La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

-Valutazione preliminare -Programma educativo -Gestione dellinsulina -Apporto di carboidrati -Reintegro dellacqua -Statements internazionali -Programmi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "-Valutazione preliminare -Programma educativo -Gestione dellinsulina -Apporto di carboidrati -Reintegro dellacqua -Statements internazionali -Programmi."— Transcript della presentazione:

1 -Valutazione preliminare -Programma educativo -Gestione dellinsulina -Apporto di carboidrati -Reintegro dellacqua -Statements internazionali -Programmi A.F. per NIDDM -Aggiustamenti degli OHA -Leggi e certificazioni -Formule di pratico utilizzo LINEE GUIDA ATTIVITA FISICA

2 -Valutazione preliminare -Valutazione preliminare -Programma educativo -Gestione dellinsulina -Apporto di carboidrati -Reintegro dellacqua -Statements internazionali -Programmi A.F. per NIDDM -Aggiustamenti degli OHA -Leggi e certificazioni -Formule di pratico utilizzo LINEE GUIDA ATTIVITA FISICA

3 LINEE GUIDA ATTIVITA FISICA LINEE GUIDA ATTIVITA FISICA - VALUTAZIONE DIABETOLOGICA GLOBALE - VALUTAZIONE DEL TIPO DI ATTIVITA FISICA (AEROBICA, ANAEROBICA etc.) IN RAPPORTO ALLE COMPLICANZE - VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CARDIOVASCOLARE E MUSCOLO-SCHELETRICA The Health Professionals Guide to Diabetics and Exercise. Edizioni ADA 2003

4 VALUTAZIONE DIABETOLOGICA GLOBALE DIABETOLOGICA GLOBALE 1.Almeno 3 profili glicemici (prima e 2 ore dopo i tre pasti e alle ore 3.00) 2.HbA1c 3.ECG a riposo e, in caso di alterazioni cliniche ed ecografiche anche lievi, ECG da sforzo (obbligatorio sempre dopo i 35 anni o con durata del diabete 1>15 anni) 4.Microalbuminuria 5.Esame del fondo oculare in midriasi 6.Biotensiometria 7.Esame clinico dei piedi compresa la valutazione della sensibilità termo-tatto-dolorifica e dellappoggio plantare (podoscopia, podografia) 8.Capacità di riconoscimento dellipoglicemia 9.Tests di neuropatia autonomica cardio-vascolare

5 APPARATO CARDIOVASCOLARE APPARATO CARDIOVASCOLARE Potrebbe essere utile un test da sforzo in caso di esercizio di intensità moderata o elevata o rischio cardiovascolare secondo uno dei seguenti criteri: - DM tipo 1 di durata > 15 anni - DM tipo 2 di durata > 10 anni - Presenza di qualsiasi ulteriore fattore di rischio per malattia coronarica - Presenza di microvasculopatia (retinopatia proliferativa o nefropatia, inclusa la microalbuminuria) - Vasculopatia periferica - Neuropatia autonomica. Test da sforzo NegativoStart Positivo Scintigrafia al tallio Negativa Start per attività aerobica 50% VO 2 max PositivaStop

6 ATTIVITA SPORTIVE ANAEROBICHE ALATTACIDE (DURATA 10-20) (SALTI, LANCI, SOLLEVAMENTO PESI, CORSE 100m, CONTRAZIONI PASSIVE*) FONTI ENERGETICHE: ATP E FOSFOCRETININA DI DEPOSITO DISPENDIO ENERGETICO: POCHE DECINE DI CALORIE EFFETTO SULLA GLICEMIA: NESSUNO (TALORA SPIKES IPERGLICEMICHE DA STRESS) EFFETTI SUL SISTEMA CARDIO-VASCOLARE: NOTEVOLI SOLLECITAZIONI ACUTE E RIPETUTE (SCONSIGLIARE SE PRESENTI SEGNI DI MICROANGIOPATIA, TACHICARDIA A RIPOSO, IPERTENSIONE BORDER-LINE). * Contrazioni passive possono migliorare il trasporto del glucosio insulino- indipendente

