La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduzione Aerei che sfrecciano nel cielo, le sirene delle ambulanze, i clacson e i martelli pneumatici, lo scoppio dei petardi, il passaggio di motociclette,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduzione Aerei che sfrecciano nel cielo, le sirene delle ambulanze, i clacson e i martelli pneumatici, lo scoppio dei petardi, il passaggio di motociclette,"— Transcript della presentazione:

1

2 Introduzione Aerei che sfrecciano nel cielo, le sirene delle ambulanze, i clacson e i martelli pneumatici, lo scoppio dei petardi, il passaggio di motociclette, treni, metropolitane, mezzi pesanti e auto in velocità. La sensibilità ai rumori varia da persona a persona, ma esiste una soglia di tolleranza valida per tutti oltre la quale si possono originare danni psicofisici. La soglia di rischio è stata individuata intorno agli 80 decibel, ma l'Oms raccomanda di stare al di sotto dei 65 di giorno e dei 55 di notte (in Italia l'inquinamento acustico medio si attesta sui 70 decibel di giorno e 65 di notte): già a 90 si avverte fastidio e a 120 compare dolore, capogiro, nausea e sordità temporanea. Un rumore molto elevato oltre i 120 decibel può provocare traumi irreversibili per l'orecchio. Inoltre le conseguenze dannose dei rumori si sommano nel tempo: un suono continuo potrebbe essere dannoso già a partire dagli 80 decibel. L'esposizione al rumore può avere anche effetti extrauditivi che vanno ad interessare tutto il corpo, come l'aumento della pressione arteriosa, della frequenza cardiaca, dell'ansia, dell'insonnia e dell'irritabilità.

3 Mappa Schema inquinamento Rumori eccessivi

4 Lorecchio È una macchina meravigliosa, straordinario incastro di chiocciole, timpani, trombe e martelli, capace di intercettare il suono più debole e indefinito e di tollerare rumori improvvisi e intensi. Purtroppo sono tante e spesso insospettabili le insidie che ne minacciano il perfetto funzionamento, dal traffico insostenibile delle nostre città alla musica assordante delle discoteche ai walkman a tutto volume. Se nella "Jungla" dei rumori ciascuno di noi potesse chiudere un orecchio. Mappa

5 Mura impiccione Giochi pericolosi Giochi pericolosi Lasciano trapelare tutti i rumori del circondario. Spesso e volentieri è colpa dei materiali da costruzione se le capacità d'isolamento delle pareti sono nella maggioranza dei casi minime (il mattone forato è un esempio). Il materiale ideale per garantire l'isolamento acustico è il sughero in pannelli dello spessore di 2 centimetri da applicare alle pareti e al soffitto. In mancanza ovviare con tende, tappeti e tappezzeria. I tessuti attenuano le vibrazioni sonore. Mappa

6 Fonofobia Tra le innumerevoli fobie umane ce n'è una che forse è meno conosciuta. Si chiama fonofobia, è la paura dei suoni e insorge in soggetti che temono l'esposizione ad alcuni suoni che ritengono potenzialmente lesivi. In realtà siamo tutti un po' fonofobici nei confronti di singoli rumori, ad esempio il suono di una sirena o il fischio di un treno in corsa. Ma se la fonofobia si traduce in fastidio per tutti i suoni, può portare all'iperacusia. Come tutte le fobie si supera eliminando la paura. Mappa

7 Nuoce gravemente alla salute… È stato scientificamente provato che esiste una correlazione tra il fumo in gravidanza e le patologie dell'orecchio medio. Da uno studio effettuato su un campione di oltre 8000 donne in gravidanza è emerso che i figli delle fumatrici, controllati fino all'età di 5 anni, hanno sviluppato infezioni acute all'orecchio, tanto più gravi quanto maggiore è stato il numero di sigarette fumate dalle madri in dolce attesa. Mappa

8 Sordità in alta quota Attenzione a scalare in velocità la cima di una montagna, ad esempio in auto o in funivia. La rapida decompressione derivante dall'aumento di quota induce una sensazione di fastidio all'orecchio che può degenerare in sordità temporanea. L'orecchio è, infatti, un organo molto sensibile alle repentine modificazioni atmosferiche. Mappa

9 Lavoro e udito Esistono occupazioni pericolose per l'udito. Cosa risaputa persino dagli antichi Sabini che già nel 600 a.C. allontanavano, al di fuori dell'abitato cittadino, professioni rumorose come la lavorazione dei metalli. Rischiano grosso certi lavoratori alle prese con macchinari troppo "sonori": le patologie professionali determinate dall'esposizione prolungata ad elevate intensità di rumore rappresentano in Italia il 50 per cento delle malattie indennizzate dall'Inail. E, generalmente, si tratta di danni uditivi permanenti. Mappa

