazione dei numeri di telefono, di fax e di posta elettronica se non su espressa autorizzazione delle singole persone. Art. 9 – Collaboratore Scientifico del Centro – Viene istituita la figura del Collaboratore Scientifico del Centro Studi Tradizioni Nautiche che potrà essere attribuita, sulla base di una motivata proposta avanzata dal Comitato di Gestione del Centro al Comitato Direttivo della Sezione, a note ed affermate personalità competenti e studiosi delle materie trattate dal Centro 9.2 – Scopo preciso della figura istituita è quello di ottenere il coinvolgimento degli stessi nellattività produttiva del Centro, accrescendone e sviluppandone limmagine. La possibilità, inoltre, di curare la pubblicazione dei lavori che abitualmente tali studiosi producono, può dare lo spunto al Centro per un iniziativa editoriale con la creazione di una collana di testi sugli argomenti, storici ed attuali, attinenti il mare nei suoi molteplici aspetti.

26 esci STATUTO STATUTO La Segreteria del Centro provvederà alla tenuta di un elenco cronologico dei Collaboratori nominati con tutte le notizie riguardanti gli studi e lattività prodotta da ciascuno di essi. 9.4 – La nomina a Collaboratore Scientifico del Centro verrà data agli interessati mediante una comunicazione scritta firmata dal Presidente della Sezione e dal Direttore del Centro. Linteressato deve dare conferma scritta per laccettazione. Art Regolamento Il presente Regolamento potrà essere modificato dal Consiglio Direttivo di Sezione, inteso il Comitato di Gestione del Centro, in relazione alle concrete situazioni applicative riscontrate. Approvato dal Consiglio Direttivo di Sezione - prot. N. 36 del Il Comitato di Gestione del Centro Studi Tradizioni Nautiche, nominato il 20/04/99 dal C.D.S., successivamente integrato e modificato, è composto dalle seguenti persone: - Arch. Guido Barbati - Prof. Mario Mancini - Prof. Franco Belloni - Paolo Rastrelli - Ing. Franco Fronzoni - Dott. Carlo Rolandi Segue archivi

27 esci LIBRI LIBRI Sotto tale voce sono compresi libri, volumi, monografie, opuscoli, album che costituiscono la biblioteca del CSTN. Sono conservati in apposite scaffalature, raggruppati per settori di appartenenza. La biblioteca del CSTN conta ad oggi su 5380 volumi presenti in sede, regolarmente registrati e classificati. Parte di loro proviene da donazioni private e parte dalla Presidenza Nazionale della Lega Navale Italiana che, nellottobre del 2002, ha dato in gestione al CSTN tutta la sua biblioteca forte di 2400 volumi. In aggiunta ai volumi presenti al CSTN sono disponibili i titoli di volumi facenti parte di Biblioteche di terzi che hanno messo a disposizione, con apposite convenzioni, tali elenchi per la costituzione di un Catalogo Collettivo di cui fanno parte attualmente: 3911 volumi della Biblioteca della Rivista Marittima 1060 volumi appartenenti a collezioni private In definitiva il CSTN ha catalogato a tuttoggi oltre titoli Segue libri Catalogo settore / libri

28 esci LIBRI LIBRI I libri sono catalogati con una scheda composta da cinque parti: nella prima in alto è indicato il titolo, il titolo originale se cè, lautore, la casa editrice, lanno di edizione, il numero di pagine e lanno della prima edizione se cè. Nella seconda parte è indicato il settore di appartenenza dellargomento del libro. Nella terza un eventuale commento dello stesso. Nella quarta il nome del donatore, lanno di donazione ed il numero del record. Nella quinta, infine, riferimenti incrociati con altre ricerche. Nel cartiglio coordinate è indicata la collocazione nelle scaffalature e le date di creazione e modifica del record Segue periodici

29 esci Le raccolte delle riviste specializzate sulla nautica sono la principale rarità degli archivi del CSTN.La nota carenza bibliografica sui vari settori delle attività marinare rende indispensabile, in caso di ricerche particolari, fare ricorso alla stampa periodica e ai quotidiani. Delle testate più antiche e più prestigiose il CSTN vanta la raccolta di intere annate e in qualche caso la raccolta è completa dalla istituzione della rivista. I numeri dei periodici attualmente in sede sono 8544 di 140 testate nazionali ed estere PERIODICI PERIODICI Segue periodici

30 esci PERIODICI PERIODICI Segue periodici PeriodiciNotiziari AssociazioniNotiziari Clubs

31 esci PERIODICI PERIODICI I periodici sono catalogati con una scheda che comprende il nome del periodico, leditore e la città, lanno di pubblicazione, le coordinate di collocazione nelle scaffalature, il mese di riferimento, il donatore, ed infine il totale dei numeri presenti per lanno ed il totale progressivo dei periodici. Nel cartiglio grigio viene specificata lappartenenza del periodico alle tre categorie previste. Segue articoli

32 esci ARTICOLI ARTICOLI Gli articoli sono catalogati con una scheda composta da quattro parti. Nella prima in alto è indicato il nome del periodico, il titolo dellarticolo, lautore, lanno del periodico, il numero mensile dello stesso ed il numero della pagina. Nella seconda parte è indicato il settore di appartenenza dellargomento dellarticolo. Nella terza un eventuale commento dello stesso e nella quarta riferimenti incrociati con altre ricerche. Nel cartiglio coordinate è indicata la collocazione nelle scaffalature e le date di creazione e modifica del record. Segue filmati e fotografie Gli articoli selezionati e catalogati secondo i 35 settori di interesse sono attualmente 9101 Articoli / periodici

33 esci FILMATI E FOTOGRAFIE FILMATI E FOTOGRAFIE Viene raccolto ed archiviato in tali comparti tutto il materiale filmato e fotografico, inerente i settori di competenza del CSTN. I filmati comprendono le seguenti tipologie di supporto: - pellicole (35 mm, 8 mm,..) - videocassette (VHS, Betamax, ed altri) - CD-Rom Le fotografie, distinte per tipologia di supporto, sono così suddivise: - stampe B/N e colore - dia B/N e colore - negativi B/N e colore - CD-Rom Lelencazione del materiale raccolto è in fase di lavorazione. A gennaio 2008, sono presenti negli archivi del CSTN: - Oltre 250 video cassette VHS di argomenti vari - Oltre 1500 fotografie tra stampe e diapositive (B/N e colore) Segue documenti e reperti

34 esci DOCUMENTI E REPERTI DOCUMENTI E REPERTI Viene curata la raccolta e la conservazione di documenti e reperti relativi ai settori dinteresse prefissati dal CSTN. Documenti. Sintendono per documenti tutti quei supporti cartacei che contengono e rappresentano significativi atti, attestati, riconoscimenti, onorificenze, brevetti, progetti, piani di costruzioni, disegni (tecnici ed artistici), manifesti, comunicati, bandi di regata,etc. Negli archivi del CSTN sono stati censiti a tuttoggi 540 documenti Reperti. Sono definiti reperti tutti gli oggetti di ogni forma e tipo che abbiano attinenza con il mondo marinaresco in tutte e le sue molteplici espressioni. Sono reperti: modelli di barche (interi e mezzi scafi), medaglie, scudetti, coppe e targhe, gagliardetti, bandiere, strumenti di navigazione, attrezzi e ferri di cantiere, sagome…… Segue Redazione Molosiglio News

35 esci MOLOSIGLIO NEWS MOLOSIGLIO NEWS Segue Associazioni e Clubs Nautici La rivista Molisiglio News è lorgano ufficiale dinformazione e propaganda della sezione di Napoli della Lega Navale Italiana. Lo scopo della pubblicazione è quello di documentare, per la storia presente e futura, tutte le attività, le iniziative, i principali avvenimenti che sono effettuati dalla sezione o sono dinteresse della sezione stessa. La rivista si propone, inoltre, di portare a conoscenza dei soci, soprattutto quelli che non frequentano abitualmente la sede, loperato della sezione, raggiungendo anche le autorità, le istituzioni e le organizzazioni che hanno affinità dintenti con la Lega Navale Italiana. La Redazione della rivista è domiciliata presso il Centro Studi che coordina e collabora alla pubblicazione con lorgano direttivo della stessa, formato dal Consigliere alla Cultura del Comitato Direttivo, dal Comitato di Redazione e dal Direttore Responsabile iscritto nellapposito Albo presso lOrdine dei Giornalisti della Provincia di Napoli. La testata è iscritta al n. 68 del 26/6/2003 presso il Tribunale Civile e Penale di Napoli – Ufficio Stampa. Dal 2008 è pubblicata on-line sul sito ufficiale della sezione -