7 ATTIVITA ANAEROBICHE LATTACIDE (DURATA 1' -5' ) (400m' – 800m' CORSA AD OSTACOLI – FASI ANAEROBICHE DURANTE SPORTS DI SQUADRA) FONTI ENERGETICHE: PRINCIPALMENTE GLICOGENO – GLUCOSIO SCORIE PRODOTTE: ACIDO LATTICO EFFETTO SULLA GLICEMIA: FACILITA AD IPOGLICEMIE – POST EXERCISE LATE ONSET ALTRI EFFETTI: DISCRETE SOLLECITAZIONI CARDIO-VASCOLARI RESA ENERGETICA SCARSA RISPETTO AD ATTIVITA AEROBICHE

8 ATTIVITA AEROBICHE ALATTACIDE (DURATA 60' - 240' ) (CORSA E SCI DI FONDO, MARCIA, CICLISMO, NUOTO PROLUNGATO IN VASCA) FONTI ENERGETICHE: GLUCOSIO, NEFA, GLICOGENO DISPENDIO ENERGETICO: DA CENTINAIA A MIGLIAIA DI CALORIE EFFETTO SULLA GLICEMIA: RIDUZIONE PROGRESSIVA E PREVEDIBILE ALTRI EFFETTI: MIGLIORAMENTO DELLEFFETTO INSULINICO (RIDUZIONE FABBISOGNO) AUMENTO HDL COL.,RIDUZIONE TRIGLICERIDI CONTENIMENTO DI EVENT. ECCESSO PONDERALE EFFETTO TRAINING (MIGLIORAMENTO VO2 MAX) SCARSE SOLLECITAZIONI CARDIO-VASCOLARI ACUTE EFFETTO FAVOREVOLE SULLEQUILIBRIO PSICHICO

9 Lesame degli occhi deve essere eseguito secondo le indicazioni dellAmerican Diabetes Associations Clinical Practice Recommendations. Per i diabetici con Retinopatia Proliferativa un energico esercizio fisico potrebbe precipitare unemorragia nel vitreo o un distacco di retina. Questi individui devono evitare lesercizio anaerobio. Sulla base dellesperienza condotta alla Joslin Clinic, il grado di retinopatia è stato utilizzato per classificare il rischio legato allesercizio e per individuare il tipo di prescrizione di esercizio adeguato per ciascun paziente. RETINOPATIA

10 LIVELLO di RD Attività accettabili Attività sconsigliabili Rivalutazione oculare NO RD* Dettate dallo stato generale Dettate dallo stato generale 12 mesi RDNP° media Dettate dallo stato generale Dettate dallo stato generale 6-12 mesi RDNP moderata Dettate dallo stato generale Attività che elevano molto la 4-6 mesi pressione del sangue:soll. Pesi RDNP severa Dettate dallo stato generale Attività che incrementano molto 2-4 mesi (potrebbe la P.sistolica,manovre di Valsalva richiedere chirurgia Boxe, Duri sport competitivi laser) RDP Di basso impatto cardiovascolare Attività energiche,manovre di 1-2 mesi (potrebbe nuotare, camminare Valsalva, Attività di lotta richiedere chirurgia Aerobici di basso impatto: Sollevamento pesi, jogging laser) cyclette, esercizi aerobici Sport con racchette di durata Suonare strenuamente la tromba *RD=retinopatia diabetica °RDNP=retinopatia diabetica non proliferativa RDP=retinopatia diabetica proliferativa Considerazioni per le limitazioni dell attività fisica nella Retinopatia Diabetica

11 Non vi sono raccomandazioni specifiche riguardo lesercizio in pazienti con nefropatia incipiente o conclamata. I pazienti con nefropatia conclamata spesso hanno una ridotta capacità di svolgere lesercizio fisico e ciò comporta un autolimitazione del livello di attività. Sebbene non vi sia unevidente ragione per limitare in questi pazienti un esercizio di intensità lieve è comunque opportuno scoraggiare in questi individui lesercizio forzato di moderata-elevata intensità anche in considerazione del coesistente rischio cardiovascolare. NEFROPATIA

