La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Atti di conoscenza o I gesti mentali. La gestione mentale esplicita cinque gesti mentali o atti di conoscenza: Latten- zione La memorizza- zione La comprensione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Atti di conoscenza o I gesti mentali. La gestione mentale esplicita cinque gesti mentali o atti di conoscenza: Latten- zione La memorizza- zione La comprensione."— Transcript della presentazione:

1 atti di conoscenza o I gesti mentali

2 La gestione mentale esplicita cinque gesti mentali o atti di conoscenza: Latten- zione La memorizza- zione La comprensione La rifles- sione o atti di conoscenza Limmagina- zione creativa

3 La gestione mentale descrive le operazioni mentali necessarie per eseguire tali atti; in altri termini, descrive con precisione come si compiono. «Per piallare unasse, per posare una lastra dardesia, per tenere un archetto, vi sono dei «come» da imparare» (A. de La Garanderie, Critique de la raison pédagogique, p. 82) I gesti mentali Lo stesso dicasi per gli atti di conoscenza: è possibile descrivere come si compiono.

4 I gesti mentali Questo «come» è quasi sempre trascurato nelle definizioni dei dizionari e nella pratica pedagogica. La gestione mentale fornisce le parole per descriverlo.

5 I gesti mentali Se tali atti possono essere descritti, il pedagogo può informare gli alunni, può fornire loro indicazioni su ciò che devono fare per compiere tali atti di conoscenza. Uno dei contributi della gestione mentale si colloca proprio a questo livello poiché, in questi ambiti, i discenti mostrano spesso una certa ignoranza pedagogica. Tutti gli imperativi utilizzati abitualmente in classe, quali «stai attento», «rifletti», «immagina unaltra soluzione», «memorizza», «cerca di capire», ecc. possono essere completati da frasi molto più precise sullattività mentale da compiere.

6 I gesti mentali Tutti questi atti di conoscenza si basano sullevocazione (nei due significati del termine, vedi documento sullevocazione). Proprio per questo motivo, i lavori del presente progetto Co-nai-sens mostrano levocazione sempre in atto in uno o più gesti mentali. DESCRIVIAMOLI SINTETICAMENTE :

7 Lattenzione «Latto dattenzione è quello che apre il campo della conoscenza, purchè venga eseguito in modo corretto» Cosa significa ? Che alcune persone leggono, ascoltano, guardano, toccano... ma non conservano nessuna traccia delle cose percepite nella loro testa sotto forma di evocazione (o di evocati)! Che alcuni alunni, in classe, ascoltano le frasi dellinsegnante, guardano la lavagna o leggono la consegna data, ma non le evocano! X+Y=Z ( A. de La Garanderie, Critique de la raison pédagogique, p.132)

8 Lattenzione Tale attività, per poter essere eseguita in modo corretto, necessita spesso di numerose andate e ritorno tra loggetto di percezione e loggetto mentale così costituito a poco a poco; questo è il «tempo di evocazione» (vedi documento sullevocazione). Compiere un atto dattenzione consiste nel decidere, prima della percezione, di evocare ciò che sarà percepito, quindi di evocare tale oggetto della percezione tramite evocazioni visive, uditive, verbali o tattili.

9 Lattenzione Dire agli alunni : Concretamente! Guardate questoggetto, questa immagine, questo testo, questo schema... che è alla lavagna o nel vostro libro... …ascoltate ciò che vi dirò o che vi farò ascoltare... con il progetto di darvi, nella vostra testa, una o più immagini, di dirvi con parole o frasi ciò che vedete, ascoltate, toccate, sentite…

10 Lattenzione... scopriamo allora gli altri gesti mentali... Se latto di attenzione apre il campo della conoscenza, «lattività di attenzione non evoca la cosa percepita per evocarla. La evoca in vista... di qualcosa ed è proprio questo «in vista di» che dà allevocato o agli evocati di questa cosa un senso preciso.» (A. de La Garanderie, Critique de la raison pédagogique, p.166)

11 La memorizzazione Compiere un atto di memorizzazione significa eseguire latto di attenzione descritto nelle diapositive precedenti E quindi fondamentale anticipare mentalmente al momento della memorizzazione altri luoghi e altri momenti in cui tali evocati potrebbero essere utili. con in più il progetto di collocare gli evocati delle cose percepite in un immaginario del futuro. Questi evocati devono poter essere ritrovati in futuro.

12 La memorizzazione Un semplice esempio: lalunno impara una lezione e la colloca mentalmente nel futuro immaginando di ripeterla due giorni dopo in un certo contesto... La cantante che prova il suo spettacolo anticipa il momento in cui sarà sul palcoscenico.

13 «I nostri ricordi hanno il senso e le possibilità di senso che noi abbiamo attribuito loro nel momento dellacquisizione» (A. de La Garanderie, Critique de la raison pédagogique, p ). La memorizzazione In altre parole, quando riesco a capire la procedura per risolvere un problema difficile, se memorizzo questa procedura così comè e la colloco nel mio immaginario del futuro per poterla utilizzare in altre situazioni vicine o lontane, è molto probabile che, a tempo debito, la ritroverò (vedi gesto di riflessione, più avanti).

14 Attenzione Immaginario del futuro In conclusione,... + = Memorizzazione

15 La comprensione Le diapositive precedenti hanno mostrato che il soggetto ha costituito nella sua mente, grazie ad atti di attenzione e di memorizzazione, degli evocati che possiamo definire oggetti di conoscenza. Genera intuizioni di senso: delle cose stesse in ciò che sono e delle relazioni esistenti tra loro. Latto di comprensione è latto con cui la mente confronta gli oggetti di conoscenza, gli evocati, per paragonarli e trarre delle intuizioni di identità, di similitudine, di differenza, di causa, di effetto, di mezzo, di fine, parziali o totali.

