La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Luca Crivelli Università della Svizzera italiana (Istituto MEcoP) e SUPSI 23 marzo 2010 Fraternità e gratuità dentro il mercato Una lettura economica della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Luca Crivelli Università della Svizzera italiana (Istituto MEcoP) e SUPSI 23 marzo 2010 Fraternità e gratuità dentro il mercato Una lettura economica della."— Transcript della presentazione:

1 Luca Crivelli Università della Svizzera italiana (Istituto MEcoP) e SUPSI 23 marzo 2010 Fraternità e gratuità dentro il mercato Una lettura economica della Caritas in veritate

2 Elvetico – Debiti intellettuali l Bruni, L. (2010). Reciprocità e gratuità dentro il mercato. La proposta della Caritas in veritate. Aggiornamenti Sociali , l Bruni, L. (2009). In Tettamanzi, D. (a cura di), Etica e Capitale. Unaltra economia è davvero possibile? l Smerilli, A. (2009), Il valore della gratuità: Caritas in veritate e scienza economica. Mimeo. l Toso, M. (2010), Lo sviluppo umano integrale (relazione tenuta allIstituto Elvetico di Lugano, il ). l Zamagni, S. (2009). Fraternità, dono, reciprocità nella Caritas in veritate. In AaVv, Amore e Verità. Commento e guida alla lettura dellEnciclica Caritas in veritate di Benedetto XVI, Milano: Paoline. Luca Crivelli - 2

3 Elvetico – Struttura della presentazione 1. Le radici delle dicotomie dellepoca post-moderna 2. Il legame della CV con lattuale crisi economica 3. Il mercato è buono … quando è mercato civile 4. Reciprocità e gratuità dentro il mercato 5. Sviluppo allinsegna della fraternità 6. Urgono nuovi soggetti economici 7. Spazio domande e di dialogo Luca Crivelli - 3

4 Elvetico – Legame con la conferenza precedente Tratto dalla presentazione di Mons. Mario Toso (3 marzo 2010) l CV come rifondazione del discorso morale per superare le dicotomie dellepoca post-moderna, [in particolare] tra (…): sfera economica e sfera della società: la prima sarebbe sempre e necessariamente «cattiva», assolutizzando la massimizzazione del profitto senza curarsi dei diritti dei lavoratori e del bene comune, contrapponendosi alla seconda, il cui fine sarebbe unicamente quello di intervenire per porre rimedio agli scompensi e ridistribuire una ricchezza ingiustamente concentratasi nelle mani di pochi (CV 36); economia, fraternità, gratuità e giustizia sociale: solidarietà, fraternità e gratuità non troverebbero spazio nella sfera delleconomia, anzi dovrebbero rimanerne escluse, pena linefficienza del sistema economico di un Paese (CV 34) Luca Crivelli - 4

5 Elvetico – l La modernità si è costituita attorno allidea che lordinamento sociale è più sicuro quando poggia sullinteresse piuttosto che sulla benevolenza. l Favorire la ricerca dellinteresse economico (anche mediante opportuni incentivi) può pertanto aiutare a contenere gli effetti di motivazioni intrinseche negative, più nocive per la vita in comune. Una convivenza umana retta sugli interessi Luca Crivelli - 5

6 Elvetico – Logiche e istituzioni dellattività economica (Polanyi) DONO (RECIPROCITÀ) Comunità SCAMBIO (LIBERTÀ) Mercato FOR PROFIT NON PROFIT FORMALE INFORMALE PUBBLICO PRIVATO REDISTRIBUZIONE (GIUSTIZIA) Stato Luca Crivelli - 6

7 Elvetico – Levoluzione della scienza economica l Tutto ciò che ha a che fare con dono, gratuità, fraternità … deve stare, rispetto al mercato e alla sfera economica, prima, dopo, o comunque fuori nella scienza economica si è venuta via via affermando lidea che la gratuità o la reciprocità siano categorie inefficienti, in quanto creano attriti al modo normale di procedere del mercato. Luca Crivelli - 7

8 Elvetico – Il peccato originale di Adam Smith l Lamor proprio [Self-love] è la forza motivazionale che caratterizza il comportamento degli esseri umani in campo economico. lNon è dalla benevolenza del macellaio, o da quella del birraio o del fornaio che noi ci attendiamo il nostro pranzo, ma dal loro interesse personale. Ci rivolgiamo non al loro senso di umanità ma al loro interesse [self-love], e non parliamo mai loro delle nostre necessità ma dei loro vantaggi (Smith 1976[1776], p. 26). Luca Crivelli - 8