12 La PN può comportare una perdita della sensibilità ai piedi. Un importante PN è un indicazione per limitare esercizi che prevedono un carico ripetuto. Un esercizio ripetitivo su un fisico con piedi insensibili può condurre a fratture ed ulcere. La valutazione della PN deve basarsi sul controllo dei riflessi tendinei, della sensibilità vibratoria e tattile. La sensibilità tattile deve essere valutata con il monofilamento: lincapacità di identificare la sensazione indotta dal contatto con monofilamento (10 g) è indicativa di perdita della sensibilità tattile NEUROPATIA PERIFERICA (PN)

13 TABELLA 1: SOLLECITAZIONE BIOMECCANICA DEL PIEDE NEI VARI SPORT GRUPPO 1 POCO O NULLA IMPEGNATIVI NUOTO PALLANUOTO EQUITAZIONE CICLISMO VELA GOLF GINNASTICA A CORPO LIBERO LANCIO DEL DISCO LANCIO DEL PESO LANCIO DEL GIAVELLOTTO BASEBALL SCHERMA CANOA WIND-SURF GINNASTICA ARTISTICA PING PONG CORSA(Maratoneti, fondisti,Mezzofondisti) MARCIA VELOCE SALTO IN LUNGO SALTO IN ALTO FOOT-BALL TENNIS DANZA CLASSICA DANZA AEROBICA JUDO FULL-CONCACT KARATE PALLACANESTRO PALLAVOLO GRUPPO 2 MEDIAMENTE IMPEGNATIVI GRUPPO 3 MOLTO IMPEGNATIVI

14 TABELLA 2: PRINCIPALI MICROLESIONI DEL PIEDE DIABETICO SPORTIVO FAVORITE DALLA PRESENZA DI NEUROPATIE FLITTENE IPERCHERATOSI CALLOSITA ESCORIAZIONI SUPERFICIALI FISSURAZIONI MICOSI INTERDIGITALI UNGHIE INCARNITE PICCOLI EMATOMI

15 Esercizi fisici per pazienti diabetici con perdita della sensibilità protettiva dei piedi Esercizi fisici per pazienti diabetici con perdita della sensibilità protettiva dei piedi ESERCIZI CONTROINDICATI Lavori Camminare Jogging Esercizi di step ESERCIZI RACCOMANDATI Nuotare Andare in bicicletta Esercizi da seduti Esercizi di braccia Altri esercizi senza pesi

16 La presenza di NA può limitare la capacità individuale di svolgere esercizi ed incrementare il rischio di eventi CV avversi durante lesercizio. La NA cardiaca può essere indicata dalla presenza di tachicardia (> 100 bat/min) a riposo e ipotensione ortostatica La morte improvvisa o lischemia miocardica silente sono state attribuite alla NA cardiaca diabetica. Nei pazienti con NA spesso si verificano episodi di ipertensione e di ipotensione dopo un vigoroso esercizio, specie allinizio del programma di esercizi. Poichè questi individui hanno un alterato sistema di termoregolazione è opportuno avvisarli di evitare lesercizio in condizioni di caldo o di freddo, e di vigilare che vi sia sempre unadeguata idratazione. NEUROPATIA AUTONOMICA (NA)

17

18 Il 2 Km WALKING TEST: è un metodo semplice ed accettabile a tutti. Consente di valutare contemporaneamente la funzionalità degli apparati cardiovascolare, respiratori e muscolo-scheletrico. Per effettuarlo è necessario cercare un percorso in pianura di 2 Km (bastano anche 400 metri come una pista di atletica da percorrere 5 volte) e camminarvi con il passo più svelto possibile senza mai assumere latteggiamento della corsa; controllare allarrivo il tempo impiegato e la frequenza cardiaca. Il calcolo da effettuare è: TEMPO IMPIEGATO: minuti…..x 11,6 =…..+ secondi….x 0,2 =…..+ frequenza cardiaca…..x 0,56 =…..+ indice di massa corporea……..x 2,6 =…..(valore A) VALORE A - età (anni x 0,2) = valore B 420 – valore B = indice di forma 2 Km WALKING TEST (Istituto di Medicina dello Sport Università di Uppsala)