36 esci ASSOCIAZIONI E CLUBS NAUTICI ASSOCIAZIONI E CLUBS NAUTICI ASSOCIAZIONI - Il CSTN si è proposto alle principali Associazioni delle Classi Veliche italiane per raccogliere e custodire tutto il materiale di archivio della Segreteria di ciascuna Classe. Detto materiale di norma viene custodito presso il Segretario pro-tempore e, quasi sempre è destinato ad andare disperso, come si è verificato in caso di ricerche e ricostruzioni storiche. Il materiale custodito dal CSTN resta di proprietà della Classe che può disporne liberamente ed a semplice richiesta. Leventuale utilizzo di detto materiale da parte del CSTN, per studi, ricerche e pubblicazioni, deve essere preventivamente autorizzato dal segretario in carica. Il CSTN, da parte sua, si rende disponibile a fornire alla Classe tutte le notizie storiche emerse dallelencazione degli articoli contenuti negli oltre 8500 numeri delle riviste specializzate presenti nei propri archivi. E stata conclusa ed è operativa la convenzione con le seguenti Associazioni: - Associazione Italiana Classe Europa - Associazione Italiana Classe Dinghy 12 piedi CLUBS NAUTICI - Vengono raccolte ed archiviate sotto detta voce tutte le informazioni riguardanti lorganizzazione, la vita e le iniziative dei principali Club Nautici del mondo che con la loro attività, spesso secolare, hanno contribuito a scrivere la storia degli sport nautici. Sono disponibili presso gli archivi del CSTN diversi volumi celebrativi e notiziari sociali di numerosi Circoli. Segue profili e personalità

37 esci PROFILI E PERSONALITA PROFILI E PERSONALITA Sotto tali voci sono raccolte le notizie, i dati, le fotografie ed il curriculum riguardanti personaggi di spicco del mondo della nautica ed i più noti e famosi campioni degli sport nautici. Sono state finora individuate le seguenti categorie: - Atleti - Costruttori - Esperti - Personalità - Progettisti - Giornalisti - Scrittori - Fotografi Le informazioni sono raccolte su apposite schede realizzate sul database del CSTN e comprendono: i dati anagrafici completi, il curriculum professionale ed il palmares sportivo e inoltre, da conto di tutti gli scritti, pubblicazioni ed articoli, a firma degli stessi o di terzi. Segue Catatalogo Collettivo

38 esci CATALOGO COLLETTIVO CATALOGO COLLETTIVO Con lo scopo di fornire linformazione più ampia e completa possibile alle richieste che pervengono da parte di studiosi ed appassionati, sulle varie materie trattate, il CSTN si è assicurato la disponibilità degli elenchi dei titoli di migliaia di volumi esistenti presso biblioteche pubbliche e private. Detti elenchi figurano nel data base del CSTN con lindicazione della collocazione presso terzi. Si tratta di una sinergia della cultura di argomenti sul mare che ha reso possibile la creazione di un consistente catalogo collettivo al quale si auspica la partecipazione del maggior numero di biblioteche, di qualunque entità, che indicando i titoli disponibili, collaborino alliniziativa. Partecipano al catalogo in aggiunta alla biblioteca del CSTN (5380 volumi): - Biblioteca della Rivista Marittima (3911 volumi) - Biblioteca Centrale Università degli di Studi di Napoli Parthenope (rilevazione in corso, disponibili 200 volumi) - Biblioteche Private diverse (1060 volumi) Segue collaboratori scientifici

39 esci COLLABORATORI SCIENTIFICI COLLABORATORI SCIENTIFICI Le norme che regolano gli scopi e le funzione del CSTN (vedi Statuto) prevedono allart. 9 listituzione della figura del collaboratore scientifico, nominativi che per concreti risultati conseguiti nello studio e nella ricerca delle materie marinare, siano in grado con la loro partecipazione di apportare un contributo scientifico finalizzato soprattutto alla realizzazione dellattività editoriale che è uno degli obiettivi primari del CSTN. Sono stati, a tuttoggi, nominati i seguenti collaboratori scientifici: Claudio Romano esperto di studi sulla Marineria Borbonica. Autori di diverse pubblicazioni Antonio Formicola esperto di studi sulla Marineria Borbonica e costruzioni navali XVIII e XIX Sec. prof. Maria Sirago studi sulla Flotta Spagnola tra 500 e 800. Autore di numerose pubblicazioni ing. Admeto Verde esperto della Marineria mercantile e da diporto prof. Roberto Stampacchia esperto di statistica e organizzazione aziendale Avv. Vasco Fronzoni esperto immersioni subacquee e archeologia subacquea Segue donazioni

40 esci DONAZIONI DONAZIONI Le donazione di ogni tipo di materiale inserito negli interessi del CSTN sono state poste alla base della sua fondazione e costituiscono lelemento vitale per la sua crescita ed il suo successo. La necessità della creazione di un centro così specialistico, pur non essendo stata mai chiaramente palesata in precedenza, si è dimostrata provvidenziale per i tanti appassionati e collezionisti, che pensando al futuro delle cose amate non sapevano quale destino fosse loro assegnato. In appena pochi anni di vita il CSTN è riuscito a raccogliere una quantità di materiale inimmaginabile. Con la dovuta diffusione e pubblicità del CSTN linvio di materiale ai suoi archivi è destinato a crescere sempre più. Le donazioni ricevute da istituzione pubbliche, da associazioni e da privati, giunte da ogni parte dItalia, sono significative per il riconoscimento della valenza del CSTN e sono motivo di orgoglio per quanti hanno creduto nella sua funzione e quotidianamente prestano la propria opera per la sua attività. Segue donazioni

41 esci DONAZIONI DONAZIONI Istituzioni CONI – Comitato Provinciale di Napoli Ministero dei Beni Culturali - Servizio Promozione del Libro e della Cultura - Roma Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Roma Regione Campania - Napoli Federazione Italiana Vela - Genova CONFITARMA - Confederazione Italiana Armatori - Roma UCINA - Genova Autorità Portuale di Napoli Centro Universitario di Studi sui Trasporti - Messina SIHMED - Università degli Studi di Perugia - Dipartimento di Scienze Storiche LLOYD'S REGISTER Naples Branch Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale Lega Navale Italiana - Presidenza Nazionale Lega Navale Italiana - Sezione di Milano Lega Navale Italiana - Sezione di Agrigento Lega Navale Italiana - Sezione di Castellammare di Stabia Lega Navale Italiana - Sezione di Manfredonia Lega Navale Italiana - Sezione di Napoli Segue donazioni

42 esci DONAZIONI DONAZIONI Associazioni/Altri AIVE - Associazione Italiana Vela dEpoca - Genova Associazione Modellisti Bolognesi - Bologna Associazione Italiana di Documentazione Marittima e Navale - Milano Q8 ITALIA – Roma Yacht Club Italiano - Genova Club Nautico della Vela - Napoli Fraglia della Vela -Riva del Garda Circolo della Vela Roma - Anzio Reale Circolo Canottieri Tevere Remo - Roma Società Velica di Barcola e Grignano - Trieste Società Triestina della Vela - Trieste Yacht Club Adriaco - Trieste Yacht Club Sanremo - Sanremo Yacht Club Costa Smeralda - Costa Smeralda L'Automazione Navale - Rivista TTN - Genova Editore Tormena – Genova Circolo Nautico Posillipo - Napoli Segue donazioni

43 esci DONAZIONI DONAZIONI Associazioni TUTTOSTORIA Editore - Parma Stabilimento Tipografico Giovanelli - Toscolano sul Garda Cantieri Navali Orlando Cantiere Sangermani - Lavagna Segue donazioni

44 esci DONAZIONI DONAZIONI Privati Dott. Carlo Rolandi - Napoli Dott. Franco Belloni - Milano Arch. Sergio Capolino - Napoli Paolo Rastrelli - Meta Arch. Guido Barbati - Napoli Cap. Lauro Caso - Meta Com.te Gaetano Alfaro - Sorrento Eredi prof. Antonino Sposito - Meta Prof. Cesare Rossi - Napoli Ing. Franco Fronzoni - Napoli Prof. Ing. Mino Simeone - Napoli Corrado De Filippis - Napoli Giovanni Pacifico - Napoli Ing. Mario Quaratino - Napoli Prof. Vincenzo DellAria - Napoli Segue donazioni Dr. Maurizio Mendia - Napoli Ing. Gianfranco Sulis - Napoli Dr. Paolo Disa - Napoli Dr. Mario Civita - Formia Dr. Sandro Loche - Cagliari Dr. Gianluigi Lagorio Serra - Genova Dr. Raffaele Petrella - Napoli Prof. Roberto Stampacchia - Napoli Prof.ssa Maria Sirago - Napoli Prof.ssa Maria Castellano Iaccarino - Piano Ing. Admeto Verde - Monte di Procida Dott. Carlo Postiglione - Napoli Com.te Franco Measso - Venezia Com.te Ferdinando Barruffo - Napoli Prof. Salvatore Pesce - Napoli