9 Elvetico – Indipendenza l Il messaggio nascosto in questo brano è il voler sottolineare lindipendenza dalla benevolenza dei nostri concittadini come una virtù positiva associata alla nuova forma di socialità introdotta dalleconomia di mercato. l Le relazioni di mercato ci permettono di soddisfare i nostri bisogni senza dover dipendere dallamore degli altri. l Invece, qualunque azione che si proponga come scopo diretto quello di promuovere il bene comune produrrà effetti perversi per limpresa e per la società. l Da questo teorema scaturisce poi anche un corollario: Non ho mai visto fare qualcosa di buono da chi pretendeva di commerciare per il bene comune (La ricchezza delle nazioni, 1776, p. 456). Luca Crivelli - 9

10 Elvetico – Albert Hirschman (1985) Se da un lato occorrono istituzioni (come il mercato o lo Stato) che fanno leva sullinteresse o sullautorità, per economizzare la benevolenza e proteggere efficacemente lindividuo dalla possibile penuria di spirito civico, dallaltra lidea che moralità, spirito civico e fiducia siano risorse da centellinare con parsimonia è completamente assurda. Non è affatto vero che la quantità di senso civico è destinata a diminuire attraverso il suo uso. È vero il contrario. Lo spirito civico assomiglia alla capacità di parlare una lingua straniera o al suonare il pianoforte. È unabilità che si atrofizza quando non se ne fa mai uso. Luca Crivelli - 10

11 Elvetico – Gli effetti l Lespulsione di gratuità, reciprocità, fraternità dalla sfera economica. l Lallontanamento dalla dimensione economica di chi vuole ispirare i propri comportamenti a gratuità. l Linvasione della razionalità economica anche nelle altre sfere della vita. Luca Crivelli - 11

12 Elvetico – l La storia delloccidente (e oggi del mondo) poteva essere diversa se la sfera del mercato fosse stata confinata in un suo ambito ben preciso, e fosse cresciuta la sfera privata nella quale sperimentare la felicità che i rapporti tra pari, ma anche di intimità e densità affettiva, producono. In realtà la storia di questi ultimi due secoli ha mostrato unaltra traiettoria: la sfera del mercato ha invaso sempre più ambiti civili, e anche la sfera privata … (Bruni 2009) Luca Crivelli - 12

13 Elvetico – Legame con lenciclica Deus Caritas est l In DCE il Papà aveva sottolineato la necessità di non contrapporre lamore umano (eros) allamore evangelico (agape) … in quanto entrambi espressione di ununica realtà. Dove le due dimensioni si distaccano completamente l'una dall'altra si profila una caricatura o in ogni caso una forma riduttiva dell'amore. l È la stessa unità della persona umana a suggerire che non è salutare vivere le faccende sociali (politiche ed economiche) in modo dissociato da quelle private. l Se lamore, nelle sue varie tonalità, caratterizza lesperienza umana, allora esso può e deve ispirare non solo il dono ma anche il contratto, non solo la famiglia ma anche limpresa e lazione politica. Luca Crivelli - 13

14 Elvetico – La crisi: punto di partenza lLa crisi ci obbliga a riprogettare il nostro cammino, a darci nuove regole e a trovare nuove forme di impegno, a puntare sulle esperienze positive e a rigettare quelle negative. La crisi diventa così occasione di discernimento e di nuova progettualità. In questa chiave, fiduciosa piuttosto che rassegnata, conviene affrontare le difficoltà del momento presente. [CV 21] Luca Crivelli - 14

15 Elvetico – Tesi 1: È anche una crisi di cultura (e non solo tecnica) lGli aspetti della crisi e delle sue soluzioni … richiedono nuovi sforzi di comprensione unitaria e una nuova sintesi umanistica. … dobbiamo assumere con realismo, fiducia e speranza le nuove responsabilità a cui ci chiama lo scenario di un mondo che ha bisogno di un profondo rinnovamento culturale e della riscoperta di valori di fondo su cui costruire un futuro migliore. [21] lNon va dimenticato che il mercato non esiste allo stato puro. Esso trae forma dalle configurazioni culturali che lo specificano e lo orientano. [36] l Cè una crisi epistemologica in cui versa la stessa scienza economica Luca Crivelli - 15

16 Elvetico – Anche le scienze economiche sono in crisi? Luca Crivelli - 16

17 Elvetico – Lettera di 10 economisti alla Regina dInghilterra Luca Crivelli - 17

18 Elvetico – Gli argomenti degli economisti dissidenti Le spiegazioni ortodosse dimenticano di riconoscere le lacune nella formazione e nella cultura dominante degli economisti. Le scienze economiche hanno cessato di analizzare le istituzioni ed i fatti del mondo reale. La specializzazione è andata a scapito di una visione sintetica. La sparizione dai programmi formativi delle intuizioni di altre scienze umane e sociali ha finito con lo sfornare una generazione diesperti imbecilli, molto competenti nei metodi ma ingenui nellinterpretazione dei fatti economici. Luca Crivelli - 18