19 2 KM WALKING TEST INDICE DI FORMALIVELLO DI FORMA <70Insufficiente* 70-89Scarso** Sufficiente*** Buono**** >130Ottimo*****

20 2 Km WT DI UN SOGGETTO DIABETICO NON SEDENTARIO DI ANNI 55, BMI 29 TEMPO IMPIEGATO: minuti 18 x 11,6= secondi 00 x 0,2= 000+ frequenza cardiaca 90 x 0,56= indice di massa corporea 29 x 2,6= 75.4 TOTALE= (Valore A) – 11 = (Valore B) 420 – = indice di forma = SUFFICIENTE

21 -Programma educativo -Valutazione preliminare -Programma educativo -Gestione dellinsulina -Apporto di carboidrati -Reintegro dellacqua -Statements internazionali -Programmi A.F. per NIDDM -Aggiustamenti degli OHA -Leggi e certificazioni -Formule di pratico utilizzo LINEE GUIDA ATTIVITA FISICA

22 PROGRAMMA EDUCATIVO PER PERSONE CON DIABETE CHE PRATICANO ATTIVITA FISICA 1.Fisiopatologia dello sforzo muscolare e miglioramento dellinsulinoresistenza 2.Adattamento dellinsulina e degli ipoglicemizzanti orali 3.Adattamento dellapporto alimentare (carboidrati e calorie) 4.Sito diniezione 5.Timing dellattività fisica 6.Scelta del tipo di attività fisica in rapporto ad eventuali complicanze 7.Effetto dellattività fisica sui parametri della s. da insulinoresistenza

23 -Gestione dellinsulina -Valutazione preliminare -Programma educativo -Gestione dellinsulina -Apporto di carboidrati -Reintegro dellacqua -Statements internazionali -Programmi A.F. per NIDDM -Aggiustamenti degli OHA -Leggi e certificazioni -Formule di pratico utilizzo LINEE GUIDA ATTIVITA FISICA

24

25 Secrezione Insulinica fisiologica Secrezione Insulinica fisiologica ore secrezione insulinica (pmol/min) colazionepranzocena non diabetici

26 Glargine vs Insulina NPHnel diabete Tipo2 Profili dazione duranteclampglicemico Bolli, et al.Diabetes. 1999;48 (suppl 1):A Tempo (h)dopo iniezioneSC Fine delperiodo dosservazione 2030 Glargine NPH Velocità dutilizzo del glucosio (mg/kg/h)

27

28

29 -Apporto di carboidrati -Valutazione preliminare -Programma educativo -Gestione dellinsulina -Apporto di carboidrati -Reintegro dellacqua -Statements internazionali -Programmi A.F. per NIDDM -Aggiustamenti degli OHA -Leggi e certificazioni -Formule di pratico utilizzo LINEE GUIDA ATTIVITA FISICA

30 CONTENUTO TOTALE IN GLUCIDI DI UN UOMO DI 70 Kg. GLICOGENO MUSCOLARE 245gr. GLICOGENO EPATICO 108gr. GLUCOSIO EMATICO ED EXTRA VASALE 17gr. 370gr. pari a 1517 Kcal

31 IL DILEMMA DEL CARICO DEI CARBOIDRATI (SUPERCOMPENSAZIONE) NELLO SPORTIVO DIABETICO NEGLI ATLETI DI FONDO, NEI 6gg PRE-GARA DIETA RICCA IN CHO COMPLESSI (FINO AD OLTRE 560gr/die) AUMENTA GLICOGENO EPATICO E MUSCOLARE (DA 130 A 210 mmol/Kg/bw) MIGLIORA LA PERFORMANCE E RIDUCE LA FATICA RISPARMIO PROTEICO NECESSARIO UN OTTIMALE MANAGEMENT DELLINSULINA 1.CSII 2.MULTIPLE INIEZIONI SOTTOCUTANEE DI ANALOGO RAPIDO 3.CALCOLO DEI CARBOIDRATI DISPONIBILITA DI GLICOGENO EPATICO IN CASO DI IPOGLICEMIA