16 La comprensione Queste intuizioni di senso possono nascere, a seconda dei soggetti, nello spazio e/o nel tempo, nello spazio e/o nel tempo, a scopo di applicazione e/o di spiegazione, per somiglianza e/o differenza, con ruolo preminente di attore e/o testimone. Queste caratteristiche dellatto di comprensione sono estremamente interessanti,... ma... impossibili da definire in dettaglio nellambito di questo documento che intende essere succinto!

17 «Rifletti» è forse uno dei verbi più utilizzati in ambito pedagogico! Ma cosa significa? Che cosa deve fare il discente per compiere questo gesto? La Riflessione deve scrivere una frase che indichi il colore di queste scarpe Immaginiamo Alice:

18 La Riflessione «Queste scarpe sono...»? Mi manca un aggettivo di colore! E in più mi serve un aggettivo composto! Gli aggettivi si accordano in genere e numero con il nome cui si riferiscono. E per gli aggettivi di colore, ad eccezione di alcuni, vale la stessa regola! Se conosce le regole grammaticali e riflette bene, potrà procedere come segue: Ma io vorrei usare un aggettivo composto! Mi ricordo che cè una regola che dice che gli aggettivi composti che indicano un colore sono invariabili. Qual è la regola? Ah sì, mi ricordo! Scriverò che queste scarpe sono verdi mela con una riga blu cielo. Mi sembra un po strano scriverlo così, ma sono sicura che è giusto!

19 La Riflessione - evocare con precisione il problema posto, la domanda, il concetto da comprendere... - ritornare mentalmente verso tutti i concetti acquisiti, memorizzati in precedenza e compresi, ed effettuare una scelta tra tutti questi oggetti di conoscenza in funzione della domanda posta, del problema da risolvere o da comprendere. Ciò consente di dare a uno o più evocati forza di legge. - applicare questa legge (o queste leggi) al problema iniziale. Di fronte ad un problema da risolvere, a un concetto da capire, compiere un atto di riflessione significa:

20 La Riflessione Questo gesto è complesso e centrale: si basa su tutti gli altri. Ed è tale gesto che garantisce il trasferimento. Vediamo allora il quinto gesto che può chiarire tutti gli altri!

21 Limmaginazione (creativa) Nellatto dimmaginazione il soggetto ha come progetto quello di cercare di raggiungere linedito: un inedito di scoperta (un qualcosa «già esistente» ma ancora sconosciuto), o un inedito dinvenzione (che ancora non esiste, ma che è realizzabile). «Limmaginazione creativa cerca di raggiungere un mondo (anche se piccolissimo) nuovo, originale, il cui soggetto è lautore. Si confronta con ciò che è sconosciuto. Non sa anticipatamente ciò che troverà, né sempre ciò che cerca.» (Ch. Evano, La Gestion Mentale, p.44)

22 Limmaginazione (creativa) Si presenta in tutti quei processi in cui al discente viene chiesto di non riprodurre un sapere già pronto, bensì di fare delle ipotesi, di abbandonare il punto di vista comune, di aggiungere, cancellare, ingrandire, rimpicciolire, trasformare, allungare… di lasciarsi stupire, di trovare mezzi originali per ricordare, ecc. E completamente diversa dal fantasticare... e richiede unimplicazione personale.

23 Limmaginazione (creativa) Elle incarne la souplesse mentale et peut de ce fait éclairer tous les autres gestes mentaux et les rendre plus performants. Elle est par exemple très utile dans la mémorisation afin danticiper au mieux cet imaginaire davenir dont nous avons parlé précédemment.

24 si può dire che...

25 Riflession e Compren- sione Attenzion e Immagina- zione creatrice...i 5 gesti mentali o atti di conoscenza sono in stretta relazione gli uni con gli altri e che ognuno dà il proprio contributo. Memorizza- zione

26 Attenzione Comprensione Memorizzazione Immaginazione creativa Riflessione Possia- mo anche dirlo in questi termini:

27 Gesti mentali Atti di conoscenza o Inizialmente, A. de La Garanderie, nelle sue prime opere, ha parlato di gesti mentali. In seguito ha usato il termine atti per indicare questi gesti mentali quando sono agiti da un soggetto con tutto ciò che lo caratterizza. E per concludere, una precisazione terminologica «Io posso mostrare a qualcuno come può fare per riuscire a fare qualcosa, ma poi spetta a lui passare allatto e quindi riuscire o meno. Posso mostrare a qualcuno come può fare per comprendere, per acquisire il senso, ma poi spetta a lui passare allatto per comprendere o meno...» (A. de La Garanderie, Critique de la raison pédagogique, p ).

28 Per cogliere appieno la ricchezza di questi concetti e farli propri, occorre una formazione più approfondita e delle letture. A voi il completamento! I gesti mentali o atti di conoscenza Questo documento si limita a tracciarne i primi contorni!

29 Realizzazione: Michèle Giroul - Institut International de Gestion Mentale Anne Moinet, Hélène e Pierre-Paul Delvaux Initiative et Formation Belgio Impaginazione Microsoft PowerPoint 2003: Hélène Delvaux per il progetto europeo Co-nai-sens Foto : PP. Delvaux Immagini : clipart su


Scaricare ppt "Atti di conoscenza o I gesti mentali. La gestione mentale esplicita cinque gesti mentali o atti di conoscenza: Latten- zione La memorizza- zione La comprensione."

Presentazioni simili


Annunci Google