19 Elvetico – Quali competenze giovano al buon economista? Nel campo dell'economia, la sovraspecializzazione è doppiamente disastrosa. Un uomo che è matematico e nulla più che matematico potrà condurre una vita di stenti, ma non reca danno ad alcuno. Un economista che è nulla più che un economista è un pericolo per il suo prossimo. L'economia non è una cosa in sé; è lo studio di un aspetto della vita dell'uomo in società... se, a causa di una crescente specializzazione, il suo sapere economico resta divorziato da ogni retroterra di filosofia sociale, egli rischia veramente di diventare un venditore di fumo, dotato di ingegnosi stratagemmi per uscire dalle varie difficoltà ma incapace di tenere il contatto con quelle virtù fondamentali su cui si fonda una società sana. La moderna scienza economica va soggetta ad un rischio… la trattazione dei problemi sociali come mere questioni tecniche e non come un aspetto della generale ricerca della Buona Vita". (J. Hicks, 1941, p.6 – Nobel delleconomia 1972) Luca Crivelli - 19

20 Elvetico – Tesi 2: il mercato è potenzialmente buono lIl mercato non è … il luogo della sopraffazione del forte sul debole. La società non deve proteggersi dal mercato, come se lo sviluppo di quest'ultimo comportasse ipso facto la morte dei rapporti autenticamente umani. È certamente vero che il mercato può essere orientato in modo negativo, non perché sia questa la sua natura, ma perché una certa ideologia lo può indirizzare in tal senso. La dottrina sociale della Chiesa ritiene che possano essere vissuti rapporti autenticamente umani, di amicizia e di socialità, di solidarietà e di reciprocità, anche all'interno dell'attività economica e non soltanto fuori di essa o « dopo » di essa. La sfera economica non è né eticamente neutrale né di sua natura disumana e antisociale. [36] Luca Crivelli - 20

21 Elvetico – Quale mercato? Tre visioni classiche del mercato l Cosa accomuna queste posizioni? E lidea che leconomico sia uno spazio separato dal civile! Nel mercato non è possibile vivere rapporti autenticamente umani IL MERCATO CREA LA SOCIETA BUONA: estensione dei mercati e della logica dellefficienza come soluzione a tutti i mali sociali IL MERCATO DISTRUGGE LA SOCIETA BUONA: lavanzare dei mercati è una minaccia per la vita civile (mercato come desertificazione della società) IL MERCATO CREA E DIVIDE LA SOCIETA BUONA: alle tante virtù del mercato è necessario associare una serie di vizi Luca Crivelli - 21

22 Elvetico – Tesi 3: Al mercato e alleconomia servono dono e gratuità lLa carità nella verità pone l'uomo davanti alla stupefacente esperienza del dono. La gratuità è presente nella sua vita in molteplici forme, spesso non riconosciute a causa di una visione solo produttivistica e utilitaristica dell'esistenza. L'essere umano è fatto per il dono, che ne esprime ed attua la dimensione di trascendenza. … la logica del dono non esclude la giustizia e non si giustappone ad essa in un secondo momento e dall'esterno. [34] Luca Crivelli - 22

23 Elvetico – dono sinonimo di gratuità Non è gratisNon è il regaloNon è filantropia Luca Crivelli - 23

24 Elvetico – Gratuità abbiamo a che fare con la gratuità tutte le volte che un comportamento ha un valore in sé e non è solo mezzo per qualcosaltro. Quando si attiva la dimensione della gratuità la strada da percorrere è importante come la meta da raggiungere. La condizione sufficiente perché si possa parlare di gratuità è lorientamento intenzionale dellazione verso il bene Luca Crivelli - 24

25 Elvetico – Essa non è associata ad un che cosa si fa, o ad una classe di azioni (altruistiche, ad esempio); è piuttosto un come, una modalità o una dimensione dellazione, che può accompagnare vari contenuti. In un linguaggio antico si potrebbe parlare di gratuità anche come di un trascendentale, cioè di una dimensione dellessere, come il bello o il buono Luca Crivelli - 25

26 Elvetico – La visione di San Francesco l «Dovete provare più gioia, elemosinando, che un uomo per un soldo vi desse in cambio cento denari, poiché offrite a quanti domandate la carità, lamore di Dio in contraccambio dicendo Per amore del Signore Dio, fateci la carità!. E al confronto di questo amore cielo e terra sono nulla». l La gratuità non va quindi associata al gratis, di cui spesso è proprio il suo opposto, poiché latto gratuito non corrisponde ad un prezzo nullo ma ad una assenza di prezzo o, più propriamente, ad un prezzo infinito. Luca Crivelli - 26