45 esci DONAZIONI DONAZIONI Privati Com.te Nicola Scotto di Carlo - Procida Dott. Alberigo Simioli - Massalubrense Ing. Bruno Ciardulli - Napoli Arch. Carlo Sciarrelli - Trieste Prof. Ing. Claudio Pensa - Napoli Ing. Luca Ricciardi - Napoli Sig. Bruno Tamburini - Pesaro Avv. Gaetano Allotta - Agrigento Dr. Luciano Cosentino - Napoli Sig. Roberto Cosentino – Napoli Dott. Luciano Cosentino Dott. Ciro Altiero Sig.a Marina Spaccarelli Bulgari Eredi Guido Postiglione - Napoli Eredi Giuseppe Martinelli - Napoli Sig. Catello Russo - C/Mare stabia Arch. Valentin Mankin

46 esci ARTE MARINARESCA - BARCHE STORICHE A VELA E MOTORE - BIOGRAFIE ARTE MARINARESCA - BARCHE STORICHE A VELA E MOTORE - BIOGRAFIE Arte marinaresca Arte marinaresca Voce che include le attività inerenti al mare nonché linsieme delle competenze, delle attrezzature, delle manovre, delle tecniche, i piccoli e grandi accorgimenti, le soluzioni che hanno permesso di asservire alluomo quellautentica forza della natura che è il vento consentendo di navigare in sicurezza in ogni condizione. Argomenti Alberature - Ancore - Bozzelli - Catene - Cavi - Cordame - Manovre - Nodi - Parti strutturali e di rispetto - Sartie - Sistemi funicolari - Vele (tipi di velatura) - Barche storiche a vela e motore Barche storiche a vela e motore Per barche storiche sintendono tutti quegli scafi, modelli e tipi di imbarcazioni che hanno scritto pagine indimenticabili nella storia dello Yachting e della Marineria sia navigando che gareggiando. Argomenti Nome della barca - dati e caratteristiche - storia - stato di conservazione ….. Biografie Biografie Linsieme dei dati relativi alla vita e alle opere di personaggi storici o comunque noti per essersi messi in evidenza nel campo delle attività nautiche. Argomenti Dati biografici e professionali, titoli, cariche, incarichi, imprese, realizzazioni, vittorie e quanto altro può essere attinente esploratori, navigatori, grandi marinai, eroi, campioni dello sport……. DEFINIZIONI

47 esci CANOTTAGGIO - CANTIERISTICA: CANTIERI, PROGETTI E PROGETTISTI - COLLEZIONISMO CANOTTAGGIO - CANTIERISTICA: CANTIERI, PROGETTI E PROGETTISTI - COLLEZIONISMODEFINIZIONI Canottaggio Canottaggio Lo sport del remo che si esercita su imbarcazioni leggere. Argomenti La Federazione Italiana (F.I.C.) - Campionati - Regate importanti e storiche - Imbarcazioni (tipi) - Categorie e classifica dei vogatori - Percorsi e lunghezze. Cantieristica: cantieri, progetti e progettisti Cantieristica: cantieri, progetti e progettisti Linsieme di tutte le attività e i personaggi che hanno attinenza con le costruzioni navali di qualunque tipo e grandezza. Argomenti Cantieri: dati, storia e personaggi dei Cantieri più importanti e artigiani carpentieri. Progetti: dati, storia, caratteristiche e piani di costruzione delle imbarcazioni più famose e più diffuse. Progettisti: profilo, dati personali e professionali e produzione dei progettisti più noti ed affermati. Collezionismo Linteresse alla raccolta di cose rare, pregevoli, curiose. Argomenti Notizie, riferimenti, soggetti ed oggetti di raccolte di materiale che si riferiscono al mare e a tutte le attività che con esso hanno attinenza (francobolli, medaglie, cartoline, archivi fotografici …..).

48 esci COPPA AMERICA - DIZIONARI ED ENCICLOPEDIE - ECOLOGIA ED AMBIENTE MARINO COPPA AMERICA - DIZIONARI ED ENCICLOPEDIE - ECOLOGIA ED AMBIENTE MARINODEFINIZIONI Coppa America Coppa America La più antica ed importante regata velica che dal 1851, ogni quattro anni, vede sfidarsi il gota della vela mondiale in regate di match race. Argomenti Storia, edizioni, risultati, imbarcazioni, armatori, timonieri, equipaggi che hanno preso parte alla famosa regata. Dizionari ed enciclopedie Dizionari ed enciclopedie Opere, in uno o più volumi, in cui sono raccolte e ordinate sistematicamente, per lo più in ordine alfabetico, nozioni della stessa materia. Argomenti Tutte le materie che rientrano nei Settori di competenza dellattività del Centro. Ecologia ed ambiente marino Relazioni tra gli esseri marini viventi e lambiente fisico in cui vivono. Argomenti Sistemi di flora e fauna marina - Regolamenti, leggi ed iniziative per la tutela del mare e delle coste. Parchi e riserve marine.

49 esci FEDERAZIONI ED ASSOCIAZIONI - GASTRONOMIA - GUARDIA COSTIERA, GUARDIA DI FINANZA, CAPITANERIE DI PORTO FEDERAZIONI ED ASSOCIAZIONI - GASTRONOMIA - GUARDIA COSTIERA, GUARDIA DI FINANZA, CAPITANERIE DI PORTODEFINIZIONI Federazioni ed Associazioni Federazioni ed Associazioni Enti pubblici, istituzioni e società che per Statuto si occupano di attività che hanno sul mare i loro campi dazione. Argomenti Dati, notizie, Statuti e storia delle Federazioni Sportive italiane e straniere e delle Società nautiche. Gastronomia Gastronomia Larte di preparare cibi e pietanza. Argomenti Consigli e ricette sul cucinare e sul mangiare a bordo. Ristoranti di mare. Guardia Costiera - Guardia di Finanza - Capitanerie di Porto Corpi speciali dello Stato preposto ai servizi marittimi, alla vigilanza e alla tutela della navigazione, allamministrazione del Demanio Marittimo, alla leva ed alla gente di mare. Argomenti Capitanerie di Porto, ordinamento e storia - Circondario marittimo - Leggi demaniali e per la Navigazione - Norme e regolamenti.

50 esci LEGA NAVALE ITALIANA - MARINA MERCANTILE: STORIA - NAVI MERCANTILI - MARINA MILITARE: STORIA - NAVI DA GUERRA LEGA NAVALE ITALIANA - MARINA MERCANTILE: STORIA - NAVI MERCANTILI - MARINA MILITARE: STORIA - NAVI DA GUERRADEFINIZIONI Lega Navale Italiana Lega Navale Italiana Ente pubblico e morale sotto lalto patronato del Presidente della Repubblica. Ha tra i suoi scopi principali quello di avvicinare gli italiani a tutte le attività che hanno attinenza con il mare. Argomenti Attività, Assemblee, Avvenimenti, Basi nautiche, Corsi, Gruppi Sportivi, Manife- stazioni, Organizzazione, Sezioni e Delegazioni, Statuto e Regolamenti, Marina Mercantile: storia - navi mercantili Marina Mercantile: storia - navi mercantili Complesso delle persone e degli enti addetti alla navigazione; linsieme delle navi e delle attrezzature relative alla navigazione che effettua il trasporto delle merci e di passeggeri. Argomenti Storia - Codici e leggi - Compagnie di navigazione - Disastri - Navi (tipi, caratteristiche, nomenclatura ……) Marina Militare: storia - navi da guerra Forza armata dello Stato che opera sul mare per la difesa del territorio nazionale. Argomenti Storia - Ordinamento - Accademia Navale - Attività - Navi da guerra