32

33

34 Reintegro dellacqua -Valutazione preliminare -Programma educativo -Gestione dellinsulina -Apporto di carboidrati - Reintegro dellacqua -Statements internazionali -Programmi A.F. per NIDDM -Aggiustamenti degli OHA -Leggi e certificazioni -Formule di pratico utilizzo LINEE GUIDA ATTIVITA FISICA

35 IL REINTEGRO DELLACQUA UNA DISIDRATAZIONE LIEVE AUMENTA LA FATICA UNA PERDITA DI ACQUA DI OLTRE IL 3% bw PUO PRODURRE CONVULSIONI E COMA UNA DISIDRATAZIONE NEI DIABETICI PRODUCE PSEUDO- IPERGLICEMIA E PUO FAVORIRE FENOMENI TROMBO-EMBOLICI CONSIDERARE SEMPRE LE CONDIZIONI CLIMATICHE IL REINTEGRO DELLACQUA DEVE ESSERE GENEROSO E PREVENTIVO RISPETTO AL SENSO DELLA SETE: 2 ORE PRIMA BERE 300ml ACQUA OGNI 30 DI ATTIVITA BERE 250ml DOPO LA GARA: BERE SPESSO A PICCOLI SORSI FINO AL RECUPERO DEL PESO PRE-GARA

36 -Programmi A.F. per NIDDM -Valutazione preliminare -Programma educativo -Gestione dellinsulina -Apporto di carboidrati -Reintegro dellacqua -Statements internazionali -Programmi A.F. per NIDDM -Aggiustamenti degli OHA -Leggi e certificazioni -Formule di pratico utilizzo LINEE GUIDA ATTIVITA FISICA

37

38

39

40 FITWALKING programma per NIDDM sovrappeso, over 50, non allenati PRIMO CICLO ( 14gg. 7 uscite a gg. alterni): Iniziare da 10 in pianura incrementando di 5 ad uscita.Velocita del passo:5 Km/h. SECONDO CICLO (21 gg. 11 uscite a gg. Alterni): Partire da 50 e mantenere invariato il tempo per tutto il ciclo. Se le condizioni lo consentono (Talk Test negativo) aumentare la velocità di marcia per 2-3 m a partire dalla 5° uscita. TERZO CICLO ( 21 gg.) 60 di marcia 4 volte/sett. (ideale martedi, giovedi, sabato e domenica con possibilità di allungare di una uscita del weekend aumentando la velocità del passo o scegliendo percorsi con una leggera pendenza)

41 PROGRAMMA DI ALLENAMENTO PER UNA FITNESS OTTIMALE Ulteriori incrementi del chilometraggio saranno concordati con il medico in base ai propri obiettivi personali. I settimana II settimana III settimana IV settimana V settimana VI settimana VII settimana VIII settimana 1 Passo svelto Corsa

42 FITNESS METABOLICA AEROBICA IN PISCINA da: Alfio Cazzetta

43 CARATTERISTICHE DI ALCUNE ATTIVITA Marcia Lungo tempo di esercizio Marcia - Lungo tempo di esercizio Ciclismo Impegno limitato agli arti inferiori Ciclismo - Impegno limitato agli arti inferiori Nuoto Difficoltà per la posizione orizzontale Difficoltà per la respirazione Possesso di acquaticità Nuoto Difficoltà per la posizione orizzontale Difficoltà per la respirazione Possesso di acquaticità Corsa a piedi - Grande impegno fisico - Impatti Corsa a piedi - Grande impegno fisico - Impatti Corsa in acqua Impegno fisico generale Mancanza di impatti Maggiore perdita di calore Corsa in acqua Impegno fisico generale Mancanza di impatti Maggiore perdita di calore

44 Per bruciare 1 kg di grasso riserva Per bruciare 1 kg di grasso riserva (7730 calorie) Marcia a 5 km/h per 34h 49 Cicloturismo per 21h 50 Nuoto per 14h 09 Corsa a piedi a 10 kmh per 12h 23 Corsa in acqua alta (aerobica) per 5h 15 ( Mondenard)

