La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tezze, 15 ottobre 2011 Lautostima.. dott. Claudia Mazzocchin 2 Lautostima è lidea che ognuno ha di sé, il grado di fiducia nel proprio valore, nelle proprie.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tezze, 15 ottobre 2011 Lautostima.. dott. Claudia Mazzocchin 2 Lautostima è lidea che ognuno ha di sé, il grado di fiducia nel proprio valore, nelle proprie."— Transcript della presentazione:

1 Tezze, 15 ottobre 2011 Lautostima.

2 dott. Claudia Mazzocchin 2 Lautostima è lidea che ognuno ha di sé, il grado di fiducia nel proprio valore, nelle proprie capacità e nella propria importanza. Più semplicemente, è il voto che ci si dà e quindi è qualcosa di assolutamente soggettivo essendo il frutto della visione che abbiamo di noi stessi.

3 dott. Claudia Mazzocchin 3 Alta, bassa, positiva o negativa, lautostima ci appartiene fin dallinfanzia, alimentata dalle esperienze che acquisiamo nel percorso della nostra vita. Il proprio livello di autostima nasce da un confronto fra sé e il mondo circostante, influenzato dalle relazioni sociali, prime tra tutte le relazioni familiari e influenzato dalla nostra vita affettiva.

4 dott. Claudia Mazzocchin 4 Un bambino quando viene al mondo, non ha né un passato né esperienze da cui trarre indicazioni per gestire se stesso, nessuna scala grazie a cui giudicare le sue capacità. Deve basarsi sulle esperienze che ha con le persone che gli stanno intorno e sui messaggi che esse gli inviano riguardo il suo valore come persona (Satir, 1972)

5 dott. Claudia Mazzocchin 5 Un bambino piccolo si basa solo su criteri esterni per confermare il proprio valore personale e la propria competenza. Si aspetta che siano persone significative della sua vita (genitori, nonni, insegnanti) a dimostrare amore e approvazione, vivendo così una totale dipendenza.

6 dott. Claudia Mazzocchin 6 Nel rapporto di dipendenza del bambino rispetto alle persone del contesto familiare che lo circondano, la figura dominante è la madre; Poi vengono altri componenti della famiglia. Lo sviluppo va da una posizione di assoluta dipendenza ad una di progressiva indipendenza da queste figure, dalle quali però non si diventerà mai totalmente indipendenti.

7 dott. Claudia Mazzocchin 7 Particolarmente importante è la relazione madre-figlio, perchè la madre offre la prima relazione oggettuale del bambino, sullesperienza della quale egli costruirà le successive relazioni interpersonali. Se questo rapporto manca, o viene significativamente alterato precocemente, nel bambino si generano, dal punto di vista emozionale, stati carenziali che influenzano negativamente, spesso irreversibilmente, il suo sviluppo psicofisico e sociale.

8 dott. Claudia Mazzocchin 8 Nonostante la mancanza di dati certi provenienti dalla ricerca, la cosa importante da ricordare è il grande peso che il bambino attribuisce al feedback positivo da parte delle persone significative della sua vita; ogni sguardo, commento azione ha il potere di contribuire al suo concetto di sé e al suo senso di valore personale. (Erikson).

9 dott. Claudia Mazzocchin 9 Lautostima è legata al sentirsi degno di amore e al sentirsi capace! Sentire di essere unico. Non dipende quindi dalla riuscita in sé ma dalla presenza di un forte senso di valore personale che permetta di affrontare sia i fallimenti che i successi.

10 dott. Claudia Mazzocchin 10 Un bambino con un livello di autostima sano riuscirà più facilmente a sfruttare le sue potenzialità e a formare delle relazioni positive rispetto ad un bambino che soffre di profondi sentimenti di scarso valore personale.

11 dott. Claudia Mazzocchin 11 Una persona può avere una bassa autostima quando ha una negativa visione di sé, (causate da problemi infantili, traumi psicologici, violenze …) e quindi si presenta eccessivamente timido con un senso dinferiorità nei confronti degli altri insicuro incapace di controllare le emozioni con difficoltà a rapportarsi agli altri con paura di essere giudicato frustrato con la sensazione di non essere capito.

12 dott. Claudia Mazzocchin 12 Camuffando la bassa autostima con: Aggressività Irrequietezza Falsa sicurezza Falso orgoglio e causando conseguenze negative con il partner, le amicizie, i figli, nel lavoro e soprattutto nella realizzazione personale.

13 dott. Claudia Mazzocchin 13 Il genitore (o le figure di attaccamento) offrono dei modelli di identificazione (e quindi da imitare), rispetto alle quali il bambino prova una venerazione e una idealizzazione. Se il modello è troppo rigido e irraggiungibile ciò può limitare un sano accrescimento dellautostima personale. Con lo sviluppo, soprattutto durante ladolescenza, il ragazzo ha bisogno di mettere in discussione tali modelli, trovandone di esterni al nucleo familiare, per poi approdare ad una individuazione di sé e ad un autonomia radicata però nel passato e nei primi modelli avuti.

14 dott. Claudia Mazzocchin 14 Un adulto significativo offre: Ponte relazionale primario che media con lesterno e legge le emozioni del piccolo traducendole a parole. Lodi e consolazione indipendentemente dalla prestazione del piccolo. La figura di riferimento ama e accetta In maniera incondizionata il suo piccolo. Il valore personale NON è legato al risultato del compito. Cura e protezione, rassicurazione a livello emotivo. Un abbraccio Spinta alla scoperta e moniti al pericolo.


Scaricare ppt "Tezze, 15 ottobre 2011 Lautostima.. dott. Claudia Mazzocchin 2 Lautostima è lidea che ognuno ha di sé, il grado di fiducia nel proprio valore, nelle proprie."

Presentazioni simili


Annunci Google