51 esci MEDICINA - METEOROLOGIA ED OCEANOGRAFIA - MODELLISMO STATICO E DINAMICO MEDICINA - METEOROLOGIA ED OCEANOGRAFIA - MODELLISMO STATICO E DINAMICODEFINIZIONI Medicina Medicina La scienza che cura e previene le malattie, gli infortuni e la salute relativamente alla gente di mare durante la navigazione e le attività lavorative e sportive che si svolgono sul mare. Argomenti Cure ed assistenza in mare - Tecniche di sopravvivenza - Pronto soccorso. Meteorologia ed Oceanografia Meteorologia ed Oceanografia Studio dei fenomeni atmosferici e del mare. Argomenti Elementi - Previsioni - Strumenti ……. Modellismo statico e dinamico Larte, la tecnica, lattività volta a realizzare modelli di barche e navi in scala ridotta. Argomenti Modellismo statico e dinamico - Classi - Regolamenti Regate - Mostre - Collezioni - Concorsi

52 esci MOTONAUTICA: GARE E REGOLAMENTI - MUSEI NAVALI - NARRATIVA MOTONAUTICA: GARE E REGOLAMENTI - MUSEI NAVALI - NARRATIVADEFINIZIONI Motonautica: gare e regolamenti Motonautica: gare e regolamenti La navigazione con imbarcazioni a motore, per diporto o competizione. Argomenti La federazione Motonautica Italiana Motoscafi - Categorie - Campionati - Record - Motori marini entro e fuoribordo ……. Musei navali Luoghi dove si trovano raccolte collezioni, documenti, oggetti….etc. in attinenza con il mare. Argomenti I Musei più importanti - Cataloghi Narrativa Linsieme delle opere scritte per raccontare fatti e argomenti di mare. Argomenti Avvenimenti - romanzi - storie ……..

53 esci NAVIGAZIONE E VIAGGI - NORMATIVE ED ASSICURAZIONI - OLIMPIADI NAVIGAZIONE E VIAGGI - NORMATIVE ED ASSICURAZIONI - OLIMPIADIDEFINIZIONI Navigazione e viaggi Navigazione e viaggi Navigazione: latto, il modo di navigare. Viaggi: tragitti, percorsi, imprese effettuate navigando. Argomenti Navigazione: Tipi e modalità di navigare - Nozioni, tecnica, sistemi e metodi dei calcoli necessari per la navigazione. Abbordi - Andature - Ancoraggi - Avarie - Crociere - Coordinate - Manutenzioni - Punto nave - Radio e trasmissioni - Bussole - Sestante Loran – GPS – Rada -, Eco… Viaggi: Descrizione, consigli e resoconti di itinerari e traversate. Normative ed Assicurazioni Normative ed Assicurazioni Normativa: linsieme delle leggi e delle disposizioni sulla navigazione e sulle attività marinare Assicurazioni: Copertura dei rischi verificabili a causa di eventi incerti e dannosi. Argomenti Normativa: leggi - norme e tasse che regolano la navigazione - Diritto marittimo - Convenzioni marittime. Assicurazioni: Assicurazione contro i danni conseguenti i rischi della navigazione. Storia e tipi di assicurazioni. Olimpiadi Manifestazione sportiva quadriennale, che in ricordo dei giochi di Olimpia nellantica Grecia, vede la partecipazione di atleti dilettanti di tutte le nazioni. Argomenti Storia - Risultati - Classi.

54 esci PESCA ED ARCHEOLOGIA SUBACQUEA - PORTOLANI E GUIDE NAUTICHE - SALONI NAUTICI PESCA ED ARCHEOLOGIA SUBACQUEA - PORTOLANI E GUIDE NAUTICHE - SALONI NAUTICIDEFINIZIONI Pesca ed archeologia subacquea Pesca ed archeologia subacquea Pesca: cattura del pesce e dei prodotti ittici in generale. Archeologia subacquea: Scienza che studia le civiltà antiche sulla base dei reperti rinvenuti sul fondo marino. Argomenti Pesca: Sportiva e professionale - Tipi di pesca - Tecnica e strumenti per la pesca, Federazione Italiana - Regolamenti e leggi …… Archeologia subacquea: Tecniche di scavo - Ritrovamenti storici – Località ….. Portolani e guide nautiche Portolani e guide nautiche Guide marittime necessarie per riconoscere porti e coste e località marittime. Argomenti Porti - coste - fari - itinerari e percorsi - luoghi da visitare navigando. Saloni nautici Mostre, esposizioni periodiche di prodotti nautici. Argomenti Cataloghi - Relazioni e rapporti

55 esci STORIA NAVALE E TRADIZIONI NAUTICHE - VELA: DIDATTICA - VELA: REGATE R REGOLAMENTI DI REGATA STORIA NAVALE E TRADIZIONI NAUTICHE - VELA: DIDATTICA - VELA: REGATE R REGOLAMENTI DI REGATA DEFINIZIONI Storia navale e tradizioni nautiche Storia navale e tradizioni nautiche Storia navale: esposizione di fatti realmente accaduti nelle molteplici attività svolte dalluomo sul mare. Tradizioni nautiche: elementi della vita, della cultura, usanze e costumi della gente di mare. Argomenti Storia navale: Imprese - scoperte - conquiste - grandi Battaglie. Vela: didattica Vela: didattica Linsieme delle nozioni e delle regole per condurre unimbarcazione a vela. Argomenti Scuole di vela - Manuale dellallievo - Tecnica e tattica - Nomenclatura della barca Vela: regate e regolamenti di regata Gare di vela e regole per il loro svolgimento. Argomenti Federazione Italiana Vela - Campionati del Mondo - dEuropa e dItalia - Grandi regate daltura e oceaniche -Tecnica e tattica nelle regate - Regole di regata - Giurie.

56 esci VELE: CLASSI E REGOLAMENTI DI STAZZA - VARI VELE: CLASSI E REGOLAMENTI DI STAZZA - VARI DEFINIZIONI Vele: classi e regolamenti di stazza Vele: classi e regolamenti di stazza Barche da regata costituite in Classi e relative regole di costruzione Argomenti Caratteristiche e dati delle imbarcazioni che per la loro diffusione ed importanza hanno avuto nel tempo il riconoscimento degli organismi Federali nazionali ed internazionali. Generici Generici Volumi di natura non prettamente marinara pervenuti al CSTN - Vari - Storia - Economia - Letteratura Rassegna Stampa

57 Viste prospettiche Zona conferenze Il progetto Note storiche esci Data, eventi, enti Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Celebrazione del 150° Anniversario del BACINO di RADDOBBO BORBONICO NAPOLI settembre 2002 Celebrazione del 150° Anniversario del BACINO di RADDOBBO BORBONICO NAPOLI settembre 2002 Note Storiche Situato nella base navale della Marina Militare di Napoli, nel porto borbonico con ingresso in via Acton, si trova lo storico Bacino di Raddobbo realizzato nel 1852 su progetto del Maggiore Domenico Cervati per conto della Reale Marina Borbonica. Il Bacino da Raddobbo di Napoli venne solennemente inaugurato il 15 agosto del 1852 con una fastosa cerimonia pubblica alla presenza del Re Ferdinando II di Borbone, del Corpo Diplomatico e di migliaia di napoletani che affollano sia il molo San Vincenzo che lo specchio d'acqua del porto militare. Questopera, che era stata concepita per essere usata sia da navi militari che mercantili, fu nel suo genere la prima in Italia. Tuttora funzionante, il bacino è gestito dalla Marina Militare Italiana e dal 1981 è Monumento Nazionale; inoltre nei primi anni 80 è stato restaurato e riportato alle originali forme. Ricorrendo nellagosto del 2002 il 150° della fondazione del Bacino di Raddobbo, la Sezione di Napoli della Lega Navale Italiana si fa promotrice di una manifestazione celebrativa dellavvenimento.