45 Effetti pressori sul corpo immerso Effetti pressori sul corpo immerso (22 mmHg ogni 33 cm di profondità) (diversi nelle diverse parti del corpo) Diminuzione della FC tra il 5 e 10% Aumenta la gittata sistolica Aumento della perfusibilità alveolare e tissutale con migliore utilizzo di O2 (VO2 max) Recupero più rapido - 1/4 in meno - (allanziano e diabetico, la permanenza in acqua, dopo il lavoro, consente un migliore recupero) Beneficio a chi è affetto da varici

46 Lavoro proposto per il diabetico Esercitazioni varie in acqua alta e/o bassa Cammino in acqua bassa Corsa in acqua bassa Corsa in acqua alta N.B. - Non superare i 45/60 di durata

47 Corsa in acqua bassa Si riduce la forza di gravità in base allaltezza dellacqua Si riduce la pressione del piede sul fondo della piscina (con lacqua al 60% della propria altezza, si riduce del 50%) NB. Per evitare pericolose abrasioni ai piedi, far indossare delle calzature

48 Si lavora in posizione verticale Si annulla la forza di gravità Si annullano gli impatti alle strutture Consente alle donne in gravidanza di fare attività fisica Consente agli anziani di ridurre la rigidità muscolare e i dolori articolari Riduce le condizioni disabilitanti agli obesi, a chi ha problemi alla colonna e ai diabetici con complicanze CORSA IN ALTA ACQUA 1

49 CORSA IN ALTA ACQUA 2 Sensibile riduzione del tessuto adiposo Maggior consumo energetico per maggiore resistenza dellacqua Dott. Marc Bloom: Camminando con lacqua alla vita, il doppio di calorie Dott. Mc. Waters: Il rapporto è da 1 a 2 Dott. Samuelson: Il rapporto è da 1 a 3

50 Esempio di algoritmo per un diabetico adulto Lavoro aerobico in acqua in modo continuo 1^ settimana: 2 x 10 recupero 3 2^ settimana: 3 x 10 recupero 3 3^ settimana: 4 x 10 recupero 3 4^ settimana: 3 x 10 recupero 2 5^ settimana: 3 x 10 recupero 130 7^ settimana: 2 x 15 recupero 130 8^ settimana: 20 9^ settimana: 30 10^ settimana: 35 11^ settimana: 40 12^ settimana: 45

51 -Aggiustamenti degli OHA -Valutazione preliminare -Programma educativo -Gestione dellinsulina -Apporto di carboidrati -Reintegro dellacqua -Statements internazionali -Programmi A.F. per NIDDM -Aggiustamenti degli OHA -Leggi e certificazioni -Formule di pratico utilizzo LINEE GUIDA ATTIVITA FISICA

52 ADATTAMENTO DEGLI OHA ACARBOSE in acuto in cronico = =/ METFORMINA in acuto in cronico = GLITAZONICI in acuto in cronico = SULFANILUREE in acuto in cronico =/ / Da preferire i preparati a breve emivita DER.ACIDO BENZOICO in acuto in cronico =/ Da valutare in base al timing dellesercizio fisico

53 -Statements internazionali -Valutazione preliminare -Programma educativo -Gestione dellinsulina -Apporto di carboidrati -Reintegro dellacqua -Statements internazionali -Programmi A.F. per NIDDM -Aggiustamenti degli OHA -Leggi e certificazioni -Formule di pratico utilizzo LINEE GUIDA ATTIVITA FISICA