10 Mi fischiano le orecchie Sia nel caso di danno uditivo grave sia in caso d'alterazione uditiva temporanea l'acufene è l'espressione più fastidiosa del disturbo. "Si tratta di una sensazione uditiva avvertita dal soggetto in assenza di una reale stimolazione sonora esterna", dice Banci e può presentarsi sotto forma di fischio sottile, di ronzio o di rumore pulsante, in ogni caso fastidiosissimi e talvolta di difficile sopportazione, soprattutto in condizioni di silenzio assoluto. "L'impatto dell'acufene sulla vita del soggetto è sicuramente negativo anche se la tollerabilità dell'acufene è molto soggettiva, c'è chi non riesce a distogliere l'attenzione da esso e chi reagisce invece ad abituarsi. È comunque una scomoda compagnia che può durare per tutta la vita". E, come se non bastasse, "non sempre si riesce ad individuare la causa esatta dell'acufene - ammette Banci -. Generalmente si risale alla sua origine indagando su eventuali patologie dell'orecchio, del sistema nervoso centrale o sistemiche che affliggono il soggetto". Non è assolutamente il caso di sottovalutare un acufene "Il fischio va comunque indagato se non altro per escludere patologie importanti a livello acustico o a carico d'altri organi - raccomanda Banci -, di cui gli acufeni possono essere il primo sintomo. Dietro ad un acufene, infatti, può nascondersi di tutto, dal tappo di cerume che ostruisce il condotto uditivo a patologie più gravi, come la malattia di Menière, l'otosclerosi, disturbi vascolari, forme tumorali del nervo acustico, diabete. Per quanto riguarda la cura le maggiori probabilità di successo contro l'acufene, si hanno in quei casi in cui s'individua con chiarezza la patologia che li provoca. Più difficili da trattare sono quegli acufeni che insorgono senza che si riesca ad individuare cause precise o in ogni modo in soggetti affetti da patologie croniche di tipo vascolare, diabete, ipertensione, arterosclerosi". Mappa

11 Cellulare usarlo o non usarlo? Niente di nuovo sul fronte cellulare. Non è stato, infatti, dimostrato con assoluta certezza l'impatto dannoso dell'uso del cellulare sulla salute generale dell'individuo e in particolare dell'udito. Basandosi sulle conoscenze finora acquisite non c'è pertanto ragione di temere il telefonino, anche se alle radiazioni che emette sono attribuiti effetti dannosi per la salute, tra cui l'aumento del rischio di tumore al cervello. Nel dubbio, e nell'attesa che il "nodo" sia sciolto, conviene far ricorso all'auricolare che tiene lontano dalla testa le onde elettromagnetiche emesse dall'apparecchio, riducendo la quantità di radiazioni assorbite dal cervello. Mappa

12 Rumori eccessivi Un italiano su dieci accusa problemi all'udito causati dal rumore eccessivo. Ma quali rumori possono considerarsi eccessivi? "L'esposizione al suono della discoteca può creare un fenomeno d'affaticamento dell'apparato acustico con diminuzione temporanea dell'efficienza uditiva - afferma Federico Banci, specialista in otorinolaringoiatria presso l'ospedale "Fatebenefratelli" di Milano -. Si tratta di un'alterazione quantitativa e qualitativa della percezione uditiva che generalmente torna alla normalità in breve tempo, tranne casi "sfortunati" in cui il trauma acustico si traduce in vero e proprio danno a carico della parte neurosensoriale dell'orecchio. Più insidioso è l'ascolto della musica in walkman perché di tipo continuativo, anche se non raggiunge i livelli d'intensità sonora della discoteca. Il traffico cittadino interessa invece in misura minore l'orecchio mentre può originare seri disturbi emotivi. Poi ci sono i casi limite in cui il trauma acustico è provocato da rumore di breve durata ma d'intensità molto forte o da un'esposizione prolungata a rumori forti tipica d'alcune professioni". muniti di sirene e clacson, strumenti musicali con volume regolabile, sonagli e carillon "isterici". "Armi" letali per i bambini, soprattutto nel primo anno di vita, quando lo sviluppo dell'udito è particolarmente delicato. L'allarme giunge alle madri di tutto il mondo dall'associazione americana che riunisce gli audiologi e gli specialisti del linguaggio: ascoltate i giocattoli dei vostri figli prima di consegnarli "alle loro orecchie". Mappa

13 Il consiglio Si consiglia dapprima un semplice esame dell'udito: se questo rivela qualche anomalia proseguire con altri accertamenti. E di prestare inoltre molta attenzione ai primi sintomi d'alterazione della capacità uditiva.Può capitare di incontrare difficoltà a seguire una conversazione telefonica o un discorso tra persone in ambiente relativamente rumoroso, o di alzare il volume della tv per sentire meglio. Mappa

14 Schema dellinquinamento Mappa

15 Schema inquinamento Rumori eccessivi


Scaricare ppt "Introduzione Aerei che sfrecciano nel cielo, le sirene delle ambulanze, i clacson e i martelli pneumatici, lo scoppio dei petardi, il passaggio di motociclette,"

Presentazioni simili


Annunci Google