58 Viste prospettiche Zona conferenze Il progetto Note storiche esci Data, eventi, enti Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Celebrazione del 150° Anniversario del BACINO di RADDOBBO BORBONICO NAPOLI settembre 2002 Celebrazione del 150° Anniversario del BACINO di RADDOBBO BORBONICO NAPOLI settembre 2002 Data e luogo dellavvenimento Settembre 2002 Base Navale Marina Militare Via Acton - Napoli Enti da coinvolgere REGIONE CAMPANIA COMUNE di NAPOLI (Assessorato ai Tempi della Città) MARINA MILITARE (Capo di Stato Maggiore) AUTORITA' PORTUALE di NAPOLI UNIVERSITA' degli STUDI di NAPOLI "PARTHENOPE LEGA NAVALE ITALIANA (Presidenza Nazionale) Eventi della manifestazione Inaugurazione (7 settembre ore 18.00) Conferenza sulla Storia del Bacino di Raddobbo Relatori Claudio Romano e Antonio Formicola Mostra fotografica e documentaristica sulla Storia del Bacino e sulla Base Navale Partecipazione di figuranti in divisa della Marina Borbonica Visite guidate al Bacino e alla Base Navale Fiera-Mercato del libro navale, antiquariato, oggettistica Raduno barche depoca Edizione Monografica sul 150° anniversario del Bacino di Raddobbo Autori Romano – Formicola Editore Centro Studi Tradizioni Nautiche della Lega Navale Italiana di Napoli

59 Viste prospettiche Zona conferenze Il progetto Note storiche esci Data, eventi, enti Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Celebrazione del 150° Anniversario del BACINO di RADDOBBO BORBONICO NAPOLI settembre 2002 Celebrazione del 150° Anniversario del BACINO di RADDOBBO BORBONICO NAPOLI settembre 2002 IL PROGETTO Planimetria Generale 1 - INFO POINT LNI 2 - MOSTRA FOTOGRAFICA SULLA STORIA DL BACINO 3 - MOSTRA TEMATICA DI MODELLISMO 4 - MOSTRA MERCATO DEL LIBRO DEL MARE 5 - UFFICIO STORICO MARINA MILITARE 6 - BACINO DI RADDOBBO BORBONICO 7 - CONVEGNO - CONFERENZA

60 Viste prospettiche Zona conferenze Il progetto Note storiche esci Data, eventi, enti Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Celebrazione del 150° Anniversario del BACINO di RADDOBBO BORBONICO NAPOLI settembre 2002 Celebrazione del 150° Anniversario del BACINO di RADDOBBO BORBONICO NAPOLI settembre 2002 Vista Prospettica da Nord Vista Prospettica da Est Vista Prospettica da Ovest

61 Viste prospettiche Zona conferenze Il progetto Note storiche esci Data, eventi, enti Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Celebrazione del 150° Anniversario del BACINO di RADDOBBO BORBONICO NAPOLI settembre 2002 Celebrazione del 150° Anniversario del BACINO di RADDOBBO BORBONICO NAPOLI settembre 2002 Zona conferenza

62 Insert workgroup name on slide master Metodologia articolazione Valutazione risorse esci Finalità obiettivi standards Premessa Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – PROPOSTA DI MODULO DIDATTICO DESTINATO AD ALLIEVI DEL TRIENNIO DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI PREMESSA La Lega Navale Italiana, Ente Morale di Diritto pubblico, di cui il Centro Studi Tradizioni Nautiche è parte, ha tra i suoi scopi precipui di avvicinare i giovani al mare e alle problematiche della navigazione: a tale scopo organizza un modulo didattico che intende fornire gratuitamente saperi e competenze specifiche, socialmente spendibili. Tale modulo didattico ha lo scopo di aiutare allievi del Triennio di Scuola Media Superiore, a rafforzare e approfondire le conoscenze già in loro possesso, nel campo della fisica, delle scienze, della geografia astronomica e della storia della navigazione; si prefigge altresì di far crescere le capacità degli allievi di applicare e mettere in pratica le teorie apprese, di renderli esperti nell'uso di strumentazioni legate al loro sapere tecnico, e utili sia all'orientamento in generale, sia alle più moderne tecniche di rilevamento. Nel contempo il modulo si propone di certificare le conoscenze e le competenze acquisite dagli studenti per consentire loro di produrre crediti che essi possano farsi riconoscere dal Consiglio di Classe in base alle normative vigenti (legge 425 del 10/12/1997 art 5.4 e seguenti). Il modulo ha alcune specificità: 1) propone una didattica modulare che si sviluppa intorno ad un obiettivo centrale affrontato nella sua complessità 2) utilizza una metodologia di ricerca – azione e di tipo problem - solving che pone lallievo in posizione centrale nel processo di apprendimento 3) fa leva su attività di laboratorio 4) favorisce la formazione di gruppi di lavoro 5) persegue obiettivi di conoscenza (sapere) ma anche obiettivi di abilità (saper fare) 6) prevede momenti di contatto diretto con il Mare per la sperimentazione delle conoscenze teoriche acquisite 7) incoraggia gli allievi allulteriore approfondimento dei temi che più li appassionano fornendo loro gli strumenti necessari 8) prevede la produzione di materiale finale per sintetizzare e documentare il lavoro sia in forma cartacea che multimediale.

63 Insert workgroup name on slide master Metodologia articolazione Valutazione risorse esci Finalità obiettivi standards Premessa Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – PROPOSTA DI MODULO DIDATTICO DESTINATO AD ALLIEVI DEL TRIENNIO DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI FINALITA -Avvicinare i giovani al mare -Favorire la conoscenza del territorio nel quale si vive -Fonire le conoscenze fondamentali relative al rapporto delluomo con il mare -Fornire gli stimoli per un approfondimento delle conoscenze, in ambito storico e scientifico, relative al problema della navigazione -Fornire gli stimoli per la sperimentazione diretta, dal vivo ed in laboratorio, delle conoscenze di cui si è in possesso OBIETTIVI Lallievo al termine del corso avrà acquisito: -le conoscenze fondamentali relative al problema dellorientamento delluomo nellambiente terrestre e marittimo ( in ambito storico e scientifico) -le conoscenze relative alla strumentazione Global Positioning System GPS -la capacità di orientarsi in ambiente terrestre e marittimo sia tramite losservazione diretta sia tramite strumentazione STANDARD DI INGRESSO Il progetto si rivolge ad allievi del triennio della Scuola Media Superiore in possesso di una buona preparazione di base STANDARD DI USCITA Alluscita del modulo lallievo: -conoscerà i principali metodi di orientamento (anche nel loro sviluppo storico) e conoscerà, in modo adeguato, gli aspetti teorici relativi -sarà in grado di usare la strumentazione GPS anche per usi alternativi (per esempio per lindividuazione cartografica delle città e delle coste) -sarà in grado di orientarsi in modo autonomo sia con losservazione diretta sia utilizzando la strumentazione (bussola e sistema GPS)

64 Insert workgroup name on slide master Metodologia articolazione Valutazione risorse esci Finalità obiettivi standards Premessa Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – PROPOSTA DI MODULO DIDATTICO DESTINATO AD ALLIEVI DEL TRIENNIO DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI METODOLOGIA Il modulo persegue, relativamente allambito conoscitivo affrontato, una conoscenza compiuta in sé che ne rifletta la complessità. Per questo la metodologia sarà di tipo sistemico con uno sviluppo ramificato dei saperi e delle abilità, fondata su una didattica di ricerca – azione. Lallievo quindi sarà inserito in posizione centrale nel processo di apprendimento didattico e le lezioni saranno svolte utilizzando mappe concettuali, assegnando compiti di ricerca, produzione ed organizzazione dati, elaborando prodotti finali che sintetizzino le conoscenze e attuino abilità e saper fare. ARTICOLAZIONE Il modulo prevede un numero totale di ore pari a 30. Sono previste n° 2 uscite in mare di 4 ore ciascuna e n° 6 incontri di 3 ore ciascuno, con cadenza settimanale. Un incontro conclusivo di 4 ore è dedicato alla sintesi delle attività svolte ed alla valutazione dei risultati. Il numero massimo di allievi ammessi al modulo è di venti. Nella tabella seguente è riportato lo schema riassuntivo degli incontri previsti e delle relative attività. NDENOMINAZIONEOREDESCRIZIONE ATTIVITA 1USCITA IN MARE 4 Uscita diurna degli allievi suddivisi in gruppi di cinque per un primo immediato contatto con il mare e lintroduzione alle tematiche da sviluppare successivamente 2LORIENTAMENTO CON LE STELLE 3 Attività destinata ad affrontare le problematiche delluomo antico nellorientamento, in particolare durante la navigazione 3LORIENTAMENTO CON LA BUSSOLA 6 Attività destinata ad affrontare la navigazione strumentale con la bussola ed a valutare lenorme progresso che questo metodo ha consentito nella navigazione 4LORIENTAMENTO CON IL GPS 6 Attività destinata ad affrontare la navigazione strumentale moderna con il GPS ed il confronto con le tecniche precedenti 5LORIENTAMEO E LA SICUREZZA 3 Attività destinata a dimostrare come lorientamento e lesatta localizzazione in mare costituiscano aspetti fondamentali per la sicurezza 6USCITA IN MARE 4 Uscita diurna degli allievi suddivisi in gruppi di cinque per lapplicazione in vivo delle conoscenze acquisite nel modulo. 7CONCLUSIONE E VALUTAZIONE 4 Sintesi delle attività svolte nel modulo e valutazione dei risultati

65 Insert workgroup name on slide master Metodologia articolazione Valutazione risorse esci Finalità obiettivi standards Premessa Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – PROPOSTA DI MODULO DIDATTICO DESTINATO AD ALLIEVI DEL TRIENNIO DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI VALUTAZIONE La valutazione formale avverrà nellincontro finale previsto dal modulo, con la presentazione e discussione di una tesina in forma cartacea o multimediale, elaborata dagli allievi, singolarmente o in gruppo. RISORSE Le principali risorse occorrenti sono: - imbarcazioni da crociera a vele ed a motore, messe a disposizione dai Soci della Sezione di Napoli della Lega Navale Italiana - locali, biblioteca, materiale didattico del Centro Studi Tradizioni Nautiche della Sezione di Napoli della Lega Navale Italiana - docenti per lattività teorica e pratica reperiti tra i soci della Sezione di Napoli della Lega Navale o allesterno qualora la tipologia dinsegnamento lo richieda.