54 ADA-ACSM STATEMENTS (2003) La capacità di adeguare il regime terapeutico (insulina e terapia nutrizionale) per ottenere una partecipazione sicura e di alta performance ad attività sportive è stata recentemente riconosciuta come un importante strategia di management in diabetici tipo 1. In particolare l importante ruolo che ha il paziente nel raccogliere i dati dell autocontrollo glicemico in risposta all esercizio e nell usare questi dati per migliorare la performance ed aumentare la sicurezza è oggi pienamente accettato. Rigide raccomandazioni sulla supplementazione di CHO calcolate in base all intensità e durata dell esercizio senza tenere conto dei livelli glicemici del momento, di precedenti risposte metaboliche all esercizio stesso e dello schema terapeutico individuale, non sono del tutto appropriate. Tale approccio, infatti, frequentemente vanifica gli effetti benefici. Cionondimeno per dare un orientamento di massima suggerisco che in media la supplementazione di CHO può essere di gr per ogni 30 minuti di esercizio intenso e che la riduzione della dose di insulina lenta puo essere del 30-35% nel giorno in cui si pratica sport. Entrambi i suggerimenti sono soggetti ad ampie variazioni individuali.

55 LLINEE GUIDA ADA-ACSM SULLESERCIZIO FISICO PER ATLETI CON DIABETE TIPO 1 (E DIABETICI INSULINO-TRATTATI) LLINEE GUIDA ADA-ACSM SULLESERCIZIO FISICO PER ATLETI CON DIABETE TIPO 1 (E DIABETICI INSULINO-TRATTATI) 1. Controllo metabolico prima dellesercizio: · Tendenza alliperglicemia Evitare lesercizio se i livelli glicemici a digiuno sono 250 mg/dl ed epresente chetonuria. Usare cautela se i livelli di glicemia a digiuno sono 300 mg/dl ed e assente chetonuria. Tendenza all ipoglicemia Ingerire un extra di CHO se i livelli glicemici a digiuno risultano 100 mg/dl.. Monitoraggio glicemico prima e dopo lesercizio: Imparare ad identificare il momento in cui diventa necessario modificare il dosaggio insulinico o il consumo di cibo. Imparare ad identificare come varia la risposta glicemica in rapporto al tipo e allintensità dell esercizio fisico.. Consumo di cibo: · Imparare a riconoscere la quantità necessaria di CHO per prevenire lipoglicemia. Abituarsi a tenere con sé alimenti ricchi in CHO facilmente utilizzabili sia durante sia dopo lesercizio.

56 Programma di attività fisica per diabetici di tipo 1 Attività consigliate Nuoto, marcia, ginnastica, podismo, ciclismo, sci di fondo, canoa, danza. Attività sconsigliate Sports di combattimento, sollevamento pesi, immersioni, sports anaerobici puri, sports aerobici di lunga durata a livello agonistico, vela in solitario e sports in cui lipoglicemia mette a rischio la vita propria ed altrui Intensità 50-80% VO 2 max; la frequenza cardiaca da raggiungere durante l'attività fisica può essere calcolata con la formula: [ (FC massima*– FC basale) x 50-80%] + FC basale Durata minuti, escluso il riscaldamento ed il defaticamento Frequenza Almeno 3-4 volte alla settimana Precauzioni Scarpe adeguate, monitoraggio glicemico prima, durante e dopo lesercizio fisico (vedi testo), evitare lesercizio intenso nel periodo post-prandiale (di massima insulinizzazione) Consigli dietetici Associare una dieta normocalorica con calorie derivanti per il % dai carboidrati, 10-15% dalle proteine e 25-30% dai grassi che sia ricca in fibre ed offra unadeguata integrazione idrico-salina (i carboidrati semplici sono consentiti prima, durante e dopo lesercizio in base alla glicemia) Adesione a lungo termine Valutare con il paziente i benefici conseguenti allesercizio fisico, gratificarlo, favorire il supporto di persone che praticano la stessa attività ed offrire sports alternativi Pierpaolo De Feo, Giovanni Annuzzi, Gerardo Corigliano, Gabriele Riccardi