27 Elvetico – gratuità charis Luca Crivelli - 27

28 Elvetico – La gratuità come imperativo interiore PRIMO LEVI: «Ma ad Auschwitz ho notato spesso un fenomeno curioso: il bisogno del lavoro ben fatto è talmente radicato da spingere a far bene anche il lavoro imposto, schiavistico. Il muratore italiano che mi ha salvato la vita, portandomi cibo di nascosto per sei mesi, detestava i tedeschi, il loro cibo, la loro lingua, la loro guerra; ma quando lo mettevano a tirar su muri, li faceva dritti e solidi, non per obbedienza ma per dignità» Luca Crivelli - 28

29 Elvetico – Tesi 4: Fraternità, fin dentro gli affari l Il sottosviluppo ha una causa ancora più importante della carenza di pensiero: è « la mancanza di fraternità tra gli uomini e tra i popoli » [PP,52] [19]52 l … lo sviluppo economico, sociale e politico ha bisogno, se vuole essere autenticamente umano, di fare spazio al principio di gratuità come espressione di fraternità [34] l … nei rapporti mercantili il principio di gratuità e la logica del dono come espressione della fraternità possono e devono trovare posto entro la normale attività economica. Luca Crivelli - 29

30 Elvetico – I nuovi stili di vita l I nuovi stili di vita proposti dallenciclica sono quelli nei quali la ricerca del vero, del bello e del buono e la comunione degli altri uomini per una crescita comune siano gli elementi che determinano le scelte dei consumi, dei risparmi e degli investimenti Luca Crivelli - 30

31 Elvetico – È perché tu mi stai a cuore l che limito i miei consumi. l Quando Dio domanda, a Caino dopo lassassinio di Abele dovè tuo fratello?, egli risponde: sono forse io custode di mio fratello? (Gn 4,9). l lo stesso verbo shamar, custodire, viene utilizzato dallautore della Genesi per esprimere il rapporto di reciprocità con la terra. l Quando si rompe il rapporto con laltro, si rompe anche il rapporto con la natura: se non custodisco il fratello, non posso neanche custodire la terra, non posso lavorarla come esperienza di benedizione. Luca Crivelli - 31

32 Elvetico – La posta in palio l Lurgenza è inscritta non solo nelle cose, non deriva soltanto dallincalzare degli avvenimenti e dei problemi, ma anche dalla stessa posta in palio: la realizzazione di unautentica fraternità l Il tema dello sviluppo coincide con quello dellinclusione relazionale di tutte le persone e di tutti i popoli nellunica comunità della famiglia umana Luca Crivelli - 32

33 Elvetico – Tesi 5: Alla ricerca di nuovi soggetti economici l La vittoria sul sottosviluppo richiede di agire … soprattutto sulla progressiva apertura, in contesto mondiale, a forme di attività economica caratterizzate da quote di gratuità e di comunione. Serve un mercato nel quale possano liberamente operare, in condizioni di pari opportunità, imprese che perseguono fini istituzionali diversi. (…) È dal loro reciproco confronto che ci si può attendere una sorta di ibridazione dei comportamenti dimpresa e dunque unattenzione sensibile alla civilizzazione delleconomia. l Sembra che la distinzione finora invalsa tra imprese finalizzate al profitto (profit) e organizzazioni non finalizzate al profitto (non profit) non sia più in grado di dar conto completo della realtà. In questi ultimi decenni è andata emergendo unampia area intermedia tra le due tipologie di imprese [composta da] … gruppi di imprese aventi scopi di utilità sociale; dal variegato mondo dei soggetti della cosiddetta economia civile e di comunione. [46] Luca Crivelli - 33

34 Elvetico – Visione condivisa dal Nobel Stiglitz Luca Crivelli - 34 Numero di settembre 2009 Occorre uneconomia più bilanciata, un sistema economico plurale, in cui trovino posto (accanto alle normali imprese private), anche imprese pubbliche e imprese sociali e civili (organizzazioni del Terzo Settore). Questa pluralità di forme istituzionali di impresa contribuirà a generare un mercato più civile e al tempo stesso più competitivo.

35 Elvetico – Un percorso di studio accattivante l SPAZIO PER IL DIALOGO E LE VOSTRE DOMANDE Luca Crivelli - 35


Scaricare ppt "Luca Crivelli Università della Svizzera italiana (Istituto MEcoP) e SUPSI 23 marzo 2010 Fraternità e gratuità dentro il mercato Una lettura economica della."

Presentazioni simili


Annunci Google