66 Metodologia e articolazione Valutazioni e risorse Finalità, obiettivi,standards Premesse esci Modulo didattico PROPOSTA DI MODULO DIDATTICO DESTINATO AD ALLIEVI DEL TRIENNIO DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – PREMESSA La Lega Navale Italiana, Ente Morale di Diritto pubblico, di cui il Centro Studi Tradizioni Nautiche è parte, ha tra i suoi scopi precipui di avvicinare i giovani al mare e alle problematiche della navigazione: a tale scopo organizza un modulo didattico che intende fornire gratuitamente saperi e competenze specifiche, socialmente spendibili. Tale modulo didattico ha lo scopo di aiutare allievi del Triennio di Scuola Media Superiore, a rafforzare e approfondire le conoscenze già in loro possesso, nel campo della fisica, delle scienze, della geografia astronomica e della storia della navigazione; si prefigge altresì di far crescere le capacità degli allievi di applicare e mettere in pratica le teorie apprese, di renderli esperti nell'uso di strumentazioni legate al loro sapere tecnico, e utili sia all'orientamento in generale, sia alle più moderne tecniche di rilevamento. Nel contempo il modulo si propone di certificare le conoscenze e le competenze acquisite dagli studenti per consentire loro di produrre crediti che essi possano farsi riconoscere dal Consiglio di Classe in base alle normative vigenti (legge 425 del 10/12/1997 art 5.4 e seguenti). Il modulo ha alcune specificità: 1) propone una didattica modulare che si sviluppa intorno ad un obiettivo centrale affrontato nella sua complessità 2) utilizza una metodologia di ricerca – azione che pone lallievo in posizione centrale nel processo di apprendimento 3) fa leva su attività di laboratorio 4) favorisce la formazione di gruppi di lavoro 5) persegue obiettivi di conoscenza (sapere) ma anche obiettivi di abilità (saper fare) 6) prevede momenti di contatto diretto con il mare per la sperimentazione delle conoscenze acquisite 7) incoraggia gli allievi allulteriore approfondimento dei temi che più li appassionano fornendo loro gli strumenti necessari prevede la produzione di materiale finale per sintetizzare e documentare il lavoro sia in forma cartacea che multimediale.

67 Metodologia e articolazione Valutazioni e risorse Finalità, obiettivi,standards Premesse esci Modulo didattico PROPOSTA DI MODULO DIDATTICO DESTINATO AD ALLIEVI DEL TRIENNIO DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – IL MODULO DIDATTICO Il modulo didattico ha lo scopo di indurre gli allievi del Triennio di Scuola Media Superiore, ad approfondire ed applicare conoscenze già in loro possesso, in ambito storico e scientifico, per lo studio del territorio nel quale si vive. Il modulo si prefigge anche lo scopo di fornire agli allievi stimoli e strumenti per sintetizzare i dati acquisiti in una struttura unificante efficace per la divulgazione e la fruizione dei risultati, utilizzando le moderne tecnologie informatiche. Nel contempo il modulo si propone di certificare le conoscenze e le competenze acquisite dagli studenti per consentire loro di produrre crediti che essi possano farsi riconoscere dal Consiglio di Classe in base alle normative vigenti (legge 425 del 10/12/1997 art 5.4 e seguenti). Il modulo ha alcune specificità: 8) propone una didattica modulare che si sviluppa intorno ad un obiettivo centrale affrontato nella sua complessità 9) utilizza una metodologia di ricerca – azione che pone lallievo in posizione centrale nel processo di apprendimento 10) fa leva su attività di laboratorio 11) favorisce la formazione di gruppi di lavoro 12) persegue obiettivi di conoscenza (sapere) ma anche obiettivi di abilità (saper fare) 13) prevede momenti di contatto diretto con il mare per la individuazione dei dati iniziali necessari allo sviluppo del lavoro 14) incoraggia gli allievi allulteriore approfondimento dei temi che più li appassionano fornendo loro gli strumenti necessari prevede la produzione di materiale finale per sintetizzare e documentare il lavoro sia in forma cartacea che multimediale.

68 Metodologia e articolazione Valutazioni e risorse Finalità, obiettivi,standards Premesse esci Modulo didattico PROPOSTA DI MODULO DIDATTICO DESTINATO AD ALLIEVI DEL TRIENNIO DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – FINALITA - Avvicinare i giovani al mare - Favorire la conoscenza del territorio nel quale si vive - Recuperare la memoria storica delle attività produttive - Usare il glossario come testimonianza storica nella ricerca - Fornire gli stimoli per un approfondimento delle conoscenze, in ambito storico e scientifico, relative al linguaggio settoriale della Pesca nel golfo di Napoli - Fornire gli stimoli per l acquisizione diretta, dal vivo ed in laboratorio, delle conoscenze utilizzate o prodotte OBIETTIVI Lallievo al termine del corso avrà acquisito: - la conoscenza di un glossario fondamentale della Pesca nel golfo di Napoli anche in relazione agli aspetti storici, sociologici ed economici di riferimento (dal 1700 ad oggi) - le conoscenze scientifiche e tecnologiche implicite nel glossario fondamentale della Pesca nel golfo di Napoli - la capacità di produrre, selezionare ed organizzare dati anche con luso di strumenti informatici STANDARD DI INGRESSO Il progetto si rivolge ad allievi del triennio della Scuola Media Superiore in possesso di una buona preparazione di base e con sufficienti conoscenze informatiche di base (windows, word processor) STANDARD DI USCITA Alluscita del modulo lallievo: - conoscerà i principali termini del linguaggio della Pesca nel golfo di Napoli - avrà acquisito le conoscenze fondamentali che sono implicite nei termini del glossario prodotto - avrà acquisito conoscenze sulle principali modalità di produrre, selezionare ed organizzare dati in riferimento agli scopi prefissati ed alle modalità di fruizione - avrà acquisito conoscenze fondamentali relative ad un database informatico e la capacità di utilizzarlo per la produzione del glossario della Pesca

69 Metodologia e articolazione Valutazioni e risorse Finalità, obiettivi,standards Premesse esci Modulo didattico PROPOSTA DI MODULO DIDATTICO DESTINATO AD ALLIEVI DEL TRIENNIO DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – METODOLOGIA Il modulo persegue, relativamente allambito conoscitivo affrontato, una conoscenza compiuta in sé che ne rifletta la complessità. Per questo la metodologia sarà di tipo sistemico con uno sviluppo ramificato dei saperi e delle abilità, fondata su una didattica di ricerca – azione. Lallievo quindi sarà inserito in posizione centrale nel processo di apprendimento didattico e le lezioni saranno svolte utilizzando mappe concettuali, assegnando compiti di ricerca, produzione ed organizzazione dati, elaborando prodotti finali che sintetizzino le conoscenze e attuino abilità e saper fare. ARTICOLAZIONE Il modulo prevede un numero totale di ore pari a 30. Sono previste n° 2 uscite di 4 ore e n° 6 incontri di 3 ore ciascuno, con cadenza settimanale. Un incontro conclusivo di 4 ore è dedicato alla sintesi delle attività svolte ed alla valutazione dei risultati. Il numero massimo di allievi ammessi al modulo è di venti. Nella tabella seguente è riportato lo schema riassuntivo degli incontri previsti e delle relative attività. NDENOMINAZIONEOREDESCRIZIONE ATTIVITA 1RICERCA IN AULA DI LEMMI RELATIVI ALLA PESCA 6Attività destinata a produrre e raccogliere lemmi relativi alla Pesca mediante una ricerca bibliografica. 2 USCITA IN MARE 4 Uscita diurna degli allievi suddivisi in gruppi di cinque per condurre interviste ai pescatori del golfo di Napoli e raccogliere dati dal vivo 3 VISITA A TERRA 4 Uscita diurna degli allievi suddivisi in gruppi di cinque per condurre interviste ai pescatori e raccogliere dati dal vivo 4 ANALISI DEI LEMMI 3 Attività destinata a selezionare ed organizzare i lemmi prodotti in relazione alle implicazioni storiche, economiche, scientifiche e tecnologiche 5 IlDATABASE 6Attività destinata alla conoscenza del database informatico scelto ed alla sua utilizzazione 6 PRODUZIONE DEL GLOSSARIO 3Attività destinata alla produzione del glossario utilizzando il database 7 CONCLUSIONE, VALUTAZIONE 4Sintesi delle attività svolte nel modulo e valutazione dei risultati