57 Programma di attività fisica per diabetici di tipo 2 Attività consigliate Sports di tipo aerobico: podismo, ciclismo, marcia, ginnastica, nuoto, sci di fondo, canoa, danza. Attività sconsigliate Sports di combattimento, sollevamento pesi, sports anaerobici puri e sports a livello agonistico; per i pazienti in terapia con farmaci ipoglicemizzanti: immersioni, vela in solitario e sports in cui lipoglicemia mette a rischio la vita propria ed altrui Intensità 40-60% ; la frequenza cardiaca da raggiungere durante l'attività fisica può essere calcolata con la formula: [ (FC massima*– FC basale) x 40-60%] + FC basale Durata minuti, escluso il riscaldamento ed il defaticamento Frequenza Almeno 3-4 volte alla settimana, preferibilmente tutti i giorni Precauzioni Scarpe adeguate, monitoraggio glicemico prima, durante e dopo lesercizio fisico (soprattutto per i pazienti in terapia con farmaci ipoglicemizzanti), ECG a riposo ed eventualmente sotto sforzo Consigli per perdere peso Associare una dieta con calorie derivanti per il 50-60% dai carboidrati, 10-15% dalle proteine e 25-30% dai grassi ed un deficit calorico giornaliero di circa 300 kcal/die, che sia ricca in fibre ed offra unadeguata integrazione idrico-salina Adesione a lungo termine Valutare con il paziente i benefici conseguenti allesercizio fisico, gratificarlo, favorire il supporto di persone che praticano la stessa attività ed offrire sports alternativi

58 -Leggi e certificazioni -Valutazione preliminare -Programma educativo -Gestione dellinsulina -Apporto di carboidrati -Reintegro dellacqua -Statements internazionali -Programmi A.F. per NIDDM -Aggiustamenti degli OHA -Leggi e certificazioni -Formule di pratico utilizzo LINEE GUIDA ATTIVITA FISICA

59 LEGGE 115 ART. 8 1.La malattia diabetica priva di complicanze invalidanti non costituisce motivo ostativo al rilascio del certificato di idoneità fisica per liscrizione nelle scuole di ogni ordine e grado per lo svolgimento di attività sportive a carattere non agonistico e per laccesso ai posti di lavoro pubblico e privato, salvo i casi per i quali si richiedono specifici particolari requisiti attitudinali. 2.Il certificato di idoneità fisica per lo svolgimento di attività sportive agonistiche viene rilasciato previa presentazione di una certificazione del medico diabetologo attestante lo stato di malattia diabetica compensata nonché la condizione ottimale di autocontrollo e di terapia da parte del soggetto diabetico.

60 Modello del certificato non agonistico allegato 1 D.M. 28 febbraio 1983 allegato 1 D.M. 28 febbraio 1983 Regione USL CERTIFICATO DI STATO DI BUONA SALUTE Cognome Nome nato a il Residente a ASL……… Il soggetto, affetto da diabete mellito, sulla base della visita medica da me effettuata risulta in stato di buona salute e non presenta controindicazioni in atto alla pratica di attività sportiva non agonistica. Il presente certificato ha validità annuale dalla data di rilascio il

61 -Formule di pratico utilizzo -Valutazione preliminare -Programma educativo -Gestione dellinsulina -Apporto di carboidrati -Reintegro dellacqua -Statements internazionali -Programmi A.F. per NIDDM -Aggiustamenti degli OHA -Leggi e certificazioni -Formule di pratico utilizzo LINEE GUIDA ATTIVITA FISICA

62 Nomogramma di ASTRAND (modificato)

63 FORMULA PER IL CALCOLO DELLA FREQUENZA CARDIACA IDONEA PER LAVORARE AL 50-60% DELLA VO 2 Max {( FC massima* - FC basale ) x 50-60% } + FC basale *FC massima = 220 – età in anni

64 Controllo glicemia Riscaldamento Esercizio Defaticamento Controllo glicemia minuti 5 minuti min. 5 minuti 2 minuti (controllarne lintensità) ESERCIZIO FISICO: IL PERCORSO A TAPPE

65 FORMULE UTILI Dispendio energetico A piedi: km percorsi x kg peso x 0,9 = Kcal In bici (in pianura): km percorsi x 20 = Kcal

66 Dispendio energetico indotto dallattività fisica volontaria

67 Allenamento


Scaricare ppt "-Valutazione preliminare -Programma educativo -Gestione dellinsulina -Apporto di carboidrati -Reintegro dellacqua -Statements internazionali -Programmi."

Presentazioni simili


Annunci Google