70 Metodologia e articolazione Valutazioni e risorse Finalità, obiettivi,standards Premesse esci Modulo didattico PROPOSTA DI MODULO DIDATTICO DESTINATO AD ALLIEVI DEL TRIENNIO DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – VALUTAZIONE La valutazione formale avverrà nellincontro finale previsto dal modulo, con la presentazione e discussione di una tesina in forma cartacea o multimediale, elaborata dagli allievi, singolarmente o in gruppo. RISORSE Le principali risorse occorrenti sono: - imbarcazioni da crociera a vele ed a motore, messe a disposizione dai Soci della Sezione di Napoli della Lega Navale Italiana -locali, biblioteca, materiale didattico del Centro Studi Tradizioni Nautiche della Sezione di Napoli della Lega Navale Italiana - n° 5 personal computer messi a disposizione messi a disposizione dal CSTN - docenti per lattività teorica e pratica: soci della Sezione di Napoli della Lega Navale o esterni qualora la tipologia dinsegnamento lo richieda.

71 Metodologia e articolazione Valutazioni e risorse Finalità, obiettivi,standards Premesse esci Modulo didattico PROPOSTA DI MODULO DIDATTICO DESTINATO AD ALLIEVI DEL TRIENNIO DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – PREMESSA La Lega Navale Italiana, Ente Morale di Diritto pubblico, di cui il Centro Studi Tradizioni Nautiche è parte, ha tra i suoi scopi precipui di avvicinare i cittadini al mare sviluppando le conoscenze dellambiente marittimo e le giuste modalità di fruizione. A tale scopo il Centro Studi ha sviluppato un progetto, di ampio respiro, consistente nellattivazione di un ECOMUSEO DEL MARE del biocomprensorio del golfo di Napoli ( in particolare nel tratto urbano che va da San Giovanni a Teduccio a Bagnoli) la cui finalità principale è quella di contribuire a colmare la frattura funzionale e fisica tra la città ed il mare provocato dallincontrollato sviluppo urbano dal dopoguerra ad oggi. La proposta di un sistema ecomuseale del mare si caratterizza per essere un museo del tempo e dello spazio inserito in un paesaggio naturale ed antropico: un museo del tempo perché non privilegia sezioni storiche particolari e definite ma svolge un percorso diacronico di lungo periodo; un museo dello spazio perché la sua realizzazione è strettamente collegata alle caratteristiche fisiche e naturali del territorio e dei relativi insediamenti. Il progetto si attua attraverso le seguenti azioni programmatiche: - valorizzazione del sistema di fruibilità turistica da mare - attuazione di un programma di formazione dei cittadini (in particolare dei giovani) - predisposizione di sistemi per la divulgazione della disponibilità di risorse naturali ed antropiche del tratto di costa urbano I risultati attesi sono: - creazione di una banca dati costituente un inventario ragionato delle caratteristiche fisiche, naturali ed antropiche del biocomprensorio del golfo di Napoli (tratto urbano) - individuazione di una rete di percorsi tematici da mare rivolta ai diversi fruitori - produzione di documentazione per il sostegno formativo orientato alla gestione della banca dati e della rete telematica - produzione di un sistema informatizzato (cd rom, sito internet ecc.) per rendere agevole e rapida la fruizione da parte dei potenziali utenti Il Centro Studi nellambito del progetto Ecomuseo del mare ed allo scopo di dare ad esso un avvio concreto ed operativo, propone alle Scuole (preferibilmente quelle situate in prossimità della fascia costiera) lattuazione di un modulo didattico le cui finalità ed i cui scopi sono compresi in quelli più ampi del progetto. Le Scuole interessate potrebbero, ed è auspicabile che ciò avvenga, partecipare anche alle successive fasi previste dallo sviluppo del progetto, apportando il loro contributo di conoscenze ed esperienze.

72 Metodologia e articolazione Valutazioni e risorse Finalità, obiettivi,standards Premesse esci Modulo didattico PROPOSTA DI MODULO DIDATTICO DESTINATO AD ALLIEVI DEL TRIENNIO DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – IL MODULO DIDATTICO Il modulo didattico ha lo scopo di indurre gli allievi del Triennio di Scuola Media Superiore, ad approfondire ed applicare conoscenze già in loro possesso, in ambito storico e scientifico, per lo studio del territorio nel quale si vive. Il modulo si prefigge anche lo scopo di fornire agli allievi stimoli e strumenti per sintetizzare i dati acquisiti in una struttura unificante efficace per la divulgazione e la fruizione dei risultati, utilizzando le moderne tecnologie informatiche. Nel contempo il modulo si propone di certificare le conoscenze e le competenze acquisite dagli studenti per consentire loro di produrre crediti che essi possano farsi riconoscere dal Consiglio di Classe in base alle normative vigenti (legge 425 del 10/12/1997 art 5.4 e seguenti). Il modulo ha alcune specificità: 1) propone una didattica modulare che si sviluppa intorno ad un obiettivo centrale affrontato nella sua complessità 2) utilizza una metodologia di ricerca – azione che pone lallievo in posizione centrale nel processo di apprendimento 3) fa leva su attività di laboratorio 4) favorisce la formazione di gruppi di lavoro 5) persegue obiettivi di conoscenza (sapere) ma anche obiettivi di abilità (saper fare) 6) prevede momenti di contatto diretto con il mare per la individuazione dei dati iniziali necessari allo sviluppo del lavoro 7) incoraggia gli allievi allulteriore approfondimento dei temi che più li appassionano fornendo loro gli strumenti necessari prevede la produzione di materiale finale per sintetizzare e documentare il lavoro sia in forma cartacea che multimediale.

73 Metodologia e articolazione Valutazioni e risorse Finalità, obiettivi,standards Premesse esci Modulo didattico PROPOSTA DI MODULO DIDATTICO DESTINATO AD ALLIEVI DEL TRIENNIO DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – FINALITA - avvicinare i giovani al mare - favorire la conoscenza del territorio nel quale si vive e sanare la frattura funzionale e fisica tra la fascia terrestre e marina della costa - fornire le conoscenze fondamentali relative al rapporto delluomo con il mare - fornire gli stimoli per un approfondimento delle conoscenze, storiche e scientifiche, acquisite - fornire gli stimoli per la sperimentazione diretta, dal vivo ed in laboratorio, delle conoscenze acquisite OBIETTIVI Lallievo al termine del corso avrà acquisito: - conoscenze di tipo fondamentale relative al tratto di costa esaminato - capacità di osservare il territorio e di interpretare i dati presenti nella tradizione cartografica - la capacità di produrre, selezionare e strutturare dati in maniera finalizzata - conoscenze e capacità duso, a livello fondamentale, di strumenti informatici utili alla raccolta e comunicazione dei dati STANDARD DI INGRESSO Il progetto si rivolge ad allievi del triennio della Scuola Media Superiore in possesso di una buona preparazione di base e con sufficienti conoscenze informatiche di base (windows, word processor) STANDARD DI USCITA Alluscita del modulo lallievo avrà acquisito: - conoscenze di elementi della cartografia e del simbolismo di rappresentazione - conoscenze relative al tratto di costa esaminato - capacità di strutturare dati, tramite lo sviluppo di mappe concettuali, in forma utile alla loro divulgazione e rapida fruizione - conoscenza e capacità duso, a livello fondamentale, di un software utile per la divulgazione e la fruizione dei dati raccolti

74 Metodologia e articolazione Valutazioni e risorse Finalità, obiettivi,standards Premesse esci Modulo didattico PROPOSTA DI MODULO DIDATTICO DESTINATO AD ALLIEVI DEL TRIENNIO DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – METODOLOGIA Il modulo persegue, relativamente allambito conoscitivo affrontato, una conoscenza compiuta in sé che ne rifletta la complessità. Per questo la metodologia sarà di tipo sistemico con uno sviluppo ramificato dei saperi e delle abilità, fondata su una didattica di ricerca–azione. Lallievo quindi sarà inserito in posizione centrale nel processo di apprendimento didattico e le lezioni saranno svolte utilizzando mappe concettuali, assegnando compiti di ricerca, produzione ed organizzazione dati, elaborando prodotti finali che sintetizzino le conoscenze e attuino abilità e saper fare. ARTICOLAZIONE Il modulo prevede un numero totale di ore pari a 30. Sono previste n° 2 uscite di 4 ore ciascuna (una passeggiata avente lo scopo di raggiungere punti di osservazione ottimale del tratto di costa esaminato ed una uscita in mare avente lo scopo di produrre punti di osservazione dal mare dello stesso tratto di costa) e n° 6 incontri in aula di 3 ore ciascuno, con cadenza settimanale. Un incontro conclusivo di 4 ore è dedicato alla sintesi delle attività svolte ed alla valutazione dei risultati. Nella tabella seguente è riportato lo schema riassuntivo degli incontri previsti e delle relative attività. NDENOMINAZIONEOREDESCRIZIONE ATTIVITA 1CARTOGRAFIA STORICA 3 Attività destinata allesame della cartografia storica, relativa al tratto di costa esaminato, allo scopo di rendere gli allievi consapevoli della soggettività della percezione dei luoghi 2OSSERVAZIONE DA TERRA 4 Attività destinata ad affrontare le problematiche delluomo antico nellorientamento, in particolare durante la navigazione 3USCITA IN MARE 4 Attività svolta con finalità e modalità analoghe a quelle del blocco precedente ma spostando il punto di vista a mare 4ASPETTI STORICI, ANTROPICI, NATURALI 6 Attività destinata a produrre, selezionare ed organizzare dati storici, antropici e naturali sugli elementi individuati come significativi nel corso dellattività precedente 5IL SOFTWARE PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI 6 Attività destinata alla conoscenza ed alluso di un software per la presentazione dei dati raccolti 6PRODUZIONE DEL MULTIMEDIALE 3 Attività destinata alla produzione del documento multimediale 7CONCLUSIONE, VALUTAZIONE 4 Sintesi delle attività svolte nel modulo e valutazione dei risultati

75 Il progetto Il libro, gli autori Note storiche esci Liniziativa Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Nel 1936 vince ai Giochi Velici dell Olimpiade di Berlino-Kiel la sua prima medaglia d oro. La vince nella classe più grande: gli 8 metri stazza internazionale contro nove avversari tra i quali le agguerrite barche dei Paesi Nordici. È una affermazione inaspettata per la bella barca progettata e costruita da Attilio Costaguta nel suo cantiere di Genova - Voltri. Una barca che per lappunto si chiama Italia. Questo libro, il primo del Centro Studi Tradizioni Nautiche della Sezione di Napoli della Lega Navale Italiana, racconta, avvalendosi anche di testi dellepoca, non solo la storia delle regate dei Giochi Velici ma anche quella della barca dal suo varo ad oggi. Una documentazione preziosa soprattutto perchè Italia è entrata a far parte dei Beni Culturali del nostro paese. Un riconoscimento meritato che premia quanti nel lontano 1936 ad oggi hanno dato il loro contributo per mantenerla in vita. ITALIA

76 Il progetto Il libro, gli autori Note storiche esci Liniziativa Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Marzo 2002Il Centro Studi Tradizioni Nautiche della Sezione di Napoli della Lega Navale Italiana avanza richiesta al Ministero per i Beni e le Attività Culturali per il riconoscimento della imbarcazione olimpionica ITALIA quale bene storico nazionale. Marzo 2002 Il CSTN chiede ed ottiene per liniziativa il patrocinio dalla Federazione Italiana Vela Dicembre 2002Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali emette decreto di riconoscimento per ITALIA quale bene storico nazionale. Marzo 2003Viene notificato il decreto allattuale proprietario il socio Antonio Sisimbro. Limbarcazione è ormeggiata presso la base nautica della Sezione di Napoli della Lega Navale Italiana ITALIA

77 Il progetto Il libro, gli autori Note storiche esci Liniziativa Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Il libro Franco Belloni Giornalista, collabora alle più importanti riviste nautiche. È uno storico della navigazione da diporto ed in particolare dellattività velica. Tra gli altri suo il libro 70 anni della Federazione Italiana Vela, edito dalla Federazione. Ha curato per conto del Touring Club Italiano, ledizione italiana, dieci volumi, del Nauticus - Grande enciclopedia della nautica. È stato tra i collaboratori del Dizionario Marinaresco della Lega Navale Italiana. Paolo Rastrelli È uno dei fondatori del Centro Studi Tradizioni Nautiche di cui è segretario. Appassionato animatore di tutte le manifestazioni legate al mare e in particolare alla navigazione da diporto. Buon velista, i dinghy 12 piedi sono il suo amore. È anche un ricercatore e da questo suo interesse è nato il libro La leggenda del dinghy 12 piedi per conto dell Associazione Italiana Classe Dinghy 12. Lunica associazione di classe in Italia ad aver pubblicata la sua storia. ITALIA

78 Il progetto Il libro, gli autori Note storiche esci Liniziativa Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Piani di costruzione di ITALIA Ricostruzione curata dal socio LNI Angelo Esposito di Sorrento ITALIA

79 Il progetto Il libro, gli autori Note storiche esci Liniziativa Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Piani di costruzione di ITALIA Ricostruzione curata dal socio LNI Angelo Esposito di Sorrento ITALIA

80 Il progetto Il libro, gli autori Note storiche esci Liniziativa Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Gozzo sorrentino PIANOSA Costruito alla Marina Grande di Sorrento e varato nel 1947 col nome di Laura Madre Il gozzo parte da Sorrento per lisola dElba dove risiede il suo proprietario. Agli inizi degli anni 50 viene fermato e posto sotto sequestro nellisola di Pianosa. Assegnato al servizio del Penitenziario per i trasferimenti con lElba, cambia nome e resta in attività per circa quaranta anni. Poi abbandonato sul piccolo scalo dellisola sembra destinato ad una inevitabile fine, ma nel 2002 viene scoperto e riportato nella sua terra dorigine, nel cantiere che laveva costruito, ed inizia un lungo ed accurato restauro filologico che lo riporta allantico splendore. Con linteressamento del CSTN Pianosa è la seconda imbarcazione in Campania ad essere inserita tra i beni culturali.

81 Il progetto Il libro, gli autori Note storiche esci Liniziativa Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Gozzo sorrentino PIANOSA Marzo 2004Al termine di un lungo e accurato lavoro di restauro iniziato nel 2002 ed ultimato nrl 2003, larmatore da incarico al CSTN di curare la pretica per ottenere il riconoscimento di bene storico Giugno 2004Il CSTN inoltra la richiesta alla competente Soprintendenza per i Beni e le Attività Culturali della Campania Novembre 2004Con decreto n° 29 del 15/12004 limbarcazionePianosa viene riconosciuta bene storico e sottoposta alle disposizioni di tutela a norma del DL 22/11/2004 n° 42 La consegna allarmatore della targa di bene storico è avvenuta a Napoli alla presenza del Ministro dei Beni Culturali on. Rocco Buttiglione

82 Il progetto Il libro, gli autori Note storiche esci Liniziativa Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Gozzo sorrentino PIANOSA La singolare storia del gozzo Pianosa, è narrata nel bel volume curato da Paolo Rastrelli e pubblicato da Yachting Library nel 2005 in occasione del riconoscimento della barca quale bene storico posto sotto la tutela dal Ministero dei Beni Culturali

83 Il progetto Il libro, gli autori Note storiche esci Liniziativa Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Gozzo sorrentino PIANOSA

84 Il progetto Il libro, gli autori Note storiche esci Liniziativa Ente proponente: Lega Navale Italiana Sez di Napoli Centro Studi Tradizioni Nautiche Via Sedile di Porto, 33 – Gozzo sorrentino PIANOSA Progetto: Studio Faggioni Yacht Design


Scaricare ppt "Apri LEGA NAVALE ITALIANA SEZIONE DI NAPOLI CENTRO STUDI TRADIZIONI NAUTICHE PRESENTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DELLATTIVITA SVOLTA DAL 10 - 1999 AL 01 - 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google